La Falce Capitolo 2

Scritto da , il 2019-06-16, genere dominazione

Carissime lettrici e lettori, vi avevo lasciato, nel precedente capitolo, con la vergognosa violenza sessuale e fisica perpetuata da Fredo nei confronti della sua povera giovane moglie, Elisa.
Il mattino seguente, Elisa riusciva a malapena a camminare. Le ferite sulle natiche provocate dalle cinghiate la facevano gemere di dolore ad ogni passo. Per tutta la notte sognò di uccidere Fredo e quella mattina era seriamente tentata di avvelenare il suo caffè e disfarsi una volta e per tutte di quell'incubo.
Mentre era assorta nei suoi pensieri di vendetta, Fredo giunse in cucina, completamente nudo e di buon umore.

"Buongiorno, come mai il mio caffè non è ancora pronto?"

"Scusami, sono un pò rallentata nei movimenti..."

"E' per ieri sera vero? Hai goduto per bene, eh? Lo so che le troiette come te amano questo genere di cose."

Elisa sentì una fitta nello stomaco, un odio viscerale e profondo salirle verso le tempie.

"Per favore, non chiamarmi in quel modo..."

Fredo la prese per i capelli.

"Questi bei capelli biondi, starebbero bene se fossero impreziositi con un pò di sborra"

Nel dire quella frase, il modesto cazzo di Fredo divenne subito duro.

"Hai visto? Dove lo trovi un uomo con un'erezione come questa? Avanti, cerca di darmi un premio!"

La abbassò con forza e le infilò il cazzo in bocca.

"Ora succhia per bene! Voglio godere stamattina! Succhia!!!"

Elisa non potè fare altro che succhiare. Avrebbe voluto morderlo con forza, ma probabilmente lui l'avrebbe uccisa seduta stante.

"Dio, quanto godo! Quanto godo!"

Come vi avevo già detto, Fredo era, oltre che poco dotato, anche un eiaculatore precoce. Gli bastò davvero poco per venire. Prima di farlo, estrasse il cazzo dalla bocca di Elisa.

"Ora ti faccio una bella tinta!"

Le inondò i capelli di sborra.

"Ora si che sembri una vera puttana da quattro soldi!" Nel dirlo scoppiò in una fragorosa risata.

"Ora muoviti e fammi il caffè!"

Elisa soffocò le lacrime e iniziò a preparargli il caffè, senza nemmeno pulire lo scempio che quell'infame le aveva procurato. Quando il caffè fu pronto, Fredo tornò tutto in tiro, consumò la colazione ed uscì senza nemmeno salutare. Elisa, appena la porta fu chiusa, corse sotto la doccia e si lavò i capelli. Lo fece con una foga e una forza incredibili. Come se volesse lavarsi via anche l'essenza stessa di quel porco maledetto.
Avrebbe voluto parlare con qualche amico, ma Fredo le aveva tagliato ogni legame. Aveva costruito una prigione intorno a lei, dal quale non aveva via d'uscita.
Dopo essersi medicata nuovamente le ferite, si ricordò di Ian. Forse con lui avrebbe potuto confidarsi. Prese il telefono e lo chiamò. Il giovane rispose quasi subito.

"Pronto?"

"Ciao, Ian?"

"Si"

"Sono Elisa, scusa se ti disturbo..."

Ian era incredulo. Elisa, quella bellissima ragazza di cui era innamorato follemente quando era solo un quattordicenne, lo aveva chiamato.

"Elisa, ciao! Non mi disturbi affatto, non stavo lavorando! E' un piacere sentirti, che bella sorpresa!"

La voce di lei era cupa.

"Se non hai niente da fare, potremmo andare a fare un giro?"

"Ma certo, volentieri! Che ne dici di fare un aperitivo?"

"Si, ci vediamo per le 11, ti va bene?"

"Assolutamente, conosco un posto perfetto per gli aperitivi! Si chiama Captain Jack!"

"Lo conosco, allora ci vediamo li, a dopo!"

Quando chiuse la telefonata si disse quanto era stata stupida. Perchè mai un estraneo doveva interessarsi ai suoi problemi. Ma essendo lei senza amici, Ian sembrava apparso come la luce in fondo al tunnel. Indossò un paio di jeans e una maglietta bianca ed uscì.

Nel frattempo, Fredo era giunto in ufficio. Il palazzo apparteneva a suo padre e lui era il responsabile di uno dei mille uffici all'interno. Responsabile per modo di dire, visto che in realtà passava tutto il giorno a guardare film porno al computer. Entrò nell'ascensore e insieme a lui c'era una segretaria, Luisa.

"Buongiorno Luisa!"

Nel dirlo le diede uno schiaffo sul sedere. Luisa lo odiava, come tutte le donne del palazzo. Ma essendo il figlio del boss, nessuna osava contraddirlo. Si limitò a sorridergli a denti stretti.

"Buongiorno Fredo!"

Quando uscì dall'ascensore, trovò Carmela nei corridoio. Era la sua amante. Ventisei anni, capelli biondo platino tinti, lineamenti del viso affilati, un pò lupini. Fisico eccezionale.

"Carmy, vieni nel mio ufficio"
Carmela aveva libero accesso negli uffici di Fredo, anche se non lavorava li. A dir la verità non lavorava affatto. Anche lei figlia di papà, passava il tempo a fare shopping e uscire con le amiche.

"Ho poco tempo Fredo!"

I due entrarono e si baciarono. Con lei non era molto rude. Carmela, a differenza di Elisa, era un'iraconda, con un carattere terribile e aggressivo. Ma era anche molto furba e sapeva che la sua relazione con Fredo le procurava spesso regali: vestiti, viaggi, ecc.. Si mise a 90 sulla scrivania e si alzò la gonna leopardata, rivelando che non portava mutandine.

"Se provi a ficcarmelo nel culo come l'altro giorno ti spacco la faccia!"

"D'accordo!" Disse lui in preda all'eccitazione.

La penetrò con il suo modesto cazzetto. Carmela lo sentiva a malapena.

"Spingi di più" gli disse.

Fredo era già sudato marcio e spingeva tenendola per i fianchi.

"Sto spingendo!!!"

"Più profondamente, forza!"

Fredo emise due grugniti porcini e venne.

"Ma che cazzo, mi hai di nuovo sborrato addoso!"

Fredo si riallacciò i pantaloni e sprofondò nella sua poltrona.

"E' stato intenso!"

Carmela si ripulì con un fazzoletto.

"Mi servono soldi per la benzina, ho dimenticato il portafoglio a casa!"

Fredo le lanciò una banconota da 50 euro.

"Ti ho pagato il servizio, eh?" disse ridendo.

Carmela non si scompose ed uscì.

"Ti richiamo io!"

"Si, brava!"

Intanto, Elisa si era incontrata con Ian e si sedettero sotto un gazebo del Captain Jack.

"Non stai bene?" le disse notando la difficoltà a sedersi di Elisa.

"No, purtroppo!"

In quell'istante si presentò una cameriera: Federica (si proprio lei Se ricordate, al termine di Apparenza Inganna, Federica e Alessandro aprirono un bar specializzato in aperitivi).

"Ciao ragazzi, che vi porto?"

"Analcolico alla frutta per me", disse Elisa.

"Per me un Vermentino, grazie!"

Federica sorrise e si allontanò con la comanda.

"Mi dicevi che non stai bene?" la incalzò Ian.

"Si, bè" Elisa non si spiegava come mai stesse parlando con lui di queste cose.

"Il fatto è che, mio marito."

"Hai problemi con tuo marito?"

Elisa scoppiò in lacrime. Ian rimase scioccato.

"Non piangere, parliamo un pò, magari posso aiutarti!"

"Nessuno può aiutarmi! Io non ce la faccio più!"

Ian sentì il suo cuore spalancarsi. Quella bellissima ragazza, la sua prima cotta adolescienziale, stava piangendo in modo così drammatico davanti a lui. Sentiva che avrebbe potuto fare tutto per lei. Avvicinò la sedia alla sua e le mise un braccio intorno alle spalle.

"Non piangere ti prego! Mi fa male il cuore vederti così!"

Lei appoggiò la testa sul suo petto e sentì quanto fosse tonico. Si sentiva quasi al sicuro appoggiata a lui. Quando Federica tornò con gli aperitivi, i due si staccarono.

"Ecco a voi!"

Quando Federica si allontanò, Elisa iniziò a raccontare tutto ad Ian. Le violenze fisiche e mentali, i tradimenti, il dolore che quel porco le infliggeva ogni giorno. Ian si sentì ribollire il sangue nelle vene.

"Perchè non chiami la polizia?"

"Ho paura! Ho paura che possa farmi del male!"

Ian la abbracciò con forza.

"Andiamo a fare due passi!"

Il tempo volò. Passarono ore a passeggiare lungo la spiaggia, a parlare non solo delle disgrazie di Elisa, ma anche dei bei momenti di quando erano ragazzini. Di quanto lui fosse innamorato di lei. Di quanto lei fosse così ingenua da non accorgersi mai di nulla. Si sedettero su una roccia davanti al mare.
"Tu meriti più di questo", le disse.

"Io non so se arriverò a domani mattina..."

Ian le voltò la testa verso di lui.

"Tu farai questo ed altro!"

Attratti da un magnetismo irresistibile, i due si baciarono. Lui le baciava delicatamente il collo e le orecchie, mentre lei gli passava le mani tra i lunghi capelli. Il suo cuore batteva come un tamuro, non aveva mai provato simili emozioni. Si lasciò trasportare, gli slacciò i pantaloni e iniziò a maneggiare il suo membro.

"Sei sicura?"

"Più che mai..."

Gli salì a cavalcioni, lui guidò il suo membro da sotto il vestito nella vagina bagnata di lei.

"Fai piano, ti prego!"

"Farò tutto ciò che desideri!"

Lei si muoveva lentamente, lui le baciava il collo, poi le scoprì i seni e iniziò a succhiarli.

"Sei bellissima! Sei meravigliosa, Elisa!"

Lei non l'aveva mai fatto così dolcemente. Non aveva mai avuto altri uomini in vita sua, se si può includere tra gli uomini il cane rabbioso che aveva sposato. I loro ansimi si unirono e parevano un unico profondo respiro emanato dal mare. Iniziò a gemere: per la prima volta nella sua vita stava avendo un orgasmo. Quando Ian sentì il tremito iniziò a venire anche lui. Entrambi esplosero in un meraviglioso amplesso che li trasportò in una ipnotica dimensione di concupiscenza. Lei appoggiò il capo sul petto di lui.

"Non ti farà mai più del male!"

TO BE CONTINUED...

Lettrici e lettori. Il secondo capitolo di questa breve storia si è concluso. Nel prossimo raggiungeremo il climax. Ricordatevi il sempiterno commento, o scrivetemi a cobralocke@gmail.com

Questo racconto di è stato letto 2 4 3 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.