Erotici Racconti

La vicina vogliosa

Scritto da , il 2016-11-20, genere tradimenti

Salve voglio raccontarvi quest'esperienza, non accetto offese in merito agli errori grammaticali,
grazie.
Io sono Angelo ho 23 anni ed abito con i miei genitori in provincia di avellino,al 3 piano di un palazzo di 15 famiglie.
Da diplomato disoccupato passo le giornate tra casa e strada, tra seghe al pc e pensieri fantasiosi su 2 signore di questo condiminio, tra cui una é diventata realtá.
La signora Camilla di 42 anni, alta circa 1.65, fisico stupendo, culo tondo e bello carnoso, una 3 di seno, capelli neri e faccia da maialina, sposata con 2 figli di piú o meno della mia etá, abita di fronte al mio appartamento il marito lavora come panettiere di notte.
Durante il giorno incontro spesso la signora in ascensore, giú al palazzo, spesso guardo dallo spioncino della mia abitazione per fantasticare ma oltre al solito buongiorno non ho un grande rapporto e cosí vado avanti tra il provarci e le fantasie, ma il destino ha voluto che i miei trascorrevano i weekend dal venerdí alla domenica in una casa al mare ed io spesso rimanevo a casa, e cosí un sabato mattina sempre uscendo di casa incontrai Camilla in ascensore, e inizió nel chiedermi "Quest'estate niente mare"? Io gli risposi "Non amo il mare, e voi"? Lei disse " Bhe mio marito lavora, ma i ragazzi sono a casa al mare dai nonni"...Cosí ci salutammo e ognuno per la sua strada, e i giorni passarono e l'eccitazione aumentava, desideravo Camilla a tutti i costi, cosí i nostri rapporti di conversazione erano piú sciolti quando ci incontravamo e capitó che un venerdí mattina di fine luglio chiacchieravo con Camilla sempre in ascensore e mi disse "Angelo se ti serve qualcosa quando i tuoi non ci sono chiedi pure" e io la ringraziai, e lei disse "Ci scambiamo il numero magari ci teniamo in contatto su whatsapp" sorridendo la salutai ed entrai in casa...La sera ero di nuovo solo dopo che i miei erano partiti per l'ennesimo weekend al mare, non avevo voglia di uscire con gli amici e mentre guardavo un film verso mezzanotte mi arrivó un messaggio di Camilla "We tutto bene?" Io incredulo la risposi "Bene mi annoio te?" E lei disse "Anche io, mio marito é andato a lavoro e i ragazzi stanno al mare,sei uscito stasera?" Io dissi "No sono a casa" e lei "Se ti va un caffé vieni da me (E la faccina con la lingua)" cosí accettai e in pigiama mi fiondai subito fuori la sua porta, entrai e mi accomodai era la prima volta che varcavo la porta di quella casa, lei era con un pigiama a pantaloncino e una maglia intima che metteva in bella mostra il suo stupendo seno.
Preparó il caffé e mentre lei parlava del piú e del meno la osservavo e mi eccitavo cercavo di contenere la mia eccitazione visto che era evidente che se ne accorgesse siccome avevo un pigiama leggero, cosí dopo aver sorseggiato il caffé mi chiese una sigaretta, ma io le avevo a casa mia e gli dissi che subito le sarei andato a prendere, cosí entrai a casa e lasciai la porta aperta mentre ero in camera a prendere le sigarette sentí la porta di casa mia chiudersi, mi venné un colpo ma sentí subito Camilla che disse "Ti dispiace se fumiamo da te, sai casa mia é negata per il fumo" io ovviamente dissi di Si. Ci accomodemmo sul divano e fumavamo e parlavamo ma io mi eccitavo in quanto erano giorni che non mi masturbavo ne avevo rapporti, lei se ne era accorta perchę si comportava sempre piú da troia con i suoi gesti , all"improvviso mi mise una mano sulla gamba e disse "Angelo ma ti sei eccitato?" Ed io non avevo parole indicai che era lei che mi faceva questo effetto...Inizió ad accarezzarmi, ma all'improvviso mi infiló la mano negli slip e mi prese il cazzo in mano, poi mi bació con la lingua e lí mi persi ero in estasi quel bacio sembrava non finire, finché lei si staccó e disse "Dai andiamo in camera da letto" e arrivati lí ci spogliammó e rimanendo nudi sul letto iniziammó a baciarci, poi scesi a leccargli quel fantastico seno, da lí scesi alla fica che era bagnata già, gli misi la lingua dentro mentre sentivo lei gemere dal piacere, poi lei me lo prese in bocca dopo avermi pompinato un pó molló e dissé "ora dacci dentro, voglio scoprire tutto di te" e cosí la feci salire sul mio cazzo già ben eretto e pronto e iniziai a cavalcarla, era tutto magnifico, mi sentivo il ragazzo piú fortunato del mondo in quei momenti, ero pronto ad esplodere tutta la mia sborra e cosí la feci staccare da dosso e glielo infiliai in gola e gli scaricai tutta la mia sborra calda in bocca, poi mi ripulí tutto con la lingua e si ingoió tutto, infine ci ripulemmó, rivestemmó e tornammó in salotto a fumare di nuovo, abbracciati e sorridenti perché soddisfatti di tutto...Li gli dissi "Sai devo confessarti una cosa, ti ho sempre desiderata" e lei disse "Mio marito lavora di notte, e io mi sentivo insoddisfatta, ma ora ho te" cosí ci perdemmo in un lungo bacio, infine era notte fonda e la salutai che dovevamo andare a dormire, e cosí ritornó a casa sua ed io rimasi a casa mia....Ma non finí lí per tutta l'estate ogni venerdí sera puntuale facevamo l'amore, poi tutto é cambiato e ora da allora lo abbiamo fatto solo 2 volte in garage, siccome lei ha i figli a casa e i miei sono presenti, spero che la prossima estate ricapiti perchè oltre al tradimento che lei effettua nei confronti del marito ci siamo ritenuti degli ottimi amanti, ed io anche se mi fidanzo continueró a fare sesso con la mia Camilla, la vicina maialina che tutti desiderano...

-Storia frutto di fantasia.

Questo racconto di è stato letto 1 0 1 5 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.