Erotici Racconti

Tradita!

Scritto da , il 2018-01-11, genere etero

Ci eravamo conosciuti molto giovani io e Giacomo, il nostro amore era iniziato sui banchi di scuola e , finalmente, anche se ai miei non piaceva, appena ebbe un posto , ci sposammo.
Ci eravamo trasferiti a Roma ed abitavamo in un quartiere di periferia, uno di quei dormitori squallidi, ma quando aveva la giornata libera si andava al mare ad Ostia o a passeggiare al centro, la citta' era incantevole e noi eravamo felici di quel poco che avevamo.
Mi ero data a Giacomo da ragazza e avevamo sperimentato tutto quello che il sesso poteva offrire , facevamo l'amore con gioia ed entusiasmo.
Io avevo conosciuto solo lui , non avevo avuto altri uomini, ma ero felice di essere stata solo sua, ne ero orgogliosa, e quando mi voleva mi offrivo a lui come solo una donna innamorata puo' fare.
Volevamo un figlio ma sembrava che dovessimo attendere, il lavoro andava male, non potevamo permetterci un bambino, a stento si arrivava a fine mese.
Mamma ci aiutava come poteva e con lo stipendio ed il suo vaglia si tirava avanti in attesa di tempi migliori.
Quando Giacomo ando' in cassa integrazione la situazione divento' ancora piu' difficile, lui cercava di arrangiarsi facendo qualche lavoretto ed io cominciai ad andare a servizio.
Poi mio marito fece la piu' grossa cazzata della sua vita, per poter eseguire i suoi lavori di riparazione, in uno dei giorni che lo chiamarono in ditta, rubo' degli attrezzi.
All'uscita, forse un collega aveva fatto la spia, lo fermarono e scoprirono il furto.
Cosi' perse il lavoro.
Ormai potevamo contare solo sul vaglia di mamma, sul mio modesto lavoro e su quello che lui riusciva a guadagnare quando lo chiamavano per qualche riparazione.
Poi comincio' a non volerne sapere nemmeno di quei lavori saltuari, io lo vedevo sempre piu' depresso, passava le giornate in poltrona , a commiserarsi e guardare la TV, spesso, tornando stanca dal mio lavoro a domicilio lo trovavo ubriaco.
Avevo cominciato a prendere la roba a credito nei negozi sperando di poter saldare i conti con un po' di fortuna.
Un giorno in salumeria mi dissero che non avrei potuto comprare altro finche' non avessi saldato il conto in sospeso che ormai cominciava a diventare consistente.
Mi vergognai come una ladra anche perche' la cosa mi era stata detta davanti alle altre clienti, uscii piangendo ed andai a sedermi su una panchina, non sapevo cosa mettere nel piatto quel giorno.
Mentre ero seduta mi si avvicino' una delle signore che erano in salumeria e che , ne ero sicura, ero certa di aver incontrato altre volte, la chiamero' Luisa con un nome di fantasia, mi disse “ su, vedra' signora che le cose si aggiustano, ma alle volte bisogna dare una spinta alla fortuna, non si abbatta che non serve a niente, venga a trovarmi, magari parlando ci viene in mente un modo per risolvere.”
Cosi' una mattina andai a far visita alla signora Luisa,mi accolse cordialmente come una vecchia amica e fra tanti sorrisi mi offri' un caffe'.
Fra una tazza di caffe' ed una sigaretta mi disse che molte signore e ragazze ,in quei tempi di crisi, si industriavano per aiutare la famiglia e che si, per farlo era necessario,a volte, mettere da parte l'orgoglio e qualche principio.
Mi disse che lei aveva molte amicizie,tutte persone distinte e che se una donna ci sapeva fare poteva garantirsi, offendo un po' di compagnia a qualche persona sola, un buon reddito.
Io ero una ragazza di provincia ma non ero certo stupida e cosi' capii subito il tipo di soluzione che Luisa mi stava proponendo, di certo non di fare la badante, le risposi che mai avrei fatto una cosa del genere e che aveva sbagliato persona,Giacomo mi amava ed io amavo lui, anche volendo non sarei mai stata capace di tradirlo.
Ma la minaccia di essere sfrattati per morosita' fu la valanga che fece precipitare la situazione, cosi' una mattina tornai dalla signora , mi sentivo sconfitta, tradita dalla vita ed abbattuta.
Quella volta Luisa fu molto esplicita, mi insegno' i rudimenti del mestiere, mi mostro' la camera dove avrei dovuto svolgere la mia attivita' e mi mostro' tutti gli “attrezzi” che probabilmente avrei dovuto utilizzare.
Mi disse che preferibilmente avrei dovuto svolgere l'attivita' nel suo appartamento ma dovevo anche capire che alcuni distinti clienti avrebbero richiesto le mie prestazioni presso di loro ma di non preoccuparmi che sarebbero state tutte persone “selezionate”.
Avrei potuto non essere la sola donna visto che alcuni chiedevano di avere almeno una coppia di ragazze.
Mi chiese se ero pratica di sesso orale e mi diede alcuni consigli su come evitare di inghiottire tutto se mi faceva schifo ma facendo credere ,invece, di averlo fatto e mi consiglio' di “liberarmi” accuratamente prima di recarmi ad ogni incontro perche' il culo mi sarebbe stato sempre richiesto ed anzi era proprio quello che quasi tutti cercavano e non voleva lamentele dai clienti.
Ci salutammo scambiandoci il numero di cellulare ed io andai via con le gambe doloranti e la schiena curva sapendo che prossimamente sarebbe arrivata la prima convocazione.
E puntualmente arrivo' dopo due giorni.
Appena arrivata Luisa mi disse che la persona che attendeva in camera era un noto avvocato ormai impotente ma che godeva masturbandosi guardando due giovani che scopavano.
Lei aveva anche i numeri di alcuni ragazzi che procurava alle signore che spesso frequentavano il suo appartamento, tutti bei ragazzi e tutti ben dotati che era la richiesta solita delle signore benestanti e mature.
Mi disse che per offrire lo spettacolo all'avvocato aveva chiamato Giuseppe che era il suo cavallo di razza migliore e aggiunse, con un sorriso cattivo, che il perche' l'aveva chiamato cavallo lo avrei scoperto fra un po'.
Giuseppe si presento' , fortunatamente era davvero un bel ragazzo, ma io ero terrorizzata e morivo di vergogna.
Andammo in camera dove l'avvocato era quasi disteso sul divanetto, cominciammo a spogliarci e quando Giuseppe tiro' fuori il suo cazzo vidi quello che avevo gia' capito dalle parole di Luisa.
Un affare grosso e lungo che gli arrivava quasi a meta' gamba, ben diverso da quello di mio marito ed io avevo visto e provato fino ad allora solo quello!!!
Mi impressiono' ,non capivo perche' una signora dovesse pagare per farsi sfondare da quel coso.
Giuseppe gia' esperto ed intuendo il mio imbarazzo diede inizio allo spettacolo, mi fece inginocchiare in modo da mostrare il culo all'avvocato e mi mise la cappella in bocca curando di essere in buona prospettiva per lo spettatore.
Cominciai a succhiarlo ma riuscivo a prenderne in bocca solo un pezzo, la cappella mi riempiva la bocca tanto da dover aprirla tutta, con le mani gli menavo l'asta e gli carezzavo le grosse palle.
Ma anche se mi vergognavo tanto e ancora di piu' per la presenza dell'avvocato che intanto aveva tirato fuori un pezzetto di pelle e aveva cominciato a menarsela con due dita ,succhiare quel cazzo cominciava a piacermi.
Dopo alcuni minuti il cazzo di Giuseppe era diventato duro e ancora piu' grosso, allora mi mise a pecorina sul letto e prendendo dal comodino un tubo di lubrificante se lo spalmo' per tutta la lunghezza e ne spalmo' un bel po' nella mia fica usando due dita.
Mi piaceva sentire le sue dita nella mia fica e sentivo che anche solo quelle, che ben spalmate di lubrificante scivolavano in me facendomi impazzire di piacere , sarebbero bastate a darmi un meraviglioso orgasmo.
Poi comincio' a penetrarmi,sentivo scoppiarmi la fica e quando Giuseppe raggiunse il fondo con quel suo cazzone capii che la mia vagina si era facilmente distesa fino ad accoglierlo tutto.
Lo sentivo tutto dentro e , come mi aveva detto qualche mia amica piu' esperta, mi sentivo “piena” come non mai.
Dopo un po' Giuseppe mi dava dentro con una forza ed una potenza che mai avevo provato,
non so quante volte venni, mi accorsi che l'avvocato si era avvicinato menandoselo, ad un certo punto degli schizzi di sperma uscirono dal suo pisello ma non mi accorsi nemmeno che mi stava sborrando in faccia perche' Giuseppe aveva accelerato il ritmo e stava per venire.
Mi allago' di sborra ed io sentii quello sperma caldo inondarmi la pancia, venni con lui in un ultimo meraviglioso orgasmo.
Mi lavai, mi rivestii e passai da Luisa per ricevere la ricompensa, la mia prima “marchetta”.
Luisa mettendomi una busta in mano mi disse “ Mi sei simpatica e ho pensato di farti un regalo per renderti meno penoso l'inizio della nostra collaborazione. Ti ho mandato Giuseppe che credo abbia saputo renderti la cosa meno spiacevole e mi fece l'occhiolino, le signore lo pagano caro ma a te il servizio ,stavolta, e' stato offerto dalla ditta, ma non sara' sempre cosi piacevole questo lavoro.”
Mi avviai verso casa sentendomi sporca ma anche piacevolmente sfondata, la sensazione di essere stata fottuta era cosi' intensa che a pensarci mi bagnavo di nuovo.
Ma ora come avrei potuto guardare in faccia il mio Giacomo?
Io che lo amavo fin da ragazza, io figlia di onesti lavoratori, io che volevo essere la mamma dei figli del mio amore mi ero ridotta a fare la puttana e per giunta avevo goduto come la peggiore delle troie con un uomo fino ad allora sconosciuto e con un cazzo da bestia.
Nel frattempo ,immersa nei miei pensieri, ero giunta alla salumeria dove era iniziato tutto, aprii la busta ,saldai il conto e feci un po' di spesa, una oretta mi aveva reso bene.
Arrivata alla porta di casa indugiai ad aprire, quasi avevo paura che mio marito mi leggesse in faccia la verita',ma mi feci coraggio ed entrai, lui era davanti alla TV , mi chiese cosa gli avrei preparato per cena che aveva fame.
Senza fermarmi a dargli il solito bacio andai dritta in cucina a preparare la cena.
Quella notte Giacomo mi volle prender dietro, mi inculo' come non aveva fatto da tempo, quasi con rabbia, ma io non provai il solito piacere, ero stanca e mi sentivo in colpa.
Come aveva detto Luisa il “lavoro” non era piacevole, nei mesi successivi avevo dovuto dare il culo a tanti uomini e quando mi chiamavano in qualche hotel mi son trovata con piu' uomini da soddisfare contemporaneamente, ho provato decine e decine di cazzi, ne ho succhiati tanti e ho finto di bere litri di sborra.
Ognuno aveva il suo sapore ma qualcuno mi faceva vomitare davvero.
Un giorno provai il primo nero della mia vita, conoscevo la storia che diceva che avessero un cazzo spropositato ma il primo che conobbi lo aveva appena poco piu' lungo del mio Giacomo e fu una persona estremamente cortese e piacevole.
Solo un altro nero mi meraviglio' per le sue dimensioni ed allora capii che solo qualcuno di loro lo aveva enorme ma Giuseppe , secondo me , non aveva rivali.
Mi capito' di lavorare in coppia spesso, a volte con una certa Maria, studentessa che arrotondava, a volte con Giuseppe quando a chiamarci erano delle signore che amavano anche leccare una donna o farsi leccare mentre lui le sfondava per bene da tutti i lati.
Mi resi conto di quanto potesse essere troia una signora cinquantenne con i soldi, io ero una dilettante rispetto a qualcuna di loro...
Ormai la nostra situazione economica si era risollevata ma Giacomo sembrava non accorgersene, non capivo come non si chiedesse da dove arrivassero i soldi, forse il suo amore e la sua fiducia in me gli impedivano di vedere la realta', io vivevo nell'incubo che un giorno capisse.
Nel frattempo con Giuseppe eravamo diventati amici da buoni colleghi, lui mi diceva ridendo che era laureato in matematica ma ,visto che in Italia le cose andavano cosi’, mangiava col cazzo che la natura gli aveva donato che era meglio di una laurea ed io gli rispondevo che avevo piu' titoli di lui perche' oltre alla fica avevo un bel culo e sapevo usare bene la bocca.
Ridevamo e ci consolavamo della nostra vita di merda.
Qualche volta con Giuseppe ,tanto per rilassarci un po', ci “allenavamo” per conto nostro ed io ritornavo a casa sempre con quella sensazione stupenda di sentirlo ancora dentro.
Ormai con mio marito facevo sesso strano, infatti lui mi chiedeva all'improvviso di fargli un pompino o mi inculava e aveva preso la brutta abitudine, che mi dava molto fastidio, di dirmi delle parole oscene mentre mi chiavava, non lo riconoscevo piu'.
Un giorno Luisa mi chiamo' dicendomi che io e Maria ,la studentessa, dovevamo recarci in un hotel del centro dove ci aspettavano dei signori, avevano telefonato da una certa Ambasciata e la commessa era grossa, ci sarebbe stata una bella ricompensa per noi due se avessimo fatto del nostro meglio.
A sentire quale fosse l'Ambasciata capii subito che avrei incontrato dei neri ma ormai non avevo piu' alcun timore ,come non l'aveva Maria, di dover prendere dentro di me dei "grossi affari di stato”.
Quel pomeriggio fummo inculate, io e Maria, non so quante volte, sembrava che desiderassero solo il culo e qualche pompino, la fica ce la presero solo qualche volta spesso mentre uno di loro ci prendeva dietro.
Erano in cinque e quella volta furono davvero dei cazzi enormi, fu un lavoro davvero molto pesante.
Tornai a casa con il culo in fiamme, sapevo che per la mattina sarebbe passato tutto ma speravo davvero che Giacomo non volesse prendermi la' pure lui, stavolta certo avrebbe capito tutto , bastava che vedesse come mi avevano ridotto il buco del culo.
Dicendo che avevo mal di testa gli preparai una cena fredda ed andai a letto, trovai il suo cellulare sul comodino, e cosi' ,senza volere, andai a vedere gli sms e rimasi di stucco vedendo il numero di Luisa.
Giacomo aveva mandato un sms a Luisa chiedendole quanto aveva guadagnato la troia quella sera!!!
Mi rivestii, telefonai a Giuseppe per chiedere se potevo andare da lui e non ho piu' voluto vedere mio marito.
Con Giuseppe sono felice, sappiamo tutt'e due quello che facciamo e non abbiamo nulla da nasconderci, non ci amiamo ma ci vogliamo bene e questa e' cosa molto piu' seria e duratura.

Questo racconto di è stato letto 2 1 8 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.