Fra ....desidero mio cognato

Scritto da , il 2020-06-03, genere tradimenti

”Mia sorella è sposata da circa due 6 anni questa settimana è fuori per lavoro Lunedì sera da mia mamma vedo Alessandro mio cognato ceniamo insieme li poi cosi nel parlare siccome è solo mi chiede se la sera dopo esco con lui a mangiare una pizza, non ci vedo niente di male è successo altre volte dico ok”la sera esco da lavorare e vado a casa di mia sorella andiamo in una pizzeria che conosce lui un po’ fuori Sorrento mangiamo la pizza beviamo un po’ di vino e di birra a tavola parliamo del più e del meno sai lavoro ecc’ridiamo e scherziamo come sempre sai battutine con doppi sensi ecc’ma cose che aveva e avevamo sempre fatto’..usciamo dalla pizzeria un po’ arzilli tutti e due ma niente di che’..torniamo a casa di mia sorella io devo salire a prendere la roba che avevo lasciato su perché da lavoro ero andata direttamente li’saliti in casa io vado in bagno come tutte le donne (non c’è sosta senza fare pipi) poi esco dal bagno e mi dirigo verso camera di mia sorella a prendere la roba che avevo lasciato’.la porta è socchiusa entro senza bussare ma lo faccio involontariamente e li c’è lui mezzo nudo’..quando lo vedo imbarazzata chiedo scusa’.ma non posso fare a meno di notare il pacco, premetto che lui è un bel ragazzo ha un bel fisico’.non mi ricordo cosa mi ha detto o ha fatto ma mi ritrovo inginocchio davanti a lui’..libero il suo cazz’. grosso e bello tozzo”.finisco di abbassargli i pantaloni e le mutande e comincio a baciargli le palle’..per qualche minuto le succhio e le ingoio dolcemente poi lo spingo sul letto e comincio a spompinarlo menando la testa su e giù alternando movimenti lenti a velocissimi Alessandro mi mette la mano dietro la testa e comincia ad assecondare i miei movimenti il ritmo è sempre più crescente’.lui è eccitatissimo sento il suo respiro che si fa sempre più affannoso a tratti emette dei gemiti di piacere”io non so da cosa sono presa’.non lo voglio scopare’..forse non sono nemmeno li”mi fermo incrocio il suo sguardo con il mio’.lui mi sorride imbarazzato’.io scendo con le labbra ben oltre la meta del suo cazzo mi fermo e incominciò a stringere e a succhiare con forza risalendo con estrema lentezza(mi dico dentro di me che dovevo riuscirci in una sola salita)’..i gemiti di Alessandro si trasformano in urla di piacere’.nel sentirlo urlare cosi mi viene da succhiare sempre più forte quando arrivo con le labbra altezza della cappella sento il suo piacere esplodere nella mia bocca ha un orgasmo lunghissimo ingoio tutto il suo sperma caldissimo’..poi con la bocca ancora piena del suo sperma mi stacco da lui e apro la bocca per fargli vedere la gran quantità di sborra che avevo ancora’..Alessandro mi guarda è ancora preso da l’orgasmo pensa che voglio sputarla con un filo di voce riesce a dirmi’.’che se voglio posso farlo in terra”.invece con suo stupore lo guardo la richiudo e ingoio tutto’..poi lui mi fa sedere sul divano e mi inizia a leccare tutta la patata e bravissimo mi fa godere sono eccitata subito vengo lo tiro su e mi inizia a scopare come avevo sempre sognato ( sotto la doccia e capitato molte volte che mi sono masturbata pensandolo ) mi fa venire prima sul divano e dopo sul letto sonno soddisfattissima ....poi ridiscendo lungo il suo cazzo e finisco di succhiare quanto rimasto’..Ale è esausto sul letto’.io non riesco a dire niente lui mi dice ‘che è stato eccezionale!”..io gli sorrido gli do un bacio sul suo cazzo ormai moscio prendo la mia roba e imbarazzatissima esco di casa”ancora lo devo risentire’..

Questo racconto di è stato letto 8 0 5 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.