Ancora sottomesso ai piedi di Gabry - Piestivo deja vu 6

Scritto da , il 2016-05-29, genere feticismo

Gabry, come al solito, aveva deciso di ripassare gli appunti presi la mattina, distesa sul divano letto del suo piccolo monolocale, gli esami si stavano avvicinando e lei era molto impegnata nello studio, tuttavia quel pomeriggio era molto nervosa, probabilmente la pressione delle scadenze si faceva sentire. Lui era impegnato in alcuni lavori di pulizia e per questo motivo si divideva tra cucina, sala e bagno per completare i mestieri, scoccando di tanto in tanto delle occhiate agli invitanti piedi della cugina, che si muovevano nervosamente. Ad un tratto però Gabry chiuse di scatto il libro esclamando “ORA BASTA!” lui si immobilizzò voltandosi verso di lei che lo guardava seria “Senti cugino!” gli disse spazientita, mi stai distraendo con il tuo continuo girovagare per la stanza, non riesco a concentrarmi! ho bisogno di tranquillità, capito!” “scusa Gabry..” mormorò lui sommessamente “la casa purtroppo è piccola e…” “NON mi interessa” replicò lei “dobbiamo trovare una soluzione!” e alzandosi dal divano, si avvicinò e afferrò la catena del guinzaglio che pendeva dal suo collo “mettiti giù, forza!” lui ubbidì e si mise carponi fissando i piedi della cugina avvolti da una velatissima calza di nylon chiara. Gabry si voltò e strattonò la catena affinchè la seguisse, si diresse quindi verso il piccolo balcone e aprì la porta finestra “ecco!” disse guardandolo “ora tu ti metti sul balcone e te ne stai qui a cuccia buono buono, capito?” lui alzò il viso incontrando il suo sguardo perentorio “m-ma Gabry! Vuoi dire che devo starmene qui fuori al freddo? E..e se qualcuno mi vede?” la cugina sbuffò e lo fissò con uno sguardo di compatimento “Ma cosa sono tutte queste proteste? Se stai basso nessuno ti vedrà, non ti preoccupare! E poi non fa così freddo oggi! Comunque ho deciso così quindi non ci sono alternative! Allora siamo d’accordo? Su dai forza! Dà un’annusatina e fai il bravo!” così dicendo alzò la gamba e gli piantò in faccia il suo piede velato e odoroso per dargli un piccolo contentino. “o-ok Gabry” mormorò lui da sotto il piede “starò qui…” la cugina annuì soddisfatta e accostò la porta del balcone lasciandolo fuori, poi si riaccomodò sul divano per continuare lo studio.
Mentre si immergeva nuovamente nella lettura lui si sedette sul freddo pavimento, Lo studio della cugina continuò per un paio d’ore fino a quando lei chiuse i libri con un sospiro, sembrava stanca ma molto soddisfatta, dopodichè si stiracchiò un po’ e infine si sdraiò per schiacciare un pisolino, allungando le gambe fino a posare i suoi meravigliosi piedi sul bracciolo del divano, lui dal balcone ora riusciva solo a vedere le sue piante velate, non osava entrare nella stanza in quanto lei non gli aveva detto nulla e rimase ancora li a fissarle i piedi mentre il suo pene si induriva nuovamente. Il tempo passava e sembrava che Gabry si fosse profondamente addormentata, lui era intirizzito dal freddo e prudentemente, senza far rumore sgattaiolò dentro e si diresse verso il divano, dove giaceva la cugina assopita, attirato dalle magnifiche piante odorose rivolte verso l’alto, avvicinandosi potè finalmente osservarle in tutta la loro incredibile e insensata bellezza, le velatissime calze di nylon non riuscivano nella loro eccitante trasparenza a nascondere le innumerevoli ed grinzette che caratterizzavano, dal tallone fino alle dita le piante dei piedi della cugina, ne d’altronde potevano smorzare l’intossicante odore che emanavano. Per alcuni minuti rimase basito a guardarle, pur conoscendo ormai molto bene i suoi piedi come sempre la loro vista gli procurò un’intensa eccitazione, il suo pene infatti rapidamente manifestò una poderosa erezione mentre lui si avvicinò ulteriormente per baciarli, accoccolato vicino al bracciolo del divano iniziò quindi ad adorare quelle sontuose piante, annusandole e baciandole dappertutto, insinuando il naso tra le morbide dita per carpire gli odori più intensi, il suo pene era enorme ora e lentamente cominciò a masturbarsi con le mani mentre le leccava famelico e affannato, gustando il loro sapore acre. Sommessamente iniziò a mormorare frasi insensate “S-si Gabry…sono il tuo leccapiedi… t-tu sei la mia regina…”Ma ad un tratto la sua opera venne bruscamente interrotta…
“COSA STAI FACENDO AI PIEDI DI MIA FIGLIA BRUTTO MASCALZONE!” il grido lo fece sobbalzare, mentre anche la cugina si svegliava di soprassalto udendo quella voce familiare.
Alzando il viso dalle piante della cugina si voltò verso la porta di casa vide terrorizzato stagliarsi sulla soglia la figura di sua zia Alessandra, la mamma di Gabry, che lo fissava severamente, per un momento si sentì mancare sentendosi travolgere da un’ondata di vergogna, non riusciva a spiccicare una parola e già immaginava che tutti a breve sarebbero stati messi a conoscenza del suo terribile segreto.
“Allora?” lo incalzò “Rispondi razza di leccapiedi pervertito! Ma guardalo! Pure con il cazzo di fuori!”. Zia Alessandra chiuse la porta sbattendola e avanzò imperiosa nella stanza continuando a fissarlo altera e sprezzante. Indossava un elegante tailleur color panna che fasciava il corpo ancora atletico, lo stretto giacchino tratteneva a stento il seno procace, le lunghe a affusolate gambe spuntavano dalla corta gonna, fasciate da un sensuale e velatissimo collant bianco, i maestosi piedi erano calzati da delle scarpe contraddistinte da un vertiginoso tacco a spillo e rese ancora più alte da un plateau, dello stesso colore del vestito. Nonostante la vergogna e il terrore della terribile lavata di capo che incombeva lui non potè fare a meno di ammirare la sua camminata e i suoi piedi, dalla punta aperta intravedeva le dita smaltate di bianco, il suo pene era rimasto ancora duro e svettante.
Gabry sorpresa anche lei dal repentino ingresso della madre si mise a sedere sul divano stropicciandosi gli occhi “Mamma! Sei arrivata alla fine, ma che succede? Hey ma che ci fai tu qui?” disse rivolgendosi a lui. “te lo dico io cosa stava facendo!” intervenne la zia avvicinandosi “quando sono entrata l’ho beccato in flagrante mentre ti stava leccando i piedi, inoltre si stava menando quel cazzone! Che maiale! Non è forse vero? Eh nipotino?” lui era paralizzato dalla vergogna, “Ma no!” disse Gabry ancora assonnata “Non so proprio come sia finito qui mamma! Gli avevo detto di rimanere sul balcone? Sei proprio disubbidiente sai? No, no! Così non va bene cuginetto!” lo ammonì rivolgendosi a lui “Evidentemente non ti ascolta mia cara” disse la zia “Non dovrebbe fare quello che vuole! Cosa pensi di fare adesso?” Gabry sembrava pensierosa, lo fissò lungamente e poi prese sconsolata la sua decisione “Beh cugi! Purtroppo non mi lasci altra scelta… in passato ti avevo già detto che non potevi venire a leccarmi i piedi nel sonno! Ti ricordi? Eravamo molto più piccoli allora ma il divieto è rimasto! Dal momento che non hai obbedito ora sono costretta a infliggerti una punizione, forza! Mettiti qui in ginocchio di fronte a me!” disse severamente “M-ma c-cosa vuoi fare Gabry?” chiese lui deglutendo preoccupato mentre si posizionava nel punto da lei indicato, guardando intimorito la zia Ale che osservava seria la scena “Ora lo vedrai mio caro” rispose la cugina mentre si sistemava sul divano raccogliendo le gambe, non appena lo ebbe a tiro le allungò repentinamente colpendogli con forza il volto del con entrambe le piante dei piedi, il violento impatto lo fece cadere per terra mugolante di dolore, tra le risate di Gabry e di sua madre. Mentre era ancora a terra la cugina lo pungolò con la punta del piede “hey tu! credi di cavartela con così poco? Non lo pensare nemmeno mio caro! Forza! tirati su e rimettiti com’eri prima” disse mentre si preparava nuovamente a ripetere la punizione “t-ti prego gabry!” farfugliò lui ancora dolorante mentre si inginocchiava nuovamente di fronte a lei “mi hai fatto malissimo.. ti prego…non..” la cugina interruppe bruscamente le sue suppliche “BASTA! ZITTO! non mi interessa caro mio, chi sbaglia deve pagare, ora stai fermo così mi raccomando.. Ecco!” e così dicendo lo colpì ancora sul viso con i piedi facendolo ruzzolare nuovamente per terra con un grido “Erano questi che volevi no? Cos’è non ti piacciono più i piedi adesso?” esclamò ridendo Gabry mentre la zia annuiva divertita. “Molto bene figlia mia!” disse orgogliosa “E’ questo quello che si merita chi non osserva le regole! Se non lo tratti duramente poi farà come gli pare!” “Si si mamma, lo so! Non ti preoccupare! Dai cugino! Abbiamo quasi finito! Rimettiti in posizione!” lui si rialzò da terra ancora stordito, non capiva cosa stava succedendo, sua zia lo guardava severamente ma sicuramente sembrava approvare il trattamento che Gabry gli stava infliggendo, non osando protestare si inginocchiò nuovamente per ricevere il terzo colpo che immancabilmente arrivò, ancora più forte del precedente, addirittura il tallone di un piede lo colse in un occhio procurandogli un fortissimo dolore, anche questa volta cadde all’indietro e rimase riverso per terra tenendosi le mani sul volto per cercare di attenuare le fitte e cercare di proteggersi. “molto bene!” disse Gabry soddisfatta “spero tu abbia capito la lezione adesso! Dai su! rimettiti in ginocchio!” Lui si schermì spaventato “N-no Gabry! Basta ti prego! Ho capito te lo giuro! Non lo farò mai più! Te lo prometto!” le due donne si misero a ridere vedendo la scena. “Non ti preoccupare cuginetto, non voglio punirti ancora” disse Gabry ridendo “lo so che hai capito, ma ora lo devi ripetere nel modo giusto! Ringraziandomi per aver corretto il tuo errore e baciando i miei piedi” e sorridendo allungò nuovamente le gambe mostrandogli le marziali piante velate. Lui era ancora sospettoso, non sapeva cosa fare soprattutto la presenza della zia lo metteva in agitazione, tuttavia si avvicinò prudentemente ai suoi piedi e formulò le sue scuse “s-scusa ancora Gabry… ho sbagliato… n-non lo farò più…t-ti ringrazio per avermi fatto capire il mio errore” così dicendo iniziò a ricoprire di baci le sontuose piante della cugina.“così va meglio!” intervenne la zia annuendo “solo una cosa non capisco Gabry! Come mai si stava masturbando? Non dovresti dargli il permesso di fare certe cose, ricordati che l’astinenza è fondamentale per ottenere l’obbedienza totale, sei troppo buona con lui!” così dicendo si accomodò anche lei sul divano togliendosi con una smorfia le scarpe dal tacco vertiginoso che indossava, rimanendo scalza. “Ah molto meglio adesso!” sospirò “TU!” continuò rivolgendosi a lui e indicandogli un punto del pavimento proprio in mezzo ai suoi piedi “sdraiati qui, faccia rivolta verso l’alto!” Lui era ancora interdetto, l’unica cosa che riuscì a fare fu quella di guardare la cugina che annuì “forza dai! Hai sentito no? Sdraiati!” obbedendo si posizionò dove gli era stato detto mentre madre e figlia continuavano a parlare. “Lo sai come funziona Gabry, sei tu che devi avere il controllo! Altrimenti poi se ne approfittano! Cos’è che ti ho sempre detto?” “ma si mamma, lo so!” sbuffò la cugina innervosita “guarda che non fa mica quello che gli pare! È più di un mese che non gli permetto di toccarsi, gli ho perfino impedito di fare sesso con la sua fidanzata! “Ih! che sarà mai!” esclamò la zia scuotendo la mano per minimizzare “un mese….è il minimo sindacale! Pensa che in questa famiglia ci sono uomini a cui sono anni che non concedo di venire!” disse lanciandogli un’occhiata penetrante, mentre lui sbiancava in volto “Eh già nipotino! Non starò a raccontarti tutto ma sappi che non sei l’unico leccapiedi della famiglia! Anzi! la maggior parte dei rappresentanti di sesso maschile del nostro nucleo sanno qual è il loro posto! Esattamente dove sei tu adesso, SOTTO… I…NOSTRI… PIEDI!” e scandendo le ultime parole li appoggiò entrambi sul suo volto attonito, immediatamente un potente afrore invase le sue narici, le piante di zia Ale, inguainate in un sottile collant bianco, impreziosito dalla riga posteriore, con tallone e puntale rinforzati, erano calde e sudate, i suoi piedi erano più grossi di quelli di Gabry e per questo motivo coprivano interamente il suo volto, iniziò quindi a strofinarli sul suo viso badando a fargli annusare per bene soprattutto nella zona delle dita e tra le profonde rughe “ecco caro nipote!” continuò “Ora anche to lo sai! Stai sotto i piedi da bravo! Si! Sotto i piedi! Forza! Annusali bene! Più forte! Voglio sentirti inspirare! Devi riempire il tuo nasino e tuoi polmoni del mio odore! Non te lo devi più scordare!” lui, sepolto sotto le spesse grinze di quelle superbe piante, respirava a pieni polmoni l’aria viziata che riusciva ad attraversare il nylon odoroso, il suo pene era diventato enorme, le vene pulsavano ad ogni boccata “Oddio, Guarda mamma! Il suo coso è grossissimo, sembra che stia per esplodere!” esclamò gioiosa Gabry “Già vedo!” rispose la zia severamente “sei proprio un pervertito nipotino! Che vergogna! Eccitarsi in questo modo con l’odore dei piedi! Sei proprio patetico sai? Dovresti pensare ad altro alla tua età! E invece guardati! Scommetto vorresti anche leccarli, vero? O magari vorresti che ti facessi una bella sega strofinandoli su quel cazzone, ti piacerebbe sborrarmeli tutti? Eh?” Mentre parlava continuava a tenerlo bloccato sotto i piedi, rimarcando le sue parole aumentando di volt a in volta la pressione sul suo volto, lui con la bocca tappata dalle piante della zia non riusciva a proferire parola ma le volgari espressioni che zia Ale gli rivolgeva lo facevano eccitare ancora di più, il suo pene era duro come una roccia e smaniava per dar sfogo alla sua grnade eccitazione. Ad un tratto la zia alzò per un attimo i piedi dal suo volto lasciandolo libero di respirare, un sorriso cattivo era comparso sul suo volto “Mmmm…però! E’ diventato proprio grosso! Scommetto che le ragazze le fai impazzire con quel coso! Magari potresti essermi utile, eh Gabry? Che ne dici?” chiese maliziosa la zia mentre rincominciando a premere le rugose piante sul suo volto “Eh no!” esclamò Gabry stizzita “non se ne parla proprio mamma! Trovatene un altro! A Lui non è assolutamente permesso di fare sesso! Non ci deve nemmeno pensare! È il mio leccapiedi e basta! Capito?” “Ok, ok! Non ti arrabbiare cara!” rispose la zia Ale “ho capito, dopotutto lui è tuo, quindi sei tu che decidi”. Gabry alla risposta della madre si calmò e continuò “e poi non ha ancora la resistenza necessaria! È un po’ scarso il cuginetto, basta dargli un paio di colpetti e viene come una fontana, guarda!” così dicendo allungò la gamba e iniziò a strofinare la morbida pianta sulla sua poderosa erezione. Come predetto dalla cugina non appena il suo membro avvertì il contatto con le soffici grinzette dei suoi piedi, eiaculò violentemente facendo fuoriuscire una copiosa quantità di sperma bollente che schizzò verso l’alto, mentre lui si contorceva ancora sepolto sotto le maleodoranti piante della zia.. “ecco” disse Gabry alla madre che era scoppiata a ridere vendendo quella scena “hai visto? I piedi lo fanno eccitare così tanto che viene subito, sto cercando di allenarlo un po’ ma con risultati deludenti”.
“ho capito, ho capito” rispose la zia ancora ridendo mentre si alzava dal divano e si rimetteva le scarpe “sei proprio una fallimento nipote!” disse rivolgendosi a lui che faticosamente cercava di ricomporsi “spero proprio che Gabry riesca a istruirti a dovere, mi raccomando figlia mia! Continua così! Ricordati che i servitori devono essere trattati duramente per ottenere la loro totale devozione! Ora però si sta facendo tardi e devo ancora passare a casa dei tuoi genitori, mi stanno aspettando per i preparativi della cena di stasera, non vorrei farli attendere troppo scommetto che si stanno già chiedendo, soprattutto tuo padre, dove sia finita. Voi ci sarete?”
“Si mamma” rispose Gabry annoiata “certo che ci saremo” “perfetto” annuì zia Ale “ah solo un’altra cosa, procuragli un vestito più adatto alla sua posizione quando siete qui a casa, è importamte anche distinguere i ruoli, mi raccomando, allora a dopo figlia mia.” Così dicendo si incamminò verso la porta ma si fermò sulla soglia in attesa, guardandolo.
Lui era ancora sconvolto dagli avvenimenti, nella sua testa vorticavano mille pensieri, quindi anche la zia Ale, sapeva della sua condizione, anche lei dominava gli uomini usando i suoi piedi e aveva insegnato a Gabry come trattare chi aveva la sua stessa inclinazione feticista, gli sembrava tutto così assurdo. Nonostante ciò meccanicamente si avviò carponi in direzione della zia e giunto ai suoi meravigliosi piedi si abbassò per baciarli. “Molto bene nipote! Almeno le basi del rispetto le hai imparate” disse la zia soddisfatta “a stasera allora”
Una volta soli Gabry iniziò a prepararsi, vedendolo ancora assorto e scosso cercò di rincuorarlo “Non ti preoccupare leccapiedi! La mamma non è così cattiva, anzi! So che le sue parole ti hanno un po’ scombussolato ma pensarci troppo! Comunque l’hai sentita no? Dobbiamo procurarci un vestito più adatto a te, forza alzati da li e preparati! Questa sera dobbiamo anche andare a cena dai tuoi!”

Questo racconto di è stato letto 4 3 3 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.