Erotici Racconti

Il mio amico di infanzia, un ibrido tra un fratello ed un amante

Scritto da , il 2016-08-29, genere tradimenti

Conobbi Enrico per la prima volta in occasione della festa per il mio sesto compleanno. Lui, insieme alla sua famiglia, si era trasferito nella nostra città appena due giorni prima dopo che suo padre aveva preso servizio nella stessa azienda dove mio padre lavorava invece da diversi anni. Fin da subito i nostri padri, colleghi d’ufficio, avevano instaurato un buon rapporto d’amicizia e per questo aveva deciso di far venire Enrico, due anni più grande di me, alla mia festa di compleanno in modo da dargli l’opportunità di conoscere dei nuovi amichetti e sentire meno il trauma del trasferimento in altro luogo. Da quello stesso giorno Enrico divenne uno dei protagonisti principali della mia vita. Infatti l’indissolubile amicizia che si era creata tra la nostre famiglie, e il fatto che eravamo entrambi figli unici, fecero si che condividessi insieme a lui gran parte della esperienze vissute nel corso della mia infanzia ed adolescenza. Giochi, uscite serali, gite domenicali e ovviamente anche le vacanze. Questa continua vicinanza, anche per via della sua maggiore età, mi condussero a considerare Enrico come una sorta di fratello maggiore. Era lui che mi controllava e mi proteggeva ed in lui mi andavo a rifugiare ogni qualvolta avevo una qualche necessità. Fu Enrico che nel corso degli anni mi insegnò ad andare in bicicletta, a nuotare, ad andare con lo scooter. Quando trascorrevamo dei week end in campagna, con la tranquilla compiacenza dei nostri genitori, arrivavamo a dormire anche nello stesso letto oppure a fare il bagnetto insieme nella stessa vasca. Queste situazioni andarono avanti fino alla nostra prima adolescenza quando cominciarono le prime pulsioni sessuali che forse erano state anche fin troppo sottovalutate. L’attrazione tra di noi si faceva sempre più forte fin al punto di diventare incontrollabile. Quando arrivammo all’età di 14 anni e 12 anni ci scambiammo i primi baci e poi le prime effusioni. Ma quello strano rapporto che si era venuto a creare non era di facile definizione in quanto troppo stretto ed intimo per definirlo di semplice amicizia e allo stesso tempo esente di elementi biologici per essere classificato come fraterno. Questa situazione complessiva ci creava un ineludibile senso di vergogna ed imbarazzo per potere rendere noto quello che stava nascendo tra di noi. Appena un anno dopo si arrivò al culmine del nostro rapporto. Nell’estate successiva, infatti, le nostre famiglie presero in affitto una casa al mare e non appena vi fu l’occasione propizia consumammo il nostro primo rapporto sessuale nella quale io persi la mia verginità, mentre lui aveva già maturato con altre ragazze delle esperienze sessuali. Per me farlo con Enrico fu una cosa naturalissima, quasi come le altre esperienze che avevo insieme a lui vissuto. Negli anni che seguirono, pur coltivando indistintamente due vite private, anche con rispettive storie d’amore con altre persone, ogni qualvolta ne sentiamo la necessità non ci siamo mai privati dei nostri momenti di intimità. All’età di 24 anni mi sono sposata con Giovanni e da quasi 8 anni il nostro matrimonio va più che felicemente insieme ai nostri due figli. Enrico invece non si è ancora deciso al grande passo anche se da alcuni anni convive con una donna più grande di lui. Inutile nascondervi che ancora oggi, ogni qualvolta proviamo dei sensi di tristezza, di incertezza o preoccupazioni non ci neghiamo dei momenti di ricerca di conforto reciproco che nella normalità dei casi sfociano in intensi rapporti sessuali. Nel tempo, i vari miei partner che si sono susseguiti avevano manifestato dei malcontenti riguardo questo mio rapporto con Enrico, pur non arrivando mai a conoscere la verità fino in fondo. Con il mio attuale marito la cosa è stata diversa in quanto fin da subito non ha avuto problemi ad accettare il mio rapporto con Enrico (che addirittura considerava come una specie di cognato) neanche quando decisi di confessargli, se pur parzialmente, anche gli aspetti più profondi del nostro rapporto. Sono assolutamente convinta che tutt’ora mio marito sia consapevole ed accondiscendente in quanto si sono verificati degli episodi in cui non poteva proprio non accorgersi di nulla. Anzi, quando succede qualcosa di spiacevole che mi crea dei turbamenti e proprio Giovanni a consigliarmi di chiamare Enrico e farmi consigliare da lui sulle decisioni da prendere. In questi casi non mi faccio pregare più di tanto, nella consapevolezza che Enrico non mi negherà mai un buon consiglio pur se distesi nudi in camera da letto.

Questo racconto di è stato letto 4 5 1 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.