Erotici Racconti

Per poco non mi strozzavo

Scritto da , il 2018-04-11, genere gay

Era estate io e il mio amico Claudio eravamo soli a casa mia e non sapendo cosa fare ci guardammo un filmone porno, soli a casa com'eravamo.
Dopo mezz'ora di film con cazzi e palle piene arriva mia madre e ci rovina il film. Non so come mai ma decidiamo di spegnerlo, non fosse altro perchè dovevamo togliere l'audio.
Salutata mia madre e raccomandandola di non disturbare, decidiamo di metterci in chat alla ricerca di ragazze.
Il mio amico prende il comando del pc e dopo un pò si mette a fare una chat con una ragazza, un mezzo cesso a dire il vero ma per lui tutto faceva brodo... ad un tratto lui voleva mostrarsi in cam nudo davanti lei che accetta. Abbassa le mutande esce il bastone e si mostra come madre lo ha fatto davanti a lei, io lo invito a chiudere la videochiamata prima che mia madre senta.
Lui chiude il contatto e per sbaglio chiude pure la chat.
E' il piedi ancora col cazzo eretto quando si rivolge a me e mi dice (per scherzo):
"sugamilla"...
Io guardo il suo glande... gli do uno schiaffetto come per dire ma dai...
Lui mi guarda, fa un sorrisetto e ancora resta col cazzo dritto davanti a me. Aspetta che io gli dico di vestirsi. Dopo manco 10 secondi appoggia i pantaloncini sul buco della serratura per evitare mia madre che spia si avvicina a me e sta fermo mani sui fianchi.
Io gli dico: due palle...
E lui: ti stai annoiando?
Io: no due palle grosse ce li hai tu!!!
Lui: allora? Che facciamo?
Mi avvicina il pene alle labbra... io gli dico: no dai non lo so, dai vestiti e lui oramai me lo strusciava su tutto il viso, naso e occhi.... io apro la bocca e lo inizio a baciare a succhiare lentamente mentre gli tengo le palle... lui mette un pò di musica sul telefonino per non far sentire nulla a mia madre. Era la prima volta, ma con tutti i porno che ci siamo visti mi ero fatto un'idea di come si facevano i pompini.
E mentre muovevo la lingua ora orizzontalmente ora lungo tutta la circonferenza del pene, lui sentivo che voleva ansimare, ma doveva trattenere le sue emozioni perchè non poteva far sentire nulla a mia madre...
Fino a che mi disse sto per venire...
Ero talmente preso che non riuscii a capire cosa stava e poteva accadere diedi un colpo di lingua bellissimo sulla corona che lo fece eccitare al massimo mi venne con un primo schizzo sul palato ma un altro, forse eccitato dal fatto che mi fosse venuto in bocca, direttamente in gola provocandomi un senso di soffocamento... io tossii violentemente, il pene era uscito e altri tre schizzi mi colpirono l'orecchio e soprattutto la testa quando la abbassai per sputare...
Tossii così violentemente che mia madre d'un tratto aprì la porta e rimase sconvolta vedendo la mia testa china con due segni di sborra... il suo cazzo sopra i miei capelli ancora abbastanza gonfio e il pavimento sporco di tutto quello che ho sputato...
Inutile dire che il mio amico non potè venire più a casa mia.
Mia sorella (20 anni) per tanto tempo girava seminuda a casa per farmi cambiare idea sul sesso e sulle tendenze, ma poi sono diventato gay

Questo racconto di è stato letto 2 2 9 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.