Erotici Racconti

Michela si svela

Scritto da , il 2016-08-29, genere pissing

Michela, la mia fidanzata dell’epoca, parliamo dei primi anni 2000, era per bellissima: alta, formosa (oggi verrebbe definita curvy, un tempo maggiorata), lineamenti del viso dolcissimi e due occhi nocciola da cerbiatta con cui riusciva ad estorcermi praticamente qualsiasi cosa.

Avevamo un’ottima intesa a letto, niente da dire, una donna coinvolta e coinvolgente anche se era da un po’ di tempo che provavo a far capire a Michela che mi sarebbe piaciuto provare qualcosa che andasse oltre alle classiche figure del sesso canonico, senza però essere mai troppo esplicito.

A volte la seguivo in bagno quando doveva fare pipì dicendole scherzosamente che la volevo guardare ma sono sempre regolarmente stato cacciato fuori, le poche volte che per necessità doveva farla con me nel bagno non mi sono mai spinto oltre a qualche battutina del tipo “Amore sai che questa cosa potrebbe eccitarmi parecchio” . Lei si limitava a dare risposte scoraggianti e lapidarie, “Smettila scemo, vai fuori di qui” e cose simili. Probabilmente non mi prendeva sul serio.

La svolta avvenne un’estate durante una vacanza in Trentino, ci trovavamo lungo un sentiero praticamente deserto sulla quando Michela cominciò a lamentarsi per un’urgente pipì. Io, cogliendo la palla al balzo, le dissi di farla tranquillamente li sul posto visto che ne in una direzione e ne nell’altra sembrava arrivare qualcuno e lei, con mia grande sopresa, dopo una breve esitazione si calò pantaloncini e mutande e si accovacciò nella classica posizione chiedendomi però di non guardarla.

“Ormai ci sei, se ti guardo cosa fai, te la tieni?” Le chiesi.

Lei senza rispondermi e con uno sguardo un po’ di sfida e un po’ infastidito si lasciò andare in una lunga pipì che sembrava non finire mai, quando sembrava finita la vedevo spingere e ne usciva ancora un pochino.

“Ti stai eccitando?” Mi chiese, sempre con lo stesso atteggiamento.

Ricordo che in quel momento ero letteralmente ipnotizzato dalla visione di lei così spudorata e della sua patata che si lasciava andare, era la prima volta che la potevo osservare in quel suo momento così “intimo”. Un’evidente erezione che non avrei potuto nascondere neanche se avessi voluto parlava per me.

“Un po’” Le risposi.

Michela mantenendo il suo fare scocciato si tirò su mutande e pantaloncini senza nemmeno pulirsi e ripartimmo alla volta dell’albergo senza parlare più di quello che era successo.

Ero deluso, ero quasi triste che la cosa fosse finita li e non potevo fare a meno di pensare a quegli intensissimi 2 minuti, nella mia mente vedevo quell’immagine così sfacciata a colori vividi, riuscivo quasi a sentirne gli odori, avrei voluto tornare sull’argomento ma non sono una persona troppo insistente per ciò che riguarda il sesso, mi piace che le cose succedano il più naturalmente possibile.

La serata proseguì normalmente: cena in un ristorantino nelle vicinanze, passeggiata per tornare all’albergo e discorsi più frivoli del solito, vedevo Michela stranamente irrequieta e assente quella sera, non so se per mia suggestione o perché lo fosse realmente, ciononostante nell’aria c’era qualcosa di elettrico, forse anche lei aveva provato un’emozione forte nel lasciarsi andare davanti a me.
Una volta rientrati mi diressi in bagno per lavarmi i denti e Michela dopo poco mi raggiunse , domandandomi a bruciapelo:

“Senti, perché oggi ti sei eccitato vedendomi fare la pipì? “

“Non c’è un perché, la trovo una cosa oscenamente erotica” Risposi ostentando sicurezza.

“Oscenamente erotica? Spiegami.”

“Non te lo so spiegare, mi eccita guardarti mentre la fai, mentre ti liberi e fai qualcosa che non condividi mai con nessuno, oggi avrei voluto metterti la mano sotto quando la facevi, sentire calore del tuo corpo”

“Quindi ti eccita anche la pipì?” Mi chiese con un tono di voce che si era fatto roco.

“Non mi eccita la pipì, mi eccita la tua pipì...”.

Attimi di interminabile silenzio

“La berresti?” Mi chiese con un’espressione che mai le avevo visto prima.

Esitai, l’aria in quel bagno si era scaldata in maniera esponenziale, sudavo, mi sentivo come un adolescente che per la prima volta vede una donna nuda. Ero eccitato, confuso, mi sentivo la febbre.

“Forse” Biascicai.

La vidi trasalire, con un movimento fulmineo prese dalla mensola sopra al lavabo un bicchiere di plastica confezionato di quelli che si trovano negli hotel scartandolo di fretta, si alzò il vestitino da notte che portava e posizionato il bicchiere sotto di lei lo riempì per un terzo di pipì, poi me lo passò. Facevo fatica a credere a quello che avevo appena visto, sentivo un’eccitazione profonda in ogni angolo del corpo, mi sentivo come pesantemente ubriaco, tenevo il bicchiere tra le mani e potevo sentirne il calore, un odore inconfondibile mi stava annebbiando il cervello. Non ci pensai troppo, bevvi tutto il bicchiere d’un fiato, sentirla scendere giù per la gola mi fece partire una stretta alla bocca dello stomaco, un piacere mentale mi pervase, sentivo le gambe formicolare.
Michela aveva una faccia scovolta, vidi i suoi muscoli contrarsi per poi paralizzarsi in una smorfia di stupore, come d’istinto allungai una mano e la passai tra le sue grandi labbra, era fradicia.

“Ti amo” le dissi, guardandola negli occhi.

Mi baciò, un bacio così intenso non l’avevo mai provato ne con lei ne con nessun’altra, un bacio sensuale e carico di passione, ardente di desiderio, le nostre lingue si cercavano e si trovavano in un vortice di sapore di lei, di me, di intimità.

Facemmo l’amore come mai prima d’ora quella sera, uniti come entrambi pensavamo fosse impossibile sentirsi. Fu la svolta, la nostra intesa sessuale crebbe di giorno in giorno, diventammo completamente complici e sempre pronti a soddisfare le nostre fantasie, anche le più strane, passavamo interi weekend praticamente a letto. La base della nostra eccitazione era l’eccitazione dell’altro, quel che eccitava me eccitava lei e viceversa, vivevamo per darci piacere ed era bellissimo.
[Continua]

Questo racconto di è stato letto 1 0 4 0 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.