Erotici Racconti

Un amore di suocera - Il ritorno

Scritto da , il 2017-12-06, genere incesti

E venne finalmente il giorno in cui mia moglie Antonella mi disse: "Giovedì vengono i miei"."Mio padre e mia sorella vanno via sabato mattina e mia mamma resta per una settimana. Ho bisogno di una mano con la bimba e a sistemare le cose. Ti dispiace?". A parte che io e mia suocera siamo sempre andati d'accordo, mia moglie non poteva sapere che non mi dispiaceva affatto anzi, dopo la scorsa estate (il racconto si chiama "Un amore di suocera"), attendevo sua mamma con il cuore in gola. Durante l'attesa ho avuto anche altre due storie (entrambe raccontate su questo sito), ma non avevo in testa altro che lei: 50 anni portati benissimo, 1,65 m di altezza, appena un po'in carne, bel culo grosso e soprattutto un seno taglia 6 che la notte non mi faceva prendere sonno. Non dovevo ricorrere ad alcuna sega perché mia moglie, bella e formosa anch'ella ma a letto poco troia, era lo sfogo naturale ai miei bollori e ai miei ormoni ultimamente impazziti. Decisi di scriverle:
I: "Non vedo l'ora di vederti....".
S: "Anche io".
Vittima agganciata.
Il giovedì sera tornai da lavoro e la truppa campana era nella nostra casa di Roma già da qualche ora, mia suocera come se niente fosse, ma notai una gentilezza ai limiti del materno. Però portava uno di quei suoi vestitini leggeri (faceva ancora caldo), di quelli che esaltano le sue forme generose e mi fanno perdere la calma. Era ripartito quel pensiero che me lo fa diventare duro come il marmo e mi carica le palle come due bombe. Lei, mia suocera dal sabato sera avrebbe dormito nella cameretta accanto alla nostra, mentre io e mia moglie nel letto e la nostra bimba in culla.
Come suo solito, mia moglie va al mercato molto presto il sabato mattina, sapendo che io mi sveglio tardi dopo una settimana di lavoro ma pronto nel caso la bimba si svegliasse. Adesso a casa c'era anche mia suocera, che si sarebbe attivata nell'eventualità. Invece io venerdì sera andai a letto presto perché nella mia testa avevo già tutto scritto. Alle 8 ero in piedi (non solo io) anzi, non avevo dormito per l'attesa e mia suocera mi preparava la colazione. Furtivamente entrai in cucina ma con una donna del genere non mi sarei mai permesso di essere sfacciato o villano. Le mie mani si posarono sulle sue spalle. Lei fece un sussulto ma capì e io iniziai a massaggiarla con amore.
I:"Non abbiamo più parlato di quella volta".
S:"È vero, ho provato vergogna durante questo periodo. Abbiamo tradito la famiglia".
I:"Occhio non vede, cuore non duole. Loro sono felici, ad Antonella non manca nulla ma io non ho mai smesso di amarti".
S:"Amarmi??"
I:"Certo, non è solo un fatto fisico. Tu sei la mia donna ideale, saresti stata mia moglie con qualche anno in meno".
In realtà non è che il suo corpo non c'entrasse, ma il bene che le volevo era tantissimo. La stavo corteggiando e la cuocevo a fuoco lento. Ad una donna di 50 anni trattata non sempre benissimo fa piacere eccome. Mio suocero non sà cosa ha tra le mani: una donna, oltre che bellissima, sexy e sensuale, anche intelligente, rispettosa e con modi gentili. L'aveva costretta ad una vita da militare come lui: tutto monotorno, ordinario, diritti, doveri, orari, casa, pranzo, cena, figli. Li ho conosciuti da giovani: mai successo che la portasse a ballare, raramente a cena fuori e i viaggi si contavano sulla punta della dita.
Nel frattempo le mie parole e il mio respiro sul collo le provocavano la pelle d'oca. Sapevo che non avrebbe resistito a lungo.
I:"Ti amo Caterina. Voglio ancora reciproca soddisfazione".
E mentre profetivo questo improbabile linguaggio arcaico le mie mani passarono sui fianchi e tremavano all'idea di prenderle quei seni esplosivi che adoravo. Mentre le baciavo e leccavo il collo tastai quel ben di Dio e il cazzo ebbe una botta improvvisa che lei avvertì sicuramente sul suo culo che io stesso avevo sverginato. Con i denti le abbassai le spalline del vestitino e poi quelle del reggiseno e continuai per poi scendere con la mano fin dentro le mutandine già bagnatissime dai suoi umori. Stava godendo, ansimava ed era evidente che anche per lei l'attesa era stata snervante.
S: "Antonella potrebbe rientrare".
I: "Noi lasciamo sempre le chiavi attaccate per non dimenticarle e poi lei non può sapere cosa mi provochi la sua mamma super".
Sorrideva, lusingata dalle mie attenzioni. S: "E cosa ti provoca?".
Mentre io continuavo a sgrillettare la sua figa sempre più bagnata le infilai la mano nei miei pantaloncini con i quali avevo dormito e potette tastare un cazzo che mi faceva male tanto era eretto.
I: "Ecco cosa mi provochi".
Ma la mia voglia era incontenibile. La presi e la alzai con tutta la forza del testosterone che mi impazziva nelle vene e la misi seduta sulla cucina. Tolte le mutandine c'era davanti a me una figona bella curata, spaziosa e grondante di umori. Il clitoride sembrava un capezzolo da succhiare e fu proprio quello che feci, mentre il tintinnio della lingua la mandava in estasi e la faceva mugolare. E poi uno, due, tre, quattro dita e non sò quante volte mi inondò, evidentemente mai appagata negli ultimi anni se non da me. Ero indeciso se passare al pompino o se scopare subito ma lei mi disse chiaramente cosa preferiva. La cucina era troppo alta, il tavolino in cucina faceva al caso:la presi di peso e la portai dove la immaginavo e lei fece un "Oh" per la forza che le mostravo, cosa che la invitò a cambiare programma e a toccare quei muscoli che la facevano sentire una donna e che il marito non aveva probabilmente mai avuto. Mi spogliò e iniziò a baciarmi le labbra, il collo e il petto e con le mani mi esplorava dappertutto, facendomi impazzire di voglia. Che straordinaria femmina! Finalmente anche i boxer andarono via e iniziò un pompino magnifico. La lingua che mi bagnava il glande e il risucchio erano la fine del mondo. Nella dinamica la feci sdraiare sul tavolo e mentre lei continuava a succhiarlo io potevo tastare quelle bocce meravigliose. Fu un attimo e spruzzai con una forza inaudita il mio sperma addosso a lei. Con lei l'eccitazione è tale da farmi eiaculare a fontana.
Eravamo ubriachi d'amore. Purtroppo non ci sarebbe stato più tempo:di lì a poco mia moglie sarebbe tornata e la bambina si sarebbe svegliata. Caterina andò a pulirsi ma era chiaro che in quei giorni alla minima occasione avremmo soddisfatto il reciproco desiderio. Pensavo solo a penetrare quella figa grande, calda e accogliente, prima ancora che quel culo che da impensabile era diventato pensiero.
Fu dura aspettare una settimana con la mia donna preferita che gironzolava per casa e si era anche sciolta, visto che ogni tanto si strusciava, mi faceva occhiate e mi toccava. Era irriconoscibile rispetto alla donna che conoscevo fino a pochi mesi prima. Si era aperta una breccia in un muro spesso.
Quel sabato mattina dormivo, mia moglie era uscita e la bimba dormiva. Sentii all'improvviso un tepore dolce e confortante e mani vogliose che mi accarezzavano tutto. Caterina era nel mio letto direttamente in intimo. Mi svegliai all'istante e mi lasciai avvolgere da quella femmina immensa che prendeva l'iniziativa, con un'erezione esagerata e giustificata.
I: "Quando vede una bella signora si alza in piedi"
S: "Ah, si? Allora controlliamo".
E in men che non si dica le sue labbra calde e carnose andavano su e giù e mi facevano impazzire, mentre la lingua esplorava tutto, perfino quel poco che restava tra glande e prepuzio. Vorace ma elegante e sicura di avermi in pugno. Finita la performance si strusciò su di me ancora in intimo e mi piazzò in faccia quelle tettone incredibili mentre lì in basso si era poggiata su di me. Non l'avevo mai vista così:una 50enne tutta casa e famiglia che, appena fatto un pompino da paura, ruggiva su di me come una pantera e mi piazzava in faccia una sesta di seno. Era dura resistere alla voglia di sdraiarla e di scoparla a sangue.
Si tolse le mutandine di pizzo nere e poggiò sulla mia faccia la sua bella figa bagnata ma non del tutto. Presi a leccarla avidamente e a premere con la mia lingua sul clitoride. Un fiume di umori mi finì in faccia. Dalla faccia si spostò direttamente sul mio cazzo, ancora in erezione (e ci mancherebbe), facendosi invadere e muovendosi per farne entrare quanto più possibile. In pieno delirio iniziò a saltellare come una pazza, letteralmente fuori di se.
S: "Vuoi vedere come ti faccio venire"
Si tolse il reggiseno con una sensualità incredibile ed infatti venni con innumerevoli fiotti, sfogando una settimana di desiderio irrefrenabile.
Si buttò addosso a me per giacere insieme al suo amante, che la faceva sentire donna, desiderata e al centro del mondo. I baci e la passione erano travolgenti, le toccate e le palpate spinsero di nuovo il mio cazzo al limite. Una donna che mi piaceva da morire. Nemmeno i miei pensieri avrebbero partorito una donna così.
Lei si posizionò a 90 gradi sul letto: volevamo la stessa cosa. Il mio cruccio è che non poteva gridare per non svegliare la bambina e non attirare il vicinato. Anche io ero esterrefatto di quanto mia suocera godesse sotto i miei colpi.
Prendere quel culo fu meraviglioso. Il mio cazzo, ben lubrificato da ogni sorta di fluido corporeo, scivolò tutto dentro come un coltello nel burro e dopo tanti colpi ben assestati la inculavo tenendole le tettone. Una goduria pazzesca, mia e sua. Non era così che dovevo venire. Volevo amare la mia donna e concludere la sessione baciandola, guardandola negli occhi e respirare il suo respiro. Aprì le gambe e il mio cazzo affondò in quel meraviglioso paradiso accogliente. Era pura libertà poterle allagare il ventre (era in menopausa e non solo per l'età) e così fu.
La abbracciai per tenere caldo il suo corpo. Era la mia amante e ad un tratto prese a piangere per l'emozione. Credevo avesse i sensi di colpa e invece mi ringraziava per averle fatto godere il sesso come non l'aveva mai nemmeno immaginato.
Io fui chiaro. Dovevamo passare almeno 3 giorni e 3 notti io e lei da soli. Volevo un piccolo pezzo della sua vita tutto per me. Vestirsi, truccarsi, cucinare tutto per me. Iniziai ad essere geloso di quella donna che sentivo mia di diritto.
S: "E come facciamo?".
I: "Io posso inventarmi una trasferta di lavoro, per me è facile".
S: "E io che dico a mio marito?".
I: "Non ci pensiamo adesso. Fai finta che sul soffitto ci siano le stelle e guardiamole insieme".
Non c'erano le stelle, ma c'era una cosa ugualmente impossibile: una splendida 50enne e il suo genero che si erano davvero innamorati.

Questo racconto di è stato letto 9 1 8 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.