La femminilità di mamma - 9

Scritto da , il 2020-08-05, genere incesti

LA FEMMINILITA’ DI MAMMA – 9

Avevo ragione, mille sensi di colpa mi attanagliarono, mi sentivo sporca, credevo di avere sbagliato ma oramai la cosa era fatta.
Credo che dovrò parlare con il figlio e fargli capire che la cosa che abbiamo fatto non doveva essere fatta, che io per prima non avevo mantenuto i propositi a cui dovevamo fare riferimento e che quindi, avendo dimostrato di non essere in grado di controllare certi istinti, era meglio finirla li, tutto, e tornare ad essere mamma e figlio come lo eravamo poche settimane fa.
Eh, certo sembrava facile fare ciò che avevo appena pensato, ma non lo è per nulla, perché il ricordo era bello, bellissimo e fare la sega a mio figlio mi aveva veramente dato una carica di adrenalina che da tempo non sentivo, non provavo e rinunciarci sarebbe la cosa più giusta ma sarebbe stata di certo la cosa più difficile in assoluto.
Ieri, perché dal fatto è trascorsa la notte, a fatto accaduto gli dissi immediatamente di correre a lavarsi che intanto io avrei messo in ordine. Mentre lui si lavava, riassettai, quindi usci in giardino. Non volevo vederlo, mi vergognavo e pesavo fra me e me “ma che razza di mamma sono, cosa potrà pensare quel povero ragazzo di avere una troia come madre”. No non me la sentivo di rivederlo, quindi presi la macchina e scappai, non sapevo dove ma lontano da lui.
Ero vestita come poco ed ero anche senza mutandine, non sapevo dove andare ed ero completamente nel pallone. Mi squillò il cellulare: chiaramente era Marco che mi cercava, accostai e risposi.
“Mamma ma dove sei, cosa è successo perché sei andata via senza dirmi nulla”.
Balbettavo e non sapevo che dire, forse non dovevo rispondere ma forse invece era la cosa migliore chiarire subito e chiarire a distanza.
“Scusa, mi ha preso il panico e non avevo il coraggio di affrontarti e sono fuggita”.
“Ma mamma non ti devi vergognare in fondo non abbiamo fatto nulla, io già mi masturbavo ispirato da te e dalle tue foto, fatte o rubate, lo sai bene, quindi tu hai solo partecipato ad un qualche cosa che comunque era già accaduto ed accadrà ancora”.
“Senti Marco, puoi dire tutto quello che vuoi ma una mamma non deve fare quello che ho fatto io oggi, no, lo sappiamo entrambi che è sbagliato, ma tu sai anche che sono una donna”
“Ed anche una donna molto bella”
“Cazzo smettila, rendi tutto più difficile se fai così”
“ Mamma forse voglio renderlo difficile perché non voglio che tu dica quello che so che vuoi dire. Non abbiamo fatto nulla, abbiamo visto le foto, abbiamo visto che bela donna sei se vuoi e che belle foto possono nascere dalla nostra complicità. E’ chiaro che una situazione del genere stimola entrambi, fa sognare e quindi crea una situazione dove poi è facile arrivare a quello che è accaduto e che io, lo confesso, vorrei tornasse ad accadere. Mamma io sono molto attratto da te, in certe situazioni non ti vedo come la mamma, ma come la donna più bella e sensuale che io abbia mai avuto occasione di vedere dal vero e da vicino, come la donna che più di ogni altra mi abbia fatto eccitare e sognare. Ti sottovaluti, sei una donna favolosa e no lo dico solo io perché sono tuo figlio, ma ance tutti i miei amici che ti conoscono, tutti i genitori dei bambini a cui fai minibasket (li sento spesso commentare non sapendo che sono tuo figlio), ti sottovaluti moltissimo, fai sognare molte persone e quindi perché non dovrei poter sognare io per primo”.
Ecco, ora ero ben combinata. Quello che mi aveva detto era proprio quello che non volevo sentire, o che volevo sentire.
Ed ora cosa avrei fatto.
Fortuna che eravamo lontani altrimenti lo avrei abbracciato e baciato e chissà dove mi avrebbe portato poi la situazione.
“Figliolo scusa ma chiudo, ora non sono in grado di ragionare, sono troppo vulnerabile e potrei dire cose che anche se vorrei dire non devo dire, e tu lo sai bene. Sei proprio uno stronzone che vuoi approfittare di una donna debole ma ancora vogliosa di sentirsi bella, e tu mi fai sentire non solo bella, ma anche desiderata. Sei proprio uno stronzone, adorabile ma stronzone”. E chiudo.
Restai in macchina ad occhi chiusi, mi rilassai, pensai.
In effetti aveva ragione anche lui, che sarà mai una sega, quante ne ho fatte in vita mia. Certo non al figlio, ma anche al figlio resta una sega e lui quante se ne è fatte da solo pensando a me? Migliaia credo, quindi gliene avevo solo regalata una più vera.
Così parzialmente rasserenata mi ripresi, misi in moto e tornai a casa, dove sapevo che avrei incontrato lui, che mi avrebbe assalito e cercando di coccolarmi.
Sarò intransigente e prenderò tempo, ma senza concedergli speranze, almeno per il momento.
In effetti, arrivata a casa, ancora prima di smontare dalla macchina mi corse incontro e cominciò nuovamente a tormentarmi con il fatto che non era accaduto nulla e che cose del genere capitano abitualmente in molte altre famiglie e che una complicità del genere non deve essere considerata perversione ma solo amore familiare, forse spinto all’estremo ma solo amore fra madre e figlio.
Non condivisi ma accettai la sua versione e gli dissi che per ora era meglio rifletterci sopra e che poi ne avremmo riparlato.
Così passarono alcuni giorni, lui sempre carino con me, sempre con mezzi sottintesi, allusioni, cercando di mantenere aperta una porta che inevitabilmente per lui ora restava socchiusa, ed in effetti, non lo nego, che pure per me restava socchiusa. Il piacere che mi aveva dato quel momento restava vivo in me ed anche le paure a volte venivano travolte da quel ricordo portandomi ad accarezzarmi desiderando di ripetere il tutto ed arrivando sino ad immaginare che la mano che si struscia sul mio sesso non fosse la mia ma la sua; non osai immaginare cosa potrebbe essere realizzare questa fantasia.
Una sera davanti a tv guardando un film assieme al figlio (il marito era in camera sua a vedere calcio) Marco mi disse “Vedi mamma, i due protagonisti sembrate te e papà, non credere che non abbia capito che oramai fra voi esiste solo la compagnia ed il rispetto l’uno per l’altro, ho capito bene che il sesso fra di voi non esiste più, del resto dormendo in camere separate la cosa diverrebbe difficile. Lo comprendo, capita dopo molto anni assieme, ma quello che mi chiedo è come fai a restare senza sesso, non posso immaginare che la masturbazione (ti ho vista mentre ti masturbavi strusciandoti son il cuscino fra le gambe) possa bastarti e non so se hai un amante, ma anche un amante forse è una cosa squallida, un palliativo”
Oddio, ma che argomento tira fuori ora questo, ma che dice, e poi cazzo mi ha anche spiato mentre mi masturbavo, magari masturbandosi anche lui mentre mi guardava………
“Senti caro figliolo, per prima cosa sei un gran porco, come ti permetti di infrangere la mia privacy anche quando mi masturbo, ma quante cose sai di me che io non so, e poi che discorsi tiri fuori, perché mai dovrei avere un amante io”
“Mamma, sei troppo bella per non avere mille corteggiatori ed il fatto di non fare sesso con papà certamente ti porta a desiderarlo, ed inevitabilmente a cedere alle lusinghe che di certo in molti ti offriranno, non ti giudico, anzi ti giustifico tutto e comprendo, ma ora volendo si apre una situazione diversa, ora se vuoi puoi unire l’appagamento del desiderio non con lo squallore di un amante qualsiasi, ma con l’amore per un maschio che ami”
Non potevo credere a quello che sentivo, mio figlio mi corteggiava, mio figlio mi proponeva di diventare amanti…….ma è pazzo????????
“Ma sei pazzo????? Ma che dici, ma sai cosa mi stai proponendo?” E dicendo queste cose mi distendo sul divano con le mani sul volto per non guardarlo, o forse per non far vedere il mio viso stupito ma anche gratificato da quella proposta.
Evidentemente stendendomi sul divano il vestitino deve essersi mosso un po troppo, scoprendomi le gambe e non solo, cosa notata subito da mio figlio che allungando le mani mi accarezzò le cosce.
Non so cosa accade ma la mia istintiva reazione fu quella di scostare le gambe, insomma allargarle un pochino; cazzo capita quando si è un po eccitate e senti le mani di qualcuno che te le accarezzano, ma il segnale purtroppo, o per fortuna, fu inequivocabile, e lo fu anche per mio figlio che quindi avanzò con le carezze arrivando fino a toccarmi la figa che, essendo priva della protezione delle mutandine, risultò al tatto chiaramente umida dei miei umori.
Un sobbalzo a ritroso avvenne istantaneamente, la stretta delle gambe a protezione intrappolò la mano di lui che, quasi a reazione, si avvicinò ancora di più al sesso. Il desiderio esplose, le dita si mossero, la stimolazione fu inevitabile……..le gambe si riallargarono donandomi liberamente al suo piacere.
La sua stimolazione fu piacevolissima, inebriante, mi fece perdere il controllo del tempo e mi ritrovai ragazzina con tutti i piaceri che una adolescente prova alle prime carezze intime. Lo lasciai fare, anzi lo accompagnai con il movimento dei miei fianchi, regalandogli il giusto ritmo, ansimando di un piacere ritrovato fino al punto in cui un primo spasmo, accompagnato subito da altri mi porto all’orgasmo, a contrarmi in un piacere folle quanto era folle il momento.
Un flusso di umori copioso riempi le mani di Marco che, dopo averle portate alla sua bocca, le portò verso la mia facendomele leccare tutte.
Ebbi paura a riaprire gli occhi, avevo il terrore di confrontarmi nuovamente con lui. Aveva vinto ed oramai fra noi non c’erano più porte, ma una strada libera che di certo avremmo percorso con piacere ma anche il terrore di non sapere a cosa ci avrebbe portato.
Mio figlio era divenuto il mio amante!

CONTINUA

Questo racconto di è stato letto 8 9 3 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.