Erotici Racconti

Spaccami il culo

Scritto da , il 2018-07-10, genere gay

Il mio nome è Claudio e spesso ricordo con gran piacere la prima volta che mi sfondarono il culo. Avevo quasi 20 anni e una gran voglia di cazzo. La mia omosessualità la nascondevo con grande sofferenza, i miei genitori sono di origini meridionali e mai avrebbero accettato che il loro adorato figlio fosse gay... un culattone!!! Mio padre si era trasferito al nord con mia madre subito dopo il mio concepimento ed era pian piano diventato un piccolo industriale che godeva di grande rispetto . Avevamo una lussuosa villa e per comodità avevamo 2 uomini nigeriani che si occupavano della manutenzione dell'intera struttura. Afeef e Hassan erano 2 maschi di colore di circa 35 anni dal fisico marmoreo e nero come la pece. Entrambi lavoravano duro tutto il giorno e mi eccitavo a vedere le loro canottiere sudate che lasciavano ben in vista i muscoli scolpiti. Probabilmente loro avevano capito la mia diversità ma mai avevano osato molestarmi. Quel giorno di luglio in me era all'apice il desidero di un bel cazzo in culo! Ero ancora vergine e il mio buchetto ancora nessuno l'aveva mai profanato. I miei erano assenti così chiamai i 2 maschioni con la scusa di sistemare la mia caotica camera. Si presentarono al mio cospetto e si misero all'opera. Mentre sistemavano il disordine che regnava nella mia stanza, con il pretesto di cordinare le loro azioni mi strusciavo col culo contro i loro cazzi. Il risultato fu immediato, vedevo ingrossare le minchie tenute a stento dai loro jeans. In me si era scatenata la troia che cercavo di reprimere!!! Mi misi alla pecorina a sistemare un cassetto posto in basso del mio armadio e con grande senso di mignottona che mi pervadeva feci scivolare un po' i miei pantaloni fino a mostrare il mio bianco e delicato culetto. I 2 si misero a farfugliare nella loro lingua mentre più puttana che mai facevo scivolare ancora di più le mie braghe. A quel punto senti la mano di uno di loro nel mio sederino voglioso, mi girai di scatto e li rimproverari vigorosamente, loro stavano in silenzio ma gli occhi carichi di desiderio non lasciavano dubbio sui loro propositi. Mi rimisi a 90 gradi mentre facevo finta di rovistare il cassetto. Aleggiava in me il desiderio di essere stuprato!!! A quel punto Hassan, che era il più bello, mi prese per i fianchi e mi trascinó verso il suo cazzo ma io mi dimenai come una puttana e cominciai a gridare di essere lasciato ma i nigeriani stavolta erano inferociti. Entrambi con violenza cercavano di strapparmi i pantaloni, la mia resistenza era ipocrita e flebile... Volevo i loro cazzi!!! Quindi per gli africani sfilarmi gli indumenti non fu propio un impresa. Rimasi nudo e le loro mani cinsero le mie braccia, con forza mi misero a pecorina nel morbido bracciolo del mio grande divano. A quel punto l'inequivocabile rumore delle cerniere lampo dei loro calzoni mi fece battere forte il cuore! Era arrivato il momento!!! Mentre Afeef mi teneva fermo Hassan mi allargo le chiappe per individuare il mio buchetto... Aveva un cazzo enorme!!! Nn meno di 30 centimetri di minchia nera e turgida. Istintivamente cominciai a gridare, un po' impaurito se il mio culo sarebbe stato in grado di ricevere quell'anaconda!!! Avvicino la grossa cappella all'orifizio che già si preparava ad accogliere quel bastone di carne nera, appoggio con decisione la testa del fallo nel mio ano e si fece spazio devastando il mio culo. Gridai fortissimo!!! Quel cazzo era scomparso dentro le mie chiappe, cominciai a sudare freddo perché era enorme l'asta del nero Hassan!!! Lui la lascio dentro per almeno un minuto senza muoversi... In quel lasso di tempo lentamente il mio dolore si commuto in piacere e quando lui ebbe la percezione di questo, comincio a scoparmi il culo con forza. Era bellissimo!!! Godevo come una troia e spingevo le chiappe contro il cazzone e gridavo... "dai... Dai... Spaccami il culo non ti fermare... Più forte... Più forte". Meraviglioso... Il buco del culo era ormai dilatato e il dolore scomparso, sentivo i suoi coglioni sbattere contro le mie natiche, mi piaceva ascoltarlo gemere come un animale il mio possente inculatore. intanto Afeef aveva mollato la presa, intendendo che era inutile e intanto si masturbava il cazzo aspettando in silenzio il suo momento. Hassan comincio a spingere più forte, ormai stava per venire... Una serie di colpi violentissimo mi sfondo letteralmente l'ano e poi se ne venne dentro il mio culo. Sentí un fiume di sborra inondarmi... E lui gridava "frocio bianco ti ho spanato il culo così come ho fatto con quella puttana di tua madre!" così senza volerlo, venni a sapere che quella gran troia di mia madre era stata inculata da Hassan e l'amico . Sensazione bellissima!!! Poi un calore mai provato prima!!! Il seme del uomo nero scivolava nel mio retto, solo quando svuotó i suoi coglioni dentro di me uscì il cazzo ancora umido dal mio culo devastato ma con la mano tenne la mia testa ancora clinata e appiccicata al sofà e lasciò il posto al suo connazionale che fino a quel momento era stato in silenzio ma quando gli offri il mio culo si scatenò!!! Il culo ancora pieno di sborra favori la penetrazione del secondo cazzo, io ero in estasi gridavo di essere fottuto sempre più forte. Afeef ansimava ossessivamente e quando stava per venire tolse il cazzo dal buchetto mi spostò dal bracciolo e mi mise in ginocchio e mi infiló il cazzo in bocca. Non avevo mai fatto un pompino ma fui bravissimo! Gli leccai la cappella e lo strinsi con le labbra e poi tutto in bocca fino alle palle e poi risalivo lentamente, il nigeriano godeva come un pazzo e spingeva la mia testa affondandomi in bocca tutto il nero cazzo, poi sfinito mi sborro in bocca e io con grande maestría feci in modo di ingoiare quasi tutto, lasciai solo un rigagnolo di sborra uscire dalle mie labbra serrate, ma poi con la lingua la raccolsi abilmente, solo allora tiro fuori il cazzo. Mi rialzai e con cinismo di vera troia gli gridai di riprendere a lavorare in giardino. Li vidi allontanarsi dalla finestra mentre col ditino portavo in bocca l'ultima goccia di sperma e ridendo mi senti la troia che avevo sempre desiderato essere!!! Ancora oggi che di anni ne ho 42 e ho visto centinaia di piselloni sventrarmi il buco, durante gli amplessi amo gridare... "sfondami il culo!!!". Mi sono operato 2 volte di emorroidi provocate dall'intensa attività anale e il medico mi ha consigliato più volte di limitare i rapporti sessuali. Ho cercato di diminuire la frequenza dei cazzi che ospito nel mio culo... Ma non ci riesco... Alla vista di un bel cazzo non so dire di no e ultimamente mi faccio inculare da due cazzi contemporaneamente... Il mio buco anale sembra un oblò di lavatrice... Mi ci hanno infilato di tutto perfino una intera bottiglia di acqua da 2 litri!!! Non posso farci niente... amo i cazzi!!! Adesso che ho terminato il racconto sono eccitato e ho bisogno di una minchia... Nel piano sottostante al mio ci abita un bel ragazzo con un cazzo gigantesco, gli regalo 30 euro e mi scopa come una vera troia... Perdonatemi... Nn resisto più ho il culo che mi tira come un treno... Devo andare immediatamente!!!!

Questo racconto di è stato letto 3 9 8 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.