Dalla timidezza alla lussuria

Scritto da , il 2018-06-23, genere etero

Luca era un ragazzo normale, 23 anni... indubbiamente carino.
Ma aveva un grande limite.. Una timidezza disarmante che tante volte e in ambiti diversi, lo avevo portato a rimpiangere il passato. Questi problemi avevano naturalmente influenzato il rapporto con le ragazze. Aveva quasi timore ad avvicinarle. Troppo forte era la paura di essere respinto. Si trovava così molto spesso a fantasticare su quel che avrebbe voluto.. ma la realtà era diversa e i sogni restavano tali. Forse anche per questo, nel corso degli anni si era avvicinato con discreto successo alle donne più grandi, spesso contattate in chat. Qualche battuta, qualche complimento e un atteggiamento più rilassato nel dialogo, lo mettevano a suo agio. Con il passare del tempo era diventato un vero e proprio estimatore delle donne mature. Con attenzione e determinazione le cercava e, complice un pc dietro il quale nascondersi, riusciva inevitabilmente a sciogliersi.
cosa che mai era riuscito a fare con le sue coetanee.
In questo modo incontrò anche Marisa, quarantacinquenne separata e con due figlie da crescere. Il lavoro di commessa non la soddisfava ma visti i momenti difficili e le bocche da sfamare, era costretta a fare "buon viso a cattivo gioco". Alla sera, terminate le faccende domestiche, si concedeva qualche minuto al pc. Su consiglio di una collega si era iscritta ad un sito di incontri, più per curiosità che per altro.
Dopo pochi giorni dall'iscrizione, Marisa era già pentita di aver ascoltato i consigli di Lucia. Era sconvolgente l'umanità che popolava il sito. Frustrati, maleducati, maniaci sessuali che al posto del "ciao" iniziavano il dialogo esponendo parti del corpo più o meno interessanti. Una mail la aveva incuriosita. Chi le scriveva era Luca,un ragazzo che avrebbe potuto essere suo figlio. Non era solita rispondere ma quei modi gentili e corretti l'avevano intenerita e così decise di rispondere.

Molte mail scritte da Luca restavano senza un seguito. Il ragazzo aveva iniziato a sospettare del fatto che questo sito fosse popolato di profili falsi. Poche risposte, spesso negative.. fin quando arrivò il saluto di Marisa, quarantacinquenne contattata qualche giorno prima. Onestamente Marisa era finita nel "gruppo" delle donne contattate da Luca. Nella piccola foto del profilo sembrava essere una donna normale con un bel sorriso. Poco altro si riusciva a capire.

Il modo di esprimersi educato da parte di entrambi li portò a prendere maggiore confidenza. I due nelle chat parlavano di tutto. Ogni tanto Luca si faceva leggermente più audace ma Marisa era abile a "sviare" il discorso. "Cosa mai potrà volere da me un ragazzo così giovane - pensava - . Tra l'altro mi sembra anche carino, ammesso che sia veramente lui in quella foto".

Luca, nel pieno della tempesta ormonale interpretò la buona educazione della donna, come un invito a proseguire il dialogo cercando di programmare un incontro.. Dopo una serie di cortesi rifiuti, finalmente Marisa capitolò e propose a Luca di raggiungerla un sabato sera nella sua città per bere una birra insieme. Affidate le figlie all'ex marito, Marisa indicò a Luca il luogo scelto per l'incontro. Il giovane partì in macchina e in poco tempo percorse i 60 km che lo separavano dalla donna.

Entrambi visibilmente emozionati, si scambiarono un bacio sulla guancia e furono felici di vedere che la persona che avevano davanti era effettivamente quella che, fino a quel momento, avevano visto solo in foto. Luca aveva scelto un abbigliamento sportivo. jeans a vita bassa, camicia rigorosamente fuori dai pantaloni e giacca leggera. Marisa, non essendo troppo alta, aveva cercato di valorizzare i suoi punti di forza. Le labbra esaltate da un rossetto appariscente ma non volgare, e una intrigante scollatura capace di fare "notare" l'abbondante seno (una quinta misura). Una gonna sopra il ginocchio e uno stivaletto basso completavano il look scelto per la serata.

Al pub parlarono di molte cose. Gli sguardi più volte si sfiorarono.. In particolare Luca venne più volte colto con l'occhio su quella meravigliosa scollatura. Non era sicuramente Monica Bellucci.. però,forse in ricordo di quanto cantava De Andrè "più che l'onor potè il digiuno", Luca sperava veramente di poter approfondire la situazione.

Complice la birra e i molti sorrisi, Marisa si sciolse e inizio a guardare il giovane come un uomo. Era carino e aveva un fisico sportivo. Le ricordava quasi il marito nei primi anni di matrimonio, prima che si lasciasse andare diventando uomo pesante (in tutti i sensi).

Insieme decisero di raggiungere la collina dove avrebbero potuto ammirare il panorama della città illuminata nella notte. Salirono sull'auto di Marisa e in pochi minuti raggiunsero la destinazione. Il luogo era isolato ed effettivamente presentava uno scenario meraviglioso. Da lì, si dominava la città. Si vedevano luci e si sentivano rumori. Eppure attorno regnava il silenzio.
La situazione intrigante fece prendere coraggio a Luca che più volte cercò il contatto con la donna.. Avvicinamenti, sfioramenti.. Bastarono queste cose per fargli crescere l'eccitazione.. una eccitazione che non passò inosservata...
Marisa era combattuta.. Da tempo ormai non aveva rapporti sessuali e ora si trovava davanti un bel ragazzo che se la stava mangiando con gli occhi... "Potrebbe essere mio figlio - pensava cedendo ai sensi di colpa - Ma è così tenero.. Gli è bastato avvicinarsi per... si... Gli è bastato un contatto.. e si è subito eccitato.. Quel gonfiore sui jeans è veramente inequivocabile"...
Il fatto di sentirsi desiderata, e oltretutto da un corpo così giovane, fu l'elemento decisivo che fece pendere la bilancia dal lato della trasgressione.. La situazione era per entrambi elettrizzante. Iniziarono a camminare in quella piccola piazzetta dalla quale potevano vedere tutta la città. Costeggiarono le mura della chiesetta della collina e ad un certo punto, non appena le mani entrarono in contatto (un po' per caso e un po' per volontà) si guardarono intensamente. Non ci fu bisogno di parlare. Luca avvicinò quelle labbra invitanti e fu motivato dal fatto di trovarle aperte e a loro volta vogliose.. Senza accorgersene Marisa e Luca si trovarono appoggiati al muro della chiesa impegnati in un bacio appassionato. Le lingue danzavano in maniera selvaggia, vogliose di recuperare il tempo che, per motivi diversi, avevano perso.
L'eccitazione di Luca veniva ora percepita meglio dalla donna in quanto i corpi erano in perenne contatto. Sentire quel giovane membro eretto a contatto con la sua intimità, provocò in Marisa un fremito. Non era più la donna morigerata e razionale... ora voleva solo una cosa.. voleva essere posseduta da quel corpo giovane e atletico.
Luca avrebbe voluto avere più mani per poter esplorare il corpo formoso di Marisa.. Alternava in maniera frenetica le "palpate" sui fianchi e sul sedere della donna. La bocca si era invece concentrata su quei seni meravigliosi. Liberati dal reggiseno, spuntavano due capezzoli di notevoli dimensioni, ritti e pronti ad essere leccati.
Sentire la lingua di Luca sul seno, fece letteralmente perdere la testa a Marisa. Le mani della donna si posarono sul sedere di Luca, chiaro invito ad avvicinarsi il più possibile al suo corpo... alla ricerca di una simulazione di penetrazione non ancora possibile a causa della presenza dei vestiti.
Sentire quel pene così duro contro la pancia la convinse a prendere l'iniziativa. In pochi secondi la donna allentò la cinghia dei pantaloni del giovane, e quasi strappò tutti i bottoni..Con la mano saggiò la consistenza dell'asta e con piacere si accorse che era ancora più grossa di quanto fino a quel punto avesse immaginato.
completamente in estasi si abbassò e con voracità lo prese in bocca...
Luca teneva la testa della donna e la agevolava con lenti movimenti di bacino.. Sentiva il cazzo gonfiare in bocca alla donna e più volte dovette allontanarla per non venire subito... Per nulla intimorito del fatto di essere all'aperto, Luca decise di passare all'azione e, spinta nuovamente la donna contro il muro, si abbassò, le sollevò la gonna, abbassò collant e mutandine e con golosità iniziò a leccare.. Gli umori della donna rendevano agevole il compito della lingua e delle dita.
Marisa doveva trattenere le urla di piacere.. Era troppo forte il rischio di essere "sentita".. Ma accidenti.. come leccava bene! Instancabile il piccolo uomo...
Consapevole di essere ad un punto di non ritorno, la donna lo afferrò per i capelli invitandolo ad alzarsi...
Gli sguardi si incrociarono un solo istante.. il tempo necessario a capire che entrambi volevano la stessa cosa... agevolato dal muro a cui l'aveva appoggiata, Luca sollevò Marisa e con un colpo secco infilò il cazzo in quella intimità grondante di piacere.
Marisa si sentì quasi infilzata. Si sentiva quasi "sventrata" da quell'attrezzo così lungo e spesso.. Aveva dolore ma... il piacere era molto più forte.. Si meravigliava anche della resistenza del giovane il quale affondava possenti colpi di bacino sostenendola con la sola forza delle gambe...
La testa immersa fra i seni, il cazzo che entrava con facilità dando una piacevole situazione di calore.. Luca era in estasi. Ma il suo obiettivo era quello di dare piacere alla donna. Ci era già riuscito con la bocca.. ora voleva che la donna godesse dei suoi colpi.
Marisa ebbe più orgasmi. Era da anni che non godeva così tanto.. Per questo, con riconoscenza, volle fare una cosa che mai aveva concesso a suo marito. Per questo, quasi sfinita, allontanò per un istante Luca prima di abbassarsi nuovamente su quello strumento di piacere. Veloci colpi di lingua sulla cappella rappresentarono l'antipasto di un meraviglioso pompino. Lo prendeva, lo leccava, lo succhiava e lo prendeva fino in gola. Ormai anche le buone maniere erano svanite con la timidezza
"Voglio essere la tua porca Luca! Voglio sentire il tuo sapore in bocca".
"Succhia così dai, continua, sei bravissima!!! Marisa, si, sto per venire si, continua daii, dai... siiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii".
Uno schizzo abbondante di sperma riempì la golosa bocca della donna la quale volle ingoiare tutto e pulire con lingua la rossa cappella del giovane.
Entrambi si ricomposero lentamente. Il desiderio, l'astinenza e la carica erotica avevano fatto ad entrambi perdere il lume della ragione.. Ma ne era valsa la pensa.. Tornati in centro, si salutarono con un bacio sulla guancia, consapevoli del fatto che, probabilmente, non si sarebbero più incontrati....

Questo racconto di è stato letto 3 2 6 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.