Erotici Racconti

La nuova vita di Sabrina parte 1

Scritto da , il 2018-11-09, genere dominazione

Nel paese
Sabrina e’ una donna attraente di 44 anni. Nel piccolo paese del Sud Italia dove vive viene considerata la ‘più’ bella del paese’. E’ anche stata premiata più’ volte con quel titolo nelle varie sagre paesane del luogo.

Ma Sabrina si e’ sempre vergognata un po della propria bellezza. Lei e’ molto cattolica e gli sguardi degli uomini, che spesso ricadono sulle sue forme prorompenti, la infastidiscono. Allora lei assume un atteggiamento altezzoso verso coloro che la osservano.

Sabrina e’ sposata con Antonio che fa il ragioniere per la ditta locale di piastrelle. Lo ha scelto, se si puo’ dire cosi’, tra i suoi corteggiatori, per la sua dolcezza e bontà’ d’animo e ora gli e’ molto affezionata.

Antonio e Sabrina vanno a prendere il caffe’ al bar della piazza tutte le domeniche dopo la messa. Malgrado i propri vestiti discreti e’ impossibile nascondere la bellezza di Sabrina e gli uomini al bar se la divorano con gli occhi.

E’ soprattutto Michele, il boss locale, a guardarla con più’ brama e sembra commentare volgarmente con i suoi compagni di tavolo tutte le volte che lei si avvicina. Lei, ovviamente, lo disprezza profondamente e non lo saluta neanche quando si incrociano. Sabrina non si metterebbe mai con certa gentaglia.
Problemi in paradiso
Non e’ un buon periodo per Antonio. E’ assente, triste e scontroso. Si arrabbia facilmente con i figli e esce la sera per lunghe camminate. Sabrina cerca di capire quale sia il problema, ma lui si rifiuta di parlarne.

Ma un giorno cede e racconta tutto. Una sera e’ andato con i colleghi di ufficio al casinò clandestino di Michele ed ha perso molti soldi. Il vino, le donne e la presenza di persone influenti del paese lo hanno spinto a giocare sempre più forte.

Ora e’ sotto di trecentomila euro e non e’ neanche riuscito a pagare gli interessi dovuti nell’ultimo mese. Se non restituisce i soldi la settimana prossima non sa cosa gli capiterà.

Sabrina e’ molto arrabbiata, ma alla fine deve accettare la situazione. Lo sa che Antonio e’ un debole e capisce come abbia potuto essere spinto a fare qualcosa di stupido. Per quanto possa essere arrabbiata, non vuole perdere tutto ciò che ha.

Ma cosa si può fare?

Sabrina prende una decisione
Sabrina si veste da lavoro: pantaloni, una camicetta bianca ed un blazer blue. Scarpe con tacco alto. Non vuole dare adito a strani pensieri. Lei sta andando a parlare con Michele per risolvere la situazione di suo marito. E’ un incontro serio.

Tutti sanno che per parlare con Michele bisogna andare nel suo ufficio elegante in una via alla periferia del paese. Sabrina ci arriva in macchina. Rimane nel parcheggio per un po cercando di farsi forza. E’ molto agitata. Non capita tutti i giorni di dovere contrattare con criminali. Non sa cosa la aspetta.

Ha deciso di chiedere a Michele di ridurre l’interesse sul debito di suo marito. E’ ottimista. Mentionera’ i bambini, la buona fede di suo marito, il fatto che quei soldi non ce li hanno e farà cadere l’informazione che lei ha un cugino che e’ maresciallo dei carabinieri. Troveranno sicuramente un accordo.

Sabrina sale le scale con il cuore in gola. Arriva sul pianerottolo e vede una porta molto elegante con sopra scritto ‘Anvioius International’. Li e’ dove si puo trovare Michele. Apre la porta con titubanza e si trova in una stanza ampia. Nella stanza ci sono due divani e sui divani lei riconosce due uomini che di solito sono seduti al tavolo del bar con Michele.

Loro la fissano sorpresi. Lei dice: “Buongiorno, sono qui per vedere Michele”. Uno sguardo passa tra di loro, forse un sorriso, almeno così le pare. Si alzano entrambi. Uno e’ un uomo molto grosso, nero di capelli con una faccia scimmiesca. L’altro e’ piccolo e grassoccio con occhi furbetti e maliziosi.
La sicurezza
Il piu’ piccolo dice: “Signora, se vuole vedere Michele, la devo perquisire. Lei capisce che il capo e’ una persona molto importante”.

Sabrina si rende conto che qualcosa non quadra. E’ sospettosa. “Sono sicura che non sia il caso. Michele mi conosce. Poi, cosa vuole che nasconda?” Il piccolo ripete: “Mi spiace signora. Non ci sono eccezioni”.

Sabrina lo guarda negli occhi e vede l’ombra di un sorriso dietro la facciata seria. Cosa fare? Non c’e’ pmolto tempo. Lei deve parlare con Michele.

Allora apre le braccia come si fa all'aeroporto quando si passa attraverso security. Il piccolo la guarda e dice: “No signora, metta le mani contro il muro per favore”.

Sabrina si gira e appoggia le mani contro il muro. “Venga piu’ indietro con i piedi”. E lei sposta le gambe un poco indietro. “Ancora di più Signora. Apra le gambe.”. E lei esegue.

A lei pare di sentire un certo tono divertito nella voce del piccolo che la fa imbestialire. Si sente esposta con il culo per aria a quel modo, senza neanche poter vedere le facce dei due uomini.

“Così va bene, Signora”. Ma ora c’e’ qualcosa di diverso nella voce. E’ più aspra, più roca. Non c’e’ ironia ora. Con la coda dell’occhio vede il grosso che si dispone comodo seduto su una poltrona a gambe aperte ad osservarla.

Poi sente le mani. Prima sulle caviglie, poi più su sui polpacci, poi sulle cosce all’esterno sopra i pantaloni.

Si rende subito conto che non e’ una perquisizione normale. Le mani del piccolo si soffermano, accarezzano, stringono. Le sembra che il respiro di lui acceleri quando passa le mani dall’esterno delle sue cosce all’interno.

Sabrina e’ come paralizzata. Sente un rossore diffondersi sul suo viso: un calore strano, ma anche un brivido allo stesso tempo. Ora sente le mani del piccolo che le si infilano tra le gambe e le massaggiano la fica sopra i pantaloni aderenti. Si soffermano. Si muovono lentamente, su e giu. Se la sta godendo.

Allora si riprende, si stacca e urla: “Basta ora! Cosa sta facendo!”. Il piccolo la fissa impassibile e le dice, questa volta con tono cattivo: “Faccia come vuole. E’ libera di andarsene se preferisce.”.

Sabrina capisce. E’ qualcosa che deve fare per suo marito, per la sua vita. Si rassegna. Il piccolo si accorge che ha vinto. Le dice: “Si tolga il blazer per favore”. Lei lo fa e si rimette contro il muro.

E’ confusa e un po impaurita. Ma c’e’ anche una sensazione strana dentro di lei, come un calore che sembra partire tra le sue cosce ed arrivare alla sua faccia che e’ tutta rossa.

“Dove eravamo rimasti, Signora”. Ma ora quella parola, Signora, ha un tono strano, come se qualcosa stesse per succedere. Sente di nuovo le sue dita tra le cosce. Sente la sua fica che comincia a reagire. Si apre? Forse si bagna? No, non e’ possibile!

Il piccolo ora le ha messo le mani attorno alla vita. E le mani stanno salendo verso i suoi seni. Le sente slacciare i bottoni della camicetta. Arrivano sopra il seno. Le abbassa il reggiseno e comincia a giocare con i capezzoli che sono duri ed eretti come se le piacesse.

Lo sente ansimare dietro di lei. Le ha appoggiato il cazzo al culo e lo sta strofinando sopra i pantaloni tenendolo nel canale tra le natiche. Le sue mani le strizzano i seni nudi. La sta scopando sopra i pantaloni.

Di fianco a loro il grosso, con la lingua sulle labbra, li guarda intensamente con gli occhi socchiusi. Si sta slacciando i pantaloni.

Sente una voce roca sussurrare vicino all orecchio: “Minchia, che fica che sei! Senti il mio cazzo. Ora mi fai godere, puttana”.

In quel momento l’intercom suona ed una voce sottile dice: “Fatela entrare”. Il piccolo si stacca immediatamente da lei. Il grosso si alza addirittura in piedi. Lei nota i loro membri duri che gonfiano i pantaloni. Forse c’e’ una piccola macchia su quelli del piccolo.

Sabrina si stacca dal muro. E’ un po sconvolta. Si accorge di stare ansimando. La sua camicetta e’ aperta e i seni sono visibili. Si ricompone. Alza la faccia e guarda i due uomini con aria di sfida. O almeno ci prova.

Il piccolo le dice: “Prego Signora, puo’ entrare”. E le indica la porta. Lei comincia a camminare con passo barcollante sui tacchi alti. Quando arriva vicino al piccolo, lui le sussurra pianissimo: “Tanto prima o poi ti scopo, troia”.

Lei fa finta di non aver sentito, apre la porta ed entra.

Questo racconto di è stato letto 2 9 5 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.