L'acquazzone

Scritto da , il 2010-10-05, genere gay

Incuneato tra i bei ricordi c'è quel lontano pomeriggio di fine estate del '70. Pioveva come solo un temporale sa fare, io, nel guscio della mia auto guardavo con attenzione ciò che mi stava intorno, in lontananza mi precedeva un grosso furgone che in quel frangente, a causa di una buca colma d' acqua piovana, schizzò un enorme quantitativo di fanghiglia su di un povero ragazzo che transitava sul marciapiede. Il buontempone col furgone si allontanò senza colpo ferire, io mi fermai per chiedere al malcapitato se avesse bisogno d' aiuto, egli era in pietose condizioni ed io, anche se temevo per la tappezzeria, gli dissi di salire che lo avrei accompagnato a casa. Solo dopo che montò in auto mi accorsi della sua "tenera" età, aveva 12/13 anni, gli chiesi dove abitava, la località che mi disse era parecchio distante, suggerii, allora, di andare a casa da me per asciugarsi, lo avrei accompagnato dopo.

Quando fummo a casa gli indicai la porta del bagno dicendogli di farsi una doccia che intanto avrei provveduto a fare qualcosa per i suoi indumenti.

Uscì dalla doccia con il telo addosso, gli chiesi come mai non avesse messo l' accappatoio e lui mi rispose che era enorme. Dario, questo era il suo nome, si sedette sul divano, avvolto nel telo umido, con evidente imbarazzo, era veramente carino ed un pensiero lubrico mi sfiorò la mente, gli dissi che per i vestiti avremmo dovuto aspettare ancora, erano fradici, poi, prendendo al volo l' occasione, gli dissi che non avevo indumenti della sua misura ma; poteva mettere qualcosa della mia ragazza, lui rise affermando che non si era mai vestito da femmina, ma dei pantaloni ed una maglietta potevano anche andare.

Ci trasferimmo nella stanza da letto, gli mostrai, aprendo l' armadio, ciò che poteva indossare. Dario cominciava a prendere confidenza, cominciava ad essere più naturale, infatti, scherzando, si appoggiò addosso una gonna, poi disse: questa no, non mi sono rasato le gambe, ridemmo insieme e il moto della risata fece cadere a terra il telo che lo copriva, non so cosa successe in quell' istante, io aprii le braccia per accoglierlo sul mio petto, lui, dal canto suo, non ebbe alcuna esitazione, venne a stringersi a me, non come un amico ma come un amante. Tremava in tutto il suo essere, io presi ad accarezzarlo, sui capelli, sulle spalle, sulle natiche, sulle gambe che lui prontamente aprì per essere accarezzato anche nelle sue intimità. Mi spogliai come una furia (non so come feci visto che lui rimase attaccato a me), sollevai quel cucciolo d' uomo ed insieme rovinammo a letto. Il suo corpo profumava di bagnoschiuma, le sue labbra erano fresche come un bel frutto rosso e le teneva dischiuse in attesa di essere baciato, io gli infilai la lingua dentro, lui prese a succhiarla con avidità, la mia mano si era impossessata delle sue natiche, le mia dita stavano "ravanando" il buchetto nell' attesa di entrarvi, gli misi in bocca il medio, che mi disse che profumava di culo ( mi confessò che si metteva dentro al culo le dita e non solo, quando era solo a casa), lo bagnò con la saliva e spinse indietro il culo per farsi penetrare meglio, entrò quasi subito, poi vi misi dentro anche l' indice, Dario gemeva, mi dava bacetti e mi faceva succhiotti, sempre più giù, sempre più giù finchè non prese in bocca il mio randello, io non riuscivo a staccare le dita dal suo buco, cosicchè girandoci ci ponemmo a 69, lui leccava avidamente il mio cazzo, io leccavo avidamente il suo culo.

Segue...

Questo racconto di è stato letto 6 9 0 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.