Dopo il mare con Alberto

Scritto da , il 2018-07-25, genere gay

Con Alberto dopo quella scopata a mare ci sentiamo ancora e i nostri incortri finiscono sempre con una stratosferica scopata. La sera al ritorno dal mare mi arrivò un messaggio era Alberto che mi ringraziava ancora delle emozioni provate e che mi ospitava a cena la sera seguente per ricambiare. Io tutta la giornata pensai cosa sarebbe successo durante la serata. Dissi ai miei che andavo ad una festa con i miei amici e che se facevo più tardi del solito l'avrei avvisata. L'appuntamento era previsto per le 21 e puntuale arrivai a casa sua. Lui mi venne ad aprire la porta in modo già molto sexi cioè con un jeans molto stretto che eviziava il pacco. Appena chiuse la porta lo girai verso di essa e limonamo passionalmente. Dopo mi portò in salone dove aveva preparato un ricco aperitivo. Durante la cena mi raccontò un po' di lui della sua vita. Mi disse che era stato fidanzato con la sua ragazza per 6 anni e che si erano lasciati perché lei lo aveva tradito. E io gli chiesi se fossì stato la sua prima esperienza gay ma mi disse che prima di mettersi con Serena c'era stato un bocchino e qualche bacio con un ragazzo ma niente oltre. Mi racconto che da 2 mesi che si era lasciato non riusciva ad approcciarsi con nessuna ragazza neanche per una scopata. Finita la cena si alzò e si mise seduto su di me e ci baciammò mentre i serpenti cominiciavano a gonfiarsi. Così io lo feci alzare e ci spostammo sul divano e lui mi baciò e io aprì le gamve come per dargli il via e lui si mise a terra e mi sbottonò i jeans e dai miei boxer mi segava dopo tolse anche quelli e cominciò a farmi una sega mentre i miei 18 cm crescevano nelle sue mani fino a quando non ha aperto la bocca e mi ha fatto un bocchino da oscar. Dopo misì le mie mani sul suo capo e gli scopai la bocca. Dopo mi stesì sul divano e lui sopra di me per fare un bel 69. Le mie dita esploravano il suo buchino mentre la sua bocca giocava con i miei coglioni. Dopo le dita nel culo diventarono 2 e poi diederò spazio alla lingua facendo un rimming. Fino a quando non lo giro e ci baciamo, lui si abbassa e mi lecca i capezzoli, poi lo faccio salire, bagno la mano di saliva che spalmo sul cazzo e poi glielo ficco in culo e lo scopo, mentre lui gode come una troia. Dopo lo faccio alzare e lo faccio mettere a terra a pecorina fino a quando stavo per venire e lui si gira e gli arriva la mia sborra sulla lingua che ingoia e dopo mi ripulisce il cazzo. Ci alziamo e ci baciamo e ci diriggiamo nella doccia dove faccio sborrare Alberto già eccitato spompino come una troia. Mi rivestì e mentre me ne stavo andando mi ospitò a casa sua per la notte dove successerò altre cose.

Questo racconto di è stato letto 2 7 1 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.