Una cena a lieto fine

Scritto da , il 2022-08-17, genere tradimenti

Ora di cena...
Stesso ristorante, ma tavoli diversi...
Tu al tavolo con due tuoi amici, io da sola...
Questo amore non può ancora essere vissuto alla luce del sole, quindi cerchiamo di viverci come riusciamo.
Tu fai finta di nulla, io anche, in attesa che finisca la cena per poi essere finalmente una cosa sola.
Uno dei tuoi amici sa di noi, l'altro no. L'unico che sa di noi...mi riconosce e ti esorta discretamente a trovare una scusa per mollare la cena e raggiungermi.
Tu dici di no e che è meglio aspettare dopo cena per non destare sospetti, anche se non riesci a togliermi gli occhi di dosso.
L'altro tuo amico si accorge e ti dice: "SE CONTINUI COSÌ TI DENUNCIA PER MOLESTIE! VA A PARLARLE E INVITALA A STARE CON NOI SE LA TROVI INTERESSANTE, VISTO CHE RICAMBIA I TUOI SGUARDI.
Tu dici di che è meglio di no. Che sono, indubbiamente, una bella ragazza, ma essendo sposato meglio evitare.
Indosso un vestitino azzurro a fiori colorati, un po' da pin up, sotto un completino di pizzo e tulle blu acceso, tacchi e capelli sciolti e, ovviamente, il rossetto rosso che non può mancare mai.
Così il tuo amico, approfittando della tua titubanza, si alza e viene a parlarmi:
Amico: CIAO, PERDONA LO SGUARDO INSISTENTE DEL MIO AMICO, MA SEI TROPPO BELLA PER NON ESSERE GUARDATA"
N: PERDONATO!!!
Amico: VUOI VENIRE AL TAVOLO CON NOI?
Tu mi scrivi "accetta l'invito".
Io faccio un attimo la sostenuta, la preziosa, ma poi accetto e vi raggiungo.
Da lì in poi inizia tutto un gioco di ironia da parte dell'altro amico che sa di noi e un gioco di erotismo da parte mia con messaggi e palpatine sotto al tavolo.
È divertente ed eccitante vederti "in difficoltà".
Ad un certo punto l'amico che sa di noi e sa che anche che io sono sposata dice:" AHHH, MA SEI SPOSATA ANCHE TU!" Per continuare a metterti in difficoltà e a spingerti ad andare via con me.
Tu su questa battuta non riesci proprio a frenare la lingua.
A: SI MA NIENTE DI SERIO.... SPERO!
Io non resisto e scoppio a ridere.
N: VA BENE DAI, GRAZIE DELLE QUATTRO CHIACCHIERE RAGAZZI, MA IO ADESSO DEVO PROPRIO ANDARE...
Approfittando, l'amico, che sa, dice: "ANCHE A. STAVA PER ANDARE, POTREBBE ACCOMPAGNARTI LUI VISTO CHE NON CONOSCI LA CITTÀ".
N: "MA HO L'ALBERGO QUA DIETRO DAVVERO NON PREOCCUPATEVI".
A quel punto l'amico inconsapevole ti dice sottovoce: "ACCOMPAGNALA!!! CHE SECONDO ME TE LA DÀ E RICORDA QUELLO CHE SUCCEDE A LAS VEGAS RESTA A LAS VEGAS".
Tu continui a fare quello che vuole evitare così lui aggiunge: "SE VUOI POSSO ACCOMPAGNARTI IO!?"
N: NO NO, A..... VA BENISSIMO!
Così ti alzi e usciamo dal ristorante.
Ti suona il telefono. È il tuo amico che sa di noi >.
Ci mettiamo a ridere e...
A: PARTENDO DAL PRESUPPOSTO CHE SEI MERAVIGLIOSA E ADORO COME SEI VESTITA, ANDIAMO A CASA MIA O IN ALBERGO DA TE!?
N: DIREI DA NESSUNA PARTE VISTO CHE NON VOLEVI NEANCHE ACCOMPAGNARMI.
A: N.... SE NON VUOI CHE TI SCOPO QUA, ANDIAMO A CASA MIA O IN ALBERGO?
N: OHHH FINALMENTE UN PO' DI VIRILITÀ!
A: AMORE STAI GIOCANDO COL FUOCO!
N: MAGARI VOGLIO BRUCIARMI!
Questo fare provocatorio ti eccita tantissimo.
Mi prendi per un polso e mi trascini in un vicoletto appartato.
Mi sbatti al muro, mi infili la mano sotto la gonna e...
N: ECCOTI FINALMENTE!
A: TE LO RICHIEDO... A CASA MIA O IN ALBERGO DA TE?
N: QUI... ORA!
A: QUI... ORA... COSA? CHIEDIMELO DI NUOVO E CHIEDIMELO MEGLIO!
N: QUI... ORA... SONO TUA E DEVI FARMI GODERE!
Tu mi baci, sento la tua lingua affamata che cerca la mia; mi sposti gli slip, ti lecchi le dita e inizi a giocare col mio clitoride, perché sai quanto io sia clitoridea e, quando sto per venire, mi dici..
A: VOLEVI BRUCIARE?! ORA BRUCERAI! ALLARGA UN PO' LE GAMBE!
Di colpo sento due delle tue dita dentro di me, che colpiscono sapienti il mio punto di non ritorno.
Inizialmente le muovi piano, le ruoti, sono curiose; poi inizi, pian piano ad aumentare il ritmo, mentre la tua bocca assaggia il mio collo, succhia le mie orecchie, morde le mie labbra.
Aumenti sempre di più il ritmo...
N: A..... ERA TUTTA LA SERA CHE ASPETTAVO QUESTO MOMENTO! TI PREGO, FAMMI VENIRE!
A: OGNI TUO DESIDERIO È UN ORDINE.
Le tue dita impazzite fanno impazzire anche me, si muovono frenetiche tra le mie gambe.
A: LASCIATI ANDARE AMORE... GODI PER ME!
Mi sciolgo in un "violento" orgasmo, ogni mia terminazione nervosa trema. Mi tappi la bocca perché non riesco a contenere i miei gemiti.
Mi baci e...
A: ADESSO ANDIAMO IN ALBERGO, È PIÙ VICINO E CON TE NON HO ANCORA FINITO!!!
Mi ricompongo un attimo e torno in me, per quello che si può visto che ho un lago tra le gambe.
Arriviamo in albergo, entriamo in camera.
A: SFILATI LE MUTANDINE, METTITI A GATTONI SUL LETTO E ALZA LEGGERMENTE LA GONNA! RIMANI COSÌ A 90° VOGLIO AMMIRARTI UN PO'!
N: OBBEDISCO! TI PIACE CIÒ CHE VEDI?
A: MI PIACE TALMENTE TANTO CHE ORA VENGO A PRENDERLO! MA, PRIMA DI VENIRE A PRENDERLO VOGLIO ASSAGGIARLO!!!
Mi muovo sinuosa come a volerti invitare, metto le mani sulle natiche e le allargo un po'
A: DIO MIO N.... QUANTO SEI PORCA! MI FAI IMPAZZIRE SOLO GUARDANDOTI!
N: DEVI IMPAZZIRE!!!
Ti avvicini mi accarezzi il culo e, per ogni carezza, ne consegue una sculacciata.
Io sussulto e gemo ogni volta.
Ti chini e, approfittando delle mie natiche aperte, mi lecchi.... Tutta!
Parti da sotto fino ad arrivare al buchetto. Lecchi lentamente ma con gola.
Infili la testa tra le mie gambe ed io non riesco a star ferma. Devo, per forza, strusciare la mia figa sulla tua lingua e lo faccio fino a venire.
Sto per alzarmi ma...
A: STAI FERMA COSÌ! ADESSO VENGO A PRENDERTI!
Ti alzi, ti metti dietro di me, mi strusci un po' il cazzo tra le gambe per bagnarlo...
N: TI PREGO SCOPAMI LA FIGA ADESSO ADESSO!!!
A: NON TI SCOPO! TI FOTTO PROPRIO!
Infili il tuo cazzo dentro di me con un colpo lento ma deciso.
Poi esci di colpo e, senza vie di mezzo, cambi buco e mi scopi il culo con una foga e una passione incredibile.
Sento il tuo cazzo tutto, completamente, dentro, le palle che sbattono sulla mia figa, le tue mani che mi sculacciano e palpano.
Sono, totalmente, in balia di te e della tua voglia, che poi è anche mia.
Io urlo dal piacere e, sentendo i tuoi di "versi", godo anche di più.
Raggiungiamo l'orgasmo all'unisono, mi riempi il culo del tuo piacere e poi ci accasciamo sul letto stravolti, ma insieme.




Questo racconto di è stato letto 4 1 3 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.