Bella e Giovane Parte II

Scritto da , il 2018-01-06, genere prime esperienze

DISCLAIMER: il racconto che vi state accingendo a leggere è un sequel e pertanto esiste una parte prima, detto ciò non so quanto possiate capire leggendo una storia già avviata.
La vista della sua scollatura prorompente a pochi centimetri dal mio naso. La chioma inebriante l'aria che respiro. Il suo corpo. Quella mano sagace. Sto male.
:"Ti voglio, ora" dico quasi arrancando. Lei si morde il labbro, segue una smorfia di eccitamento :"Ora, ti prego". La bacio ancora e cerco, col braccio destro, di spostare lontano qualsiasi cosa possa esser presente sul bancone della cucina, soltanto un bicchiere di vetro, ancora pieno. Appoggiate entrambe le mani sul bordo ruvido, lei fa forza sulle braccia per potercisi sedere, :"Spogliati, ho voglia di vederlo" sorride maliziosamente. Non me lo faccio ripeter due volte: rapidamente sbottono i blue jeans, li abbasso alle ginocchia mostrando gli slip classici bianchi e gonfi, gonfi da far male...
Dopo pochi minuti, tiro giù anche l'elastico delle mutande. :"Ah però!" dice sbalordita . La intrattengo muovendolo un po' in circolo. Mi posiziono poi fra le sue gambe e glielo appoggio sulla zona pelvica. Il raso, tessuto con il quale sono fatti i suoi pantaloni, mi avvolge le palle. Sensazione piacevolissima. Le dita sollevano il ricamo in pizzo della camicetta, l'intento sarebbe sfilargliela del tutto. D'un tratto suona il campanello. Proseguo imperterrito, come se nulla fosse successo :"Dirai che non eri in casa" le sussurro all'orecchio discostando qualche riccio, :"Ma sei scemo? E' una mia amica..." E si allontana. :"Rivestiti!" sento urlare da qualche parte dell'ampio soggiorno. Mentre ricompongo ciò che rimane dei miei indumenti freschi di asciugatura, mi parte forse uno dei più frequenti film mentali che ogni buon maschietto che si rispetti si ritrova a fare quando è solo nella stessa casa con due donne estranee e, molto attraenti. Di fatti, lo è anche la compagna: caschetto castano e maniacalmente ordinato; due occhioni magnetici, scurissimi; labbra pompose e molto sensuali, contornate perfettamente da una tinta color vinaccia. Un cinque centimetri più bassa di Demetra, ma con un sederino ben più formoso. Me le inizio ad immaginare completamente nude, genuflesse davanti a me a litigare per succhiarmi il membro, :"Ce n'è per tutte e due!" dico io interponendo il cazzo in mezzo alle loro teste, "Mmmh...Sì". :"Sì, cosa, scusa?" una vocina sottile mi riporta alla realtà, è Demetra. Cerco di trovare un'alibi con il quale potessi giustificare la mia "assenza temporanea", mi guardo rapidamente intorno, abbasso lo sguardo. Mi sta porgendo delle banconote, due da dieci ed una da 5. La lavatrice, cazzo! :"S-sono solo venti..." balbetto, "Il resto è mancia!" aggiunge lei sorridendomi deliziosamente. Le sorrido a mia volta :"Io vado. Buona giornata ad entrambe le signorine" cerco di congendarmi in modo sofisticato. Stringo la maniglia gelida nella mano e mi accingo a spingere, quando sento correre alle mie spalle :"Aspetta, Massimo". Mi volto. Lei mi si avvicina e, portando due dita al taschino della mia maglia lascia cadere quello che mi è parso un foglietto di carta :" Dovremmo finire, qualche volta".

Mi dispiace se questa seconda parte sia venuta un po' corta, ma le vacanze di Natale e i compiti di scuola mi hanno tenuto impegnato. A breve farò uscire la terza. Au revoir, mesdames et messieurs!

Questo racconto di è stato letto 2 1 6 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.