Erotici Racconti

Pioggia estiva

Scritto da , il 2016-02-19, genere pissing

“Prima di uscire di casa togliete qualcosa.”
Questo diceva Audrey Hepburn.
E questo io facevo tutti i giorni, anche in quel pomeriggio di quell’estate afosa e calda in non c’era vento neppure a soffiare sulle foglie.
In piedi davanti allo specchio, alzai lentamente l’orlo del vestitino azzurro a fiori che portavo.
Le mutandine blu spiccavano a contrasto della mia pelle nivea, le afferrai con pollice e indice e piano le abbassai, svelando la mia fichetta, accuratamente depilata ore prima.
Il leggero tessuto cadde, sollevai alternativamente i piedi – calzati in alte zeppe con il tacco di corda che si allacciavano attorno alle mie caviglie sottili - per liberarmene e riabbassai la gonna.
Guardai la mia immagine allo specchio, mossi qualche passo per controllare come venisse evidenziato il piccolo triangolo del monte di Venere ogni volta che incrociavo le gambe.
Non era certo questo che intendeva Audrey, ma era una cosa troppo bella per poterci rinunciare.
È così meraviglioso uscire in libertà, sentire la stoffa che stuzzica le pelle – soprattutto il jeans – osservare le reazioni di chi si accorge, muoversi in modo tale da agevolare la scoperta.
Mi giudicai pronta e uscii.
Appena chiusi la porta provai la solita sottile eccitazione trasgressiva dell’essere uscita senza mutandine.
Passeggiai per il centro, osservando le vetrine e la gente.
Riconobbi i turisti intenti a fotografare negozi carini, monumenti e qualsiasi altra cosa li attirava; ragazzi sostavano nei bar o nei luoghi ombreggiati, altri camminavano senza meta.
Ancheggiavo sicura sulle zeppe, incrociando le gambe, un piede davanti all’altro, come in passarella.
La stoffa era abbastanza aderente ed evidenziare tutto l’evidenziabile, il solco fra i glutei, la giuntura delle grandi labbra.
A dispetto di quest’erotica provocazione tenevo gli occhi quasi pudicamente abbassati.
Eros e innocenza, questo è il segreto.
Ero osservata, lo sapevo, e la cosa mi faceva piacere.
Mi fermai in un bar per una coppa di gelato.
Scelsi un tavolino all’aperto, mi sedetti sulla poltroncina e gustai la coppa a piccole cucchiaiate.
Dei ragazzi seduti davanti a me mi scrutavano, ammiccavano e si davano delle gomitate.
Erano ragazzini delle medie, si capiva, massimo primo liceo.
Li trovai teneri.
Decisi di stuzzicarli.
Presi l’ultima cucchiaiata di gelato e lentamente la misi in bocca, stringendo le labbra sul metallo lucido prima di farlo uscire, feci balenare in ultimo la punta della lingua e mi leccai le labbra.
Concessi un ultimo regalo prima di andarmene, schiusi di poco le gambe mostrando la fichetta.
Li vidi deglutire e affannarsi a coprirsi.
Mi alzai e feci un occhiolino agli avventori che avevano goduto del mio spettacolino.
Proseguii la passeggiata, sentendomi osservata ed eccitata.
Lasciai il centro e percorsi il parco, m’inoltrai nelle zone più defilate, oltre le aree dei giochi.
Trovai una panchina isolata, protetta su tre lati da siepi di oleandro, l’unico sentiero era al mio fianco.
Ero sola.
Passai le dita sulle cosce e alzai il vestito quel che bastava per toccarmi.
Aprii le gambe.
L’aria investì la mia fica aperta, facendomi bagnare di più.
Introdussi due dita e le mossi avanti e indietro, passandole poi sul clitoride.
Essere vista.
Essere scoperta.
Questi rischi aumentavano in maniera esponenziale l’eccitazione.
La fica era fradicia.
Mi penetrai con le dita, sempre più forte, mentre l’altra mano stuzzicava il clitoride gonfio.
Venni quasi subito, trattenendo a malapena i gemiti.
Non ero ancora sazia, così decisi di continuare.
Ormai avevo la fica in bella mostra, le gambe completamente aperte.
Dopo qualche minuto sentii un gemito soffocato provenire dalla mia sinistra.
Voltai brusca il capo.
Un signore biondo sulla sessantina ricambiava il mio sguardo.
O meglio, aveva lo sguardo puntato fra le mie cosce.
Iniziò a balbettare qualcosa in tedesco.
Non parlai.
Le parole avrebbero rovinato tutto.
Con gli occhi lo invitai ad avvicinarsi per osservare meglio.
Stupito abbandonò il nascondiglio offerto dai cespugli.
Aveva ancora i pantaloni slacciati, l’uccello gonfio usciva parzialmente dagli slip bianchi.
Con un cenno della testa lo spronai ad abbassarli, liberando così il cazzo duro ed eretto.
Era ben messo, sebbene fosse anziano.
L’ardore non gli mancava.
Rincominciò a segarsi, movimenti lenti e profondi.
Lasciai che osservasse ben bene prima di ricominciare a masturbarmi.
Immaginai di prendere quel cazzo in bocca, poi di piegarmi a pecora sulla panchina e farmi scopare la figa bagnata.
Forse lo immaginava anche lui.
Continuammo a masturbarci ed osservarci reciprocamente.
Mi sentivo così zoccola, una giovane zoccoletta birichina.
Ero vicina al secondo orgasmo.
Mi accorsi che mi scappava la pipì.
Mi posizionai sul bordo della panchina, le dita che si muovevano veloci dentro e fuori.
L’orgasmo arrivò potente e devastante, inarcai la schiena e il bacino.
Gemetti.
Mi tremavano le gambe.
L’uomo aveva il volto paonazzo, la mano che correva veloce sul cazzo durissimo.
Tenni le grandi labbra ben aperte e mi concentrai.
Sentivo l’urina lì, appena dietro il buchino, pronta per uscire, complice l’orgasmo appena avuto.
Il primo getto dorato uscì graziosamente dalla mia fontanella, atterrando sull’erba.
Il signore gemette ancora, un ulteriore suono strozzato.
Certamente non si aspettava quell’ulteriore spettacolo.
Con la mano libera mi massaggiai la fica, mentre la pipì continuava ad uscire.
Finalmente appagata osservai l’uomo masturbarsi furiosamente e sborrare, lunghi getti bianchi che caddero sull’erba.
Lentamente il cazzo tornò moscio.
L’uomo si pulì con un fazzoletto umido e poi, con cura, me ne tamponò uno sulla figa, pulendola delicatamente.
Sorrisi e lo ringraziai.
Ricambiò il sorriso e i ringraziamenti.
Ci ricomponemmo , uscimmo dal nostro angolo di lussuria e alla biforcazione dei sentieri ci dividemmo.
Eh si, vale davvero la pena di seguire il consiglio della Hepburn.

Questo racconto di è stato letto 9 7 9 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.