La pipì di mia cugina

Scritto da , il 2020-08-31, genere pissing

Racconto storia accaduta pochi mesi fa che mi ha fatto eccitare. Protagonista del racconto io che sono un ragazzo di 25 anni e mia cugina di 18 anni... Una bella ragazza magra alta 1,68 mora capelli lisci con una terza di seno. Eravamo in viaggio per andare a Roma da parenti... Sono 6,30 ore di viaggio in macchina tra traffico e soste varie. Partimmo di mattina alle 10 per essere a Roma intorno alle 16:45 ed in autostrada facemmo 3 soste. Lei andò in bagno alla prima sosta alle 12 come anche io e'altra sosta la facemmo alle 15 circa per il pranzo portato da casa. Complice il caldo lei durante il pranzo aveva bevuto un bicchiere di acqua ed una Tennent's e prima di ripartire notai che non andò in bagno, dunque ripartimmo dopo 30 minuti in direzione Roma. Quando ripartimmo lei si addormentò sul sedile e dopo circa un'ora si risvegliò. Ormai mancava poco all'arrivo a Roma e quando lei si risvegliò notai che non aveva tutta questa voglia di parlare anzi sembrava nervosa e fissava in avanti diritto, come se nemmeno mi dasse confidenza e mi rispondeva scocciata con superficialità. Pensavo che fosse solo stanca del viaggio e assonnata, ma quando la situazione si protrasse per altri 40 minuti io le dissi:-che hai?
LEI:- niente tranquillo
IO:- non ci credo
LEI:- mi scappa da morire la pipì.
IO:- guarda manca meno di mezz'ora all'arrivo. Riesci a tenerla fino a casa?
LEI:- no non riesco, se non ci fermiamo me la faccio addosso.
IO:- ok resisti al prossimo Autogrill mi fermo.
Poverina alla sosta pranzo non era andata in bagno ed erano 4 ore che la teneva, ed aveva in più bevuto una birra.
Ecco che in 10 minuti si presenta il prossimo Autogrill e ci fermiamo. Lei senza esitare e visibilmente sofferente si dirige verso i bagni femminili e la accompagno, ma trova una fila di 15 persone perché un Pullman da gita si era fermato e molte donne erano in fila per la stessa necessità.
MI DISSE:- che cazzo sto scoppiando non ce la faccio ad aspettare. Proprio qua dovevo trovare fila.
IO le dissi:- che sfiga. Nel bagno dei maschi nemmeno ti posso fare entrare che è pieno anche li c'è fila. Sei d'accordo se troviamo un posto nascosto e la fai in macchina?
LEI:- si ti prego mi sta scoppiando la vesisca.
Ecco che entrammo in macchina e parcheggiai un po' più avanti dell'area Autogrill dove vi erano degli alberi. Presi il parasole e lo misi sul parabrezza. A lei diedi una bottiglia vuota di estathe con l'orlo largo e le disi ridendo- qui dentro riesci a fare la pipì?
LEI:- si si è larga la bottiglia. Ci provo.
Ecco che lei si mise nei sedili posteriori a cavalcioni, si tolse la gonna e le mutandine e si mise la bottiglia in mezzo alle gambe. Io ero a fianco della macchina fuori per controllare che non arrivasse nessuno. Quando lei inizia a fare pipì parte uno scroscio molto forte che si infrange nel fondo della bottiglia. A sentire quello scroscio che sembra una sorgente mi eccito tantissimo e mi viene un erezione incontrollabile nei jeans. Mentre faceva pipì con la coda dell'occhio guardavo anche. Tempo 40 secondi per svuotarsi la vescica e con un ahhhh liberatorio di sollievo lei fini e chiuse la bottiglia. Mostrandomi la pipì contenuta nella bottiglia MI DISSE:- ahhh ora sto bene mi sento più leggera, non ce la facevo più a tenerla.
IO:- ah sì ne hai fatta tanta.
LEI: ti giuro altri 20 secondi me la facevo sotto. Ora dove posso buttare la bottiglia?
IO:- tranquilla poi la butto io, lasciala nel bagagliaio non perdiamo tempo che già è tardi.
Fu così che partimmo di nuovo; la scena mi aveva terribilmente eccitato e guidavo fin quando l'erezione non scomparse. Non vedevo l'ora di arrivare a casa dei parenti e segarmi. Quando arrivammo dai parenti mi diedero una camera a me e una camera a mia cugina. Dopo un'ora mia cugina e i parenti uscirono per acquistare dei tappeti e io non volli andare. Approfittai della loro assenza per masturbarmi. Andai a prendere la bottiglia con la pipì di mia cugina in macchina e la potrai in camera. Era di un colore giallo chiaro ed era molta: circa 500ml. La annusai, iniziai a bagnarmi la mano destra e mi masturbai. Non resistetti nemmeno alla tentazione di assaggiarla ed anche se il sapore non era dei migliori la bevetti tutta. Fu la prima ed unica volta che provai la pipì di una donna. Dopo nemmeno 10 minuti venni ed ebbi un orgasmo davvero intenso.

Questo racconto di è stato letto 1 2 0 2 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.