Roma in Agosto

Scritto da , il 2020-06-16, genere etero

“Prossima fermata Termini, uscita lato… Destro!” gracchiò l’interfono della metro A.
Gabriele stava andando a Termini a prendere la sua amica napoletana Iris.
Gabriele era innamorato bollito di Iris da quando l’aveva conosciuta 4 anni prima, ma lei era fidanzata con Peppiniello prima e poi è stata insieme con il suo migliore amico Fabiano, ora Fabiano cercava in tutti i modi di aiutare Gabriele a fidanzarsi con Iris, sosteneva che “L’unico che può darle l’amore sdolcinato che Iris vuole sei solo tu, Gabriele!”, era vero.
Ma Gabriele era emotivamente bloccato, da anni.

Uscì dalla metro, prese di corsa le scale mobili, si piantò al binario 12 e attese, attese ascoltando le canzoni di Pino Daniele, aveva la sua playlist per quando arrivava Iris, calcolata apposta per far sì che appena lei uscisse dal treno e lo vedesse, lui poteva tranquillamente cantare “Napulé ‘na carta spuorca e nissciune se ne impuort!”, sapeva benissimo quanto Iris si imbestialiva quando gli cantavano quella canzone, così come si arrabbiava quando Gabriele la imitava in maniera puerile, o almeno faceva finta di arrabbiarsi in entrambe le situazioni.

Iris arrivò e lo abbracciò.
Uscirono dalla stazione e dato che era una bella giornata di fine Agosto andarono a villa Pamphilij.
La città era vuota, l’unica cosa che c’era oltre loro nella villa erano gli uccellini e le cicale.
Si addentrarono nel profondo della villa.
Si sdraiarono all’ombra, la calura era troppa per stare al sole.

A un certo punto Gabriele la prese e la baciò. Lei non si ritrasse, poco dopo gli infilò le mani nel pacco. era 6 anni che non scopava, il sangue gli andò al cervello.
Lei iniziò ad ansimare, alzò leggermente la gonna e spostò di lato la mutandina coi merletti.
Con fare quasi famelico lui iniziò a leccarle la fica, lo fece seguendo le indicazioni che la sua amica lesbica le aveva dato 7 anni prima, con acredine infilò la lingua dentro, quel sapore acidulo non gli era mancato, ma gli urletti di piacere gli erano mancati eccome; Gabriele tirò su un poco la testa, ma Iris con occhi spiritati gli rimise la testa apposto, lì dove doveva stare, poi disse:-Leccamela tutto, bravo cagnolino…- Gabriele infilò due dita nella fica e continuò a leccare, lei gridò di piacere, la fichetta stretta di Iris iniziò a grondare di umori, con più violenza spinse la faccia di Gabriele sulla fica, venne e venne ancora.

Finalmente lei tolse la mano dalla testa di Gabriele, lui baciò in bocca Iris, rinfilò la mano nelle mutande di Gabriele e iniziò segarlo con violenza, lui si staccò dal bacio e disse:- Vacci con la bocca!- Lei non se lo fece dire due volte, prese quel cazzo in bocca, con bramosia iniziò a succhiarlo.
Gli occhi di Gabriele si girarono, partì per l’Iperuranio, durò poco, schizzò subito, lei ingoiò.

Ci vollero pochi istante perché Gabriele tornasse duro come il marmo, prese il cazzo in mano e con veemenza lo mise nella fica stretta di Iris, iniziò a spingere con forza, lei ansimando disse :-Fai piano, ce l’hai enorme. Fa male. - Lui rallentò, ma andava a fondo, lei iniziò a godere come mai prima e iniziò a gridare a ritmo :- PIÙ FORTE! PIÙ FORTE! – Lui iniziò spingere con più forza, più veloce. In quell’istante con una faccia rapita dal piacere lei, ansimando, sussurrò all’orecchio dall’amante :-Mettimelo dietro, fammi sentire la tua puttana.-

Lo tirò fuori, era completamente bagnato degli umori della fica di Iris, lei lo prese in mano e puntò direttamente la cappella verso l’ano, lui spinse, il cazzo si incurvo verso l’alto e scivolò via, ci riprovarono, finalmente l’ano si dischiuse, entrarono i primi due centimetri di cappella, lei cacciò un urlo di dolore, lui spinse, entrò ancora un poco, lei urlò ancora, poi lui spinse ancora un poco ed entrò tutto, una lacrima solcò il volto di Iris, Gabriele iniziò a farlo scivolare dentro e fuori, molto lentamente, anche perché la strettezza di quel buco non permetteva altrimenti, lei iniziò a rilassarsi, poi iniziò a provare piacere, fu un crescendo finché dal piacere non toccò il cielo con un dito.

Quel buco era stretto in maniera eccessiva, gli causava dolore, smise di concentrarsi, l’unica cosa che voleva era venire, e farlo in fretta, iniziò a spingere più veloce e venne copiosamente nel culo di Iris, finalmente si ritrasse, lei era completamente trasfigurata dal godimento, mentre una goccia di sperma che le colava dall’ano macchiò l’erba sotto il suo culo.

In quell’istante un passerotto si alzò proprio da dietro la testa di Iris, era rimasto lì a guardare tutta la scena.

Dopo aver ripreso fiato, con la fronte imperlata dal sudore, Gabriele disse :-Iris vorrei fare l’amore così tutta la vita.- e lei :- Con un cazzo così lo voglio anch’io!- si baciarono.

Questo racconto di è stato letto 2 4 3 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.