Cara mi hai fatto un bel regalo

Scritto da , il 2018-01-01, genere tradimenti

Cara mi hai fatto un bel regalo


In estate, io e mio marito ci recammo ad una cena per raccogliere fondi per Telethon, in un grande albergo sul mare. Il contributo era di 1000€ a persona ed erano presenti tutte la maggiori personalità della città. La serata era stupenda, la cena ottima ed alla fine i numerosissimi invitati si recarono in un salone dove un’orchestra suonava e dove si poteva bere e ballare. Mio marito aveva bevuto molto durante il pasto ed anch’io ero su di giri. Insieme a noi c’erano molte persone, che non conoscevamo, molte delle quali si diressero al centro della pista per ballare. Vicino a noi sedeva una coppia, lui sui quarantacinque, lei un po’ più giovane. La donna era molto appariscente, scollatissima, con un vestito rosso molto attillato e la gonna piuttosto corta che le lasciava scoperte le cosce, fino all’attacco delle autoreggenti di colore nero. Vicino a lei un giovane se la mangiava con gli occhi e le sorrideva apertamente, incurante della presenza del marito. Ad un tratto, il giovane si alzò e chiese alla donna se voleva ballare; lei guardò sorridendo il marito che annuì con un sorriso strano e malizioso. Io avevo seguito le varie fasi dell’approccio tra i due e guardandoli volteggiare per la sala, mi venne voglia di ballare anche a me. Chiesi a mio marito Attilio se ne aveva voglia , “ Sono troppo ubriaco e rischio di essere malfermo sulle gambe” – mi disse - scusami non me la sento”. Mentre mi rimettevo a sedere vidi il marito della coppia di prima, avvicinarsi, e chiedere a mio marito se poteva avere il piacere di invitarmi a ballare. “Silvia, il signore ti invita a ballare, avevi chiesto a me di farlo, non vedo perché dovresti rifiutare “ disse mio marito. “ Accetto di buon grado” – replicai - Mi alzai e mi diressi con l’uomo al centro della pista.
Intanto l’orchestra stava suonando un “lento”, le luci divennero più soffuse ed i ballerini cominciarono a stringersi sempre più.
Il mio compagno, movendosi a suon di musica, si diresse lentamente verso la parte dove sua moglie stava ballando, che si trovava vicino ad una porta finestra che portava sulla spiaggia di fronte all’albergo. I due erano molto stretti e nella fioca luce si poteva intravedere l’uomo che stava baciando la donna dietro l’orecchio e sulla gola; la sua mano carezzava il seno della donna che a sua volta era attaccata a lui come una ventosa. Il mio cavaliere li aveva sicuramente visti e si avvicinò ancora di più alla coppia, rimanendo però a debita distanza. La donna sussurrò qualcosa all’orecchio del partner ed ambedue si diressero verso l’esterno. Poi successe una cosa che a me parve molto strana, la donna, prima di uscire dalla sala guardò verso il marito, che sicuramente aveva visto, gli sorrise e gli fece un gesto d’intesa. Io mi aspettavo una scenata, ma il marito gli ricambiò il sorriso e poi, come se nulla fosse successo, si rivolse a me “ Lei è una ballerina fantastica ed una donna affascinante – mi disse, “ ma forse ho bevuto troppo ed ho bisogno di un po’ di aria fresca, all’esterno, se vuole, può farmi compagnia”. Io rifiutai l’invito, lo ringraziai e mi apprestai a ritornare al tavolo dove Attilio mi aspettava. Da lontano lo vidi mentre conversava con alcuni amici, allora, incuriosita dall’atteggiamento dei tre, senza farmi notare andai sulla terrazza e mi appartai in un luogo, da cui potevo vedere, non vista, gran parte della spiaggia sottostante. C’erano molti lettini, sdraie ed ombrelloni chiusi. Il primo dei tre che vidi, fu il marito che, nascosto dietro uno sdraio, fissava la coppia che si era appartata non molto distante da lui. La donna era in ginocchio davanti all’uomo, seduto su un lettino, e stava succhiandogli il cazzo, movendosi ritmicamente su e giù in modo lento e profondo. L’uomo mugolava di piacere, ma d’improvviso si alzò – “ Ora tocca a te”- disse. Sollevò la gonna della donna, le tolse le mutandine, la sdraiò sul lettino ed incomincio a leccarle la fica sempre più velocemente. La donna incominciò a gemere “ Si, dai, non ti fermare, sto godendo...ancora, ti prego, ora mettimelo dentro, sfondami, non ce la faccio più, fammelo sentire di più, spingi ...ora... dai...” . L’uomo smise di leccare la fica e con un colpo deciso infilò il suo grosso cazzo nella fica della donna. “ Più forte, più a fondo, dai... ti prego...sborrami dentro la fica, riempimela, sto godendo...ahahaha....vengo.... “ . “Sborro - mugolò l’uomo - prendi tutta la mia sborra ti voglio riempire la fica.....” e dopo tre ultimi scossoni crollò riverso sulla donna.
Io ero affascinata, ed allo stesso tempo eccitatissima dalla visione dei due, sentii la mia fica bagnarsi ed ebbi un fremito di piacere; poi l’occhio mi andò sul marito e quello che vidi, mi fece trasalire. L’uomo aveva tirato fuori il suo cazzo e se lo stava menando furiosamente con gli occhi fissi verso i due amanti. Intanto questi, dopo una breve sosta, avevano ripreso a baciarsi e leccarsi l’un l’altro. La donna era a pecorina e l’uomo la stava chiavando con grande foga. “Ora spaccami il culo – sentii la donna che lo incitava –voglio godere anche lì, dai ... cosa aspetti ?” Allora l’uomo sfilò il suo cazzo dalla fica gocciolante di umori e di sperma, e con un colpo deciso lo infilò tutto nel culo della donna che sembrava impazzita dal piacere. “ Dai, più forte, ancora di più “ – mugolava la donna, mentre il marito poco distante si segava con più foga con gli occhi chiusi, in un estasi di piacere. Il giovane stava inculando la donna con grande veemenza, affondando il cazzo a fondo lasciando fuori solo le palle. Il suo viso, illuminato dalla luce di un piccolo lampione vicino alla coppia, era una maschera di libidine e piacere “ Troia – mugolava – non ti basta, tutto il mio cazzo è dentro di te e ne vuoi ancora, sei un grande puttanone....maiala “. “Si – diceva la donna- sono la tua troia, non mi basta mai... dai,... ancora più forte, voglio godere....riempimi il culo come hai fatto con la mia fica...sto godendo, dai sborra ...ora ...ora .....” In quel momento anche l’uomo arrivò al massimo del suo piacere, spinse due, tre volte più velocemente nel culo della donna, e molto eccitato gli disse: “ Eccomi sto sborrando, prendilo tutto, troia....maiala.... senti com’è calda la mia sborra”. Spinse ancora una volta a e con un rantolo di piacere sborrò una enorme quantità si sperma all’interno del culo della donna.. “Godo... – mugolava lei - sei bravissimo, mi hai riempito anche il culo, ohohoh come sono stata bene.... era tanto che non godevo così ... grazie “ - e gli mise la lingua in bocca mentre residui di sborra le colavano dal culo e dalla fica.
Intanto anche il marito, dietro il suo nascondiglio, dopo un’ultima segata, sborrò copiosamente sulla rena, poi, dopo un po’, si rimise a posto e ritornò nel salone. Sua moglie, lo cercò con lo sguardo, lo vide nella penombra, gli sorrise voluttuosamente e gli mandò un bacio con le dita . Tutto senza che il suo amante si accorgesse di niente.
Arrivata al tavolo dove Attilio era rimasto solo, mi sedetti e gli raccontai tutto quello che era successo. “ Com’è possibile – gli dissi- che tutto questo sia successo mentre il marito, non solo era consenziente, ma mentre la stava guardando, si stava masturbando con grande godimento? .
Attilio, mi sorrise in modo strano :” Ti ricordi – rispose- quando ti accennai se ti sarebbe piaciuto scopare con altri uomini e tu mi accusasti di considerarti una puttana ? Che non l’avresti mai fatto perché non eri capace di tradirmi ? Quello che hai visto è una grande dimostrazione di amore reciproco tra due persone. Il marito ama sua moglie al punto tale da donarle il massimo del piacere sessuale che lui sicuramente non è in grado di darle, e dal godimento della donna ne trae un grande piacere egli stesso. La moglie lo asseconda, non solo per il suo piacere, ma anche perché ha capito quanto sia eccitante per suo marito vederla tra le braccia di uno sconosciuto. Non è infedeltà, anzi, è un grande esempio di amore ed attaccamento al marito”. Poi mi guardò in modo strano, “ Non lo faresti anche tu per me? – continuò – Tra noi due c’è una grande differenza di età, tu hai 32 anni ed io oltre 50, e non facciamo molto spesso l’amore, o almeno non tante volte come tu vorresti. Ora sono certo, dopo quello che hai visto ti è venuta voglia; si vede che sei eccitata, probabilmente sei tutta bagnata. Sto vedendo nei tuoi occhi il desiderio che da tanto non vedevo; io stesso, al tuo racconto, mi sono eccitato e se metti una mano tra le mie gambe sentirai che il mio cazzo si è indurito. Come vedi, quello che ti ho detto prima, anche se non lo vuoi ammettere, è la verità, ambedue siamo eccitati. Ed ancora una volta ti chiedo, lo faresti anche tu per me? Sappi che io non avrei niente in contrario se tu scopassi con un altro uomo, con la sola condizione, però, che io possa vedere, per poter assistere al tuo godimento, e da questo, trarre anche il mio piacere”. Io rimasi scossa dalle sue parole, ma dentro di me sapevo che parte di quello che aveva detto era vero, ero veramente eccitata e la mia eccitazione aumentò ancora quando vidi i due coniugi in oggetto uscire abbracciati e sorridenti dall’albergo.
Passammo molto tempo muti, assorti nei nostri pensieri, evitando di guardarci. La serata stava finendo e la maggior parte delle persone se ne stava andando; io ed Attilio eravamo rimasti soli al tavolo, ancora seduti in silenzio rimuginando sulla nostra conversazione, quando :“ Quel ragazzo ti sta guardando – disse Attilio – indicando un giovane cameriere che stava finendo di fare pulizia nel salone, vicino a noi. “Tirati su la gonna ed allarga le gambe e vediamo che effetto gli fa” – mi provocò. Forse, perché ancora eccitata o forse perché questo gioco incominciava ad incuriosirmi, decisi di assecondarlo. Guardando il giovane negli occhi, mi alzai, mi tirai su la gonna e, prendendo spunto dal fatto che eravamo praticamente rimasti soli in quella parte del salone, molto lentamente mi tolsi le mutandine, le feci roteare sulla mia mano, e mi rimisi a sedere allargando le gambe, mostrando apertamente la mia fica, oscenamente spalancata. Mi sentivo diversa, eccitata ed in piena armonia con quello che mio marito mi aveva chiesto . Il ragazzo, non mi toglieva gli occhi di dosso, fissava la mia fica ed allo stesso tempo, guardava di sottecchi Attilio, per valutare il suo atteggiamento. Mio marito allora gli sorrise, lo chiamò al tavolo e gli disse: “ Sei molto bravo nel tuo lavoro, meriti una buona mancia – e gli allungò una banconota da 200€ - Ti piace mia moglie ? Se vuoi, quando finisci possiamo aspettarti, e se ti va, potremmo continuare la serata a casa nostra, sei d’accordo cara? ”
“ Certo tesoro – annuii, guardando fisso il ragazzo negli occhi e toccandomi lascivamente la fica.
Il ragazzo era confuso ed arrossito: “ Lei è molto gentile e mi piacerebbe molto accettare la sua offerta - rispose il ragazzo, prendendo la banconota – però c’è un problema. Io abito in un piccolo appartamento insieme ad un mio amico; siamo ambedue studenti e durante il periodo estivo facciamo qualche lavoretto per guadagnare qualcosa per i nostri studi. Anche adesso lavoriamo qua insieme, e non posso andarmene senza avvertirlo e mi dispiace anche che rimanga solo”.
“A me sembra un problema risolvibile – replicò Attilio – penso che potremmo invitare anche lui, sempre che sia d’accordo, non trovi cara?” “ E’ un’ottima idea amore, la nostra casa è grande, c’è posto a sufficienza per tutti” – gli dissi- “ Vai dal tuo amico e facci sapere. Se siete d’accordo, quando siete liberi andiamo nella nostra villa sul mare, che non dista molto da qui”.
Gianni, era il nome del giovane, si allontanò dicendoci di aspettare.
Attilio si avvicinò a me “ Grazie – mi sussurrò – vedrai che sarà bellissimo; io sono già eccitato” . Mi mise la mano sui suoi pantaloni ed io sentii che il suo cazzo era diventato duro. “ Anch’io – gli confessai – sono già eccitata, mettimi una mano tra le cosce, sentirai come sono bagnata; avevi ragione, è tutto molto eccitante”. Nel frattempo Gianni era tornato insieme ad un altro ragazzo. “Questo è Mario ed ha accettato di venire con noi, abbiamo finito, possiamo andare”.
Allora, io e Attilio ci alzammo e ci dirigemmo alla nostra auto.
“Vai dietro insieme ai nostri ospiti – mi disse Attilio – io vi farò da autista, mentre tu, Silvia, puoi incominciare a intrattenerli”. Io mi misi dietro in mezzo ai due ragazzi, mi tolsi il vestito ed il reggiseno rimanendo solo con le mie autoreggenti . Questi, incominciarono immediatamente a baciarmi e a toccarmi in tutto il corpo, poi si aprirono le lampo, tirarono fuori i loro cazzi già ritti e durissimi ed iniziarono a strusciarmeli da ogni parte. Io mi inginocchiai, mi ritrassi un po’ indietro infilai in bocca il cazzo di Mario, ed in mano quello di Gianni. Quest’ultimo mi aveva infilato tre dita nella fica e mi sditalinava vigorosamente, mentre Mario, con gli occhi chiusi, semisdraiato, si godeva il pompino, aiutando il suo cazzo a sprofondare sempre più a fondo nella mia gola. Attilio con gli occhi fissi nello specchietto retrovisore si godeva tutta la scena incitandomi “ Dai, Silvia, ingoia tutto il cazzo di Mario, ma non ti dimenticare di Gianni, spompina anche lui, fai il pendolo tra i due cazzi e quando godranno ingoia tutta la loro sborra calda senza perderne nemmeno una goccia”. I due ragazzi erano all’apice del loro godimento e incitavano Silvia:” Dai, più svelta stiamo venendo “. Ma all’improvviso smisi di spompinarli: ”Qui dentro siamo troppo scomodi, non riesco a godere come vorrei, tra pochissimo saremo a casa ed allora tutto sarà più bello, resistete, vi prego è solo questione di minuti” . “Siamo arrivati “ disse in quel momento Attilio, curvando in una piccola stradina, davanti ad un cancello che si aprì automaticamente mostrando l’ingresso di una bella villetta circondata da un grande giardino ben curato. Io, completamente nuda, scesi di macchina, seguita dai due ragazzi e da Attilio che aprì la porta di ingresso ed accese le luci di un ampio soggiorno. I due non persero tempo, arrapati per il mancato godimento mi sdraiarono sul tappeto del pavimento. Gianni mi allargò le gambe ed incominciò a leccarmi la fica, Mario mi succhiava i capezzoli e mi cacciava la lingua in bocca. Le due lingue mi facevano impazzire, non ne potevo più, allora incominciai ad urlare: “ Sto godendo, ti prego Gianni mettimelo nella fica e chiavami con forza, e tu Mario dammelo in bocca che voglio finire quello che ho iniziato in auto, vi voglio sentire tutti dentro, ahahah.....che bello......è meraviglioso...forza, ancora...., ”. Gianni mi sollevò mi appoggiò al divano, mi mise a pecorina ed infilò il suo cazzo tutto dentro, facendomi ululare di piacere. Mario si mise sul divano e mi infilò il cazzo in bocca prendendo il mio capo, e facendolo andare su è giù come una enorme sega. Non passò molto tempo che Mario dette due scossoni e mi sborrò in bocca una enorme quantità di sperma calda che mi colò completamente tutta in gola. Subito dopo Gianni mi riempì tutta la fica con numerosi fiotti di sborra calda, mentre io, in pieno orgasmo, rivolta verso mio marito urlai:”Attilio, non ho mai goduto così, ti amo per avermi dato l’opportunità di godere così tanto... ti amo...ti amo...godo.....godo......” e stramazzai sul divano mentre la sborra mi colava dalla fica, scivolandomi lungo le gambe.
Mio marito si stava masturbando su una poltrona con gli occhi fissi su di me e quando arrivò all’orgasmo si avvicinò a me, sborrò copiosamente sul mio seno e mi ficcò la sua lingua in bocca, succhiando avidamente i residui di sborra che Mario mi aveva lasciato dopo il suo pompino.
Per un po’ di tempo nessuno si mosse o parlò, poi Mario iniziò a carezzarmi il seno, i capezzoli e mi mise in mano il suo cazzo tornato duro. Ebbi così modo di valutarne la grandezza; era notevole, più lungo di quello di Gianni che, però aveva un maggior diametro. Ambedue erano cazzi notevoli, molto più grandi di quello di Attilio, ed oltre a questo, i due giovani erano ancora vogliosi.
Mi riscossi e invitai Mario a leccarmi di nuovo la fica, cosa che fece con grande abilità; sentivo la sua lingua succhiare il clitoride, mentre con due dita mi penetrava la fica piena di sperma e di umori. Io stavo godendo di nuovo e, volgendomi verso mio marito, cominciai a gemere di piacere : “ Sto venendo, Attilio, ahahahah, non so quante volte sono venuta.....godo.... ti prego Mario, chiavami con forza, dai sbattimelo dentro, fammi godere ancora”.
Mario non se lo fece ripetere, mi mise un cuscino sotto il culo e mi impalò con forza, spingendo il suo cazzo sempre più a fondo. Mi stava chiavando da alcuni minuti ed io ero già venuta almeno una volta, poi, girandomi su me stessa mi trovai sopra di lui. “ Sono io che ti sto cavalcando, adesso – gli sussurrai – sono io che decido se e quando farti venire, e decido io quando devo godere ancora”. Ed iniziai un movimento lento, ma profondo, roteando il mio culo sul suo cazzo. All’improvviso Gianni si alzò e mi disse “ Cara la mia bella troia, ora prenderai due cazzi insieme uno in fica, ed il mio nel culo” . Mi fece stendere su Mario, mi lubrificò il culo con la sborra che colava dalla mia fica, ed mi ficcò il cazzo nel culo, incominciando a pompare vigorosamente. I due cazzi si muovevano all’unisono, non avevo mai provato un godimento così intenso. Mi volsi verso Attilio, che con la faccia rossa ed eccitata si stava nuovamente facendo una sega, non riuscendo a staccare gli occhi dalla scena che si svolgeva di fronte a lui. “ Guarda che puttana è tua moglie- gridavo- sto godendo con due sconosciuti, non ho mai goduto così, mi piace da morire, ma anche a te piace vero? vedere tua moglie chiavata da due cazzi insieme, ahahah come godo.... forza ragazzi sfondatemi tutta voglio sentire la vostra sborra riempirmi contemporaneamente, fica e culo e voglio urlare di piacere”. Intanto i due giovani avevano aumentato l’intensità ed erano prossimi all’orgasmo. “ Sei una gran puttana, solo le troie prendono due cazzi insieme e se li ficcano tutti dentro, sto per godere – diceva Gianni – prendilo tutto ahahahah.............sborro, sborro.......” “ “Sborro anch’io - disse Mario – prendi tutto il mio bel cazzone..... ti piace troia eh........ahahah, eccomi....eccomi...... ti voglio ingravidare, ti riempio di sborra.....godi puttana”. Gianni stramazzò su di me e Mario rimase inerme sotto di me che dopo l’ennesimo orgasmo, rimasi immobile per lungo tempo. Mentre ero sdraiata senza più forze, vidi Attilio che si avvicinò verso di me e mi sborrò nuovamente sul volto chinandosi poi a baciarmi ed a succhiare la sua sborra che mi era rimasta sul viso.
Dopo un certo tempo, i due giovani si rivestirono, bevvero un drink ed infine ci salutammo. Attilio, chiamò un taxi dette loro due banconote da 500€, li ringraziò e tornò in casa.
Mi trovò ancora tutta nuda, sdraiata sul divano, si avvicinò e mi baciò dolcemente sulle labbra.
“ Grazie – mi disse – mi hai fatto un bellissimo regalo, stasera”.
“ Non è niente amore – gli sorrisi “ vedrai che te ne farò moltissimi altri in seguito, ancora più belli.

Questo racconto di è stato letto 6 2 9 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.