Catturato nel bosco - parte 3

Scritto da , il 2020-08-13, genere bondage

Terza parte

Mi sveglio di soprassalto..."accidenti che incubo", mi siedo sul bordo del letto stirandomi lungamente con gesti ampi delle braccia.
Dopo un attimo di smarrimento, mi rendo conto che qualcosa non quadra, NON SONO A CASA MIA! Altro che sogno, è accaduto veramente!
Cerco di fare mente locale, sono nudo e non ci sono vestiti nella stanza...ora è tutto chiaro e i ricordi del giorno prima riaffiorano eccitandomi su quanto accaduto.
Mi alzo e provo ad aprire la porta. Chiusa!
Ripenso alla scopata che ho fatto con Jennifer mentre Sara mi guardava e il mio cazzo reagisce all'istante...inizio a trastullarmelo lentamente.
Dopo un attimo la porta si apre e d'istinto mi giro dando la schiena all'ingresso. "Ti ho detto che ci sono telecamere ovunque, ho visto cosa stavi facendo col tuo gingillo".
Penso: Accidenti ma un po`di privacy no eh? Rassegnato mi volto verso di lei col cazzo in tiro e le sorrido "Buongiorno Sara, accidenti che figuraccia" "Ma va, vuol dire che questo posto ti piace non è forse vero?"
È bellissima! È vestita come nell'antica Roma, con una gonnellina di seta e una camiciola con delle aperture sulle braccia molto abbondanti che fanno intravvedere cosa si nasconde sotto, scalza.
"In effetti hai ragione, ma adesso mi spieghi cos'è questo posto e dove ci troviamo e..." mi mette una mano davanti alla bocca "quante domande" "non saprai mai dove ci troviamo, posso dirti che è una specie di organizzazione con il solo scopo di reclutare, o se preferisci catturare, splendidi soggetti da usare e abusare sessualmente".
"Normalmente passiamo molto tempo per scegliere i candidati ideali, osservando le loro abitudini e la loro vita privata e normalmente a loro piace questa situazione e ci stanno malgrado non sia sempre tutto rosa e fiori" sorride maliziosamente scatenando la mia curiosità.
Intuisco che fa parte di questa strana organizzazione, si muove liberamente e da ordini, ma non voglio essere troppo curioso e quindi non chiedo. "Ti starai domandando cosa ci faccio io qui" ecco "abbiamo pianificato tutto insieme a Carmen e ad altri fidati colleghi, è nato quasi per scherzo e invece abbiamo realizzato tutto questo" sorride.
Annuisco sorpreso pensando a cos'hanno realizzato con tanta cura, poi riprende "ti rilasceremo oggi, ma solo se ti comporterai in modo esemplare e posso garantirti che non sarà facile, la tua mente dovrà aprirsi a molte situazioni quindi cerca sempre di essere razionale e concentrato; se poi vorremmo divertirci, sappiamo dove trovarti".
"Non credo tu voglia rivolgerti alla polizia, ma se lo farai ricordati del video che ti ho mostrato ieri" me lo dice molto seriamente da mettermi in soggezione, "abbiamo contatti ovunque quindi lo verremmo a sapere immediatamente".

"Basta parlare, la giornata sarà molto intensa e adesso sdraiati che diamo il via alle danze e ricordati, dovrai fare tutto quello che ti ordinerò...TUTTO!!! Altrimenti dovrai subire delle torture molto pesanti ricordatelo sempre!"
Mi sdraio sul letto mentre lei si toglie la camiciola...un colpo di mano sul fiocco e la gonna casca ai suoi piedi lasciandola nuda, si avvicina e inizia a toccarmi il cazzo indurendomelo, poi mi sussurra "questo è l'inizio...molto piacevole, poi ti aspetta ben altro, ma voglio assaggiare la tua verga prima di mandarti in pasto ai leoni".
Le sue parole mi inquietano sempre più, ma allo stesso tempo mi eccitano da morire scoprendo il mio subconscio perverso. Me lo scappella e inizia a succhiarlo con grande maestria, poi si mette a cavalcioni su di me e dominandomi si fa penetrare completamente.
Una volta in fondo muove il bacino lentamente avanti e indietro dandomi un piacere immenso.
"So che mi desideravi vero? Te lo si leggeva negli occhi" continua molto lentamente, lo sento molto in profondità e inizio a gemere. Lei mi tocca i testicoli facendomi impazzire e ansimare.
"Hai proprio un bel cazzo Phil, sono soddisfatta, ma mi spiace per te...non verrai dentro di me...non adesso almeno. Sono deluso ma resto comunque con un filo di speranza...ha detto non adesso..chissà...
Resta ancora dentro di me muovendosi impercettibilmente, con le mani appoggiate sul mio addome, poi si abbassa mettendomi le tette a portata di bocca al quale non mi lascio scappare ed inizio a leccarle.
Si rimette in verticale e con mia delusione lo sfila...si avvicina alla testa e mi sbatte la figa in bocca "lecca!" La sua figa gronda di umori e lecco avidamente...è molto calda e ansima dal piacere.
La divarico con le mani mentre la lingua si muove veloce giocando col clitoride. Impazzisce di piacere e dopo un attimo non riesce a trattenersi e raggiunge un orgasmo fortissimo.
"Accidenti sei bravo con la lingua" lo dice ansimando mentre si alza, il mio cazzo insoddisfatto gronda comunque di umori ed è al massimo dell'erezione, mi fa quasi male, ma per ora non posso venire.
Si riassetta e si mette un tanghino molto sexy che aveva con se, mi ordina di alzarmi e divaricare le gambe. obbedisco ciecamente, lei si avvicina con un barattolo, vi immerge 2 dita e mi spalma il contenuto sul buco del culo massaggiandolo.
Una sensazione di fresco e un gradevole piacere sotto il suo tocco esperto si impossessa del mio cervello anche se il fatto che mi lubrifica il culo non lascia molte attenuanti, lo penetra leggermente e mi fa leccare le dita per pulirle.

Senza dire altro mi prende per mano e insieme andiamo verso un lungo corridoio, saliamo le scale e ci fermiamo davanti a una porta dove sento provenire molto rumore, arrivano altre istruzioni: "adesso entriamo e per prima cosa guardati intorno e assimila tutto quel che sta succedendo, in seguito sarai travolto dagli eventi" mi sorride, apre la porta ed entriamo.
Strabuzzo gli occhi, è una stanza con tanti accessori, croci, letti, catene che pendono dal soffitto, c'è veramente di tutto. Su un tavolo ci sono strani attrezzi da tortura medievale e molti accessori sconosciuti. Sono tutti nudi, ci saranno una quindicina di persone e c'è il finimondo....riconosco Carola che lo sta subendo una doppia penetrazione mentre un tipo palestrato glie lo fa succhiare e un altro gli succhia le tette.
Ammanettata su un lettino, una ragazza sta subendo torture da un "aguzzino" che gli fa colare cera calda sul suo corpo, insomma una situazione caotica e inquietante. Sara osserva divertita la mia espressione sbigottita.
"Come vedi c'è di tutto e subirai...di tutto" mi indica una ragazza a cavalcioni di un tipo palestrato che se la sta scopando alla grande "forza Phil, non vedi che il suo buco è ancora libero? Adesso puoi iniziare a darti da fare".

Sto perdendo il senno, non capisco più niente ma la libido prevale su tutto, mi avvicino da dietro e appoggio il cazzo all'ingresso dell'ano e senza darle il tempo di realizzare glielo ficco nel culo. Lei si gira sorpresa e mi da una pacca sulla coscia "ehi che accidenti ti prende?" Non capisco se scherza o fa sul serio fatto sta che vado avanti malgrado lei mi dica un sacco di parolacce.
Sopraggiungono alle mie spalle due omaccioni, mi prendono da entrambe le parti e mi allontanano dalla mia preda...cerco di ribellarmi ma senza successo "l'hai sentita la signora? Non ha gradito che le sfondassi il culo, ora ti pentirai della tua sfacciataggine" Sono in piedi bloccato dai due energumeni...lei si sfila dal cazzo e si mette davanti a me con la figa che gronda, mi guarda e mi molla una sventola che mi fa girare la testa.
"Adesso ti faccio vedere io cosa vuol dire" Vengo trascinato brutalmente su un bancone, comincio a farmela sotto ma sono bloccato dalle loro possenti braccia..vengo legato a pancia in giù su un tavolo...la testa è libera come pure le gambe , insomma sono messo a 90.
La tipa si mette davanti a me e ha tra le mani uno strapon molto consistente che indossa...non faccio in tempo a realizzare che lo sto già succhiando "succhia stronzo, succhia...." me lo caccia in gola facendomi venire conati di vomito. Una volta soddisfatta si sposta dietro, lo appoggia e mi penetra selvaggiamente. Caccio un urlo disumano ma lei imperterrita continua a sodomizzarmi brutalmente "allora ti piace il mio trattamento? Com'è essere inculato a sorpresa?" Non replico, Sara mi aveva avvisato che sarebbe stata dura e subisco passivamente.
Mentre o le lacrime agli occhi la vedo in un angolo che osserva tutta la scena.
Mentre la tipa mi incula uno dei due omaccioni mi si para davanti col cazzo in tiro "bene ragazzo, adesso succhiami il cazzo" e me lo infila in bocca. Accidenti aveva ragione Sara, è durissima, non ho mai succhiato il cazzo di nessuno ma non posso sottrarmi a tutta questa violenza e mio malgrado lo succhio come meglio credo.
Il tipo sembra gradire sentendo il suo grugnire, mi scopa come se fosse una figa e dopo un attimo mi viene in gola...involontariamente ingoio una parte del suo sperma mentre il resto cade copiosamente sul pavimento.
Soddisfatto se ne va lasciandomi sconvolto mentre la tipa mi sta sempre stantuffando il didietro.
Arriva l'altro e già rabbrividisco, anche lui il cazzo in tiro, mi guarda..."no caro...questo lo prendi nel culo" oddiooooo..noooooo..la tipa si toglie lasciandogli spazio, in un attimo è dentro di me.
Il suo cazzo è più grande dello strapon e mi sembra che mi stia spaccando il culo...mi penetra forte finché non sento il suo sperma caldo riempirmi le viscere.

Sono distrutto ma non è finita, mi slegano e mi portano su un altro bancone dove mi fanno sdraiare questa volta a pancia in su legandomi entrambi gli arti.
Sento che dal mio culo cola lo sperma riversatomi in precedenza...mi raggiungono 3 ragazze...una si dedica al mio cazzo, legandomi le palle con una corda facendole gonfiare come dei palloncini...le altre due mi leccano i capezzoli facendoli inturgidire e immediatamente mi mettono delle mollette che mi fanno gridare dal dolore.
Sono completamente in balia degli eventi, e il dolore stranamente mi da eccitazione. Davanti a me appare Monica "ciao Phil, ci si rivede" mi mostra un dildo anale di 4 cm "leccalo!".
Consapevole di dove andrà a finire cerco di riempirlo di saliva e una volta ben lubrificato Monica lo appoggia al mio ano e lentamente lo spinge. L'altra ragazza intanto inizia a farmi un pompino ingoiando il mio cazzo voracemente.
Il dildo entra lentamente...quando sta per superare il punto più largo emetto un grido animalesco, lo sento entrare provocandomi dolore e piacere, poi il mio culo lo inghiotte e si richiude su di lui lasciandomi pieno.
La ragazza continua a spompinarmi stringendomi le palle...la sua amica non soddisfatta mi cavalca il viso facendosi leccare la figa...
Non resisto più, esplodo in un orgasmo mai provato prima..la tipa cerca di ingoiare ma l'enorme quantità di sperma non glielo permette e buona parte si riversa sul mio addome dove viene spalmato da mani esperte.

Finalmente un attimo di tregua, mi tolgono le pinzette ai capezzoli indolenziti dandomi grande dolore, mi slegano le palle e mi staccano dal bancone.
Mi metto seduto...sono a pezzi e sconvolto...Sara arriva con un bicchiere d'acqua sussurrandomi all'orecchio "wow Phil, sei stato molto bravo, mi hai sorpreso" senza rispondere bevo avidamente, sarò stato bravo ma mi hanno conciato per le feste, poi continua "sapevo che la reazione di Cristina avrebbe prodotto tutto questo, era tutto previsto".

“Per oggi può bastare” mi prende per mano e ci incamminiamo verso il mio alloggio. Cammino a fatica come uno zombie, entro nella mia stanza, le mi fa girare e appoggiare con le mani sul letto, mi infila una mano tra le chiappe e mi dice “rilassati adesso, hai ancora un intruso qui” il dildo accidenti a lui..faccio uno sforzo, cerco di rilassarmi mentre lei lo tira fuori. Mi sembra mi stia togliendo un pezzo di budella ma poi con un gran respiro da parte mia, lo estrae.

Riempie la vasca da bagno mettendoci dei Sali profumati, poi mi fa entrare e io mi lascio coccolare da questa piacevole sensazione…starò li un bel po’……

Fine terza parte

Questo racconto di è stato letto 3 0 7 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.