Raccomandato

di
genere
gay

Diciannove anni, baldo giovane fresco di diploma tanta voglia di lavorare ero pronto a lanciarmi nella mischia. In sei mesi avro` spedito decine di domande in tutta Italia, decine di tagliandi compilati sui giornali e decine di concorsi pubblici e non. Poche le risposte. In alcune mi si chiedeva di rifare la domanda corredata dal curriculum vitae. Ma dove cazzo lo trovavo il curriculum se finallora non avevo ancora lavorato? In mezzo alle cosce delle loro mamme prostitute trovavo l`esperienza. Ho idea che in certi posti vengono imnpiegate delle persone per la loro deficienza, la reale meritocrazia. In ogni caso passava il tempo e di lavoro neanche l`ombra. Emigrai. Andai in Svizzera dove per due settimane piansi a causa delle vesciche alle mani provocate per stringere dei morsetti in una fabbrica di contenitori in legno per strumenti musicali. In un mese tornai a casa tre volte per partecipare ad un concorso alle Poste. Ancora adesso ne aspetto l`esito. Cominciavo ad essere disperato e disilluso. Mi rendevo conto di aver studiato per nulla. Intanto c`erano state le elezioni ed un nipote di un mio zio era stato eletto ad una carica importante della Provincia. Mia madre mi fece tornare dalla Svizzera, mi mise in mano un prosciutto una damigiana di vino e tre quattro chili di sopressate e mi diede l`indirizzo del lontano parente. Mi recai a casa sua, mi apri` una donna sfatta ma il cui volto ricordava un`antica bellezza e in cambio di quanto avevo portato mi fu offerto un caffe`. Mi venne da pensare che se qualcuno mi recasse dei regali in cibarie il meno che potrei fargli e` un pompino. La signora era sola in casa, indossava una vestaglia con sotto una lunga camicia che le copriva per intero il corpo ma quando mi volse le spalle per andare in cucina ammirai il culo che dondolava e mi venne voglia di fotterla. Le occhiaie scure le guance cadenti i capelli arruffati in contrasto colle mani curate ed una silhouette da signora che emanava un soave profumo delicato formava un contrasto stridente a causa del tempo che aveva lasciato traccia sul suo corpo. Una volta servito il caffe` telefono` al marito per avvisarlo di una mia visita in ufficio. Le baciai la mano quando mi accompagno` alla porta e cercai di dissimulare l`eccitazione che senza volerlo mi aveva procurato anche col suo sorriso. Devo ammettere che a volte non mi conosco. Non era la prima volta che mi eccitava una persona che normalmente non eccitava un maschio, o per il momento non adatto o da come era abbigliata o dal contesto non favorevole. Mi capita ancora adesso eccitarmi davanti ad un uomo che non ha nulla di eccitante, o parlando con una donna che di seducente non ha nulla. Credo che il cazzo abbia delle ragioni che la ragione non capisce. A volte e` l`ambiente e` l`aria il momento la situazione, non lo so, so solo che mi ritrovo il cazzo duro da scoppiare senza che io lo voglia. Mi recai in ufficio del dottore che conoscevo per averlo visto varie volte in casa dello zio comune. Alto, mi superava per almeno una spanna, con un pizzeto che aumentava l`autorita` del volto, impettito nel suo gessato mi accolse sorridente e mi tenne una mano sulla spalla per tutto il tempo. Gli spiegai la ragione della visita e cingendomi amichevolmente le spalle mi assicuro` che si sarebbe interessato al caso. Mi offri un vermouth che rifiutai ed accettai il bicchiere d`aranciata anche se non lo desiderassi. Quando si allungo` per prendere le sigarette sulla scivania sentii sulla spalla il turgore del suo cazzo. Arrossii per la timidezza e per aver pensato male. Si vedeva che ero ossessionato dal sesso ed il sesso lo vedevo in ogni momento. Sentii che era eccitato anche perche` mi accorsi della mano che passava sulla patta cercamdo di dissimulare l`erezione. Il dottore era intorno ai sessanta ma dal turgore avevo evinto che era ancora virile, molto virile, troppo virile. Ed il bozzo ne sottolineava il potere. Mi disse di ripassare da li a quindici giorni e sulla porta mi bacio` sul viso. Quel bacio mi turbo` piu` che aver sentito l`erezione sulla spalla, mi era parso di sentire l`umido della lingua. Rideva mentre abbassavo timido lo sguardo. Non era possibile che desiderassi fottergli la moglie e lui per vendicarsi cercava d`incularmi. Mi venne da ridere. In fondo, pensai, se m`incula e mi paga un lavoro lo e`. Il primo pensiero uscito dall`ufficio della Provincia fu di andare ai cessi pubblici e sfogare la mia voglia in bocca al primo ricchione che vi trovai. Per giorni ripensai a quella mattinata e mi davo del cretino per essere cosi ossessionato dal sesso. A vent`annmi e` normale eccitarsi per poco ma la mia era una vera ossessione che a quanto pare col tempo non e` mutata per nulla. Devo confessare che mi scervellavo per trovare il modo di tornare a far visita alla signora ma non trovai un motivo valido per farlo. Tra parentesi voglio ricordare che avevo ventisei anni quando chiavai accanto al camino una donna di ottantaquattro anni. Eh lo so, sono un porco. Quando la tega tira c`e` poco da opporsi. All`epoca tirava sempre ed il primo buco a portata di mano ne faceva le spese. Tengo a precisare che mai in vita mia ho violentato nessuno. Dopo un paio di settimane tornai in ufficio ed il dottore mi prego` di passare dopo le quattordici, quando chiudevano gli uffici. Vi tornai temendo cattive notizie riguardo al lavoro o la solita manfrina del voglio ma non posso. Il dottore mi fece sedere su una sedia, lui in piedi accanto a me fumava. - Un posto alle Poste, ti sta bene? Dovette ripetere la domanda perche` mi pareva di sentirlo parlare in sogno. Cazzo se mi stava bene, eccome se mi stava bene. - Impiegato statale. Un impiego a vita, sicuro, e` tuo. Ero senza parole, ero felice, anzi di piu`, ero fuori di testa, non stavo nella pelle. Neanche sentivo la mano che mi scompigliava i capelli, li arruffava li spettinava neanche sentivo il cazzo duro strusciare contro la schiena. Neanche mi accorsi che aveva presa la mia mano e l`aveva riempita col grosso cazzo che aveva estratto e neanche capii cosa fosse quel pezzo di carne caldo e soffice che mi riempi` la bocca. Per poco non restai secco quando uno schizzo di sborra cremosa riempi` la gola e m`impedi` di fiatare. Il dottore mi aveva chiavato in bocca e gli stavo pulendo la nerchia colla lingua. Non era certo il primo cazzo che facevo sborrare ma cio` che mi colpi` fu il fatto di aver agito per istinto, senza riflettere segno che l`omosessualita` era insita nel mio carattere. Ero nato ricchione. Forse perche` per tutta l`adolescenza ho sentito mia madre raccontare alle sue amiche che avrebbe desiderato una femminuccia al posto mio. E devo ammettere che spesso, ancora adesso, il mio cruccio e` di non esserlo. Ho provato a vestirmi da donna, ho provato a mettermi supino per accogliere un maschio dentro di me e mi trovo bene in quella foggia. Quando mi vesto da donna mi assale un`eccitazione che normalmente non raggiungo. Coll`intimo femminile mi specchio e riesco a sborrare senza toccarmi tanto mi piaccio. Uscii dall`ufficio del dottore frastornato. Un lavoro sicuro ed un grosso cazzo da spompinare. Meglio di cosi, non avrei potuto immaginare un futuro migliore. In cambio il dottore mi chiese di tornare ogni giovedi e sempre dopo le quattordici magari qualche volta mi avrebbe chiesto di fottergli la moglie. Neanche un paio di settimane e mi giunse l`invito a presentarmi nel mio ufficio. I primi tempi correvo a spompinare il mio Mecenate con piacere ma dopo un po` mi accorsi che per lui ero solo una bocca da pompa. A lui non fregava nulla che io provassi piacere ne` cercava di farmi godere. Alla lunga ogni pompino era una sofferenza. Il sesso e` bello se condiviso. Io godo se vedo il mio partner godere. Il godere non e` solo sborrare, per questo basta la masturbazione. Godere e` condividere. vedere brillare gli occhi del partner, vedere la sua felicita` leggere il piacere nel sorriso nella luce degli occhi. Per sei mesi trascinai la lingua attorno a quella verga fredda e senza gusto. Sentivo dei conati di vomito che cercavo di dissimulare fino a che un giorno rassegnai le dimissioni riempii la famigerata valigia di cartone e ritornai in Svizzera da dove rientrai solo per sposarmi per la prima volta.
di
scritto il
2011-01-27
9 . 4 K
visite
0
voti
valutazione
0
il tuo voto
Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.