Giovanna 11

Scritto da , il 2020-09-09, genere incesti

Lia ormai è in godimento continuo,spara umori come pisciasse e mi incita a infilarle anche i coglioni
“Dai fammelo sentire schiantami la figa ahhhhh godooooo siiiii anni buttati via dai dai ancora!!!!!!!”
“Padrone ha il culo pronto prova falla urlare Le metto la figa in faccia e poi mentre la inculi mi scarico la vescica dai sbrigati”
Ormai Lia accetta tutto e appena sente la cappella forzare il culo si apre le chiappe
“Dai caccialo dentro vieni bella fammela leccare vuoi pisciare?eccomi bocca spalancata non aspetto altro siiiii lo sentooooo mi sento le budella piene ahhhh godooooo dai riempimi”
“No cara adesso andiamo in sala bella nuda e bollente come sei voglio che ti riempia il tuo caro maritino che non ne può più vieni andiamo”
Io e le due maiale andiamo tette e fighe al vento e in sala le cose sono precipitate.
Franco è sdraiato con Paola che lo cavalca saltando sul cazzo,Aurora gli ha messo la figa e il culo in faccia mentre Giulio stà chiavando in bocca Paola.
“Hai visto come si divertono manchi solo tu dai buttati fighe e cazzi sono tuoi”
“Francoooo amore guardami,ho la figa pelata come piaceva a te e il tuo amico Paolo mi ha già allargato figa e culo adesso sono tua vieni cosa mi vuoi fare eccomi!!!”
Tutti si fermano e non credono ai loro occhi da timorata di tutto adesso la vedono nuda e pronta a essere sfondata da tutte le parti,il primo che si prepara è Franco che le si avvicina,lingua in gola e mano nella figa
“ecco sei ritornata troia come piaci a me,ti ricordi cosa facevo e poche volte ci sono riuscito?? Ti ricordi vero quando ti riempivo le budella non di sborra ma di piscia!!adesso vieni mettiti culo in aria e voglio provare sono talmente eccitato che mi piscerei in bocca tanto ne ho voglia dai porcella in ginocchio!!”
Lia subito si mette in ginocchio e si spalanca le chiappe Giulio le presenta il cazzo e lei ingoia,Aurora da le tette da leccare e Giovanna si mette a pecora vicino al culo di Lia e viene riempita dal mio cazzo che ha bisogno di scaricarsi.
“Stai ferma allarga quel culo non stringere altrimenti non riesco a pisciare ecco brava uhhhh sento che arriva siiiii mi scarico nel tuo culo che bello,godi vacca godi e ingoiati quel cazzo”
Franco si scarica nel culo della moglie e Giovanna è li che lecca cazzo e culo aspettando il momento di vedere come si scaricherà quando il cazzo verrà fuori.
Siamo curiosi tutti e in effetti succede un disastro,appena il cazzo esce arriva addosso a Giovanna una scarica di piscia e altro che la riempie ma oltre a Giovanna questa pisciata inonda il pavimento e siamo quasi tutti colpiti dagli schizzi Lia non contenta dell’inculata si sbatte la figa e si succhia il cazzo di Giulio sino a farlo sborrare ma non in gola ma vuole essere riempita sulla faccia e sulle tette.
Ormai moglie di Franco è ritornata la maiala che mi aveva raccontato e tutti l’aiutano a diventare ancora più porca.
Aurora le apre la figa in faccia e inizia a pisciarle addosso Giovanna inizia a infilarle le dita nella figa e a furia di provare riesce a infilare la mano dentro e Lia impugna i nostri cazzi e li mena e si siede sul cazzo di Franco che le riempie il culo non di piscia ma di sborra.
Ormai succede di tutto e alla fine dell’orgia ci troviamo i cazzi mosci e i coglioni svuotati e allora le tre donne si divertono tra loro tra tette in bocca e culi e fighe leccati e sderenati non le mani.
Dopo questa prima serata Lia spesso viene a trovarci ovviamente con Franco,appena entrano via tutto e si buttano su di noi e fighe e cazzi sono messi in pressione.
Un giorno mentre Giovanna mi stà succhiando il cazzo ricevo la telefonata da Franco
“Ciao ti ricordi la segretaria che ti sei inculata nel mio ufficio? Bene mi ha chiesto come mai non voglio più pompini,le ho spiegato che mia moglie grazie a te è ritornata troia e allora mi svuoto i coglioni con lei e con la tua famiglia”
“Bravo e allora???”
“Aspetta mentre parlavo ho tirato fuori il cazzo e lei mentre lo succhiava mi ha confessato che gode a essere maiala ma gode anche e molto di più quando la fanno diventare schiava e le fanno fare di tutto”
“Cazzo Franco la cosa è interessante e dopo??”
“dunque mi ha raccontato quello che le fa il suo padrone,incredibile, appena arriva a casa deve spogliarsi poi le controlla figa e culo e le stritola le tette,se mentre la palpa gode arriva la punizione che può essere frustate sulle tette oppure bacchettate in mezzo alla figa o peggio la lega al cesso e le applica un divarica bocca e dopo tutti i suoi bisogni li deposita in faccia e lei deve bere o mangiare altrimenti altri tormenti”
“Ma dai Franco non ci credo che una donna accetti queste cose”
“eppure è vero e infatti dopo l’ultima che le ha fatto è chiusa in casa e non sa cosa fare”
“Ma scusa cosa le ha fatto di terribile oltre a quello che mi hai detto??”
“per una disubbidienza la spogliata e caricata in macchina,si è fermato in un parcheggio di camion la messa fuori e ha acceso i fari,pensa a cosa hanno immaginato i camionisti!!! Sono scesi e le hanno fatto di tutto dopo almeno dieci cazzi ha addirittura perso il conto ma si è ritrovata talmente piena di sborra che ha iniziato a vomitare e svuotarsi le budella,e il padrone alla fine le ha messo un collare le ha buttato addosso uno straccetto di vestito e le ha detto di sparire dalla sua vista,ha avuto fortuna di trovare un passaggio da uno che per fortuna non ha abusato e adesso è a casa e manca dall’ufficio da 4 giorni ho provato a telefonarle e lo sentita terrorizzata mi puoi aiutare??”
“Ma certo adesso dammi l’indirizzo che ci mando la Giovanna vedrai che la convince a venire a casa mia il posto c’è e se è come mi hai detto ci sarà da divertirsi,ciao e ti saprò dire”
Giovanna che ha sentito tutto si veste di corsa e corre a prenderla
“Avvisami se tutto è a posto capito!!!!”
“certo padrone te la riporto come la trovo”
Aspetto con impazienza la telefonata,passano due ore e non arriva niente incomincio a preoccuparmi ma arriva lo squillo
“Eccomi padrone stò arrivando con la donna,è in uno stadio pietoso mi ha chiesto al citofono se avevo un uomo con me,quando le ho detto che ero sola mi ha fatto entrare,pensa che è ancora sporca di sborra secca e ha il culo e la figa in condizioni pietose,rosse dilatate e appena le tocchi caccia urla di dolore,le ho spiegato che a casa nostra avrà tutte le cure necessarie e alla fine lo convinta adesso arrivo”
Arriva Giovanna con la ragazza che mi guarda con occhi spiritati
“Cosa vuoi tu chi sei?? Non mi toccare non voglio scappo!!!!”
Giovanna la tranquillizza e la calma e la accompagna in bagno per lavarsi da tutta la roba secca che ha addosso e le leva il cappotto che ha addosso e rimane nuda ,la abbraccia e la porta via.
Aspettando il loro ritorno mi levo i vestiti e come sempre sono seduto con il cazzo in mano,sono solo anche Anna è con i fidanzatini.
Poco dopo rientrano le due la ragazza ha l’accappatoio e Giovanna è già nuda
“Lei cosa fa nudo!!!!si mena il cazzo per farlo diventare pronto a sfondarmi non voglio!!!!!scappo via da questa casa e tu smettila di accarezzarmi”
“Stai calma nessuno ti vuole sfondare e per prima cosa qui siamo tutti nudi perché quando vogliamo le nostre amorevoli donne sono pronte ma se vogliono,se dicono no o sono stufe basta,qui non si è mai pestato nessuno e nessuna hai capito stronzetta adesso se vuoi vai a casa e non rompermi Giovanna dai vieni e succhialo un po’ che sono pronto e tu siediti e pensaci ma dopo la sborrata dimmi si o no capito!!!!!!”
Giovanna già calda per aver lavato e pulito la ragazza e di sicuro le ha anche palpato figa e culo mettendole la pomata lo ingoia subito e inizia a accarezzarsi la figa
“Hai visto!!!!!le piace e lo spompina se non le piaceva dovevo farmi una sega chiaro!!!! A proposito non mi hai detto come ti chiami”
Mi chiamo Angela e vedendo cosa fa la sua compagna comincio a pensare che mi posso fermare per oggi insieme a voi due non credo che mi vogliate fare male”
“Siiiii Giovanna dai bevi tutto e danne un pò anche alla nuova arrivata chissà se ci riconsidera amici”

Questo racconto di è stato letto 5 0 9 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.