Erotici Racconti

Il marito della parrucchiera

Scritto da , il 2018-09-13, genere etero

Il marito della parrucchiera - capitolo 1
“Non è possibile, questa è appena arrivata e già fa come le pare!” Apro gli occhi e guardo l'orologio digitale: le 9.30 dell'ultimo venerdì di agosto... scuoto la testa e mi rimetto a dormire.
Un paio di ore dopo, a colazione, la spiegazione dell'invettiva che mi aveva svegliato.
Mia moglie Teresa, quarantenne brillante ma impetuosa titolare di un avviatissimo salone di parrucchiera in un quartiere-bene di Roma, mi informa che Sara, la nuova ragazza praticamente appena assunta non può rientrare dalle ferie prima perché la nonna sta male...”eh ma mica può fare come le pare, Paolo martedì quando torna le fai un mega cazziatone perché questa se non la mettiamo in riga subito...”
Paolo sono io, 45enne libero professionista, marito di Teresa e suo “aiutante” economico legale per permetterle di dedicarsi anima e corpo al lato artistico.
E così il martedì successivo sono al lavoro, da solo e beato, che aspetto l'ora di chiusura del negozio e cerco le parole per adempiere all'incarico affidatomi da mia moglie per spiegare a Sara come interagire con la sua titolare e mi rendo conto immediatamente che non mi aspetta per nulla un compito semplice perché non è il mio lavoro né sono abituato a dialogare con il personale di mia moglie in qualità di “co-titolare”, al limite cazzeggiando qualche minuto all'apertura o alla chiusura...e poi perché Sara non è solo la nuova apprendista del negozio ma anche un esemplare di puro spettacolo femminile: 18 anni ancora da compiere, 170 centimetri di curve, lunghi capelli castani, due occhi da cerbiatta ed una bocca da infarto.
Pensa che ripensa l'ora è quasi arrivata e decido per un approccio sintetico ed essenziale, probabilmente farò la figura dello stronzo, d'altronde il compito è ingrato e poi meglio io che Teresa che ci deve lavorare tutti i giorni.
Cinque minuti ed arrivo fuori dal negozio dove mi stanno già aspettando: “Oh eccoti qua, ti lascio con Sara io intanto vado ad ordinare quel materiale nuovo di cui ti ho parlato” mi dice mia moglie andandosene e lasciandomi lì come un fesso!
Sara mi guarda perplessa, dall'alto dei 10 cm di differenza che le zeppe che indossa le regalano a corredo del look leggins e tshirt, tipico di fine agosto e così per spezzare l'imbarazzo del momento la invito ad entrare all'interno del negozio sperando che l'aria condizionata ci eviti la liquefazione.
“Teresa ti avrà detto il motivo della nostra chiacchierata, solo cinque minuti per chiarire alcuni concetti fondamentali e basilari e ti lascio andare” inizio per introdurre la questione.
Sara mi guarda con un'espressione indecifrabile, un misto tra il suo delizioso broncio e quell'aria un po' insofferente così tipica dei giovani dei giorni nostri e mi dice “Se ho capito bene riguarda il rientro dalle vacanze” lanciando occhiate sia al grande orologio a parete che all'immancabile cellulare in mano.
“Ecco vedi Sara” inizio io stranamente a disagio “questo salone è da sempre gestito come una famiglia, Teresa stabilisce un rapporto personale e di fiducia con le ragazze e si aspetta che loro facciano lo stesso. Se non ho capito male ti aveva avvisata alla chiusura prima delle vacanze che essendo arrivata da un mese avevi poche ferie e dovevi tornare il sabato” Nell'enfasi di parlare, tipica del mio lavoro, avevo perso il contatto visivo con Sara e quando l'ho nuovamente cercata con gli occhi mi sono accorto di due cose: che era del tutto disinteressata alle mie parole, continuando a digitare furiosamente sulla tastiera del suo i phone e che l'intensa aria fredda che usciva dal condizionatore aveva evidentemente inturgidito i capezzoli che troneggiavano sul suo grande e sodo seno da diciassettenne e che ora spuntavano prepotenti sotto la t shirt.
Infastidito per il disinteresse palesato ma nel contempo affascinato dall'involontaria esibizione smetto di parlare e rimango a fissare Sara che dopo qualche ulteriore secondo di digitazione si accorge che il mio sproloquio si è interrotto, alza la testa imbarazzata ma sempre con quel suo strano sguardo obliquo e un po' canzonatorio e mi dice “Si si ho capito, cercherò di stare più attenta”.
Non so bene se sia il tono con cui pronuncia la frase, il fatto che sia palesemente indifferente alle mie parole od il permanere dei due chiodi che spingono sulla maglietta, ma dentro di me scatta qualcosa e d'istinto dico, alzando appena la voce ed indurendo lo sguardo “Ho l'impressione che tu non abbia ascoltato una parola di quello che ho detto e che in ogni caso non te ne freghi un cazzo, pertanto sarà il caso di aggiungere al discorso una punizione che ti sensibilizzi sull'argomento!”
Sara mi guarda sorpresa, quasi stupita dal cambio di tono e di clima, ha perso l'aplomb che l'aveva accompagnata fin li e per sdrammatizzare mi dice “Vorrai mica sculacciarmi?” Le sue parole ma soprattutto la bocca che le ha pronunciate mi regalano un lungo ed intenso brivido, esito pochi secondi con quel poco di lucidità che mi rimane e poi sento me stesso dire “Mi pare un'ottima idea, sono sicuro che contribuirà a fissarti bene il concetto” e senza darle modo di ribattere la prendo per una mano, mi accomodo su una delle sedie nel salottino attesa e la sdraio sulle mie gambe con il seno che spinge sulla mia coscia sinistra, il ventre sul mio ed il suo pieno e rotondo culo davanti ai miei occhi.
Il movimento è stato così rapido ed improvviso che Sara non ha aperto bocca ma ora, sdraiata a pancia in giù, con un gesto fluido delle due mani si cala leggins e mutandine fino alle ginocchia, tenendo i suoi occhi fissi nei miei, mi dice “Se punizione deve essere, che sia fatta come si deve”.
Il suo sguardo fa crollare i rimasugli di buon senso che mi sono rimasti, appoggio quindi la mia mano destra sulle natiche nude, calde, sode e dico “Conta!” facendo partire la prima sculacciata. “Ahia” dice invece Sara più per la sorpresa che per il dolore. “ Ho detto conta!” insisto, facendo partire la seconda sculacciata più forte. “Uno” grida lei sussultando.
“Due”
“Tre”
“Quattro”
“Cinque” “
Sei” mi fermo un attimo, ansimando per l'eccitazione del momento, con un bozzo tra le gambe che preme dai pantaloni contro il suo ventre, per controllare lo stato delle sue chiappe che si mostrano rosse e bollenti al tatto.
Mentre rifletto sul da farsi, mi accorgo che forse inconsapevolmente Sara ha leggermente dischiuso le gambe mettendo così in mostra un sesso completamente depilato e vistosamente bagnato e gonfio. “Hai capito la ragazzina” penso tra me e me, ma in realtà dico ad alta voce. Sara a quelle parole si gira e con il viso distorto dal piacere e dal dolore, mi invita, tacitamente, a proseguire.
“Sette”
“Otto”
“Nove”
“ Dieci” in rapida sequenza alternando le natiche ed aumentando la forza, sentendo il suo corpo dimenarsi ed il suo ventre premere sul mio, oramai congestionato.
“Undici”
“Dodici”
“Tredici”
“Quattordici” le natiche stanno andando a fuoco ed io sto valutando di smettere quando Sara divarica ancor di più le gambe, invitandomi a spegnere l'incendio.
A quel punto inumidisco medio ed indice della mano destra e li insinuo in mezzo alle gambe, trovando il sesso di Sara aperto e bollente che le inghiotte immediatamente avvolgendole di umori, alternando movimenti rotatori ad altri più profondi fino a toccarle quasi il fondo della vagina, lentamente e con calma.
Sara si contorce dal piacere cercando vanamente di soffocare i gemiti che escono dalla sua bocca con la stessa intensità con cui i suoi umori inzuppano le mie dita.
Decido allora di intensificare i miei gesti, prima uncinando le dita dentro di lei per raggiungere la parete più sensibile, una, due, tre volte, poi accelerando la penetrazione e la rotazione sprofondando in lei al massimo della lunghezza delle mie dita mentre lei per lenire i propri gemiti afferra il dito medio della mia mano sinistra ed inizia a leccarlo e succhiarlo come un piccolo cazzo.
Avverto Sara che si irrigidisce, l'orgasmo sta per avvolgerla, accelero ulteriormente i miei movimenti e con il pollice cerco e trovo il clitoride gonfio, stimolandolo finché improvvisamente sento il suo sesso chiudersi sulle mie dita e poi il suo corpo fremere violentemente, mentre dalla bocca escono rantoli di piacere.
Passa circa un minuto e si rianima languidamente fissandomi negli occhi con quel sorriso dannatamente malizioso e si rialza in piedi spostando lo sguardo verso il mio grembo: i bermuda che porto sono infatti tesi all'inverosimile ed una piccola macchia circolare testimonia il livello di eccitazione raggiunto.
Sara si passa la lingua sulle labbra carnose e, sempre senza staccare i suoi occhi dai miei, porta prima la mano aperta sul cavallo dei pantaloncini, poi con un unico preciso movimento li sbottona facendo scendere la zip.
E' ancora estate e poiché come da abitudine non porto le mutande, il mio sesso svetta immediatamente, tesissimo, lucido e provato dalla lunga eccitazione, accolto con un gridolino di soddisfazione dalla ragazza, più per la sorpresa che per le normalissime dimensioni.
Sara allunga la sua mano affusolata ed afferra il mio membro con forza, quasi a saggiarne l'effettiva consistenza, prima sfiorandone la sommità con i polpastrelli spargendo le gocce di liquido fuoriuscite, poi solcandolo dolcemente con le unghie lunghe e curatissime, dal glande fino alla radice, facendomi sussultare.
La tensione erotica è altissima, nessuno dei due si muove, solo il mio sesso vibra autonomamente quasi tendendosi verso Sara e le sue mani. Considerata la sua età potrei pensare che sia improvvisamente imbarazzata ed indecisa sul da farsi, ma il luccichio nei suoi occhi mi fa pensare che mi stia volutamente torturando tenendomi in sospeso.
Sempre senza interrompere il contatto visivo Sara si inginocchia, incuneandosi tra le mie gambe, e scende fino a farmi sentire il suo fiato sul mio membro congestionato e teso come non mi accadeva da tempo, per poi percorrerlo dalla punta sino alla radice con una lentissima leccata.
“Sara” dico cercando di fermarla con gli ultimi barlumi di lucidità, più che altro consapevole dell’immane cazzata che sto per fare, ma desiderando più di ogni altra cosa che non smetta, quando all’improvviso riecheggia la suoneria del mio cellulare, proprio quella che ho abbinato al contatto di mia moglie.
Come colpito da mille volt mi alzo di scatto, travolgendo Sara ancora inginocchiata e rispondo al telefono: “Allora, hai finito con quella stronza?” mi apostrofa delicatamente mia moglie. “Si tesoro, stavamo proprio uscendo e credo che abbia capito” dico io di rimando, mentre vedo Sara che si tira su mutandine e leggins con una smorfia di dolore per il contatto con la sua pelle ancora rossastra ed esce dal negozio con uno strano sorriso.

Questo racconto di è stato letto 2 1 3 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.