Le regole del buon vicinato

Scritto da , il 2020-09-29, genere etero

Da meno di un anno, è stato aperto un negozio accanto al mio esercizio commerciale. Notavo, infatti, l’esecuzione dei lavori anche in orari poco consoni e mi chiedevo quale attività si sarebbe insediata. Quando finalmente i lavori si sono conclusi, è anche sparita quella fastidiosa sensazione di vedere il mio locale impolverato. Poco male, tra commercianti vi è comprensione. Il giorno dell’inaugurazione, entra nel mio locale il titolare dell’attività di prossima apertura. Credevo fosse un uomo, dal momento che i lavori li seguiva un uomo. Invece, ricevo l’invito a partecipare all’inaugurazione da una donna. Non molto alta di statura, fisico esile, capello castano tagliato corto. Sul braccio qualche tatuaggio. Indossava una minigonna scura, stivaletto nero e top scollato sulle spalle. Nel mio locale c’era qualche cliente, quindi rifiutai l’invito, facendole comunque gli auguri per la futura attività “Avrai modo di visitare il mio negozio, siamo vicini” disse uscendo, e notai che tra le scapole aveva un altro tatuaggio “Molto sensuale, pensai”. Era estate e la mia vicina di attività non disegnava indossare vestitini, gonne corte, top, camice. “Allora, quando vieni a vedere il mio negozio?”, mi chiese un giorno mentre entrambi eravamo fuori per una pausa sigaretta. “Tra dieci minuti passo”, le rispondo e rientro nel mio locale. Caldo afoso fuori ed aria condizionata dentro. Entro nel negozio della vicina, avvertendo subito lo sbalzo di temperatura. Lei è nel deposito sul retro “Arrivo subito”. Indossa un vestitino che cade morbido addosso, con due bretelline sulle spalle. Capisco che non indossa il reggiseno, visto che, non appena rientra dal deposito, a causa dell’aria condizionata, dal vestitino si vedono i capezzoli turgidi. Dopo averle fatto i complimenti per l’allestimento del locale, lei si lascia andare a qualche confidenza personale, spiegandomi che è sposata e che è titolare di altri negozi. Inevitabilmente il mio sguardo è attirato dal suo seno. Non che fosse prosperosa, taglia terza scarsa, ma per l’aria condizionata o forse anche per la situazione, i capezzoli le sembravano esplodere. Istintivamente le domando “Hai freddo?”. Lei sorridendo risponde “No, perché me lo chiedi?”. Con un sorriso le dico “Eh beh non direi” facendo cadere il mio sguardo sulle sue tette. Lei segue il mio sguardo, vede che il suo vestito è praticamente teso all’altezza dei capezzoli duri e sorridendo dice “Caspita, non me ne ero accorta”. Ribatto dicendo “Io sì, fin da quando sei entrata. Sembrano strapparti il vestito”. Lei sorride e mi dice “Prima che si buchi il vestito…” e si cala le bretelline dalle spalle. Siamo in un angolo nascosto del suo negozio, e la porta d’ingresso ha un campanellino che suona quando viene aperta. Il vestitino le casca, scoprendola. Il seno non è prosperoso, è una terza scarsa, ma è a forma di pera, ben messo. I capezzoli sono color marroncino, con l’aoreola proporzionata e sono all’in su. Sono durissimi. Indossa una brasiliana nera, con il pizzo sul davanti. Le accarezzo il seno che al tatto è duro, sodo. Tra le dita stringo i capezzoli. Lei emette respiri profondi. “Leccamele”, mi dice. Mi chino un po’ in avanti e comincio a leccarle i capezzoli, succhiarli. Mentre con una mano le massaggio la fica. Le sposto la brasiliana. La fica presenta solo una striscia sottile di peli color castano, fino al monte di venere. La siedo sul bancone, le apro le gambe e comincio a leccarle tutta la fica. Lei affonda le sue mani tra i miei capelli “Sei bravissimo”, dice. “Mi stai facendo impazzire, rischio di venire presto”. Non mi fermo, mentre con le dita, le strizzo i capezzoli. Lo tiro fuori e con la cappella le accarezzo la fica che è bagnatissima. Entro facilmente. Lei ansima. Decide di voltarsi. Con le mani si appoggia al bancone e mi porge il suo culo. Piccolo, proporzionato al suo fisico. Mi dice “La pecorina mi fa impazzire”. Le lecco la fica da dietro e lo infilo. Lei ansima più forte, tenendosi al bancone. Io le stringo le tette tra le mani, mentre entro ed esco. Lei viene, si volta e decide di prenderlo in bocca. E’ molto brava, ci sa fare decisamente. Quando sto per venire, la avverto, ma lei continua. Non si ferma fino a quando le vengo in bocca. Lei apprezza, si alza e mi dice “Grazie per l’accoglienza nella tua zona”.

Questo racconto di è stato letto 3 7 0 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.