Tutto su mia moglie parte prima

Scritto da , il 2021-03-04, genere orge

Tutto su mia moglie parte prima.
Mia moglie ha 48anni. Siamo sposati da dieci anni . viviamo in provincia di Parma. L’ho conosciuta ad una festa organizzata da un amico. Lei era vestita in modo molto appariscente. Scollatura vertiginosa e minigonna. Ai piedi un paio di scarpe con tacco da paura. Era una festa all’aperto, era estate, e tutti si divertivano e ballavano. Lei era seduta in un angolo e sembrava assorta nei suoi pensieri. Mi sono avvicinato a lei e abbiamo cominciato a parlare. Dopo qualche chiacchiera innocua le ho chiesto se fosse fidanzata o sposata. Lei mi ha detto che non era né l’una né l’altra cosa. Mi confidò di aver chiuso una storia da qualche mese. Le proposi di fare due passi. Dietro la casa del mio amico c’era una stradina che portava tra i campi. Cominciammo a camminare allontanandoci dalla festa. Parlando mi disse che non aveva intenzione di legarsi a nessuno. Disse che la sua natura le impediva di trovare un uomo che potesse capirla. Mi misi a ridere e prendendola sottobraccio le chiesi di cosa parlava. Lei rimase zitta per alcuni minuti poi mi disse che lei era una donna libera e che non sopportava di avere al fianco un uomo che la controllasse… che fosse geloso. Restammo in silenzio per un poco camminando nella notte. Poi fu lei a chiedermi se ero impegnato e io le risposi che non esisteva la donna che stavo cercando. Lei si mise a ridere e mi chiese quale tipo di donna cercassi. Le dissi che cercavo una donna libera capace di farmi impazzire dalla gelosia .
Tornammo alla festa un paio di ore dopo e ci scambiammo i numeri di telefono.
Nei giorni seguenti cominciammo a messaggiarci. Una sera lei mi scrisse che stava uscendo e io le chiesi di inviarmi una foto per farmi vedere come era vestita. Lei mi inviò una foto. Aveva una camicetta bianca trasparente e una gonna nera cortissima. Si fece una foto davanti allo specchio seduta con le gambe aperte e vidi che non aveva mutandine. La cosa mi fece impazzire e lo scrissi a lei
Il gioco continuò per un paio di mesi. Ogni volta che usciva mi inviava una foto finchè una sera mi chiese se volevo andare a cena con lei.
Andammo a cena la sera dopo. Parlammo del più e del meno poi ad un certo punto mi chiese perché non avessi una storia con una donna e io le risposi che noi riuscivo a trovare una donna che facesse per me. mi chiese che tipo di donna cercavo e io senza esitazioni le risposi che cercavo…una vera troia capace di vivere senza complessi il sesso.
Lei rimase in silenzio
La riaccompagnai a casa e ci salutammo.
Il giorno dopo lei mi inviò un messaggio
Ho pensato a ciò che mi hai detto ieri sera. Vedi, io potrei essere la donna che cerchi ma non sono certa che tu possa davvero condividere la mia libertà sessuale. A me un uomo solo non basta e dopo l’ultima mia storia ho deciso di vivere il sesso senza farmi mancare nulla… soprattutto cazzi !
Non le risposi subito. Feci passare due giorni. Poi le inviai un messaggio
Vedi. Te lo dirò senza giri di parole. La donna che sto cercando deve essere una troia che si fa scopare da tutti per poi raccontarmi le sue avventure mentre si fa scopare da me. mettimi alla prova!
La sera stessa lei mi mandò una mail con alcune foto. Erano state scattate durante un incontro con tre uomini . la ritraevano mentre si faceva scopare in ogni buco…ripetutamente. Poi mi inviò un video dello stesso incontro dove si sentiva lei urlare ai tre di scoparla e i tre che la insultavano pesantemente.
Le scrissi che era lei la donna che cercavo! Preso dalla libidine e dalla follia le chiesi se voleva sposarmi.
Lei mi mandò un messaggio dove mi diceva di andarla a prendere la sera stessa.
Andai a prenderla verso le 21. Lei era vestita con un vestitino bianco trasparente e scarpe con tacco nere… null’altro. Il vestitino era così corto che il culo come camminava le si scopriva completamente.mi disse che dovevo accompagnarla da alcuni suoi amici per una serata porca. Mi disse anche che dovevo solo guardare.
Arrivammo davanti ad una villetta isolata in periferia di Modena. Scendemmo. Ci aprì la porta un uomo sulla cinquantina . lei gli disse che ero il suo fidanzato che volevo godermi lo spettacolo. Entrammo. Scendemmo in uno scantinato. Ad aspettarla altri due uomini e un ragazzo nero. Mi dissero di sedermi in un angolo e i quattro si avventarono su di lei. per quasi tre ore la scoparono ovunque con una brutalità da film porno. L’ho sentita urlare di dolore e di piacere e l’ho vista dimenarsi in orgasmi spaventosi schizzando pipì come una fontana. Quando i maiali finirono lei non si reggeva nemmeno in piedi. Salimmo in auto e lei mi disse di farmi una sega davanti a lei . mi masturbai e schizzai tanta sborra che sporcai persino il vetro dell’auto e il cruscotto.
Arrivati a casa sua lei scese e barcollando come un’ubriaca entrò in casa. Il mattino seguente mi telefonò e mi chiese se volevo ancora sposarla. Le dissi che quello che avevo visto mi aveva convinto ancora di più che era lei la donna che cercavo. Uscimmo per sei mesi quasi tutte le sere. Lei incontrava ogni volta uomini conosciuti on-line e si faceva scopare davanti a me. tornati a casa si faceva scopare da me e ogni volta era una scopata bestiale. Non ero mai stato così eccitato in vita mia! Poi ci sposammo!
Eravamo fatti l’una per l’altro!
Io cercavo una troia e lei un cornuto vero!
La sera del nostro matrimonio lei mi chiese di portarla in un club di bologna. Mi disse che come regalo di matrimonio si sarebbe fatta scopare da tutti i singoli che ci provavano con lei! Arrivammo al club verso mezzanotte. Lei vestita da troia. Mi disse di seguirla a distanza senza mai intervenire.
Cominciò a girare per il locale. Sola. Non ci volle molto perché singoli arrapati cominciassero a palparla mentre passava. Poi lei si avventurò nella parte del locale dove i singoli la facevano da padroni. In quella parte solo un paio di cp e una decina di singoli. Il corridoio e le stanze con divani e letti erano praticamente al buio…poche lucine al pavimento.
Lei entrò in una stanzetta con un lettone. Subito la stanza si riempì di uomini arrapati. Io mi misi in un angolo. Lei si stese in mezzo al letto con le gambe spalancate. Un attimo dopo cinque o sei singoli le erano addosso. Immediatamente cominciarono a montarla a turno come una vacca… una puttana…non le risparmiarono nulla! Lei fece quella notte il pieno di cazzi… non rifiutò nessuno! Quando l’ultimo porco se ne andò mi resi conto che eravamo gli unici presenti nel locale. Lei mi disse che faceva una doccia. Aveva la faccia distrutta da quella notte di orgasmi. Erano le cinque del mattino. Mentre lei era in bagno a farsi una doccia si avvicinarono duo uomini sulla sessantina. Mi dissero che erano i proprietari del locale e che volevano scoparsi mia moglie.uno dei due tirò fuori il cazzo… venticinque centimetri di carne in tiro.
Le rompo io il culo a quella vacca di tua moglie!
Entrarono nel bagno. la sollevarono e la portarono su un letto .lei era così spalancata che cominciarono subito a scoparla. Quando il vecchio superdotato le spinse in fica il cazzo lei ebbe un orgasmo …mi guardava con gli occhi sbarrati mentre godeva.lui non ebbe pietà, la girò e le sparò il cazzo nel culo. Lei emise un urlo ma lui incurante cominciò a incularla con violenza. Lei aveva gli occhi fuori dalle orbite… continuava a venire e a urlare
Sfondami il culo bastardo sono la tua vacca…un cazzo così grande in culo non l’ho mai avuto…sborrami in culo e riempimi di sborra! inculami davanti al cornuto e tu fatti una sega !
Mi feci una sega e mentre il vecchio le sborrava nel culo urlando io cominciai a venire copiosamente. Gli schizzi arrivavano a quasi cinque metri contro il muro della stanzetta! Lei continuò a urlare per quasi cinque minuti mentre il vecchio rideva e la insultava!
Prima di andarcene i due ci dissero che se volevamo tutti i mercoledì c’era la serata singoli …una vacca come lei li avrebbe accontentati tutti…
Lei rispose che non sarebbe mancata così iniziò il nostro matrimonio …
Fine prima parte

Questo racconto di è stato letto 6 9 8 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.