Erotici Racconti

In quella sauna

Scritto da , il 2017-05-17, genere gay

Mi intrigava davvero molto andare in quella sauna. Si diceva che era la preferita dai "bear" e io, pur non appartenendo certo alla comunità ursina, ero molto tentato di conoscerla da vicino e di vedere quello che mi sarebbe potuto succedere. Teniamo presente che eravamo nel 1997, agli albori (o quasi) della nascita di questo tipo di omosessualità. Io, allora ventiduenne che forse dimostravo qualche anno meno, senza un filo di barba e, a parte il pube e le ascelle, con qualche sparuto pelo qua e là facile da tirar via, assolutamente in linea, pur non essendo una "checca" impersonavo il cliché del classico ragazzo passivo. E così, quel sabato pomeriggio, dopo essermi fatto un bagno e un bel clisterone, mi avviai verso quella sauna. All'ingresso venni squadrato con un certo sospetto dal personale preposto: il mio aspetto non era proprio in linea con la maggior parte degli avventori, ma avevo la tessera del circuito e, pagando l'ingresso, nessuno poteva negarmi l'entrata. Così, infatti, fu. Mi diedero le chiavi dell'armadietto e, una volta negli spogliatoi, mi imbattei in un "orso" che stava uscendo pronto a frequentare gli spazi e pure lui mi guardò con una certa sorpresa. Me l'aspettavo e così non ci feci caso. Nell'armadietto trovai, come sempre, un asciugamano enorme e le ciabattine, il look di prammatica delle saune, quanto meno quelle che frequentavo io. Mi spogliai completamente, richiusi l'armadietto e con le ciabattine ai piedi e l'asciugamanone portato sulle spalle, in modo che mi si vedesse il culetto, mi avviai nella sauna secca. Lì dentro non eravamo in molti, ma quei pochi tutti pelosi e stazzati. Ci rimasi una decina di minuti, poi uscii e mi avviai alla sala relax, ovvero quel salotto dove si va a fare qualche conoscenza, Lì c'erano cinque o sei "orsi" che si scambiavano delle effusioni, che parlavano tra loro, che si toccavano. In tutto non c'era molta gente, ma di gay come me, di stampo classico, nemmeno l'ombra. Ero lì in un angolo e nessuno mi filava, nemmeno di striscio, nonostante io guardassi nella loro direzione e ammiccassi pure un po'. Passò un bel po' di tempo, probabilmente una mezzora, senza che nessuno mi rivolgesse la parola. Ero ormai tentato di andarmene, visto che non succedeva nulla. Ma ecco che all'improvviso dal gruppetto se ne stacca uno, viene deciso verso di me, mi prende per un braccio, mi fa alzare e mi dice: "Dai, che mi devo svuotare". Dire di no sicuramente non potevo, vista la sua presa ferrea sul mio braccio sinistro, ma soprattutto non volevo. Finalmente stavo ottenendo quanto avevo sperato, per fare un'esperienza diversa dal solito. Lui non si prese la briga di presentarsi, né mi chiese il mio nome, solo mi disse: "Io sono un dominante, molto dominante". Da un marcantonio così, del resto, non c'era altro da aspettarsi. Sarà stato sui novanta chili, abbastanza ben distribuiti perché era più alto di un metro e ottanta, molto peloso sul petto e sulle gambe, con una foresta nella zona del cazzo e alcuni peli pure sulle chiappe. Sarà stato sui trentacinque anni, ma i tipi così tendono, di solito, a dimostrarne qualcuno in più. Una volta nel camerino mi abbassò la testa per prenderglielo in bocca. Aveva un bel cazzo, non enorme ma di buone dimensioni. E delle splendide palle, grosse come piacciono a me. Non ci volle molto a farglielo diventare di marmo, che avesse bisogno di svuotarsi era proprio vero. Messo il preservativo, me lo infilò nel culo senza tanti preamboli. Così, in piedi, alla pecorina. Ma prima di fare su e giù mi strizzò le palle, giusto per confermare la sua fama di dominante. E mi tirò degli schiaffoni sulle chiappe, sei o sette, che mi lasciarono senza fiato. Dopodiché cominciò a chiavarmi intensamente, con movimenti financo forsennati e assestandomi colpi di notevole portata. Non ci mise molto a sborrare, era veramente carico, ci diede dentro ancora un pochino e poi uscì. Si asciugò il cazzo con un fazzolettino, nel quale avvolse anche il preservativo, lo gettò nell'apposito contenitore, e visto il mio cazzo duro si rivolse a me dicendo: "La sega fattela tu. Io non tocco il cazzo di un finocchio". Questo fu il suo commiato. Se ne andò insalutato ospite e io rimasi lì come un merluzzo. Andai quindi in bagno, mi feci una sega, poi un bidet e mi recai negli spogliatoi. Mi rivestii e me ne andai. Quel che è certo è che in quella sauna non ci tornai mai più. Però fui contento d'aver fatto quell'esperienza. Anche adesso, a distanza di vent'anni, sono convinto che andava fatta. Nella vita bisogna provarle un po' tutte, altrimenti resta il rimpianto. E quell'esperienza è stata sicuramente importante per me.

Questo racconto di è stato letto 3 4 2 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.