Passione di luglio

Scritto da , il 2020-07-08, genere sentimentali

È un lunedì sera caldo e ventoso di luglio e io, una volta di più, mi ritrovo seduta sui quei gradini, davanti a quel cimitero ad aspettarlo. Sono in ansia e mi guardo intorno, stringo tra le dita una Chesterfield e penso che dovrei smettere ma non oggi, stasera non è la serata giusta per prendere decisioni, quindi rimando per l’ennesima volta. Sono in anticipo, come sempre e lui arriverà in ritardo, come sempre. Ho sempre preferito essere io quella che arriva prima, come se quei momenti da sola mi servissero per metabolizzare quello che verrà dopo, perché tanto già so come andrà.
Penso che mi verrà il mal di testa, il vento me lo fa venire sempre, poi mangio poco ultimamente quindi è sicuro domani starò male. Che palle.
Ho la mente che saltella da un pensiero all’altro, quando sento arrivare una macchina. È lui.
È sempre bello il primo sguardo dopo che due persone non si vedono da qualche settimana è ricolmo di curiosità, di occhi che sorridono senza che le bocche si muovano, di curiosità e io sono un disastro. Fondamentalmente sono timida, nascondo questa timidezza con il mio modo di fare strafottente, mi sento spesso fuori luogo e a disagio e a volte balbetto cose senza senso pur di sbloccarmi. È così anche con lui nonostante lo conosca da tanto, ma ogni volta ha l’ansia della prima.
Mi fa cenno di salire in macchina ma io come sempre ho lasciato la mia aperta e non ho preso la borsa. Salgo, l’ansia sparisce, questo è il mio porto sicuro. Respiro.
Ci salutiamo, parliamo di cavolate mentre andiamo a far benzina, lo guardo e sorrido, entrambi indossiamo t-shirt bianca e jeans , quasi come se ci fossimo messi d’accordo. Battibecchiamo sui miei gusti musicali perché dice che sono pessimi, mi prende in giro e anche se sono permalosa a lui lo lascio fare senza prendermela.
Torniamo alla mia macchina continuando a chiacchierare delle nostre giornate, è abbronzato, tanto abbronzato e la mia mente vola, mi sfiora e mi viene un brivido. Lo sento quel momento che si avvicina, lui mi guarda, cerca il mio sguardo e io abbasso il mio, so che nel momento in cui io tirerò su la testa non saremo più in grado di fermarci. Basta un secondo e le nostre bocche diventano una cosa sola, le lingue si cercano ed è come se fossimo affamati l’uno dell’altro, i baci sono violenti e io mi sento bollire. Scendiamo dalla macchina per metterci più comodi nei sedili posteriori e inaspettatamente me lo ritrovo davanti, lui un metro e settantacinque di uomo abbronzato, capelli brizzolati e un erezione durissima che mi spinge contro la pancia mentre io arrivo a malapena al metro e sessanta ma compenso il tutto con due seni grandi e un corpo formoso. Mi prende in braccio con forza e voglia di farmi sentire la sua eccitazione, mi conosce bene e sa quanto mi fa impazzire essere comandata e sottomessa, mi gira strusciandomi il cazzo contro il mio culo mentre le sue mani cercano avidamente i miei seni sotto quel reggiseno di pizzo che non ho messo a caso. Decidiamo di cambiare posto consapevoli che quello non è il luogo giusto per concludere quello che stiamo iniziando. Durante il tragitto tutto cala, torniamo alla tranquillità e a parlare del più e del meno. È interessante come riusciamo a passare da 100 a 0 e viceversa nel giro di pochi secondi. Arriviamo in un posto più tranquillo ed è di nuovo subito 100.
Ma è diverso adesso. I baci sono più calmi, lenti, c’è forse ancora più passione e desiderio che nella foga di quelli precedenti, ci spogliamo a vicenda per sentire meglio i nostri corpi accaldati, iniziamo a sudare, io sono già bagnatissima, vorrei arrivare subito al dunque ma anche godermi quell’eccitazione il più possibile. Andiamo oltre, ormai siamo già mezzi nudi e ho una voglia irrefrenabile di sentirlo godere grazie alla mia bocca, mi lego i capelli, gli slaccio la cintura e poi jeans e glielo tiro fuori, osservo il suo cazzo prima di mettermelo in bocca, non è enorme ma sa come usarlo. Inizio a leccarglielo come se fosse il mio gelato preferito, vado su e giù mentre lui mi spinge la testa per sentirlo in fondo alla mia gola, in questo momento sono io che comando, il nostro è un gioco di ruoli che si alternano perfettamente. Potrei farlo finire lì ma lo voglio sentire dentro di me, caldo ed eccitato e lui mi accontenta sempre. Siamo nudi, io sono sopra di lui e in una frazione di secondo mette il suo cazzo nella mia figa, mi manca il fiato. Si muove dentro di me ed ora io mi sento completa, piena. Ci baciamo, ci mordiamo, ci tocchiamo, l’eccitazione prende il sopravvento e tutto ciò che era stato calmo torna ad essere infuocato, passione pura. So come farlo impazzire, so come muovermi con lui e so che leccandogli l’orecchio lo sentirò gemere. Cambiamo posizione, ora lui è sopra di me, capisco allora che vuole sbattermi di più, che vuole di nuovo il controllo e glielo lascio fare, fremo, ansimo e entrambi osserviamo il suo cazzo che si muove quasi a ritmo dentro di me, me lo spinge forte quasi da farmi male, ma è un dolore che porta eccitazione. Il nostro respiro è affannoso, siamo completamente sudati e con l’odore sulla pelle del sesso selvaggio quello che ti lascia stanco ma soddisfatto. Capisco che stiamo entrambi per raggiungere l’orgasmo perché il ritmo si fa ancora più incessante, lo spinge sempre di più e lo vedo, è eccitato, io mi mordo il labbro lo so che lo fa impazzire e dopo pochi istanti veniamo entrambi. Lui mi riempie, sento il suo sperma caldo che viene accolto dentro di me e io ancora tremo per l’orgasmo appena raggiunto. Crolliamo con il cuore che ancora cerca di ristabilire un ritmo perfetto e lui mi bacia la fronte, lo fa senza rendersene conto ogni volta.

Questo racconto di è stato letto 1 4 1 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.