Un regalo a mia moglie

Scritto da , il 2020-08-28, genere tradimenti

Quella sera, eravamo a cena a casa di Laura e Thomas, una coppia che frequentavamo da anni.
Thomas era un mio vecchio amico; avevamo passato molto tempo insieme in gioventù, ma ci eravamo allontanati dopo il suo matrimonio perché Laura non stava particolarmente simpatica né a me, né a Venus.
Thomas era decisamente un bel ragazzo, alto e atletico e soprattutto era una persona molto dolce che piaceva molto alle donne.
Venus mi aveva espresso più volte il suo gradimento per l’uomo e io avevo sempre finto di non capire, fino a quando, poche settimane prima della cena, mi chiese chiaramente se a me avrebbe dato fastidio se lei si fosse concessa al mio amico.
Eravamo una coppia aperta; Venus mi aveva aiutato a conoscere intimamente la maggior parte delle sue amiche e si era concessa alla maggior parte dei miei amici; quindi la mia risposta era scontata.
“Perché? –chiesi- se dicessi che non voglio cambierebbe qualcosa?”
“No… -rispose ridacchiando- ma sai che so essere grata!”
Dicendo questo si abbassò, mi slacciò la cerniera dei pantaloni e incominciò a baciarmelo. Quando fui completamente eccitato le dissi:
“Sei brava, ma un “Thomas” vale di più di un pompino!”
La feci alzare e la spinsi ad alzarsi e a piegarsi sul tavolo della cucina; le sollevai la gonna, le sfilai il perizoma e non resistetti alla tentazione di inginocchiarmi ad assaporare la sua vagina. Quando la sentii ben eccitata, per renderle chiara la prestazione che mi aspettavo, feci scivolare la lingua verso l’alto e la feci ruotare attorno alla sua parte più intima, molto lentamente, avvicinandomi a spirale fino al centro. Quando la lingua si infilò nell’ano gemette di piacere e si rilassò.
Mi alzai e presi la bottiglietta dell’olio ne sgocciolai un poco tra le natiche; lei gemette di nuove e io guardai le gocce scendere lentamente fino all’ano; poi con un dito aiutai l’olio a entrarle in profondità; prima le infilai un dito e la trovai molto contratta, poi quando la sentii più rilassata le infilai anche un secondo dito.
Ora era rilassata e pronta ad accogliermi; mi unsi l’uccello e incominciai a penetrarla. Le infilai la cappella, poi mi fermai un minuto ad ascoltare i suoi lamenti sommessi e lasciarle il tempo di abituarsi.
Quando, i gemiti diminuirono glielo infilai fino in fondo; la sua espressione era un misto di piacere e dolore; con la mano incominciai ad accarezzarle il clitoride e le infilai due dita nella vagina.
“Oddio! Mi stai aprendo tutta! Ma sei un porco!!”
“E tu una troia, per questo mi ami!”
“Sii, scopami…”
La sentii godere, arrivò all’orgasmo qualche secondo prima di me, poi mi accasciai sulla sua schiena e mi svuotai nel suo intestino.
Quella sera, me l’ero goduta, ma le avevo anche implicitamente concesso di scoparsi il mio amico.


A cena, io e Thomas ci sedemmo di fianco l’uno all’altro, mentre sua moglie era seduta di fronte a me e Venus di fronte a Thomas. Il mio compito era quello di aiutare Venus ad appartarsi da sola con Thomas, almeno abbastanza a lungo per rendere evidente che lei avrebbe voluto diventare la sua amante per un po’.
Thomas ovviamente era completamente ignaro di questa cosa.
Durante la cena io feci di tutto per attirare l’attenzione di Laura; la feci parlare di sé, delle cose che stava facendo in quei giorni, dei suoi progetti.
Dato che era una persona molto egocentrica, la cosa fu abbastanza facile. Ovviamente, ebbi cura di riempirle sempre il bicchiere, così che a metà pranzo incominciò a essere un po’ brilla.
Fu a quel punto che Venus, si sfilò il sandalo e allungò il piede sotto il tavolo appoggiandolo sul membro di Thomas. Thomas fu sorpreso e imbarazzato, si volto preoccupato verso di me, e io gli faci un sorriso con un cenno di consenso.
Laura non sapeva che io e Venus eravamo una coppia aperta, ma Thomas sì, quindi si rilassò e fece finta di nulla continuando a mangiare.
Il membro di Thomas si stava eccitando e ora Venus riusciva a localizzarlo facilmente e a stuzzicarlo con le dita.
“Vado a prendere il dolce.” Disse Laura e si alzò.
“Aspetta, ti aiuto.” Mi affrettai a raggiungerla in cucina. Alzandomi sussurrai a Thomas:
“Aprì la cerniera, stupido!”.
Quando tornai a tavola, potei sbirciare il piede di Venus che aveva finalmente raggiunto il membro di Thomas e lo accarezzava, infilato tra il primo e il secondo dito.
Il gelato fu accompagnato da una bottiglia di limoncello che era esattamente quello che mi serviva per dare il colpo di grazia a Laura.
Quando si rese conto di essere completamente ubriaca, la convinsi a ritirarsi in camera; avremmo pensato noi a rassettare la cucina. Mi ringraziò e pochi minuti dopo la sentimmo russare profondamente dalla camera.
“Thomas, mentre io lavo i piatti, perché non andate insieme a buttare la spazzatura? Porta le chiavi del box” suggerii.
Venus lo prese per mano, buttarono la spazzatura e andarono nel box. Una volta chiusa la porta del box, senza dire una parola, gli abbassò i pantaloni.
“Sei già bello duro -disse- anch’io sono bagnata!”
Si appoggiò al cofano della macchina e si lasciò penetrare felice.
Fu solo una sveltina, ma nei giorni successivi ebbero modo di rifarsi.
Tornando a casa in macchina mi chiese:
“Quando arriviamo, me la vuoi lavare o la vuoi prendere piena dello sperma del tuo amico?”.
Voleva provocarmi, ma non risposi; rallentai, presi un viottolo laterale alla provinciale che stavamo percorrendo e parcheggiai in un luogo appartato.
Le scivolai dentro e godemmo tutti e due come non ci capitava da tempo.

Questo racconto di è stato letto 3 3 0 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.