Un viaggio

Scritto da , il 2016-04-11, genere prime esperienze

ISLA DE LA JUVENTUD
Come spesso accade quando sia esausti, cerchiamo di ricavarci un angolo di sogno per riprendere le nostre forze.
Ne abbiamo parlato tanto, pure tu mi dicevi che stavi organizzando un periodo di pausa dalle tue attività.
Saresti partita con la tua famiglia, noi avremmo viaggiato in gruppo, eravamo più coppie tutte nella stessa destinazione.
Ci eravamo lasciati con un messaggio per risentirci quando saremmo tornati da questa fuga dalla routine quotidiana.
Il mio viaggio era durato tanto, la meta suggestiva, conoscevo già la zona, ci ero già stato e volevo tornarci prima che tutto in quel paese cambiasse.
Cuba, l’isola che non c’è.
L’isola di Hemingway.
L’isola della rivoluzione!
Ormai non c’era quasi più nulla di tutto ciò, solo murales e musei, quadri e qualche pesos con l’effigie del CHE.
C’era tutto quello che un turista vuole, Rhum, sigari e donne…………………………..
Rimaneva solo un angolo nascosto ancora da tutto questo dove il mare dei caraibi viene spazzato dai tornado, dove i pirati avevano le loro spiagge dei tesoti.
L’Isla de la Juventud.
Un solo villaggio, un centro militare molto nascosto ma pieno di militari e una baia dove era stato ricreato un villaggio per il personale dell’Hotel e dove un museo conservava le relique di quei bucanieri che 200 anni fa solcavano questi mari, depredando chiunque li attraversasse.
Pace, relax e rhum a volontà.
Tanti italiani alla reception attendevano il loro turno per avere le chiavi dell’agognato bungalow dove il caldo tropicale era scacciato da condizionatori che facevano fuoriuscire getti d’aria quasi gelidi.
Tra i tanti scorsi anche una chioma conosciuta, non poteva essere vero ma pensai fossi tu.
Mi interrogai su come ciò potesse essere vero poi, immaginai che l’offerta vantaggiosa avesse portato anche te a considerare quella meta come la migliore in assoluto in questo momento.
Con questo pensiero presi possesso della mia stanza, ampia e luminosa.
Non ero certo solo e la voglia di mare ci prese, la spiaggia a due passi il mare calmo erano la migliore terapia per quel momento di pausa. In spiaggia cercai il tuo corpo, nulla di quanto vedevo sembrava assomigliare alle tue curve.
Il primo giorno volò via come fossero solo centesimi di secondo che scorrevano veloci sul quadrante dell’orologio.
Il mattino la colazione vide il mio gruppo iniziare a programmare ogni attività possibile.
Vela, snorkeling, pallavolo, tornei di calcetto…… Io ero lì per rilassarmi e il gruppo faceva il caso mio.
Mia moglie avrebbe potuto provare le attività proposte dal villaggio mentre io potevo rilassarmi.
La piscina di acqua salata e cascate al centro era ottimale.
I bambini ne avevano una a loro dedicata adiacente alla grande e questo poteva assecondare la mia voglia di sdraio e calate, classiche di chi adora crogiolarsi al sole.
Sdraiato su quella sdraio assaporavo il mio Cubalibre e sotto le lenti da sole potevo scrutare la fauna autoctona e della rappresentanza mondiale che sostava ai bordi della piscina.
Un costume giallo fiorito e abbastanza contenuto per quantità di tessuto aveva attratto la mia attenzione.
Cercava di coprire senza contenere un sedere degno di nota che mi ricordava qualcosa.
Alzai lo sguardo e anche il corpo mi diceva qualcosa di familiare.
Non era mia moglie ma, quel sedere lo conoscevo, era un “viso” conosciuto alla mia memoria.
Cercai con insistenza di scoprirne il volto ma, fu l’accompagnatore a darmi un indizio in più.
Un volto noto, un volto che ora aveva un perché, un volto che ora dava la certezza che ieri alla reception eri tu e che quel sedere era il tuo.
Questa visione, mi accalorò, mi sentivo strano, confuso ma eccitato.
Dove eri ospitata?
In che bungalow?
Quanto era distante dal mio?
Cosa sarebbe successo se ti avessi incrociato?
Mentre questi pensieri ruotavano nella mia mente scoprii di averti persa di vista.
La giornata continuò in compagnia della nostra comitiva ormai, sempre più padrona di quel villaggio e dei suoi momenti più esilaranti.
La serata in discoteca fu la rivelazione.
Una sala gremita di turisti e i ritmi sudamericani fecero il resto.
I consorti stanchi della giornata, abbandonati sulle loro sedie e io e te allo stesso bancone del bar.
Il rhum veniva servito come acqua di fonte e gli sguardi si incrociarono in uno sguardo pieno di incredulità e stupore che presto diventò un sorriso di compiacimento.
La pista da ballo piena era il giusto muro invalicabile che ci divideva da occhi indiscreti e così senza parlare i nostri corpi ballarono la più sensuale danza caraibica mai ballata.
I nostri odori, i nostri profumi, i nostri corpi parlarono per noi poi si lasciarono, tenendo ognuno per sé quel senso di eccitazione che potevamo custodire più di mille parole.
Fu una notte insonne, eccitante e il risveglio del villaggio ci trovò già pronti alla nuova giornata.
I nostri occhi cercavano l’altro in ogni dove.
Il telfonino riprese vita per percepire il pensiero di ognuno dei due a quella scoperta.
Eravamo lì, in un paese esotico, con le nostre famiglie ma, potevamo sfiorarci…..
Tramite messaggi potevamo parlarci, dirci dove eravamo, scrutarci da lontano e sentire l’eccitazione salire ma, volevamo di più, i nostri corpi volevano incontrarci, le nostre menti scrutarsi.
Il villaggio non aveva un bancomat, l’unica risorsa era il Banco, nella cittadella a nord di quell’isola.
Ci si poteva andare con un auto a noleggio con autista oppure con uno dei motorini a noleggio del villaggio.
Decisi di tentare questa carta e chiesi a te di assecondarmi.
Il giorno dopo c’era una gara di cucina a carattere internazionale e amatoriale.
Mia moglie come tuo marito decisero di parteciparvi.
Decisi così di giocarmi le mie carte e dissi che sarei andato al paesello per prelevare un po’ di pesos.
Coinvolsi anche te in questa piccola avventura.
Il giorno dopo tu eri in partenza per quel posto con un’auto a noleggio e io con il mio motorino.
Avevamo già preannunciato che avremmo fatto un giro del museo e una puntatina alla cala delle tartarughe, meta della nidificazione della specie.
Arrivati al Banco, l’autista andò via e prelevato il necessario potevamo goderci la nostra tranquillità.
Il giro al paesello fu breve, era tanta la frenesia di toglierci da occhi indiscreti.
Tornati al motorino, prendemmo una strada dal bianco accecante che conduceva alla baia, isolata e protetta.
I nostri corpi erano a contatto. Sentivo il tuo petto sulla mia schiena, le tue gambe calde fuoriuscivano dal pareo e mi procuravano un calore strano, un calore eccitante.
Le tue mani mi abbracciavano mentre la strada non proprio liscia ti faceva sobbalzare.
Sentivo i tuoi seni solleticarmi la schiena, le mani lambivano le mie gambe e il mio inguine.
Sempre più eccitato fermai il motorino e ti baciai volevo possederti lì ma cuba è sempre un incognita.
Arrivammo in spiaggia.
Deserta, bianca, il mare di un verde cristallino ci attendeva ansioso di abbracciarci.
Spogliati di ogni cosa corremmo in acqua, giocammo con gli schizzi, assaporammo il sale caraibico e ci riconciliammo con i nostri corpi.
Avvinghiati l’uno all’altro sentivamo l’eccitazione salire, il mio pene fu dentro di te in un attimo mentre tu eri abbracciata a me e sollevata nell’acqua.
Sentivo i tuoi gemiti salire al cielo fino a quando ti sentii tremare dal piacere.
Uscimmo dall’acqua e ci rifugiammo dietro delle palme, soli, a guardarci negli occhi come due bambini che ricevono un dono bello e inaspettato.
Le mani di entrambi scorrono sui nostri corpi nudi, ti impossessi del mio pene, sento la leggera pressione che eserciti, facendo scivolare la pelle all’indietro scopri il glande, umido dei miei umori.
Sai che prima non sono venuto e sai che la mia eccitazione sta crescendo a dismisura.
Le tue labbra lo solleticano, quasi mordono il frenulo, giocano intorno all’asta fino ai testicoli.
Sento le tue labbra racchiudere il mio sesso e farlo scomparire, ti guardo mentro lo fai e il tuo sguardo incrocia il mio.
Non resisto, voglio sentire il tuo odore di femmina, saziarmi del tuo nettare e sentire il tuo sapore.
In un 69 travolgente mi faccio prendere da te sdraiato ho il tuo sesso sulle mie labbra mentre tu continui a succhiare.
Succhio anch’io il tuo clitoride, introduco la mia lingua tra le grandi labbra come fosse un pene.
Non resisto e non resisti nemmeno tu e veniamo insieme nelle labbra dell’altro.
Il sole è ancora alto, il nostro piacere ancora vivo.
Pochi attimi e ti sono sopra, voglio sentire il tuo sesso aprirsi a me e abbracciare il mio.
Entro piano ma fino in fondo, i tuoi occhi oltrepassano il mio corpo e guardano le palme che ci riparano.
Spingo e inizio un lento balletto una rumba armoniosa dentro di te.
Mi spingi ed esco da te mi sali sopra e fai scivolare il mio sesso dentro di te.
La Musica cambia, alla rumba si è sostituita la bachata, ti muovi sinuosa, sento le tue pareti interne rapirmi il pene.
Il piacere mi assale, vorrei possederti io e ti alzo ti afferro e ti poggio con le mani al tronco di palma.
Guardo te e lo scenario è stupendo.
Tu e la palma, il mare e il sole al tramonto.
Spingo profondamente mentre tu ti tocchi il clitoride e finalmente veniamo ancora insieme………………………..
Il sole tramonta come questa giornata in questa isola deserta nel messo dei caraibi e la strada ci avvicina al villaggio, è stata una vacanza bellissima ma, so che al ritorno proverò ancora le stesse emozioni.

Questo racconto di è stato letto 2 7 7 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.