Brothers&Sister

Scritto da , il 2016-09-08, genere incesti

La sveglia suona alle sette meno un quarto come tutte le mattine.
La camera matrimoniale è nella penombra, raggi di luce passano grazie alla tapparella abbassata solo per metà.
Gli occhi si abituano alla luce, al mio fianco percepisco la presenza di due persone addormentate.
Marcus, mio fratello, è ancora addormentato ma una parte del suo corpo è ben sveglia e solleva il leggero tessuto del lenzuolo.
Una mano corre ad accarezzare la lunghezza dell’erezione in modo frenetico e discontinuo.
Gemiti confusi e impastati lasciano le sue labbra.
“Mmmhh… così Sofia… ahhh”
Si sveglia appena in tempo per godersi appieno l’orgasmo, una macchia bagnata si allarga sulla stoffa.
“Oh dio”
“Buongiorno Marcus fatto un bel sogno?”
“Eccome”
Dal lato sinistro del letto si ode un mugolio.
“Un po’ di silenzio no?”
Aslaug, la principessa di casa, si è svegliata.
“Buongiorno principessa, ti abbiamo svegliata?”
“Ho sentito le vibrazioni del letto” risponde dopo uno sbadiglio.
“Marcus ha avuto un sogno molto interessante con protagonista Sofia”
“Ci credo, non pensa ad altro.”
“Credo mi facesse un pompino” confessa Marcus.
“Qualunque cosa facesse ti è senza dubbio piaciuto” Aslaug gli regala una linguaccia.
“Sorellina, ti serve un aiuto per svegliarti?” le accarezzo una guancia.
Lei sorride e scuote la testa in segno di diniego.
Lascio ad entrambi un bacio sulla fronte.
“Su, preparatevi, vi aspetto in cucina con la colazione” mi alzo e loro si accoccolano uno accanto all’altro.
Mi concedo un minuto per osservarli, insieme sono bellissimi.
Marcus e Aslaug sono gemelli, praticamente identici.
Hanno gli stessi capelli castano ramati e gli occhi nocciola, la pelle delicatamente pallida e soffice.
Sono nati un paio d’anni dopo di me, che sono il maggiore.
I nostri genitori sono al solito fuori per lavoro, entrambi impiegati in una compagnia aerea viaggiano su voli extracontinentali, e spetta a me mandare avanti la casa.
Hanno avuto tre figli ma non sono quel tipo di persone che cercano di adattare i ritmi di vita alle esigenze familiari.
Dopo essere andato in bagno ed essermi vestito, scendo in cucina a preparare la colazione.
Noto che il risveglio di Marcus ha prodotto effetti, il mio membro è barzotto e si sta pian piano indurendo.
Lo accarezzo pian piano da sopra i boxer.
Preparo il tea per la principessa e il caffèlatte per il principino e per me, dispongo biscotti e fette biscottate e marmellata.
“E’ pronto” urlo.
Pochi minuti dopo i gemelli arrivano in cucina e ci mettiamo a tavola.
“Oggi che impegni avete?”
“ Scuola e casa. Domani abbiamo entrambi delle verifiche. Tu Alex?”
“Come voi.”
Sparecchiamo e Marcus mi abbraccia baciandomi sulle labbra.
Ricambio il bacio carezzandogli la schiena coperta dalla felpa.
Aslaug è già corsa a finire di prepararsi.
“Oggi ho il test di storia. Non lo passerò mai”
“ Hai studiato per tutta la settimana, andrai bene tranquillo.”
“Lo spero.”
“Sono sicuro. Ora sbrigati, o farai tardi”
Sparito uno, arriva l’altra.
“Tu hai qualche test per cui essere nervosa? Marcus ha voluto un bacio portafortuna”
“ No, però il bacio lo voglio anch’io.” Sorride.
“Certo principessa”
Cerco la sua bocca e la sua lingua, è un bacio che sa di menta.
Aslaug infila le dita nei miei capelli premendosi contro di me, le mie mani affondano nelle tasche posteriori dei suoi jeans.
Hanno entrambi un culetto delizioso.
“Sai Alex, credo di volere quell’aiutino.
È da prima che mi sento strana e ora…
Poi ne hai bisogno anche tu,no?”
“Fammi vedere” mormoro slacciandole e abbassando i jeans grigi.
Lei massaggia il mio membro ora completamente duro.
Aslaug si appoggia con la pancia sul tavolo, sporgendo all’infuori il culetto coperto dalle mutandine.
Le abbasso le mutandine e con un dito saggio la sua intimità.
È calda e umida, viscosa di umori.
“eh si, sei davvero eccitata.”
Marcus torna in cucina.
“Alex, ci accompagni alla fermata?”
“D’accordo. Prima però dobbiamo aiutare la tua sorellina”
Faccio scorrere il membro lungo quella fessura bollente prima di penetrarla, Marcus le massaggia il seno.
“Mmmh Alex” geme
“Sei bollente.”
Affondo nella sua fica bagnata di umori, lei cerca di venire incontro alle mie spinte.
Marcus non resiste e inizia a farsi la seconda sega della mattinata.
Aslaug volta la testa verso di lui che subito ne approfitta per baciarla.
Ben presto la sento contrarsi attorno al mio membro e anche Marcus la segue nell’orgasmo.
Con poche spinte secche mi libero dentro di lei, prende la pillola.
Ansimanti ci poggiamo al tavolo di cucina.
Esco da lei.
Normalizzati i respiri, prendo dei tovaglioli per pulire la sua fichetta e il cazzo di Marcus .
Tiro su le mutandine di lei e lascio un bacio su quelle natiche perfette.
Aiuto Marcus a sistemarsi e gli scompiglio i capelli.
“Ora forza, a scuola”

****************************************

Dopo averli lasciati alla fermata mi avvio verso il mio istituto e non posso fare a meno di ripensare a com’era iniziata tutta la faccenda.
Hanno sempre avuto un legame molto forte, ancor prima che iniziassero ad avere rapporti, e così era con me.
Per ogni domanda, ogni dubbio, ogni timore, avevano solo me a cui rivolgersi.
Mamma e papà erano sempre troppo lontani.
Erano entrambi in quella fase di primi stimoli e prime scoperte e hanno iniziato a studiare i propri corpi e a confrontarli con quelli dell’altro.
Una sera, quando entrai nella camera di Marcus, li trovai entrambi seduti sul letto.
Stavano osservando il membro in erezione di lui.
“E’ diventato così mentre facevamo le prove dei baci.”
Sapevo cosa passavano, non sapevo però come comportarmi.
Spiegai loro la parte meccanica e biologia della faccenda, così come l’avevo udita dalla professoressa di scienze.
“Non è la prima volta che capita, l’altra volta l’ho toccato un po’ ed è tornato normale” ammise Aslaug.
“Quello che hai fatto si chiama masturbazione, detta volgarmente hai fatto una sega.”
“E’ una cosa brutta?” mi chiesero.
“No, anzi. Però se fatto in famiglia diventa incesto e non tutti approvano queste cose.”
“Perché?”
“Allora non dobbiamo farlo più? Era bello”
Non sapevo come rispondere.
“Perché si chiama così non lo so, principessa.
Sul rifarlo, principino, dovete scegliere voi.
Io non ho nessun problema ma dovete stare attenti a non farlo sapere, è un grosso segreto.
Non dovete dirlo a nessuno, nemmeno a mamma e papà – prevenni la loro domanda – perché potrebbero reagire molto male.”
Entrambi ammisero di volerlo rifare.
Onestamente, non trovai motivi per oppormi.
L’incesto, se consapevole e consenziente, era uno di quei tabù che non capivo.
Ribadii il fattore segretezza e feci per lasciarli soli.
Mi pregarono di restare.
“Sei più grande e sai più cose, puoi dirci cosa fare.”
Osservai la mano piccola di Aslaug muoversi incerta sul pene del fratello che presto eiaculò.
Spiegai loro cosa fosse quel liquido - l’altra volta non era uscito – e ricevetti i primi timidi baci a stampo.
“Grazie fratellone”
Entrai così a far parte dei loro meccanismi, prima con consigli e suggerimenti e poi come parte attiva.

**************

Torno a casa per pranzo, ho perso l’autobus e sono in ritardo.
Entro e trovo Aslaug e Marcus sdraiati sul divano, intenti a baciarsi ed accarezzarsi.
Ci sono abituato, passano sei ore stando totalmente separati - vanno in due scuole diverse - e quando tornano a casa…
“Ciao. Momento coccole, eh?”
“Ciao Alex”
Noto la maglia e la felpa di Marcus sul tappeto e i jeans abbassati di Aslaug, c’è qualcosa di strano.
Mi avvicino al divano e infilo una mano sotto la stoffa leggermente ruvida.
Tocco solo pelle soffice.
“Aslaug, che fine hanno fatto le tue mutandine?”
“A scuola mi sono accorta che erano tutte macchiate del tuo seme e così le ho tolte.”
“Piccola impudente, a scuola senza mutandine” ridacchio strizzandole una natica.
“E’ anche colpa tua – ribatte Marcus – hai sborrato un sacco.”
“E secondo te perché? Chi è che si è masturbato accanto a me, prima a letto e poi in cucina?
E quei baci portafortuna?”
Ridono entrambi.
Aiuto Aslaug a togliere i pantaloni di Marcus, ancora sdraiato e impegnato col reggiseno della sorella.
La punta del cazzo esce dagli slip, Aslaug ci si struscia contro, la fighetta ancora coperta dai jeans.
Li guardo baciarsi, leccarsi e accarezzarsi.
So che questo momento è solo loro, così inizio a preparare il pranzo.
Dalla cucina posso indovinare i loro gesti, sentire le loro voci.
Capisco quando Marcus penetra Aslaug, vedo il capo di lei piegarsi all’indietro.
Aslaug inizia a dondolare il bacino, Marcus le stuzzica i capezzoli.
I loro gemiti sono sempre più forti.
La zuppa che ho preparato ieri è ormai calda.
Torno in salotto per avvisarli.
Ogni volta resto sbalordito da quanto siano belli assieme, una ninfetta e un piccolo satiro.
Sono perfetti nella loro unione, la mela ricomposta.
“Quanto vi manca? La zuppa si fredda.”
“Veniamo subito”
“ Tu sicuramente, Laly” la prende in giro Marcus affondando i fianchi verso l’alto.
“ Mmhh, anche tu sei vicino”
Aslaug si alza e si abbassa, rotea i fianchi, il cazzo di Marcus è scivoloso di umori.
Un altro affondo e Marcus le succhia vorace i capezzoli ora arrossati.
L’orgasmo di Aslaug esplode potente, la fa tremare appena.
Marcus spinge e le morde appena una spalla.
Qualche affondo scomposto e viene.
Si stringono e si coccolano, sono nella loro bolla privata.
Ho il cazzo duro.
So che Marcus vorrà pensarci, più tardi.
“Vi aspetto a tavola.”
Poco dopo, con solo le mutandine addosso, mi raggiungono tenendosi per mano.

(E' la mia prima storia, sono ancora agli inizi come scrittrice di storie erotiche.
Spero vi piaccia e che non sia troppo lunga o noiosa.
Vi ringrazio per eventuali commenti e consigli)

Questo racconto di è stato letto 1 5 1 1 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.