Sorpresa a Jack

Scritto da , il 2020-05-30, genere bisex

“Evelyn guarda qui” disse Mia
Mi avvicinai a lei, aveva in mano una bralette in pizzo azzurra.
“Perché non la provi?” dissi
Andammo verso i camerini e entrammo insieme nello stesso camerino, mentre si spogliava le guardai il grosso seno.
Mia era bassina, magra, capelli rosso chiaro, mossi, le scendevano dolcemente sulla schiena e due ciuffi si arrotolavano sul seno.
Le sistemai la bralette dietro e le accarezzai le spalle dolcemente, feci scorrere le mie lunghe unghie rosse sui suoi fianchi.
Lei mi guardava dallo specchio, io le fissavo il seno dallo specchio.
Le baciai il collo poco più sotto dell’orecchio, piegò il collo verso sinistra, continuai a baciarla, i miei baci scendevano sulla schiena, sulla spalla, sulle braccia.
Teneva gli occhi chiusi e si premeva con i denti le labbra inferiori.
Iniziai a toccarle il seno, alzandole la bralette, aveva il seno schiacciato verso il basso, le stringevo forte i seni soprattutto sulla parte inferiore.
Mise le sue mani sulle mie e le diresse dentro i pantaloni, facendole scivolare piano per la pancia.
Si sbottonò i jeans e iniziai a giocherellare con il suo clitoride già eccitato.
Si bagnava sempre di più, cercava di trattenersi e regolarizzare il respiro, mi guardava fisso negli occhi dallo specchio, ed io, ero già bagnata.
Avevo una voglia tremenda di leccargliela e farla godere, sentirla gemere.
Mi tolse le mani si abbottonò i jeans, si tolse la bralette, si rimise reggiseno e maglietta.
“Casa tua è più vicina” disse
“C’è Jack a casa” risposi
“ Qual è il problema, lo facciamo guardare”
M diede un bacio all’angolo della bocca, succhiando leggermente,e guardandomi fisso disse sussurrando “ho voglia di leccartela”
Uscimmo dal negozio, senza dire una parola andammo verso casa mia, sulle scale mi prese la mano, tirandomi.
Entrate dentro Jack stava seduto sul divano a lavorare.
“Ciao jack oggi ti facciamo un regalo” disse Mia.
Sempre tenendo la mia mano mi portava verso il divano.
Mi tolse la maglietta, mi tolsi i pantaloni e vide che ero senza mutande. Jack era incredulo, non sapeva cosa fare, cosa dire, aveva solo un’espressione mista tra divertimento e altro, che non ebbi il tempo di capire che già Mia mi leccava i capezzoli mentre giocava con il clitoride, mi spinse sul divano, ed inginocchiandosi continuava a guardarmi e toccarmi per avvicinarsi delicatamente con il suo fiato caldo tra le mie gambe già aperte.
Girava con la lingua sul clitoride, faceva Sali e scendi, la entrava dentro e la usciva mettendo le sue dita bagnate dentro la mia bocca, sul mio seno, sui miei capezzoli. La sua lingua era ovunque, la sentivo dal basso verso l’alto fino all’angolo, per poi muovere le dita all’interno ad uncino stimolando qualcosa di estremamente fantastico.
Jack era eccitatissimo ci guardava in silenzio mentre si masturbava delicatamente per non venire prima di noi. Godevo a vederlo godere, e lui godeva guardarmi godere.
Mia era eccitatissima, aveva i jeans bagnati, quell’alone scuro che ogni tanto si toccava gemendo faceva impazzire me e Jack.
Stavo già venendo mentre Mia continuava a muovere le sue dita, e quel liquido lucido scivolava sul divano mentre cercava di succhiarlo.
Jack ci guardava e ci incitava a continuare,l ci diceva come muoverci, cosa fare, ma noi non lo ascoltavamo.
Presi Mia dal sedere già denudato e la tirai verso di me, mi portai al viso il suo piacere. Era tutta bagnata, anche l’interno coscia e parti di sedere. Era calda, le sue gambe che stringevano il mio viso erano calde, e la sue mani sui suoi seni che si toccava, la facevano bagnare di più.
Guardava Jack masturbarsi e avrei voluto che si unisse che mi penetrasse mentre gliela leccavo alla mia amica.
Ma quel momento era tutto nostro, la feci venire quasi subito, avevo la bocca tutta bagnata, umida , si sedette accanto a me e mi diede un lungo bacio , infilandomi la lingua in bocca le passai la sua secrezione mista a saliva.
Jack era pronto a venire, si alzò dal divano.
“Mettetevi in ginocchio e aprite la bocca” disse
Venne sulle nostre facce, inondandoci del suo caldo piacere bianco, ingoiammo , mi girai verso Mia e la baciai palpandole il seno, facendola coricare sul tappeto.
Jack si abbassò e mentre toccava il mio sedere ed il seno di Mia, ci fece capire, che ora era il suo turno.

Commenta se ti è piaciuto. Per ricevere ancora contenuti di questo genere

Questo racconto di è stato letto 1 4 4 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.