Erotic Libro Game - Decidete voi - Capitolo 1

Scritto da , il 2020-10-23, genere etero

Quello che state per leggere è un esperimento, basato sui vecchi librogame in cui decidevi con le tue scelte il futuro del personaggio. Da oggi provo a proporvelo sotto forma di un librogame erotico. Ogni capitolo si chiuderà con una scelta tra due opzioni, commentate con la strada che volete che il protagonista intraprenda. 

 

Mi chiamo Marco, ho 19 anni, ho finito quest’anno il liceo a Genova e da settembre mi trasfererirò a Milano per iniziare i miei studi di medicina. Negli ultimi quattro anni sono stato insieme a Maria, una mia compagna di liceo nonché la mia prima ragazza, ma con cui, poco dopo la maturità, mi sono lasciato. Dopo quattro anni la nostra relazione si era pian piano spenta e avevo deciso di iniziare un nuovo capitolo della mia vita, godendomi le libertà dello status di single. 
Per cominciare questa nuova vita, ho organizzato un viaggio di maturità alle Baleari con i miei quattro amici storici, anche loro tutti single, con l’idea di farci una vacanza all’insegna delle feste e del sesso. Le aspettative erano altissime e, come vedrete dal mio racconto, non sono state disattese.
Ci trovammo una mattina di inizio Agosto in aeroporto, pronti per partire. Valerio, per farci entrare subito nel mondo, sfoderò dallo zaino un pacco di 150 preservativi dicendoci che avremmo dovuto finirli tutti entro la fine della vacanza … 150 preservativi per 7 giorni per 5 ragazzi, 30 a testa per la settimana, l'obiettivo era sicuramente sfidante.
Dopo una giornata tra mare e spiaggia, ci sedemmo a un bar per fare aperitivo e berci qualcosa guardando il tramonto. Dopo qualche minuto, Riccardo, il più intraprendente di noi cinque, tornò al tavolo con cinque ragazze spagnole e subito si formarono cinque coppie.
Mi trovai a parlare con Lola, una ragazza piuttosto alta, con la pelle color nocciola, lunghi capelli neri e occhi scurissimi, ma soprattutto con un fisico da urlo. Indossava un vestitino bianco semi trasparente sotto cui si intravedeva un bikini nero che a stento le conteneva un meraviglioso seno.
Parlavamo un misto di Italiano e Spagnolo, mi spiegò che aveva 18 anni ed era pronta per iniziare l'università di Economia, ma che prima voleva divertirsi un po' quell'estate.
Dopo una ventina di minuti di chiacchiere, il locale mise su della musica e Lola mi trascinò con sé a ballare. Si muoveva in modo sensuale e provocante, strusciandosi contro di me, mentre le cingevo i fianchi. Mi mise le braccia attorno al collo guardandomi intensamente negli occhi, mi buttai e inzai a limonarla. Mi si avvicinò ulteriormente, potevo sentire le sue tettone strisciare contro il mio petto ed iniziò a diventarmi duro. Non feci nulla per nasconderlo e, anzi, la strinsi ancora di più per farle sentire la presenza.
"Estas feliz?" mi sorrise scostando la bocca dalla mia.
Le afferrai il culo con una mano e risposi: "Muy feliz"
"Tienes un condon?" mi bisbigliò improvvisamente.
"Sì" risposi, sperando di aver capito bene il senso della domanda.
"Sigueme!" mi disse prendendomi la mano. Mi fece strada verso i bagni del locale, entrammo in quello femminile senza curarci troppo degli sguardi sorpresi delle altre ragazze e ci chiudemmo in un cubicolo. Lola mi cinse il collo con le braccia e mi baciò, poi fece un passo indietro e si sfilò il vestitino. Con solo il bikini addosso, il suo fisico era ancora più mozzafiato: aveva un seno prominente, ma il fisico era molto atletico, la pelle di un bellissimo color nocciola su cui risultava un piercing all'ombelico e un bel sedere rotondo.
Mi sbottonò e sfilò la camicia, mi abbassò i pantaloncini del costume, liberando la mia erezione. Me lo scappellò e se lo infilò in bocca. La sensazione era fantastica, Lola ci sapeva decisamente fare e la mia ex erano mesi che non mi tirava un bel pompino.
Mi godevo le sue labbra intorno al mio membro, la lingua che mi accarezzava la cappella e le sue succhiate decise e regolari. Sarei stato ore a farmelo succhiare, quando Lola si fermò, si mise in piedi, tese la mano e mi disse: "Condon?". Recuperai il portafoglio dai pantaloni, sfilai un preservativo e lo misi in mano a Lola che, ridendo, lo aprì e me lo srotolò sul cazzo. A quel punto si slaccio il bikini liberando le sue meravigliose tette e si sfilò gli slip, mostrandomi il pube completamente rasato. "Está listo?" mi chiese.
"Sì" ribattei.
Prese il mio cazzo e si infilò la punta nella figa, mentre io la sollevavo afferrandola sotto le chiappe. Il cunicolo era molto stretto e scoparla mentre la tenevo in braccio avrebbe aiutato a gestire gli spazi. La tenni sollevata qualche secondo in modo da avere solo la cappella dentro di lei, la baciai e la abbassai sul mio cazzo. Provare una nuova figa dopo che per quattro anni ero stato sempre con la stessa era una sensazione incredibile. La sua vagina stringeva intorno al mio cazzo e le nostre lingue si intrecciavano in un bacio passionale mentre la in mentre la sollevavo e abbassavo con sempre più foga. Affondai sempre più le dita nelle sue chiappe per avvicinarmela e averla ancora più addosso. I suoi capezzoli turgidi grattavano contro il mio petto mentre andava su e giù sempre più velocemente.
Capii che stava godendo quando cinse le gambe dietro la mia schiena e scostò la bocca ansimando. Aumentai ancora la velocità e iniziai a mordicchiarla sul collo, Lola gemeva di piacere e con le mani afferrò i bordi delle pareti del cunicolo per darsi ancora più spinta andando su e giù lungo il mio cazzo. Andavo sempre più veloce, ansimando e sentendo di essere anche io molto vicino al limite. Dopo qualche momento Lola gettò nuovamente le braccia oltre il mio collo e la testa all'indietro urlando di piacere. Diedi ancora qualche colpo avanti e indietro e poi non ce la feci più, strinsi Lola a me e rilasciai tutto il mio sperma. Rimanemmo ancora qualche momento abbracciati e poi ci rivestimmo e uscimmo dal bagno.
In corridoio trovai Riccardo che, incurante di tutto ciò che gli stava intorno, con il costume alle caviglie si stava scopando la sua spagnola. Gli diedi un buffetto sulla nuca, mi guardò, mi fece l'occhiolino e riprese a darci dentro. Tornati alla zona ballo del locale vidi Valerio e Stefano avvinghiati alle loro rispettive spagnole, mentre Luca girava come un'anima in pena.
Lola mi fece capire che avrebbe recuperato la borsetta dal guardaroba e poi mi invitava da lei per un secondo round e forse più. La osservai mentre si allontanava ancheggiando quando mi si avvicinò Luca dicendo: "Senti io mi sono beccato l'unica suora del gruppo che non me la vuole dare, ho visto che c'è un pool party in un locale qua vicino, pare trabocchi di figa, andiamo?".

Ed eccoci alla prima scelta, esprimete la vostra prefernza nei commenti:
A. Andare da Lola
B. Andare al Pool Party e abbandonare Lola

Questo racconto di è stato letto 8 0 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.