Yoe il mio massaggiatore in vacanza parte 2

Scritto da , il 2013-07-05, genere tradimenti

Tolsi il pareo rimanendo in intimo, e mi sdraiai sul lettino in attesa del suo ritorno.
Dopo qualche attimo sentì la porta chiudersi e il calore delle pietre che toccavano il mio corpo.
Mi girai e vidi dietro di me……. Un uomo di colore molto alto con i capelli rasati a torso nudo e con un asciugamano bianco che gli circondava la vita.
Rimasi di ghiaccio, stavo per scappare, ma il ragazzo molto educatamente mi invito a sdraiarmi. Non sapevo che fare ero con un perizoma piccolissimo e non mi ero nemmeno coperta con l’asciugamano.
Joe, mi chiese di togliermi il reggiseno e di sdraiarmi .
Pensai che era solo un massaggio, e molto delusa per l’assenza di Ira, chiusi gli occhi e aspettai che il massaggio finisse,lui era molto professionale poi.
Le mani di Joe però non erano niente male e gli oli che usava erano gli stessi del giorno precedente.
Le mani del ragazzo cominciavano a dare gli effetti di rilassatezza e tranquillità.
Poi sentii le sue mani soffermarsi sul sedere. Iniziò un massaggio circolare fino al bordo del perizoma, ma le sue dita le sentivo anche all’ingresso del buchetto del sedere.
Stava cominciando a piacermi quando mi chiese di voltarmi.
Cominciò un nuovo massaggio dal collo, ma si soffermò ben presto sulle mie tette, era sempre in silenzio anche se nell’aria c’era un sottofondo di musica araba.
Cominciò uno strano massaggio sul seno e vidi i miei capezzoli diventare turgidi. Le sue mani scendevano rapidamente e si soffermarono sull’ombelico e pian piano scendeva sempre di più. Toccava il bordo del perizoma con una mano e con l’atro carezzava l’interno della coscia, toccando i peli della figa. Le sue mani ormai erano li, vedendo che non protestavo abbasso il perizoma lasciandomi nuda sul lettino. Cominciò un massaggio sulla figa, grandioso. Stavo per venire quando anche lui si allontanò, lo chiamai e gli chiesi di continuare,(mi meravigliai di me,volevo che continuasse). Vidi che il suo asciugamani aveva un gonfiore particolare. Joe si avvicino lasciandolo cadere. Quello che usci fu incredibile. Un cazzo cosi non l’avevo mai visto. Solo nei filmini porno.
Era lungo ma soprattutto grosso. Ero eccitatissima, non sapevo cosa fare. Volevo venire ma quel coso dinanzi a me mi turbava in maniera indescrivibile.
Joe sempre in silenzio, si avvicino a me e appoggiò il suo cazzo sulla mia pancia. La curiosità fu fortissima e lo presi subito in mano(voi penserete ....io non l'avrei mai fatto....ma dovete trovarvi nella situazione per poterlo dire).
Era grosso con delle vene che pulsavano. Una mano non bastava. Mi girai su un fianco e lo afferrai con entrambe. Era una sensazione unica.
Detti qualche colpettino con le mani , dopodichè lui si staccò e diresse il suo cazzone verso la mia bocca. Sempre rimanendo stesa cercai di metterlo in bocca, ma non fu facile.
Scesi dal lettino e mi misi in ginocchio dinanzi a lui. Aprii al massimo la bocca cercai di farlo entrare in bocca. Non erano i miei primi pompini, ma cosi grossi non ne avevo presi mai.
Joe mi invitò allora a sedermi e si avvicino a me. Mi apri le gambe e appoggiò il suo membro tra le mie cosce. Ero preoccupata, se avevo avuto problemi a prenderlo in bocca figuriamoci in figa.
Gli chiesi di mettersi un preservativo, e lui lo fece senza farselo ripertere...(non mi rendevo conto di quello che stavo facendo ero eccitatissima).
Leccò tra le mie cosce, anche se non ce ne era bisogno, in quanto bagnatissima, e poi cominciò ad appoggiarlo.
Cominciava a fare pressione, e un poco alla volta lo sentivo che entrava. Faceva dei movimenti perfetti. Chiusi gli occhi e mi lasciai andare. Sentivo che il suo pisellone ormai era tutto dentro di me e che cominciava a scoparmi normalmente. Mi piaceva, era molto bello ero ormai in estasi mentre il suo pistolone nero entrava e usciva dalla mia gattina.
Ero eccitantissima, il suo andare e venire dal mio corpo provocava un piacere eccezionale. Poi mi alzò le gambe e tolto il pisello dalla mia patata l’appoggiò al buchetto del culetto. Lo fermai immediatamente, mi avrebbe fatto male, e lui sempre in silenzio e molto educatamente rientro nella mia patatina bagnata. Ormai entrava con naturalezza, anche se mi sentivo una porcellona, con quel bamboo nero enorme dentro di me.
Dopo una breve cavalcata Joe mi fece notare l’orologio, il tempo era finito e che poteva arrivare Marco( fantastico si preoccupava per me).
Scesi dal lettino presi il cazzo di Joe, gli tolsi il preservativo e cominciai a pomparlo. Lo sentivo tutto in bocca, andavo con le labbra avanti e indietro per tutta lunghezza del bastone nerissimo e lucido e soprattutto pieno di vene pulsanti, sino a quando non sentii che stava per venire ,allora lui lo tiro' fuori, voleva venire dentro di me la sua verga nera durissima mi penetro' ancora(ma cosa stavo facendo.....pazzesco....ma lo volevo) sentii un fiume di sperma inondarmi la passera mai avevo provato una senzazione simile inseminata da un nero ma la cosa che mi piacque di piu' fu che nonostante tutto ,l'aveva ancora durissimo, e uscito dalla gattina mi continuo' a venire sulle tette mi piacque moltissimo.
Devo dire che è stata una scopata sconvolgente anche se un cazzo così esagerato non da quelle soddisfazioni a cui sono abituata e infatti non ero venuta come vengo di solito. Mi ripulii e ritornai in camera feci una doccia e andai in spiaggia da Marco.
Quel centro benessere era pieno di attrattive. Ma adesso mi sento in colpa con il mio ragazzo e devo fargli un bel regalo......FINE.

Questo racconto di è stato letto 8 9 1 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.