La mia lei, lo succhia a me e ad Alberto alle terme

Scritto da , il 2022-11-23, genere trio

Seconda parte di “la mia lei confessa di volerlo succhiare ad Alberto.”
Se non l’hai letto vai a recuperarlo


Dopo avermi confessato una certa attrazione nei confronti del mio amico Alberto, la mia lei sembrava aprirsi sempre di più e discutevamo spesso su quello che lei avrebbe potuto fare con lui.
La mia indole da cuckhold si faceva sempre più viva.
Per una settimana intera mentre facevamo le nostre porcate, non facevamo altro che pensare ad un rapporto a tre con lui.
Dopo una settimana di fantasie e immaginazioni non ce la facevo più, decisi così di organizzare qualcosa che potesse far scattare una scintilla per poi esaudire la nostra fantasia!!
Era da tempo che io e Francesca volevamo andare alle terme per rilassarci un po’. E quale meglio occasione per sfruttare al meglio la cosa?
Chiamai così il mio amico Alberto, dicendogli che avevamo un buono da sfruttare velocemente altrimenti sarebbe scaduto e per incentivarlo ancora di più a venire gli dissi che nella spa c’erano sempre presenti molte ragazze e donne. Lui accettò l’invito e prenotai una giornata di spa, con anche una camera privata da appoggio.
Arrivò il giorno, io e la mia lei non stavamo più nella pelle, c’eravamo preparati al massimo, lei si era depilata tutta, lasciando una isoletta di peli stupendi sopra la sua fighetta, io mi depilai il cazzo. Per l’occasione lei si era messa uno di quei vestitini da porcellona, ma non troppo volgare, con un po’ di scollatura e corto fino a poco più su del ginocchio.
Passiamo a prendere in auto il mio amico Alberto e neanche il tempo di salire in auto e taaacc che cade già lo sguardo voglioso alla mia donna e già lì abbiamo capito tutti e tre che sarebbe stata una giornata indimenticabile.
Arrivati in spa, dopo 10 minuti di auto in un misto di silenzio, chiacchiere e occhiate provocatorie ci sistemiamo nella nostra camera, ovviamente insieme ad Alberto, che ci raggiunge un po’ imbarazzato.
Iniziamo a cambiarci, la mia lei si spoglia davanti a noi, era una figa da paura, Alberto faceva finta di non guardare ma era inevitabile che qualche occhiata gli fosse scappata, e ce la stava mettendo tutta per non farsi venire il cazzo di marmo.
Finito di cambiarci, tutti eccitati andiamo nelle piscine, ci rilassiamo, giochiamo un po’ scherzando e già lì scappano le prime toccatine fra lei e lui, solo a vederli così mi veniva già il cazzo di marmo.
Dopo un bagnetto in piscina decidemmo di andare nella sauna, dove fatalità eravamo soli, ed è lì che non ce la feci più e ordinai al mio amico Alberto di tirare fuori il cazzo perchè la mia donna moriva dalla voglia di succhiarglielo.
Alberto sembrava non aspettasse altro, lo tirò fuori subito duro come il marmo (15/16 cm) e glielo mise in bocca al bocca calda e accogliente di Francesca per qualche minuto. Io stavo impazzendo, Francesca finché spompinava Alberto mi stava segando, e dopo poco per fortuna è arrivata una coppia di anziani a interrompere il tutto altrimenti avrei sborrato subito dall’eccitazione.
Dopo quella scena, siamo tornati in silenzio negli sdraietti a rilassarci.
Quando ci siamo stancati di restare lì nelle piscine e saune, decidemmo di andare in camera a farci la doccia per poi andare via, il momento che aspettavamo tutti e 3 da tutta la giornata come potete immaginare.
Mandai avanti Francesca e Alberto per andare in camera dicendogli che gli avrei raggiunto fra 5 minuti.
Appena entrato in camera vidi una delle scene più bella della mia vita, lui e lei presi con una bellissima 69. Si stavamo sleccando come dei matti e Francesca mi disse che aspettava solo me. Tolse la figa dalla faccia di Alberto e si mise a pecorina nella mia direzione invitandomi e leccargliela un po’ per poi scoparla a pecorina.
Glielo misi dentro, così duro non ce lo avevo mai avuto, solo al pensiero di quello che stava succedendo mi veniva già da sborrare, iniziai a farla godere per quel che potevo finché lei stava finendo un pompino da sogno ad Alberto che dopo qualche minuto le sborrò sulle sue tette.
Da lì a poco sborrai pure io uscendo dalla sua figa e venni sopra al culo.
Era stava una prima volta breve ma intensa ricca di emozioni.
Finito di pulire Francesca, l’abbiamo fatta venire in doccia con noi e lì le abbiamo fatto un massaggio a 4 mani e 2 lingue. Mani e lingue ovunque, nel suo seno, nella sua vagina, nella sua bocca, nel culo. Fino a quando con un venne con un orgasmo gigante che non riuscì a contenere.
Finita di fare la doccia, uscimmo dalla stanza sistemati, rilassati, profumati e sopratutto vuoti ahaha.
Ci dirigiamo verso l’auto, portiamo a casa Alberto che ci ringraziò per la giornata, noi andammo a casa e subito a letto, era stava proprio una gran giornata.
Ma le avventure sapevamo tutti e due, anzi, tutti e tre, che non sarebbero finite lì.


Si tratta di una storia vera o fantasia? Scoprilo e chiedicelo su instagram seguendoci coppia___aperta logo bianco e nero con la coppia disegnata.


Questo racconto di è stato letto 3 4 1 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.