Finalmente mia 6 Ultimo capitolo

Scritto da , il 2017-10-19, genere incesti

Siamo arrivati all'ultimo capitolo della "saga".

L'argomento gangbang rimase circoscritto a quella sera e non ne riparlammo più. Passavano i giorni e continuavamo a scopare quotidianamente, quando, come e dove ci pareva. Ormai, però, anche la pratica del fisting stava passando in secondo piano: mia madre era ormai capace di ospitare nel culo due braccia fino al gomito, e nella fica sempre due braccia, ma non arrivava al gomito.
Mi permetteva di farle di tutto, le bastava di avere il mio cazzo come ricompensa.
Casa nostra sembrava un secy shop: dildo di ogni misura, da più piccoli a quelli enormi, sparsi ovunque; manette in ogni stanza e la biancheria intima sembrava rubata dal set di un porno.
Ero a un punto cieco, e mi sentivo a disagio: volevo oltrepassare nuovamente il limite con mia madre, ma non sapevo come! E più ci pensavo, meno idee mi venivano.
Successe poi che un giorno, ventre percorrevo in macchina una strada adiacente alla pineta, mi trovai a dover superare un gruppetto di ragazzi che montavano a cavallo. Colpo di fulmine! La famosa lampadina mi si accese nella testa e corsi a casa. In preda all'eccitazione, appena arrivai a casa, presi on braccio mia madre, che stava cucinando, la portai in camera e la scopai forte come non mai.

-"Wow amore! Che ti è successo?"

-"Ho trovato un'altra pratica che ti farà superare ogni limite di porcaggine!"

-"Stavolta cosa vuoi farmi fare, sentiamo..."

-"Sicura di volerlo sapere? Potresti scandalizzarti?"

-"Dai non tenermi sulle spine! Lo sai che puoi chiedermi di fare ogni cosa. Per farti felice farei di tutto"

-"Perfetto allora! Voglio farrti scopare da un cavallo!"

Pensai che si sarebbe rifiutata per la prima volta e, invece, mi guardò maliziosamente e si mise a pecora sul letto, si allargò le chiappe e disse:

-"Bell'idea! Ma avrò bisogno di essere allenata un altro po'"

Passai così la notte a scoparla e fistarla in ogni buco, più e più volte.

La sera dopo decidemmo che quella notte sarebbe stata la notte fatidica. Ci recammo al maneggio, scavalcammo la recinzione e aspettammo che il guardiano rientrasse per intrufolarci nella stalla.
Una volta dentro chiesi a mia madre:

-"Quale preferisci?"

-"Quello più grosso ovviamente!" Rispose facendomi l'occhiolino.

Arrivammo quindi al recinto dello stallone, lei entrò e si tolse i vestiti, lasciando solo i tacchi e le autoreggenti. Preso lo sgabello si mise accanto al cavallo, che tranquillissimo, si faceva toccare da lei. Iniziò subito a massaggiare lo scroto, moltò delicatamente e non ci volle molto perchè lo stallone mostrasse la sua enorme verga: 60/70 cm di pene che si appoggiarono sul petto ddi mia madre, la quale lo afferrò decisa e guardandomi:

-"Vuoi che lo succhio?"

-"Servizio completo!" Risposi

Al che iniziò a pomparlo avidamente, al massimo delle sue capacità. Improvvisamente un fiotto di sborra le uscì dalla bocca: stava cercando di ingoiarmenil più possibile, ma era davvero troppa e fu constretta a sfilarlo di bocca e lasciarsi venire addosso.

-"Ma quanta ce n'è?!" Disse incredula guardando la possa di seme che si era formata sotto di lei

-"Dai continua, stai andando bene" La invitai a continuare.

Si mise a pecora sotto il cavallo, ed entrai anch'io nel recinto. La lubrificai per bene e dopo aver indossato dei guanti la aiutai a pprtare il pene del cavallo verso l'ano.
Con molta calma riuscii ad inserire la cappella, centimetro dopo centimetro, tra i mugolii di dolore e piacere di mia madre. Lasciai il seguito ai due amanti.
Mia madre con le anche spingeva verso il cavallo e lo stesso faceva quast'ultimo, facendo sparire quasi per intero il suo pene dentro il culo di mia madre. Esterreffato guardavo la scena, con mia madre cje adattatasi alle dimensioni iniziava a muoversi più velocemente. Mugolava e gemeva, cercava di trattenersi per non farci scoprire. Improvvisamente il cavallo si bloccò e la pancia di mia madre iniziò a gonfiarsi sempre di più.

-"Continua! Oddio si, mi sta riempiendo il culo! Ancora, ne voglio ancora!" Borbottava lei

Lo stallone lentamemte sfilò il pene e lunghi getti di sperma comimciarono a fiottare dal culo di mia madre. Aveva la pancia piena di sborra, tanto da sembrare incinta.

-"È stato assurdo" disse stremata, mentre ancora era a pecora

-"Pensi di aver finito?! Abbiamo un altro buco da riempire!" Dissi a mia madre puntando il pene dello stallone verso la fica

-"Si fammi sfondare come si deve!"

Con lo stesso procedimento di prima feci entrare il cazzo dentro la fica di mia madre che sembrava non potersi dilatare oltre. Lo stallone si fotteva mia madre e io la guardavo.

-"Ti piace guardarmi mentre il cavallo mi fotte anche l'utero?!" Disse mia madre in preda all'estasi

-"Se la più troia di tutte mamma. Ti amo" e le lanciai un bacio

-"Allora guarda come mi apre!"

Il cavallo stava per venire di nuovo, quando mia madre si mosse troppo. Il pene uscì e rientrò nel culo, inserendosi di colpo per intero, dalla cappella alle palle.
Mia madre non potè trattenere un grido di piacere. Subito dopo il cavallo iniziò ad eiaculare.

-"Oddio si! Ancora! DI PIÙ!" Iniziò a urlare mia madre, in preda all'ennesimo orgasmo. La pancia riprese a gonfiarsi ancora di più, sembrava stesse per esplodere. Litri di sperma le riempivano il culo.
Si sfilò e si alzò facendo colare parte dello sperma giù per le cosce. Cominciò a venirmi incontro.

-"Che puttana! Ne hai avuto abbastanza di cazzo?" Le dissi guardandola negli occhi

-"Non mi basterà mai il cazzo, sono molto più troia di quel che pensi, mi potrei scopare tutti gli stalloni del maneggio e avere ancora voglia. Mi piace fare la troia e sentirmi troia. E ora mi fotto pure te!" Mi disse con fare deciso e aria di sfida.

Si inginocchiò e, dopo avermi slacciato i pantaloni, prese a farmi un maestoso pompino.

Dopo essere tornati a casa si fece un bella doccia, e andammo a dormire stremati.

Questo racconto di è stato letto 9 1 5 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.