Ci siam cascati di nuovo

Scritto da , il 2021-05-28, genere trio

Io e Irene siamo sposati da 2 anni e fidanzati da 15 (entrambi 35enni adesso), siamo cresciuti insieme, abbiamo frequentato la stessa università e ormai siamo due giovani professionisti che si stanno costruendo una carriera, non abbiamo figli ma non ci manca nulla, stiamo bene economicamente e siamo dediti al lavoro.
Siamo sempre stati molto riservati e abbiamo sempre odiato l’esibizionismo o cose del genere. La nostra intimità ci appartiene e col tempo abbiamo scoperto gli angoli più nascosti delle nostre fantasie e del nostro eros. Ma a giocare col fuoco prima o poi ci si scotta.
Era l’estate 2016 e ci stavamo godendo 15 giorni a Fuerteventura. Era la nostra prima vacanza dopo il raggiungimento dell’indipendenza economica, ci sentivamo invincibili. Alloggiavamo in un hotel 5 stelle, avevamo tutti i comfort immaginabili tra cui un autista privato. Proprio lui, Sergio, trentenne spagnolo con una parentesi di sette anni in Italia, è uno dei protagonisti di questa storia. Sergio era un ragazzo molto bello e gentile con cui entrammo subito in confidenza (specialmente Irene): dopo pochi giorni sembrava di conoscerlo da anni. Una sera, dopo una cena fuori, Sergio venne a riprenderci e durante il tragitto di ritorno all’hotel i suoi occhi cadevano continuamente sulle cosce scoperte di Irene. Ero seduto dietro e ebbi la conferma di quello che avevo ormai capito da giorni: Sergio era attratto da Irene e anche a lei piaceva, inutile nasconderlo.
Una volta in camera, nudi sul letto, lasciammo spazio alla nostra passione. Mentre le nostre lingue si intrecciavano in un bacio profondo e intenso, Irene afferrò il mio uccello ormai eretto e iniziò a farmi una sega. Fui io a lanciare l’esca. Iniziai a farle battute su Sergio, su come la guardava in macchina e che sapevo che anche a lei piaceva. Lei non ribatteva, sapeva di non poter fingere e stava al gioco. Le battute e i pensieri che condividevamo si fecero sempre più spinti, eravamo al massimo dell’eccitazione e dopo qualche minuto esplosi, riempiendole la mano di sborra.
Non c’era più nulla da nascondere ormai. La sera seguente, dopo aver cenato fuori, eravamo in macchina di ritorno in hotel. Irene era seduta davanti ed io da dietro mi avvicinai. Ci scambiammo qualche bacetto a stampo sotto gli occhi di Sergio, che nel frattempo guidava. Quando cercai la lingua di Irene con la mia lei ricambiò. Ci baciammo intensamente e non ci accorgemmo che Sergio era ormai parcheggiato di fronte all’hotel. Irene, un po' imbarazzata se ne accorse, sorrise e salutò Sergio con un bacio molto più vicino alle labbra che alla guancia. Una volta in camera riprendemmo a fantasticare: non avevamo mai goduto così tanto insieme.
A pochi giorni dalla partenza invitammo in camera Sergio con una scusa. Dopo aver parlato del più o del meno entrammo tutti e tre nella jacuzzi sulla terrazza (avevo prestato a Sergio un mio costume). Non facevamo che ridere insieme e stavolta quello fra Irene e Sergio fu un bacio vero. Ci scambiammo dei baci infiniti e Sergio ci disse che aspettava questo momento da giorni. Irene era ormai completamente sciolta e rimase presto in topless. La mia eccitazione era alle stelle, mi calai il costume e portai la mano di Irene sul mio uccello. Nel frattempo Sergio giocava con il seno di Irene e le loro lingue non accennavano a staccarsi. La mano di Irene scese presto sul cazzo di Sergio e iniziò a fare una sega anche a lui.
Quando rientrammo in camera, Irene si sedette sul bordo del letto e dopo un paio di battute sulle nostre erezioni accolse i nostri uccelli nella sua bocca. E ogni volta che la sua bocca accoglieva il cazzo di Sergio lui si lasciava andare ad urla di piacere molto intense: Irene con la bocca ci sa davvero fare.
Sergio finì poi presto con la faccia tra le sue cosce. Quando fece per sfilarle il sotto del bikini lei non oppose resistenza. Sergio iniziò a baciarle il ventre scendendo piano piano. Vidi le sue labbra che passarono sul folto triangolo di peli di Irene fino a scendere sulla sua fica. Quando iniziò a leccarla Irene lo afferrò per i capelli e allargò le sue cosce. Da come godeva dedussi che Sergio fosse molto abile con la lingua.
Quando Irene salì sopra di me iniziando a cavalcarmi, Sergio si mise in piedi sul letto e Irene con la bocca cercò di nuovo il suo cazzo. Sergio la teneva per la nuca spingendole il cazzo fino in fondo e la sua passera aveva ormai inondato di umori il mio uccello. Era bagnata come mai prima d’ora.
Venni dopo non molto e subito dopo Irene si mise a pecorina facendosi scopare intensamente dal buon Sergio. Lui la teneva per i fianchi scopandola a ritmo elevato e lei godeva come una matta. Quando Sergio urlò che stava per venire iniziò a menarsi il cazzo e il primo schizzo raggiunse la testata del letto mentre il resto si depositò lungo la schiena di Irene. Fu un pomeriggio indimenticabile e l’ultima sera replicammo, Sergio trascorse infatti tutta la notte con noi.
Una volta tornati in Italia abbiamo gestito serenamente il nostro segreto, ovviamente nessuno ha mai saputo nulla e tra di noi non è mai sorto nessun problema. Qualche fantasia ogni tanto ma la cosa andò gradualmente a scemare.
Il tempo è passato, due anni fa è arrivato il matrimonio e abbiamo continuato ad essere assorbiti dalle nostre carriere lavorative. Quell’estate insieme a Sergio è rimasta solamente un dolce ricordo. Almeno fino allo scoppio della pandemia dello scorso anno. La situazione ci costrinse a lavorare da casa per molti mesi e abitando lontano da amici e parenti i contatti sociali erano ridotti al minimo. Abbiamo però avuto modo di conoscere Sandro, un ragazzo di origine africane che lavora come corriere. Irene infatti ha combattuto la noia acquistando ogni genere di cose su internet. Sandro, coprendo lavorativamente la nostra zona, è diventato ben presto una presenza costante e abbiamo iniziato a vederlo quasi tutte le settimane. A volte, nel tempo libero, passava da noi a chiacchierare e a raccontarci la sua storia. Sandro è una persona davvero solare e piacevole, ed è stato praticamente un nuovo Sergio. Infatti ben presto, grazie alla sua conoscenza, le nostre fantasie ormai sopite si sono risvegliate.
È stata un’evoluzione simile a quella avvenuta con Sergio. Chiacchiere, scambi sempre più continui di messaggi sui social fino a qualche cena insieme: con i mesi la confidenza e la complicità sono aumentate sempre di più.
Così lo scorso settembre, quando la pandemia sembrava in fase calante, invitammo Sandro a cena da noi (non era la prima volta). Irene aveva allestito il tavolo in giardino e fu una serata davvero piacevole. Così piacevole che una volta finito ci ritrovammo sul divano in salotto a scambiarci reciproche effusioni. Era come rivivere l’estate di quattro anni prima. Irene ad un certo punto si alzò dal divano e ci disse di seguirla in camera. Una volta nella stanza fece cadere il suo vestitino rimanendo in intimo. Io e Sandro ci sdraiammo con lei sul letto. La situazione era davvero calda e quando Irene caló i pantaloni e gli slip di Sandro si trovó davanti un uccello davvero enorme, niente a che vedere con le dimensioni mie o di Sergio qualche anno prima. Rimase un pó spiazzata all’inizio, quasi imbarazzata, ma presto con le labbra sfioró la cappella di Sandro, la leccó per qualche secondo fin quando non iniziò a fargli un pompino. Quella notte fu molto lunga intensa, il resto è storia........

Questo racconto di è stato letto 6 1 0 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.