Magda

Scritto da , il 2016-05-15, genere esibizionismo

Lo scrosciare dell'acqua era come una strana musica in quel luogo fatto di luci soffuse e colori. Un luogo inesistente anche nelle sue più perverse fantasie, inesistente solo fino a qualche mese prima. Adesso era lì, accanto a lei un uomo che le aveva aperto un mondo nuovo di possibilità o solo di fantasie. Erano insieme coperti da un accappatoio, un drink in mano e il disagio che si mescolava alla curiosità. Spogliarsi in uno stanzino che sapeva di sudore e di odori legati al sesso, con altri che si spogliavano allo stesso modo, era stato un gesto meccanico, quasi normale, come farlo in palestra o a scuola. Nessuna vergogna nell'esporre il suo corpo alla vista degli altri. Il passaggio alla sala d'ingresso era stato buffo, girare in accappatoio tra volti sconosciuti, come se fosse a casa sua, un drink tra le mani, una sigaretta per rompere il ghiaccio. Nella vasca dell'idromassaggio, le bolle avevano creato una strana schiuma, superando il ribrezzo per ciò che potesse rappresentare le strofinava sul corpo nudo, la sensazione di libertà si era pian piano impadronita di lei, senza vestiti addosso, era la prima volta, eppure di anni ne aveva abbastanza., c'era sempre tempo per nuove esperienze, era questa l'idea di fondo che si insinuava nella sua pelle, sul suo corpo nudo, sul suo sesso coperto solo da un velo d'acqua. Era piacevole tutto questo , ma non erano soli, sguardi curiosi guardavano il suo corpo, un uomo, una donna, la guardavano sorridendo, sorrideva anche lei suo malgrado. Non avrebbero capito, i loro sguardi cercavano il suo sesso, guardavano il suo seno gocciolante d'acqua, i loro sguardi esprimevano desiderio, il suo sorriso un po' svanito era solo l'espressione di una libertà interiore scoperta.
Salirono lentamente le scale, i loro corpi accaldati dalla sauna, avvolti nelle spugne, sentiva il sangue pulsare nelle vene. Un misto di curiosità e timore la spingeva a salire quegli scalini, dietro quella porta c'era ciò di cui il compagno le aveva tanto parlato. I loro discorsi erano cominciati mesi prima, lui l'aveva incuriosita, le aveva aperto le prospettive di un mondo sconosciuto. Si chiedeva spesso cosa lui provasse a volerle fare conoscere quel mondo. Le sembrava che per lui fosse un gioco perverso ma piacevole, un gioco di iniziazione, portarla a desiderare ciò che per lui era quasi abitudine. Era stato molto abile in questo, aveva iniziato con il parlare di possibilità, di alternative al sesso che aveva conosciuto fino a quel momento.Uomini donne, possibilità di scambiare i partner, possibilità di avere esperienze sessuali con uomini, donne, con sconosciuti. Il sesso come mezzo per avere piacere, non importava se l'altro fosse un uomo, una donna, uno sconosciuto o tanti insieme,. Ogni situazione poteva essere sfruttata per avere piacere, per godere, se solo si riusciva a pensare agli altri come oggetti. Era un mondo lontano anni luce dalle sue esperienze, il sesso per lei era sempre stato solo possibilità di esprimere un legame profondo con un'altra persona, qualcosa che completava l'unione spirituale di due persone. Ma salendo quegli scalini si sarebbe trovata in una realtà diversa, e il timore si mescolava alla curiosità, nell'attesa di qualcosa di ignoto. Lui la prese per mano "Andremo in una saletta isolata, è un posto come un altro per fare sesso insieme, potremo anche chiudere la porta" le aveva detto. Sul breve corridoio si aprivano tante stanze, sfilavano come ombre corpi nudi, senza volto, la penombra avvolgeva i corpi, le stanze erano illuminate, c'erano letti vuoti e letti occupati da corpi nudi che danzavano nella luce. Si soffermarono davanti ad una grande stanza, ai suoi occhi un insieme di corpi nudi, erano uomini, donne, il letto era grande, troppo grande, anche i corpi erano grandi abbandonati. Un uomo sedeva con le spalle al muro, tra le sue cosce una testa di donna, il suo volto era inespressivo mentre guardava la compagna con il suo cazzo in bocca e il sesso avidamente leccato da un altro uomo inginocchiato tra le sue gambe, un'altra donna, in penombra sembrava guardare la scena senza vedere nulla, le sue mani umide e calde si muovevano tra il suo sesso bagnato e il cazzo dell'uomo vicino a lei, Erano tutti senza espressione. In piedi, davanti alla porta lei e il suo compagno guardavano, lui sembrava apprezzare la scena, la sua mano manipolava dolcemente il suo cazzo, come a tenerlo sveglio, mentre con lo sguardo sondava i recessi di quei corpi sconosciuti. Erano brutti quei corpi, deformati dalle ombre e non sembravano godere. Poi come ad un segnale convenuto era successo qualcosa, l'uomo seduto alla parete con un silenzioso sospiro aveva sborrato sulla compagna, il cui viso si era aperto ad un'espressione di piacere e anche lei aveva sborrato nella bocca dell'altro uomo sdraiato tra le sue cosce. Avevano preso dei panni e si erano asciugati. Magda li guardava, si stupiva osservatrice, ma il suo corpo non reagiva, non provava piacere, non provava repulsione, era come osservare un film, era come un qualcosa di irreale. Una ragazza urlava in una stanza dietro delle sbarre di ferro, il suo volto e il suo corpo erano giovani, freschi, accanto a lei un ragazzo, erano entrati discutendo in quella che il compagno le spiegò era una stanza per sado-maso, non è che avesse un'idea ben chiara di cosa potesse succedere lì, ma aveva data per buona la spiegazione, ma la ragazza urlava, voleva andar via, e forse qualcuno l'aveva invitata ad andar via per non disturbare gli altri. Dietro un vetro un bellissimo giovane massaggiava una donna sdraiata su una lettiga, il suo compagno in piedi le teneva il volto tra le mani. Le mani del massaggiatore sfioravano la pelle della donna, e il suo corpo reagiva, nella penombra scaldata da luci rossastre, la sua pelle fremeva, il suo corpo si inarcava sotto le mani esperte del giovane. Nudo in piedi, muoveva le mani su quel corpo, estraneo a lui. Era un lavoro come un altro, pensò, un lavoro e basta, far godere quella donna sdraiata sulla lettiga e pensare ai fatti suoi, il sesso gli pendeva molle tra le cosce muscolose, quella sotto le sue mani non era un oggetto di desiderio, era come carezzare un cuscino. Si chiese, per un attimo se penetrarla rientrasse nelle sue prestazioni professionali, ma in quelle condizioni non sarebbe stato possibile, chissà se era abituato anche ad avere le erezioni solo pensandoci, ma in fondo non era un problema suo. La donna sembrava eccitata, il compagno le teneva la testa baciandola sulla bocca, era impossibile vedere se anche lui fosse eccitato dal suo punto di osservazione. E poi il suo compagno la prese per mano, era finito il giro di ciò che c'era da vedere. Le aveva spiegato a volte che si poteva decidere se stare soli o aggregarsi ad altri che fossero disposti ad accettare, ma anche quella era una spiegazione un po' oscura, si chiedeva come si fa ad avvicinarsi a qualcuno e dire scopiamo, o forse solo avvicinandosi gli altri avrebbero capito, non le piaceva proprio l'idea di scopare con gente sconosciuta, sentire dentro di lei un cazzo appartenente ad un'entità senza nome e quasi senza volto, senza una parola, senza niente in comune. Eppure si trovava lì dove per tutti era la sola cosa da fare.
La stanza era quasi tutta occupata da un grande letto, c'era una porta che si apriva sul letto stesso, tutto era riflesso in una parete a specchio. La luce era calda, i toni del rosso, non aveva mai sopportato gli ambienti nei toni del rosso, ma in quello strano luogo, sembrava il solo colore adatto. La musica era intensa, ritmi ossessivi che evocavano danze sfrenate: era quello il ricordo che le sarebbe rimasto più a lungo, l'odore del sesso permeava quel luogo, umori, sudore, odore di esseri umani, non era sgradevole. Avevano iniziato toccandosi pian piano, erano soli, su quel grande letto. Le mani di lui giocavano sul suo corpo, con la sicurezza di chi ha una lunga esperienza e sa cosa fare. La carezzava piano, carezzava il suo corpo, per poi giocare con il suo sesso, le sue dita agili la penetravano un momento, facendole desiderare di più, ma lui le sfilava via e ricominciava con languidi carezze.Strizzava i suoi capezzoli baciandoli e succhiandoli, per poi lasciarla affamata e desiderosa. Le continuava a dire di non avere fretta, avevano tanto tempo per loro. Toccati, le disse, e lei desiderava farlo, per sentire più intensamente il desiderio. Piegata sulle gambe, stava dritta sulla schiena. i lunghi capelli le coprivano il volto, le spalle, i suoi capezzoli erano turgidi ed anche il suo sesso, le sue mani correvano sul suo clitoride, le sue dita entravano ed uscivano dalla sua vagina, era bagnata, calda. Si rifletteva nel grande specchio e muoveva il suo corpo sul ritmo della musica. Ombre si muovevano riflesse nello specchio. Girati, le disse, fai vedere la tua figa aperta, sono lì per te, vogliono guardarti. Erano starne ombre, le vedeva riflesse nello specchio, erano uomini donne, guardavano con lo sguardo vuoto, e si toccavano, vedeva cazzi eretti , mani che li accarezzavano, uomini in piedi che si masturbavano e questa volta guardavano lei. E lei si muoveva e giocava con il suo corpo perché loro guardassero. Sentì una mano sfiorarle una coscia e si ritrasse bruscamente, troppo bruscamente, il suo compagno la riprese, non è necessario fare così, vanno via se non vuoi. Ma lei non voleva che andassero via, la eccitava farsi guardare, sentire i loro occhi pieni di desiderio, provava una sensazione intensa, una sensazione di potere enorme: quegli uomini erano lì, desideravano lei e lei faceva in modo che aumentasse il loro desiderio, godendo davanti ai loro occhi. Cresceva il suo piacere, vedendoli lì, sul ciglio della porta, sapendo che non avrebbero avuto avuto ciò che volevano, avrebbero solo guardato il suo corpo, desiderandolo ma non avrebbero neanche potuto sfiorarla. Un intenso piacere la invase, il piacere di dominare, impedire loro qualunque cosa la faceva godere più delle carezze e dei baci che continuava a darle il suo compagno. Nessuno l'avrebbe toccata, potevano solo desiderare, ma non avrebbero avuto niente altro, continuava a muoversi, esporre il suo sesso, infilare le sue dita tra i suoi caldi umori, per poi metterle in bocca: tutto ciò che avrebbero voluto era lì davanti ai loro occhi, in una mimica silenziosa ed eloquente, fatta solo per aumentare il loro desiderio e per godere della loro impossibilità di realizzarlo.

Questo racconto di è stato letto 4 2 1 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.