Erotici Racconti

La mia storia con lui - Capitolo 1

Scritto da , il 2018-04-14, genere gay

Capitolo 1
Consapevolezza

Sapevo di essere gay fin da quando ho avuto la consapevolezza di avere un pene. Ogniqualvolta ne avevo l’opportunità, nonostante ubicazione (sì, anche in aeroplano e ai grandi magazzini), le mie dita si trovavano ad accarezzare e giocare col mio uccello. Cominciai a farmi seghe a circa 12 anni, solo dopo cominciai a guardare i “ragazzi” in una luce diversa dal punto di vista sessuale.
Ora, a 18 anni in un liceo maschile, stavo impazzendo. Conoscete la sensazione? La sensazione di volere gridare alle masse: “io sono gay, la sensazione di avidità di corpi sudati e svestiti nello spogliatoio e sapendo che nel momento in cui metterai gli occhi su un cespuglio di peli sotto l’ombelico o su un torace ben definito, ti sarà rinfacciato per sempre e sarai disonorato per essere la persona che non sei. La sensazione di innamorarsi per la prima volta. Quello era quello che vivevo. E la cosa divertente era che pensavo che sarei sempre rimasto così. Represso, intrappolato nel mio guscio e desiderando silenziosamente il gusto di un cazzo nella mia bocca. Tutto questo cambiò quando incontrai Ben.
Lui era nella mia classe, un bel sogno atletico alto un metro e ottantadue. La sua faccia era quella di un cherubino: angelico e lussuriosamente invitante. Bei capelli corti, leggermente a spazzola, che io agognavo di toccare. Occhi marroni e labbra deliziosamente rosa, una bella carnagione bronzo chiaro. Tutti quegli attributi aumentavano il suo magnetismo. Non era possibile vederlo se non con vestiti firmati… e ragazze. C’era poi la sua risata. La sua risata deliziosa: acuta con un tocco femminile ed un riverbero sullo sfondo. I suoi denti non erano perfetti. Erano un po’ storti e lo facevano borbottare leggermente ogni tanto. Ma non me ne importava molto. Lui era perfetto ai miei occhi, e, denti storti o no, lo desideravo con una furia silenziosa, appassionata.
I posti nella classe per quel venerdì prima di Halloween erano sistemati a forma di U per un forum di discussione; i posti agli studenti furono assegnati alfabeticamente per cognome. Il mio nome comincia per ‘A’ e naturalmente mi venne assegnato il primo posto. Ben il cui nome cominciava con l’altro capo dell’alfabeto con una ‘Z’, sedette su una sedia di fronte a me, senza nessuno fra di noi. Io avevo gambe lunghe e anche Ben. Sfortunatamente non avevamo abbastanza spazio per tenerle a penzoloni. Fortunatamente, io che sono il più scansafatiche dei due, allungai le gambe fra di noi. Ma lui capì che i miei piedi erano là o così pensai. Ok, mentre l’insegnante stava discutendo con gli studenti, sentii due piedi coprire i miei. Normalmente le circostanze me li avrebbero fatti togliere rapidamente e mi sarei seduto diritto. Invece, per qualche ragione, li tenni là, godendo del suo tocco segreto e sperando che lui non pensasse che fossi un finocchio a tenerli là.
Lui tolse i piedi due minuti prima della campanella di fine lezione. I nostri occhi si incontrarono furtivamente e ebbi l’opportunità di avere una prova della sua vera bellezza e forma per buoni... diciamo, tre secondi. E quando la lezione finì, mi accinsi ad uscire rapidamente, sperando di evitare un ulteriore contatto visivo (che evitai a tutti i costi, sperando che nessuno vedesse la mia espressione). Ma mentre attraversavo la porta sentii una mano che mi toccava una spalla ed un soffocato: “Ehi, Michele…” Mi voltai e trovai un Ben sorridente. Non sapendo cosa fare, dissi: “Ciao” e cercai una scusa per andare via, tipo che ero in ritardo per la lezione seguente. “Ma stiamo andando tutti e due nell’ala di lingue nel seminterrato.” Disse lui: “Perché non andiamo giù insieme?” Rimasi scioccato. Quella era la prima volta che lui penetrava apertamente nella barriera che avevo costruito e mi aveva parlato. Ma rifiutai, ricordandomi improvvisamente della prova d’orchestra che mi aspettava. Ero così maledettamente bravo a mentire, anche a me stesso. E così lui si allontanò, guardandosi indietro una sola volta e poi raggiungendo la sua combriccola. Aspettai finché non scomparve e poi corsi alla mia classe facendo un altro percorso.
Quel giorno passò estremamente lentamente. Dire che passò è un’esagerazione. Alla fine della lezione dell’ottava ora stavo aspettando ansiosamente che la campanella rompesse il silenzio del pomeriggio e segnalasse la fine della giornata scolastica. Poi Ben mi trovò. Entrò nel laboratorio di informatica, disse all’assistente che doveva battere un compito e si sedette ad un computer sull’altro lato della stanza. Quando la campana suonò, io salvai il mio programma, chiusi la cartella, salutai il mio partner e mi preparavo ad andare a prendere l’autobus quando sentii quel tocco familiare sulla mia spalla. Ancora una volta era Ben e, come e più di prima, il suo sorriso splendeva, bene, diciamo che mi colpì con la sua semplicità assoluta. Questa volta fece una proposta.
“Michele, ehi, come va?” Chiese.
“Bene, più che bene Ben. Hai bisogno di qualche cosa? Io sto andando a prendere l’autobus e ho paura di perderlo.”
“Nessun problema. Ti darò un passaggio a casa se vuoi.” Fu la sua replica.
A quel punto ero tacitamente sotto shock. Il suo profumo, il suo sorriso, la sua mano sulla mia spalla, tutto di lui mi faceva impazzire. Volevo più di un passaggio da lui. Pensava che sarei andato alla festa di pre Halloween quella sera. Si chiedeva perché l’organizzatrice, una ragazza dal torace piatto che sapevo avere gli istinti di una cagna in calore non mi avesse invitato. Quello che lui non sapeva era che io avevo offeso la ragazza una settimana prima quando le avevo detto che lei era ossessionata (avevo contato 429 ritratti sul suo muro) da un particolare (e molto carino) ragazzo della band.
“Ma Glenda mi odia, Ben; veramente. Credo che voglia uccidermi. Uccidermi con la sua voce o qualche cosa del genere. O, con i suoi capelli: frustandomi come Sindel chica in Mortal Kombat.”
Lui rise.
Io sorrisi.
“Nessun problema, Michele molte persone hanno dato buca e lei mi ha chiesto di aiutarla a sostituirli, um, voglio dire trovare altre persone che vengano alla festa. Verrai se ti dicessi che lei ti vuole di brutto?”
No! Ma c’era lui davanti a me e così dissi di “sì”, sorrise, mi diede un invito ed io corsi all’autobus che stava partendo.
Nonostante il carico infernale di compiti per quella sera, ero eccitato. Stavo per andare ad una festa con il figo e delizioso Ben. Mia mamma mi accompagnò a cercare un costume. Ci pensai poi optai per delle calze sfilacciate, un cappello lavorato a maglia, un cappuccio ed una camicia nera. Dovevo essere un poeta russo affamato. Aggiunsi una bambola ed ero a posto, sembravo decisamente bizzarro.
La sera arrivò, chiara e fresca, coi primi freddi di ottobre. Quando arrivai alla festa, circa alle 7 di sera, c’erano persone ‘svenute’ per la birra sul prato di Glenda. Forme sospette si attorcigliarono dietro a tende delle camere da letto del secondo e primo piano. Entrai chiedendomi come fosse vestito Ben, quando mi accorsi, con mia sorpresa, che sfortunatamente non si trattava di una festa in costume. Questo provò ulteriormente un punto, che sono un completo idiota.
Vidi ombre di tutti i colori davanti agli occhi, ma mi dissi che erano tutti troppo ubriachi per notarlo. Dissi “ciao” a Glenda, gli dissi che mi spiaceva per l’affare della band e le diedi il mio invito. Non essendo una “persona socializzante”, depositai il mio bel sedere su un bel divano di cuoio solitario. Glenda poi radunò il “gruppo degli amici”, spense le luci ed accese il videoregistratore. Dovevamo guardare ‘Punto di non ritorno’, un film di fantascienza/horror che si svolge su una nave spaziale infestata da spettri e demoni infernali. Tutto bene, il divano, così io pensai, era vuoto. Ma quando cominciò la prima schermata e la sua luce ruppe l’oscurità, scoprii che il divano era occupato da due altre persone oltre a me: Ben e Glenda. Gli sorrisi e misi una buona distanza tra me e Ben che era seduto in mezzo. “Punto di non ritorno” avanzò con la velocità di una lumaca in inverno. Per tutto il film Glenda tentò inutilmente di sedurre Ben coi suoi lunghi capelli biondi ed il top rivelatore (che tuttavia non rivelava molto). Ben era concentrato sul film. Ed io, a mia volta, ero concentrato su di lui.
Io ero a disagio. Glenda aveva la testa sulla sua coscia e si muoveva così lentamente come avrei voluto fare io. Appoggiai le gambe su di una sedia vuota di fronte a me per scuotere via la tensione. Il film non era così pauroso, più che altro disgustoso, ma mai pauroso. La cosa che ci faceva comunque sobbalzare, era ogni volta il grido acuto di Glenda. Dopo una particolare sessione di grida, Glenda appoggiò la testa proprio sull’inguine di Ben e spinse in giù. Seguì un bisbigliato: “Glenda!” e Ben si spostò vicino a me. I nostri sederi si stavano toccando e lui si chinò sulla mia spalla. I suoi piedi scalzi si alzarono vicino ai miei. Le sue mani toccarono il mio ginocchio. In altre parole, improvvisamente ero straordinariamente sedotto, mandato in trance da quell’angelo che sedeva vicino a me, toccando i miei piedi con le calze e strofinando lentamente e seducentemente il mio ginocchio in senso orario. Lo si sarebbe potuto dire guardando la protuberanza emergente nei miei pantaloni.
Cosa stavo facendo? Mi stava diventando duro per Ben. Ben! Ben, fra tutti, stava strofinando le mie cosce e stava giocando a piedino con me! Io stavo avendo un’erezione. Il cazzo in tiro! E non ero neanche ubriaco. E neanche lui! Cosa può pensare uno se non ‘oddio’ in un momento come quello?
Nel momento del mio panico, la voce di soprano disprezzata arrivò dalla cucina con due tazze di birra per Ben e me. Ma per un “incidente”, lei inciampò e le versò sui pantaloni di Ben. Uscendo dal mio stupore e dal tocco di Ben, mi offrii di trovargli un tovagliolo ed andai in cucina. Ben mi seguì.
“È tutto ok, Michele. Posso farlo io.”
“Ho già trovato questo per te. Asciughiamo bene. Dannazione, puzzi come mio padre dopo una notte fuori con suoi amici.
“Sì, i miei genitori mi uccideranno se mi trovano così quando vengono a prendermi.” Disse lui: “Dannazione, io odio la birra, io odio avere i pantaloni bagnati di birra.”
Ridendo risposi: “Perché? Li avevi già messi a bagno nella birra? Togliteli se vuoi e rimani in boxer.”
“Io non porto mutande.” Fu la sua replica: “Mi stringono troppo.”
“Ma non mi dire. Ehi, bel tipo, ti darò i miei pantaloni da portare per stanotte ed io resterò in boxer, inoltre, il settantacinque percento di questi stronzi sono troppo ubriachi per rendersi conto della bellezza delle mie gambe. Sei una taglia M, vero?”
Lui sorrise.
Io mi tolsi i pantaloni e glieli diedi.
“Portali pure, Ben. Solo cerca di non macchiarli! C’è un bagno là, due porte sulla destra.”
“Belle calze, sono uguali ai tuoi boxer.”
Bene, le mie calze non erano uguali ai miei boxer verdi ma sorrisi.
“È ok, io posso cambiarmi qui.”
Io mi girai per cortesia mentre si toglieva i pantaloni bagnati di birra.
“Ehi, Michele.”
“Sì?”
“Quella cagna voleva farmi questo, ok? Cosa ne pensi?”
“Sì. E cosa vuoi fare? Ucciderla con la tua bellezza?”
Quasi me la feci nei pantaloni in quel momento. Ero scivolato su quella parola, ma apparentemente non l’aveva notato.
“No, guarda.”
Mi voltai. Era nudo dalla testa ai piedi a con la doccetta del lavandino di Glenda in mano.
“Ora farò una doccia… nella sua cucina!”
E così dicendo aprì l’acqua e si divertì mentre l’acqua carezzava la sua pelle. La diresse all’interno delle sue cosce ed al punto in cui le sue gambe si univano. Io mi voltai, evidentemente imbarazzato, la mia erezione tendeva i miei boxer verdi.
“No, Michele, guarda!”
Io mi voltai lentamente. Aveva in mano una saponetta e si stava insaponando molto lentamente la zona pubica. Quando arrivò al suo set delizioso di palle, cominciò a lamentarsi.
“Ben, fermati! Sciacquati dannazione! Io ritorno al divano. Ci vediamo là.”
Avrei voluto restare e divertirmi a guardare la sua bella forma, ma mi dissi che non potevo.
“Michele, aspetta, mi spiace, smetterò!” Disse lui: “Avevo solo fottutamente bisogno di una doccia. Odio l’odore di birra e non voglio che i miei genitori pensino che mi sono ubriacato, quando mi verranno a prendere.
“Perché non usi il bagno?” Chiesi.
“Bene, vediamo, bagno uno, Giorgio e Clara stanno scopando, bagno due, primo piano, Carolina sta facendo un pompino a Giuseppe, toilette, primo piano, hmm, Giò sta vomitando. Credimi, Michele, avevo già controllato.”
“Se non vuoi problemi posso darti un passaggio a casa mia. Puoi fare una doccia e dopo posso accompagnarti a casa. I miei genitori non diranno niente ai tuoi. Se vuoi puoi avvisare i tuoi, mi sono stancato del film.”
Gli diedi il cellulare.
“Grazie.”
Ritornai in soggiorno ma non mi sedetti. Il mio posto era stato preso da Glenda ed uno più grande che si chiamava Marco.
Ben mise una mano sulla mia spalla e mi spaventò.
“L’ho detto ai miei genitori che mi hanno dato il permesso, ma chiedono se posso rimanere a dormire a casa tua perché non vogliono che rimanga da solo in casa mentre loro vanno alla loro festa. È ok per te?”
“Sì, sicuro.” Sorrisi. Non potevo contenere la mia eccitazione e lo baciai. Lui rispose animatamente. Ma io mi fermai, vergognoso di quello che avevo fatto ed uscii per andare alla macchina.
“Um, Ben…?”
“Sì?”
“Non importa.”
Il tragitto fu fatto in silenzio. In cinque minuti arrivammo a cada mia. Gli dissi che poteva prendere la camera da letto principale ed il letto dei miei genitori mentre io avrei preso la solita posizione sul divano. Esitò a dieri d’accordo, disse che avrebbe dovuto prendere lui il divano. Ma io insistetti, prese l’asciugamano che gli diedi, chiuse la porta della camera da letto e andò a fare la doccia. Io andai a dormire un po’ confuso, senza camicia per il calore soffocante dell’appartamento e con i boxer.
A metà della notte io svegliai con un po’ di fame, avrei preso delle patatine da un sacchetto ma prima andai in bagno che era nella camera da letto principale. A causa della mia vescica, andai in bagno prima di guardare la serena bellezza di un Ben addormentato. Dopo essermi liberato, notai che Ben aveva cambiato posizione ed aveva le mani nei pantaloni che gli avevo dato. Colpo di scena, si stava lamentando e stava dicendo il mio nome mentre si masturbava. Il primo pensiero fu: “Merda. Sborrerà nei miei pantaloni.” Ma poi mi resi conto della realtà della situazione: l’uomo dei miei sogni si stava facendo una sega, di fronte a me, e nei miei pantaloni! Mi avvicinai in punta di piedi, col cazzo in tiro e soffiai leggermente sulla sua faccia. Era addormentato. Stavo quasi per andarmene a prendere le patatine quando decisi “Che cazzo!” Mi curvai e slacciai i pantaloni dentro cui aveva le mani.
“Cosa cazzo!” Gridò.
“Um-… uhh… oh nooooooo…”
Corsi alla porta.
“Se vuoi fottutamente succhiarmi il cazzo, per favore fallo mentre sono sveglio, per favore!”
Lui aprì ulteriormente i pantaloni e mise in mostra l’uccello nelle sue mani. Era diventato molle a causa dello shock ma lo stava lavorando ferventemente per riportarlo su. Mi avvicinai un po’ e tirai giù i miei boxer. Lui si spogliò, poi mi tirò rapidamente a sé e mi baciò. Io risposi al bacio. Lui mi baciò di nuovo. Io ero in estasi. Tutte le mie fantasie si stavano avverando. Un ragazzo povero come me stava avendo quello che aveva voluto sin da quando aveva posato gli occhi su quel bel ragazzo.
Presi un capezzolo nella mia bocca, assaporai la sua dolcezza e mi spostai lentamente in giù al suo ombelico. Lui si lamentò. Io ci giocherellai leccando l’area dello stomaco e scacciando la sua mano ogni volta che cercava di masturbarsi. La mia lingua trovò la sua strada per le sue cosce lisce, quasi senza peli. Aveva un buon sapore ed io non avevo ancora esplorato il premio. Lentamente arrivai all’oggetto dei miei sogni. Solamente quando fu completamente eretto vidi la sfida che avevo davanti a me. Era duro. Veramente duro. Il suo cazzo era lungo 19 centimetri buoni, non male per un diciottenne. Succhiai, me lo infilai in bocca, andai su e giù con la testa, facevo tutto per soddisfarlo. Lui si lamentava continuamente e disse anche: “Rallenta!” Ero troppo preso da lui. Lo volevo.
Quando stava quasi per venire, mi fermai. Mi allontanai, ritornai al divano e piansi. Lui venne da me nudo e tremante nonostante il calore. Ce ne eravamo appena resi conto e non ci piaceva. Dannazione, avevamo goduto, ma lo shock era troppo grande. Lui mi abbracciò mentre piangevo. Ancora una volta lo baciai e poi andai via.

Questo racconto di è stato letto 2 0 1 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.