Mia cognata

Scritto da , il 2020-05-30, genere etero

Mia cognata
Mi ci sono voluti 10 lunghi anni per conoscere veramente chi e' la donna che o
sposato dopo quello che o visto mi chiedo; quante altre volte mi avrà tradito e
con chi, o potuto vederla all'opera e da allora che mi assalgono i dubbi tutte le
volte che la vedo parlare con un uomo, forse e solo colpa mia per aver riposto
tanta fiducia in lei, averla tenuta sempre nella bambagia, avergli permesso di
tutto compreso le cene con le amiche senza che mai le chiedessi chi sono queste
amiche e dove vai a festeggiare, perché non posso esserci anch'io invece mi tocca
starmene in casa con i ragazzi aspettarla in piede o sveglio sul letto, vederla
rientrare a ore tardi e se gli faccio qualche domanda le più delle volte risponde;
sono stanca possiamo parlarne domani.
Ultimamente poi sta esagerando vorrebbe uscire tutti i fine settimana e cosi
sono discussioni, musi lunghi o provato a parlargli con calma senza arrabbiarmi
mi sono sentito dire che la privo della libertà, manco se fosse in galera, come
non fosse sposata con degli obblighi sopratutto verso i figli sono stanco di tutto
questo se poi aggiungiamo che anche a letto non e mai disponibile trova sempre
delle scuse e quando cede e sempre una cosa meccanica senza un briciolo di
sentimento non e questo che mi aspettavo, non lo voglio, non mi interessa un
rapporto cosi meglio darci un taglio e via a tentare di rifarmi una vita mia.
Trovato il giusto accordo con lei ci siamo separati o tagliato i ponti dietro non
o mai sentito ne visto uno dei suoi chiedermi almeno come va, se non avessi
avuto i miei chi sa come sarebbe finita, ora dopo tre mesi la mia ex gira per il
paese mano nella mano con il suo nuovo amore, ma credetemi non mi fa rabbia
piuttosto mi fa pena, devo lottare tutti i fine settimana con i ragazzi ormai
grandicelli che si rifiutano di stare con lei gli andrebbe bene starci un po ma poi
correre a casa loro visto che lei impone la presenza del tipo, o già avuto
discussioni al riguardo ma non posso farci niente fino a quando i ragazzi non
avranno 15 anni solo allora saranno loro a decidere, io o avuto qualche storia
ma niente di serio giusto uno o due scopate poi via ognuno per i fatti suoi e
cerco di tenermi lontano da donne impegnate o peggio sposate non voglio
Qualche giorno fa o incontrato per puro caso una delle mie ex cognate Antonella
con la figlia, l'ho sempre ammirata e una ragazza madre dopo che e rimasta
incinta lui e scappato dalle sue responsabilità non si e mai occupato della figlia
lei si e tirata su le maniche e si e messa a lavorare accettando lavori umili e mal
pagati, grazie all'aiuto dei suoi che le tengo la bambina a una sua indipendenza
a provato a rifarsi una vita ma non e stata fortunata con gli uomini ora e sola,
ci siamo fermati a parlare ne e passato di tempo, non la vedevo da molto, mi a
fatto davvero piacere rivederla anche perché lo confesso un debole per lei l'ho
sempre avuto ma non o mai fatto nulla che potesse farglielo capire mi sono
sempre limitato ad aiutarla quando e stato richiesto il mio aiuto, dopo che ci
siamo raccontati un po di roba al momento del saluto mi dice; c'è l'hai il mio
numero potremmo sentirci ogni tanto, prenderci un caffè insieme se ti va?
Le rispondo certo che mi va mi fa sempre piacere rivederti e ci scambiamo i
numeri e ci salutiamo, passano i giorni e più penso a lei ma la mia timidezza la
paura di un rifiuto fanno si che non la chiamo, ma poi ci ripenso in fondo cosa o
da perdere al massimo mi dice di no e va bene fa niente, la chiamo che e sera e
dopo il terzo squillo sento la sua voce che subito mi dice; alla buon'ora c'è una ai
messo di tempo prima di chiamarmi come va? dopo una lunga chiacchierata al
momento di salutarla le dico; ti andrebbe di venire a mangiarti una pizza con
me una di queste sere?
La risposta arriva subito, mi dice; credo di meritarmi di meglio che una pizza
non credi ?
Non capisco cosa intendi non volevo offenderti le rispondo.
Ma quando sei ingenuo certo che mi va ma sarebbe meglio una bella cena.
Certo ai ragione ti va bene sabato sera e porta Martina con te.
Va bene per sabato alle 20 ma senza Martina non vorrei che si facesse tardi l per
lei la prossima volta la porto va bene?
Sei sicura guarda che non ci sono problemi.
Vienimi a prendere a casa sabato ciao.
Sinceramente non vedo l'ora forse sto precipitando troppo forse mi sto
illudendo ma sono elettrizzato nell'attesa, finalmente e sabato e sera o deciso di
fare le cose in grande la voglio stupire o prenotato per due in uno dei migliori
ristoranti della zona, mi presento sotto casa sua in giacca e cravatta sbarbato e
profumato, la chiamo e subito mi arrivo, scendo, quando la vedo mi manca il
fiato non e Antonella che conosco quella sempre in jeans e camicetta senza
trucco e sempre di corsa quella che mi viene incontro sorridente e una donna
favolosa di 35 anni, alta quasi quanto me bionda naturale, occhi blu un viso
bellissimo truccato alla perfezione, un vestito leggero ampio a fiori con un
de-colte fantastico coperto da un scialle trasparente dove si nota un seno
importante e favolosamente bello ai piedi un paio di sandali sono appoggiato
alla macchina quando si avvicina non posso fare a meno di darle un leggero bacio
sulle labbra non sembra sorpresa mi dice solo ti piace?
Le apro la portiera della macchina e aspetto che si sieda poi giro e mi siedo al
posto di guida ma prima di partire le dico; dio quando sei bella ma dove tenevi
tutto questo tesoro.
Non fare lo scemo dai metti in moto, dove mi porti?
Aspetta e vedrai ma se non ti piace cambiamo, tanto me a mangio con gli occhi e
vedo che lei si compiace, vedo la coscia piena il seno andare su e giù, poi sento la
sua mano sulla mia e chiedermi; sei contento che sono qua con te?
Sono felicissimo o avuto paura che non accettassi il mio invito.
E perché non avrei dovuto io ti o sempre ammirato.
Io invece ti o sempre desiderato.
Piano, piano, non cominciare a correre tutto a suo tempo non mi deludere ,
La cena e stata fantastica e stare con lei ancora di più scopro quando e dolce,
intelligente e bellissimo vederla ascoltarti con interesse, dopo più di due ore,
un'ottima cena del buon bere ci alziamo pago e andiamo via in macchina le
chiedo dove vuoi andare, mi risponde con un sorriso dove vuoi tu.
Andiamo più avanti c' e un locale con il piano bar beviamo ancora qualcosa
ascoltiamo un po di musica poi ti riaccompagno a casa ti va?
Si andiamo voglio passare una bella serata con un uomo interessante.
Restiamo seduti su un divanetto a parlare e tenendoci per mano non ne posso
più o voglia di chiederglielo trovo il coraggio e le dico, ti voglio Anto.
Mi guarda dritto con quelli spenditi occhi e mi dice andiamo via, in macchina
mi prende la mano e mi chiede; davvero mi desideri tanto?
Si Anto farei qualsiasi cosa per te.
Certo come tutti ora ai solo voglia di fare sesso, ma vedi io non sono di quelle.
Capisco scusa ti porto a casa.
Non ai capito vero va bene andiamo pure da me facciamo sesso in fondo anch'io
lo voglio ma vorrei qualcosa di più, non una cena e una scopata.
Non lo voglio nemmeno io ma e presto per decidere non credi.
Basta non parliamone più succeda quello che vuole.
Mi accosto e tardi e non c'è anima viva per strada quando le prendo il viso
l'accarezzo e lo porto sulla mia bocca trovo la sua aperta la lingua pronta ci
baciamo con passione con ardore, poi e lei a dirmi dai andiamo non ne poso più.
In casa da subito ci spogliamo sono nudo e con il pisello duro anche lei e nuda
ed e uno splendore la perfezione fatta donna ci baciamo mentre le mani corrono
su tutto il corpo quando Anto mi prende il cazzo in mano o come una scossa
elettrica e quando mi dice vieni diamoci una sciacquata tirandomi per il cazzo,
in bagno la guardo seduta sul bidè, poi tocca a me ci spostiamo sul letto e da
subito comincio con leccarla tutta a partire da quelle tette favolose dure grosse
con un capezzolo a punta dritto, lecco e succhio mentre la mano scivola tra le
cosce lei istintivamente le allarga, cambio tetta mentre Antonella mi tiene la
testa spinta sopra, sento le dita bagnate e vado in profondità le spingo dentro,
sento la sua mano scorrere sulla mia pelle sembra fuoco, mollo la tetta e
comincio a scendere leccando tutto quello che trovo, lei mi spinge sulla testa per
accompagnarmi giù, vedo la fica rosa coperta da pelo biondo tagliato corto
curato e vedo che lei allarga con le due mani le grandi labbra comincio a leccare
e lo faccio piano da sotto in su, vado dentro con la lingua e dopo alcuni minuti
sento lei dire e bellissimo continua non mi mollare continuo sempre più veloce a
dopo un po la sento quasi urlare sto godendo vengo amore godo godo o dio
com'è bello e la vedo muovere il bacino all'impazzata tenendomi la testa
inchiodata sopra tanto che faccio fatica a respirare ma non mollo sto stringendo
le tette tanto da farle male poi e lei che mi sposta e mi dice vieni mettimelo
dentro lo voglio risalgo e non appena sono a tiro lei lo afferra e loppa dentro, lo
sento scivolare e tutto dentro mi fermo per farglielo sentire tutto poi prendo a
scoparla sento le sue gambe attorcigliarsi sul mio bacino e lei venirmi incontro
colpo su colpo, mentre la sento dire si si godo godo vengo, poi la vedo calmarsi
riprendere fiato io sono ancora dentro che ci do piano per non venire, e lei che
mi dice perché non vieni?
Tu vuoi che venga.
Si lo voglio voglio sentirti, si ma non dentro mi sposto salgo all'altezza della
bocca con il cazzo duro in mano e lei a capito quello che voglio lo comincia a
leccare poi mi dice non venirmi in bocca ti prego e prende a succhiarlo, pare di
vedere le stelle e brava con quella lingua dopo 5 minuti sento che sto per venire
e le dico Anto sto venendo subito se lo leva dalla bocca e lo prende in mano lo
tiene sulla tetta mentre lo sega sono pronto esplodo esce un mare di sperma che
la ricopre tutta dal viso alle tette la vedo prendere il lenzuolo e pulirsi io mi sono
steso al suo fianco con ancora il cazzo duro dopo che a finito di pulirsi mi viene
sopra e mi dice ne vuoi ancora? E io le chiedo e tu? Si ancora lo vedo pronto poi
e fantastico dai lasciati andare sento la mano afferrare il cazzo e portarselo
dentro la vedo scivolare sopra fino in fondo la vedo muoversi e sento la fica
colare mentre lei mi scopa con solo il movimento del bacino, la vedo godere e
godere ancora spostarsi mettersi alla pecorina e dirmi dai continua la vado
dietro la scopo e le infilo l'indice nel culo ancora dire spingi spingi sto godendo ,
ricambiare posizione la prendo di fianco le alzo la coscia e sono dentro o la
possibilità di succhiarmi una tette, la porto ad avere un altro dei suoi orgasmi e
finalmente sento che anch'io sono pronto le dico vengo Anto sborro, mi dice si
amore vieni voglio sentirti dentro ci baciamo mentre sborro resto fermo fino
alla fine poi mi butto di lato, quando sono steso Anto se lo prende in bocca e
leccando anche le palle fino a pulirlo poi mi accarezza teneramente
guardandomi senza parlare sono io che le chiedo; ti e piaciuto?
Mi fa segno con la testa di si aggiungendo e stato fantastico era tanto sei stato
super o goduto tanto dai dormiamo un po riposiamoci.
Le chiedo vuoi che resto qua con te.
Si perché mi risponde e si accoccola sotto di me l'accarezzo fino a quando non
crollo addormentato, non so quando tempo abbia dormito ma vengo svegliato
da un profumo di caffè e vedo la mia venere nuda con il vassoio in mano, si
siede sul letto guardo il vassoio con una ricca colazione e le dico e per me?
No e per noi certo ai bisogno di tenerti in forma non o mica finito con te.
O si Anto si e fatto tardi devo andare i ragazzi mi aspettano, mangio insieme a
lei, finita la colazione mi dice; dai mettilo ancora dentro scopami voglio avere
un bel ricordo, ora che a avuto cio che volevi.
Mi fermo le tiro su il viso e le chiedo perché dici cosi non mi vuoi più.
Io certo che ti voglio ma penso.
Non la lascio finire le dico; allora non essere sciocca piuttosto va a prendere Martina che andiamo fuori a pranzo.
Come andiamo fuori tutti insieme mi chiede.
Si perché ai qualche problema.
No assolutamente ma cosa diranno i miei.
Non mi importa niente io voglio provarci e lo voglio fare con te al diavolo tutti.
Sono passati altri 10 anni Antonella e la mia donna stiamo pensando di sposarci
i ragazzi anno da subito adottato Martina io sono felice o la donna più bela del
mondo colei che mi a ridato voglia di vivere, fiducia nel futuro,sono un fortunato non potevo trovare di meglio a letto poi e una furia ed e sempre pronta sempre disponibile sono tornato indietro con gli anni facciamo sesso nei posti impensabili e in situazioni impensabili in qualsiasi momento sto vivendo il mio momento magico ma credo di essermelo meritato Anto e tutto

Questo racconto di è stato letto 4 3 5 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.