Erotici Racconti

Prime scoperte

Scritto da , il 2010-08-30, genere feticismo

Quello che vi racconterò non è frutto di fantasia, ma tengo a precisare che tutti i miei racconti sono veri, solo i nomi sono di fantasia.

Ieri prima domenica di campionato ho deciso di assistere alla partita della mia squadra insieme con un'amico, le nostre rispettive mogli non amando il calcio hanno daciso di fare un giro in un piccolo centro commerciale aperto da poco in un paese vicino al nostro. Chi di voi ha avuto la bontà di leggere il mio primo racconto ricorderà della mia predilizione per gli splendidi piedini di mia moglie e del fatto che Lei abbia mutato radicalmente il suo atteggiamento verso il sesso, rendendosi conto che la sessualità è una cosa favolosa che va vissuta senza tanti limiti.

Ebbene tornando a quello che è accaduto ieri, le due signore si sono recate a fare shopping, sono due belle donne di circa 39 anni con tutti gli attributi a posto, la mia Federica indossava una mini nera con una camicetta fucsia che risatava il seno turgido, il totto su di un paio di sandali con tacco da 10 cm, trucco non eccessivo ma curato, la sua amica aveva un pantalone aderente che le fasciava il suo bel culo con una t-shirt scollata su di un decoltè 4^ misura, scarpe sportive e trucco accentuato. Arrivate al centro commerciale hanno cominciato ad osservare le vetrine alla ricerca di qualcosa che le colpisse, ma la mia Federica è rimasta colpita da un commesso di un negozio di scarpe, a suo dire un bel givanotto di circa 20 anni che aveva un'aria piuttosto annoiata visto la scarsa presenza di persone nel centro commerciale. Mia moglie è passata più volte davanti al negozio per farsi notare fino a quando il giovanotto non le ha fatto un sorriso, a quel punto Lei è entrata chiedendo di provare dei sandali con il tacco piuttosto alto misura 37, il commesso si è subito prodigato per mostrare a Federica le sue proposte mentre l'amica osservava la merce in esposizione con aria un po annoiata e dopo poco è uscita per recarsi in un'altro negozio lasciando Federica sola con il giovanotto. A questo punto mia moglie a cominciato a misurare chiedendo aiuto al ragazzo e si è resa conto che questi cercava di sbirciare sotto la sua gonna, la cosa le ha procato eccitazione ed improvvisamente a chiesto di poter usare il bagno, il ragazzo gentilmente le ha fatto strada, una volta in bagno Federica non ha fatto altro che sfilarsi il tanga che indossava per permettere al giovane una visione più eccitante del suo sesso ormai umido. Tornata a sedersi a iniziato a misurare altre scarpe tenendo il commesso inginocchiato difronte a Lei ed aprendo leggermente le gambe per permettergli di capire che si era liberata del suo slip. Ha subito notato un gonfiore sulla patta del giovanotto che cominciava anche ad arrossire (forse la timidizza difronte a tanta troiaggine?),ebbene Federica non si è persa d'animo, gli ha poggiato il suo piede sulla patta chiedendogli cosa fosse quel gonfiore, il ragazzo a cercato di scusarsi, lui non voleva, ma la visione lo aveva eccitato e si sentiva girare la testa, temeva che potesse entrare qualcuno nel negozio o peggio potesse errivare la padrona. Mia moglie lo ha tranquillizzato, gli ha detto di sollevarsi di fronte a Lei, gli ha sbottonato la patta ed ha tirato fuori il cazzo ormai duro come il marmo e lo ha segato con dolcezza facendosi sborrare sui piedi e poi facendosi ripulire dal commesso, il tutto in pochi minuti. Ha poi dato un bacio al giovane e comprato 2 paia di scarpe. Tutto questo poco prima che l'amica di mia moglie rientrasse nel negozio. Sappiate che quando Federica ieri sera mi ha raccontato quanto era successo ho ingoiato il rospo del pareggio della mia squadra e abbiamo a lungo scopato con ardore.

Questo racconto di è stato letto 7 3 0 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.