Weekend di fuoco con la vicina di casa - parte 1ma

Scritto da , il 2020-10-20, genere tradimenti

La storia con mia moglie ultimamente è molto difficile, lei è tornata a lavoro dopo l’allattamento e da quando abbiamo il bimbo è sempre stanca e di fare l’amore non se ne parla proprio. Da una parte la capisco, io l’aiuto e faccio quello che posso ma lei sembra sempre arrabbiata con me, così i nostri rapporti si sono molto deteriorati.
Da poco più di due mesi si era trasferita nell’appartamento accanto al nostro la nipote della signora che viveva lì, che le ha lasciato la casa andando a vivere con i suoi figli. Si chiama Veronica e fa la personal trainer, vi lascio solo immaginare il fisico. Un culo sodo e scolpito, tette belle grandi, capelli lunghi e occhi da cerbiatta, con due labbra carnose che ti fanno eccitare al solo pensiero che possano prendertelo in bocca.
Veronica ha ovviamente attirato subito la mia attenzione e le offese e la gelosia gratuita di mia moglie. Un giorno torno da lavoro e trovo Veronica sul pianerottolo con un pacco enorme di un mobile che non riusciva a trasportare in casa. Così mi sono offerto di aiutarla a portarlo dentro e a montarlo. Oltre che bella, è una ragazza molto simpatica e dopo aver finito di sistemare il mobile mi chiese come potesse sdebitarsi. Siccome era tardi le risposi che poteva offrirmi un caffè magari un’altra volta e lei mi diede il suo numero di telefono per chiamarla quando ero libero.
Uscì da casa sua e tornato a casa mi tuffai nella doccia per spararmi una sega pensando a lei.
Guardavo sempre i suoi stati su whatsapp ma non avevo ancora trovato il modo di scriverle, finché una sera non fa una foto alla credenza bella piena che avevo montato io e me la manda con scritto “Grazie! Devo ancora sdebitarmi però!”. Da lì chattammo tutta la sera e prima di andare a dormire mi mandò una foto di lei a letto con la canottiera che lasciava intravedere quasi tutto il seno e lei mentre mi mandava un bacio. Ero andato ormai. Poco dopo si presentò un’occasione troppo ghiotta. Mia moglie voleva andare a trovare i suoi genitori nel weekend e dovevo andare anche io, ma il mio capo mi assegnò un incarico con un cliente per sabato mattina. Mia moglie era furiosa, provai a dirle che lei sarebbe comunque potuta partire sabato mattina in treno e io li avrei raggiunti nel pomeriggio ma non sentiva ragioni. Così litigammo di brutto e io decisi di stare a casa mentre lei decise di andare. La mattina, dopo averla lasciata alla stazione, il mio capo mi avvisò che il cliente aveva spostato l’appuntamento a lunedì. Non vi sto manco a dire il mio sorriso!
Corsi in una pasticceria a comprare della paste e mi precipitai a casa di Veronica sperando che lei fosse sveglia.
Suonai e lei venne ad aprirmi con una canottiera di pizzo trasparente e rosa e dei pantaloncini di raso girochiappa da farti venire in un instante.
- Posso scroccarti il caffè allora?
Le dissi porgendogli le paste. Lei mi fece entrare e mi diede un bacio sulla guancia.
- Che sorpresa! Sono contenta di potermi finalmente sdebitare! Come mai sei libero?
Mi disse mettendosi a preparare la moka.
- Mia moglie è dai suoi genitori fino a domenica e io dovevo lavorare ma mi hanno liberato all’ultimo così eccomi qui...ho tutto il weekend libero.
- Allora senti cosa ti propongo: io ho una lezione alle 10 ma la faccio da casa, poi possiamo pranzare insieme...fare un bel pisolino, doccia e fare l’aperitivo e andare a cena con i miei amici. Te gusta il programma?
Ero rimasto a fare il pisolino e la doccia...voleva farli sempre insieme a me? Accettai subito.
Dopo la colazione andò nel bagno a cambiarsi e prepararsi per la lezione e tornò con un completino sportivo che metteva in evidenza tutte le sue forme e il suo fisico perfetto.
- Ma posso guardare? - chiesi.
- Certo tesoro, se vuoi puoi anche fare gli esercizi con me!
- No no preferisco guardare! - e lei si mise a ridere.
Si collegò online con la sua cliente e la mia erezione durante i suoi squat si poteva vedere dalla luna.
Finita la lezione ci mettemmo a preparare il pranzo, scherzando e stuccandoci a vicenda. Intorno alle due del pomeriggio mi chiese se volevo fare un pisolino, lei lo faceva sempre.
Dissi di sì e lei mi condusse in camera sua. Si tolse il completo sportivo restando in mutande e reggiseno e mi invitò a mettermi comodo e sdraiarmi sul letto.
Restai anche io in mutande, lei mi salì sopra a cavalcioni e mi baciò sulle labbra con la lingua. Io le toccai subito il culo e le tette ma lei si sdraiò subito accanto a me dicendomi: - Ora dormiamo dopo scopiamo in doccia.
- Sinceramente sto per scoppiare - le dissi.
Lei mi guardò il cazzo e mi disse: - Va bene, ti do un anticipo.
Mi tolse le mutande e si fece la coda per raccogliere i suoi capelli lunghissimi e lo prese in bocca. Mi buttò tutta la saliva sul cazzo e con quelle labbra carnose mi massaggiò la cappella prima di iniziare a spompinarmi il cazzo su e giù. Purtroppo venni troppo velocemente e tutto dentro la sua bocca. Lei ingoiò tutta la mia sborra, mi pulì tutto il pisello e mi disse: - Cazzo com’è buona, mmm ne vorrei ancora...ma ora dormiamo e dopo voglio venire anch’io.
La abbracciai e ci addormentammo.

Questo racconto di è stato letto 5 6 0 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.