Bambaccione

Scritto da , il 2020-11-26, genere tradimenti

Per farvi capire la relazione che c'è tra me e la mia matrigna basti dirvi che per un natale, quando ormai ero già grande, mi ha regalato una “fleshlight”; ebbene si una fica di plastica. Senza la minima vergogna me la consegnò e pretese che la scartassi davanti a mio padre, ormai vecchio e malato, e una volta aperta la scatola ci tenne a precisare che era della misura più stretta sul mercato, perfettamente adatta alle dimensioni striminzite, ancora fanciullesche del mio patetico cazzetto “povero tesoro, lo so che sei tanto indietro nello sviluppo e spero che questo ti possa aiutare ad esercitarti” mi disse facendomi l'occhiolino e contemporaneamente scuotendo il suo pugno chiuso dal basso verso l'alto per simulare l'atto della masturbazione. Era sempre così quando si rivolgeva a me, aveva sempre quel tono condiscendente e patetico come se si stesse rivolgendo ad un povero demente, ad un minorato mentale ed è da talmente tanto tempo che si comporta in questo modo nei miei confronti che anche io comincio a pensare che mi manchi qualcosa.
Vedete la mia matrigna è l'unica madre che io abbia mai conosciuto, essendo io rimasto orfano della mia vera mamma molto piccolo ed ora dopo la dipartita di mio padre lei è l'unica famiglia che mi sia rimasta.
Questo suo comportamento assurdo è cominciato negli anni della mia adolescenza e nello specifico dal giorno in cui fui da lei sorpreso a masturbarmi annusando un paio delle sue mutandine.
Era per me il tempo delle tempeste ormonali e delle prime pulsioni sessuali e fui beccato da lei proprio con le mani nel barattalo della marmellata, se per marmellata intendiamo che la mia matrigna piombò in camera mia senza bussare mentre io completamente nudo sul letto mi stavo segando indossando sopra al viso uno dei suoi scandalosi tanga di pizzo; lo tenevo sopra la faccia in modo da poterlo annusare mentre mi sollazzavo pensando alle sue magnifiche tettone sballonzolanti della mia matrgina Esmeralda.
Il fatto che lei non fosse assolutamente arrabbiata in quel frangente ma che anzi fosse stata estremamente, fin troppo comprensiva nei miei confronti fu in prima battuta un sollievo ma dovetti presto ricredermi quando mi spiegò le ragione della sua condiscendenza. “o povero tesoro lo capisco perfettamente che cosa stai passando, è più forte di te, non devi preoccuparti, lo capisco benissimo. È normale che con un pisellino piccolo e sottosviluppato come il tuo, tu sia estremamente insicuro con le ragazze. Voglio dire quale ragazza potrebbe mai interessarsi ad un cazzetto tanto minuscolo e patetico!? È normale che tu cerchi soddisfazione e contatto femminile in altri modi e fintanto che laverai le mie cose che usi per darti piacere a me sta bene che tu lo faccia tutte le volte che vuoi.d'accordo tesoro? solo non voglio che ci siano segreti tra me e te bambino mio e se vuoi prendere in prestito qualcosa di mio voglio che tu me lo chieda prima.”
In quel frangente ero ancora troppo giovane e sprovveduto per comprendere i risvolti e le conseguenze di quanto la mia matrigna mi stava concedendo, l'unica cosa che avevo inteso era che avevo un cazzetto minuscolo, totalmente inadeguato da rendermi impossibile soddisfare qualunque ragazza e quella certezza minò la fiducia in me stesso definitivamente e per tutti i miei anni a venire.
Non capendo a cosa stavo andando incontro per molti anni mi ritrovai a chiedere quello speciale tipo di permesso alla mia matrigna ed ogni volta era così umiliante ma allo stesso così eccitante che non riuscivo a farne a meno; al tempo troppo preso dalle mie perverse pulsioni per capire che razza di rapporto malato stavo instaurando con lei. Non aiutava neppure il fatto che la mia matrigna fosse un incredibile pezzo di fica, assolutamente imparagonabile alle mie compagne di scuola. Una donna latino americana nel fiore dei suoi anni, sexy e con la consapevolezza di esserlo, dotata di grandi e morbide mammelle, di un culo modellato, alto e sodo e benché piuttosto ingombrante assolutamente proporzionato con il suo fisico voluttuoso. Completavano il quadro cosce burrose, pelle liscia e ambrata come fosse perennemente abbronzata, gambe lunghe e piedini proporzionati. Il tutto sormontato da uno spettacolare viso da troia con labbra grandi e carnose, sempre squisitamente imbellettate di lipgloss e occhioni maliziosi, contornati da lunghe e folte ciglia. Insomma, il pacchetto completo: una bomba sexy che sapeva come valorizzare le sue caratteristica fisiche con un gusto per abiti scollati e gonne corte che mandavano il mio cervello adolescenziale in tilt di esplosioni ormonali.
Come cazzo avrei potuto mai desistere dall'ammazzarmi di seghe avendo davanti tutti i giorni una donna del genere? soprattutto dal momento che lei mi autorizzava, anzi mi incoraggiava a quel autolesionismo distruttivo e il più delle volte si aggirava per casa seminuda, dimenando quelle sue chiappone perfette e muscolose come una passeggiatrice che vuole attirare l'attenzione dei suoi clienti. Certo il mio pene non era mai stato molto grande, al contrario era piuttosto piccolo e sottosviluppato ma sono certo che martoriarlo costantemente di seghe, 5 e più volte al giorno, per anni, dedicando ogni mia singola sega a lei, non abbia contribuito positivamente al suo sviluppo.
Col passare degli anni ero diventato l'evoluzione malsana e perversa del cocco di mamma; uno zombie, morto di seghe che viveva solo per masturbarsi al cospetto della sua porno matrigna ed infatti a parte pochissimi intimi amici che avevo fin dall'infanzia, ero bullizzato e deriso da tutti i miei coetanei e compagni di scuola: maschi e femmine, belli o brutti, sfigati o popolari che fossero. Più crescevo, più mi sentivo al sicuro solo tra le mura domestiche, isolato dal mondo e coccolato e accudito dalla mia sexy e procace matrigna in tutto e per tutto.
Ma la cosa più orribile che ho dovuto subire da lei è stata quest'estate. Ormai avevo 25 anni ma ancora vivevo con lei, dovendo ultimare gli studi universitari, nella vana speranza che forse un giorno avrei potuto trovare un lavoro stabile ed emanciparmi dall'ingombrante figura della mia unica genitrice. Da tempo avevo capito quanto fosse malsano il rapporto che avevo con la mia matrigna e non vedevo l'ora di liberarmi di lei ma da un lato le ero anche enormemente legato ed avevo il terrore di perderla, per questo continuavo ad obbedirle e a compiacerla, in pratica ne più ne meno come quando andavo alle elementari. Lei in tutti questi anni, dopo la dipartita di papà, aveva avuto schiere di amanti e più di una volta avevo dovuto sentire le sue grida di piacere protrarsi per tutto il corso della nottata e ogni volta, mentre la ascoltavo non riuscivo a rinunciare a strozzare il mio cazzetto dentro al mio pugno chiuso. Ogni volta che lo facevo, che mi masturbavo per lei, il senso di colpa, l'umiliazione, la depressione che mi coglievano erano insopportabili e ogni volta mi ripromettevo che non l'avrei fatto mai più; spergiuravo che quella sarebbe stata l'ultima volta ma ogni volta ci ricascavo e mi ritrovavo ad implorarla per un paio di mutandine sporche con le quali potermi segarmi per lei. Anche se lei in tutti quegli anni aveva messo su qualche chilo ed era leggermente invecchiata, ciò non di meno ai miei occhi non aveva perso un briciolo del suo fascino, anzi il peso sui fianchi e nel seno, a mio parere, non facevano che renderla ancora più affascinante e voluttuosa.
Come dicevo però il culmine, il punto di non ritorno arrivò quest'ultima estate. Incredibilmente da qualche mese avevo cominciato a frequentare questa ragazza, una mia compagna di università. Carlotta, questo il nome della donzella, era una brunetta, riccia con gli occhi azzurri, estremamente magra ma con due tette niente male, era un po' una nerd sfigata e solitaria, per questo forse aveva acconsentito a frequentarmi. Anche se nei tratti del viso presentava qualche difetto avendo un naso leggermente sproporzionato e adunco e le orecchie leggermente a sventola che lei nascondeva dietro ai folti ricci neri, per me nel complesso non era tanta roba, trovavo infatti che avesse un bel culetto, due belle gambe e un seno che svettava sodo e rigoglioso dal suo gracile corpicino. Lei diceva di essere vergine ma la prima volta che andai a letto con lei notai subito che aveva molta più esperienza di me, io infatti ero talmente nervoso che venni dentro al preservativo quando ancora lei mi stava aiutando ad indossarlo. Le volte successive non andò molto meglio. Ero sempre così nervoso ed in ansia in sua presenza che avevo difficoltà erettili e per questo chiesi aiuto a mia madre. Esmeralda dopo essersi fatta una bella risata che non mancò di umiliarmi a morte, mi suggerì di darle piacere con la bocca. Per spiegarmi meglio la mia matrigna si sedette sul divano del salotto e mi fece inginocchiare al suo cospetto. Tiratasi su la gonna, scostò le mutandine e mi spiegò in modo molto esplicito e dettagliato come stuzzicare la vagina di una donna, indicando i punti più erogeni della sua figona pelosa, dischiudendola davanti ai miei occhi stupefatti, come un fiore che sboccia. Mi spiegò che stimolando quei punti con la lingua e con i denti avrei potuto concedere grande piacere ad una donna. Grazie a quegli insegnamenti, la volta successiva che andai a letto con Carlotta ero pur sempre agitato ma certamente più sicuro delle volte precedenti e misi in pratica i consigili di mamma sulla patatona pelosa della mia ragazza. Pur essendo magrolina e minuta infatti Carlotta aveva una ficona molto larga e profonda, contornata da una folta criniera scura, molto simile a quella della mia matrigna in effetti. A Carlotta piacque moltissimo e mentre la adoravo con la bocca mi incitò in modo talmente violento che quasi mi disarticolò la mandibola da quanto si strusciava sulla mia faccia inondami il cavo orale con abbondanti getti di liquido vaginale. Subito dopo mi concesse anche di scoparla ed andò molto meglio delle volte precedenti, anche se il mio cazzetto sballonzolava dentro alla sua ficona dischiusa come un salame in un portone. Durai poco più di un minuto, forse anche grazie alla quasi totale assenza di frizione con le pareti dilatate della vagina di Carlotta e le venni dentro gridando dal piacere immenso che riuscii a raggiungere, anche se lei, mentre la scopavo, rimaneva impassibile a giocare col suo cellulare come se io neanche fossi presente. Da quel giorno in avanti Carlotta mi richiese sempre più spesso di soddisfarla con la bocca anche se non sempre mi concedeva di scoparla perchè, diceva lei che tanto più ero desideroso e frustrato, tanto più ero dedito a soddisfarla con la lingua. Insomma le cose sembravano cominciare ad andare per il verso giusto ultimamente, grazie a Carlotta riuscivo anche minimamente ad allontanarmi da mia madre ma solo parzialmente perché in realtà Carlotta e la mia matrigna andavano molto d'accordo e non era raro che la mia ragazza venisse a cena e che le due parlottassero tra di loro estromettendomi completamente dalle loro conversazioni. Grazie ai consigli della mia matrigna Carlotta aveva cominciato anche a vestirsi alla moda; ora andava dal parrucchiere e dall'estetista; indossava tacchi a spillo e minigonna ed io ero strabiliato dalla sua trasformazione. Ora gli stessi ragazzi che prima la schifavano e la schernivano si voltavano a guardarla per la strada e la approcciavano durante le lezioni all'università ed anche se questo da un lato mi preoccupava un po', dall'altro lato mi faceva sentire estremamente fortunato di avere una ragazza così sexy e desiderata al mio fianco e poi noi due ci volevamo veramente bene e nulla avrebbe potuto andare storto.
Ma venivamo al dunque, come detto la cosa peggiore che mi fece la mia matrigna fu quest'estate; da qualche tempo, almeno una volta alla settimana, Carlotta ed Esmeralda avevano cominciato ad uscire insieme. La serata delle ragazze la chiamavano, durante la quale le due andavano a spassarsela in qualche discoteca della riviera fino a notte fonda. Ero sicuro che fosse solo un pretesto di mia madre per farsi accompagnare a rimorchiare e non risultare quindi sola e patetica e Carlotta era la compagna ideale, anche se molto più giovane di lei, visto che le due andavano molto d'accordo.
A me non dispiaceva avere per una volta la casa tutta per me, lontano dalle donne della mia vita che certo amavo grandemente ma alle volte una piccola pausa dalla loro ingombrante e chiassosa presenza era un vero toccasana per un tipo tranquillo e riflessivo come sono io.
Quella sera in particolare andai a dormire verso l'una del mattino, non prima di aver mandato il messaggio della buonanotte alla mia amata Carlotta. “buonanotte tesoro, divertiti in discoteca. Mi manchi e ti amo alla follia” con relativo bacino di commiato.
Di solito mi rispondeva subito ma controllando anche molto più tardi notai che il messaggio non era stato neppure visualizzato ma sicuramente doveva esserci un buon motivo. Mi addormentai senza dare troppo peso alla mancata risposta, io e Carlotta ci volevamo bene e per di più c'era la mia matrigna a controllarla, cosa avrebbe potuto andare storto?!
Ricordo che nel cuore della notte mi svegliai al suono dei mugoli e delle acute e ormai familiari urla della mia matrigna, sentivo la testiera del lettone della camera dei miei che sbatteva contro il muro, immaginando che fosse il solito ganzo portato a casa mamma. La solita routine insomma di quando lei torna a casa dalla discoteca; di solito mi faccio almeno una sega ascoltando quelle oscenità ma ero troppo preoccupato per Carlotta e perciò mi misi i tappi per le orecchie e isolandomi da tutto quel baccano e rigirandomi dall'altra parte mi rimisi a dormire.
“tesoro, sveglia tesoro! Sveglia” apro gli occhi e la prima cosa che vedo è il viso della mia matrigna china sopra di me. È seduta sul mio letto, ancora vestita con lo scandaloso abito utilizzato per andare in discoteca la sera precedente e china in quel modo, le sue tettone sono sbattute praticamente sulla mia faccia, debordano dalla profondissima scollatura a tal punto che quasi si intuisce il contorno dei grandi capezzoli; con la coda dell'occhio noto anche le sue cosce burrose e abbronzate completamente scoperte che si allungano molto oltre l'orlo dalla striminzita minigonna. Non so che ora sia ma è chiaro che sia già mattino inoltrato, si capisce dai raggi di sole che inondano la stanza attraverso la finestra di camera mia. Nel tentativo di svegliarmi Esmeralda mi accarezza dolcemente la testa e mi assesta qualche dolce bacetto sulla fronte. Questo è sempre il suo modo di svegliarmi e non manca mai di farmelo venire duro e di costringermi ad una sega liberatoria già di prima mattina.
“ciao tesoro, ben svegliato!” mi dice non appena apro gli occhi e col suo alito caldo e ancora intossicato dall'alcol ingerito la sera prima mi lava la faccia; mi sorride ma nel suo sorriso c'è un velo di tristezza, non è il solito sorriso gioioso e spensierato della mia matrigna. Mi da un altro bacino sulla fronte e mi accarezza, sempre con quella tristezza negli occhi come se mi compatisse per qualcosa che ancora non so.
“tesoro” mi dice “devo darti una brutta notizia...” C'è qualcosa che non quadra, un sinistro presentimento mi pervade “cosa è successo?” le chiedo allarmato, cercando di alzarmi ma lei mi trattiene sdraiato a letto con il peso del suo corpo. “no, no shhh, sta giù, non voglio ancora che ti alzi, vedi la notizia che devo darti è talmente brutta che ho paura tu possa svenire. è meglio che tu stia giù ancora un pochino, tesoro...” mi dice sospirando malinconica ma senza mai staccare i suoi occhioni verdi dai miei.
“cosa è successo mamma?” le chiedo ancora, quel suo tenermi sulle spine mi sta dando alla testa.
“te l'ho detto tesoro, ti devo dare una bruttissima notizia ma prima voglio che mi prometti che non farai scenate, che accetterai quello che ho da dirti senza fare storie..”
“e va bene, lo prometto ma ora mi puoi cortesemente dire che cosa è successo? Ha a che fare con Carlotta? Sta bene? Le è successo qualcosa?” le chiedo sempre più preoccupato.
“si tesoro, si tratta di Carlotta, lei sta bene, non temere ma vedi lei mi ha chiesto di parlarti ma come sai ambasciatore non porta pena, quindi non devi prendertela con me per quanto sto per dirti.” mi dice tenendomi ancora di più sulle spine.
A questo punto non ne posso più, quel suo tono condiscendente mi da sui nervi, vorrei mettermi ad urlare ma ho promesso di non fare scenate e per questo faccio un bel respiro e con la voce tremolante le chiedo ancora notizie, anche se ho già un nodo in gola e già mi viene da piangere: “be che cosa ti ha chiesto di dirmi?” le ripeto con un filo di voce.
“Carlotta ti ha lasciato tesoro e non vuole vederti mai più, mi ha chiesto di essere io a dirtelo perchè le fai schifo amore mio e non può più sopportare di avere a che fare con te.” mi dice la mia matrigna sempre con quell'aria compassionevole e stucchevole senza staccare i suoi occhioni verdi dai miei, non perdendosi il minimo dettaglio delle emozioni che straziano il mio volto sempre più disperato.
“ma come ieri sera andava tutto bene, ma cosa diavolo è successo? Era insieme a te, io mi fidavo... perchè? Perchèè??” e mentre parlo e la mia voce è tremolante per il pianto imminente.
“tesoro non fare così! È meglio che non tu non sappia certe cose, preferisco non dirtelo ti ferirebbero troppo. Dai non ci pensare. Vuoi che ti vada a prendere la tua fleshlight? Lo sai quanto ti fa stare meglio, sono sicura che dopo aver giocato un po' con quella ti dimenticherai tutto. Io sono qua per te ed oggi visto l'occasione speciale ti voglio anche concedere di giocare con le mie mutandine che ho ancora indosso. Vedrai che dopo starai meglio, Va bene tesoro?” mi dice mamma guardandomi con quella sua espressione pietosa e patetica come se stesse parlando ad un minorato mentale. Questa cosa mi manda in bestia.
“ma cosa dici? No non la voglio la fleshlight ne le tue mutandine! Ti sembra il momento!? mamma io voglio sapere! Cosa diavolo è successo?” insisto sdegnato da quel suo modo di trattarmi sempre come un bambino scemo ma lei già si sta sfilando le mutandine, nello specifico un tanga di pizzo nero che rigira tra le mani per rivolgere la parte interna che di solito va a contatto sulla sua bella ficona pelosa direttamente davanti a miei occhi. Noto che ci sono grosse chiazze bianche, incrostate in quel punto, evidentemente tracce di sperma secco riversate sul pizzo direttamente dall'interno della vagina di mia madre; alla vista di cotanta oscenità il mio cazzetto sussulta sotto alle coperte e la tentazione di masturbarmi è più forte che mai ma ancora più forte è la curiosità di sapere cosa possa essere successo con Carlotta la sera precedente e per questo ancora insisto.
“ti prego mamma, dimmi cosa è successo!” piagnucolo disperato non volendo a nessun costo rinunciare a sapere i dettagli della loro serata, cerco di divincolarmi da lei ma lei è più pesante e più forte di me e facilmente mi trattiene sdraiato a letto, schiacciato sotto al peso delle sue tettone, anche grazie alle coperte che mi cingono e che non mi consentono di muovere le braccia.
“e va bene tesoro, se proprio vuoi saperlo te lo dirò ma ti prego prendi le mie mutandine e menati il pistolino mentre ti parlo, so quanto ti fanno calmare, dai coraggio, prendile! almeno sarai tranquillo e non darai di matto mentre ti racconto. Coraggio tesoro!” mi incita e mentre mi parla mi struscia proprio la parte più sporca e odorosa delle sue mutandine, completamente incrostata dello sperma di chissà chi sulla faccia, coprendo completamente la mia bocca e il mio naso. Come per un riflesso condizionato mi ritrovo ad aspirare a pieni polmoni quella fragranza e in automatico la mia mano si fa strada fino al mio cazzetto durissimo sotto alle lenzuola.
“ecco bravo tesoro!” mi incita la mamma tutta sorridente, vedendo che nonostante gli anni passino non riesco a resistere alla tentazione di menare il mio cazzetto per lei. Io la guardo come un demente indemoniato attraverso il pizzo semitrasparente delle sue mutandine, calate sopra al mio viso, con gli occhi sgranati mentre respirando a pieni polmoni mi intossico di quel lezzo allo stesso tanto disgustoso e tanto squisito.
“allora tesoro come sai ieri sera siamo andate a ballare e in discoteca indovina chi abbiamo incontrato? il tuo amico Fabri. Era così contento di vederci e di conoscere finalmente la tua fidanzatina Carlotta che non si è più staccato da noi. Tesoro lo sai com'è Fabri, si è comportato come un vero gentleman, ci ha offerto da bere tutta la sera, comprandoci i cocktail più costosi e più alcolici; anche se lui beveva solo acqua tonica perchè diceva che poi avrebbe dovuto guidare. È stato davvero gentile sai? In quel locale lui conosceva tutti e ha voluto a tutti i costi essere il nostro cavaliere per la serata perché, ci ha detto che non sarebbe stato prudente per due belle signorine, di classe, come noi stare da sole in un posto pieno di maschi allupati come quello ed infatti è riuscito a tenere lontani tutti i corteggiatori troppo insistenti, per tutta la serata. Poi quando eravamo ormai completamente ubriache e disinibite ci ha portato in pista e ci ha fatto ballare con lui per ore! E che ballerino fenomenale che è il tuo amico! Avevamo gli occhi addosso di tutto il locale mentre ci faceva roteare e volteggiare al ritmo della salsa e del merengue. Sia io che Carlotta ci siamo strusciate contro il suo corpo muscoloso, per tutta la serata. Penso che ieri sera Fabri sia stato il ragazzo più invidiato e ammirato di tutta la discoteca! Tutti ci guardavamo! Faceva a turno a strusciare i nostri culi sul suo paccone rigonfio mentre ci limonava a turno prima una e poi l'altra, era instancabile! Mentre Carlotta strusciava a ritmo della salsa il culetto sul suo cazzone duro, lui limonava con me e poi ci scambiavamo i posti e ricominciavamo da capo! Avresti dovuto vederlo! Sai limonare insieme a due donne in mezzo ad una pista da ballo non è una cosa da tutti ma lui non ha battuto ciglio, anche se tutti lo guardavano e lo invidiavano; era troppo concentrato solo su di noi e non gli importava se tutti gli altri ci guardavano e pensavano che noi fossimo due sgualdrine. Quando la musica è finita e il locale ha chiuso Fabri ha insistito a tutti i costi per portarci a casa e quando siamo arrivati era stato talmente galante e gentile che ho dovuto per forza invitarlo per un ultimo drink qui a casa nostra... e tesoro lo sai come vanno queste cose tra noi giovani; una battuta tira l'altra, aggiungici che sia io che Carlotta eravamo tutte e due piuttosto ubriache e arrapate per esserci strusciate tutta la notte sul suo bel cazzone duro.. insomma per farla breve siamo finite a letto con lui; proprio qui nel lettone che ho condiviso per anni con tuo padre, proprio accanto alla tua cameretta dove tu e Fabri giocavate insieme da bambini. Ma se tu sei rimasto bambino, Fabri invece è diventato uomo e che uomo tesoro... lui non è affatto come te... ha un cazzo che sarà almeno 5 volte più grande del tuo, tesoro! Mio dio ci ha scopato per ore ed è venuto dentro ad entrambe! Ci ha perfino costrette a bere il suo delizioso sperma direttamente dal suo cazzone turgido e venoso! Non pensavo riuscisse a soddisfarci tutte e due ma ci è riuscito e come! Ci ha fatto venire ancora e ancora impalandoci a turno col suo enorme, bellissimo, durissimo cazzone! Io e Carlotta godevamo come due porche, godevamo talmente tanto che le nostre vagine squirtavano sopra al suo cazzo come due fontane!”
Mentre la mia matrigna parlava pensavo al mio amico Fabri. Il mio più caro e intimo amico sin dai tempi dell'infanzia. Lui al contrario di me non aveva mai avuto problemi con il gentil sesso. Sin dai primi anni della sua adolescenza aveva avuto un flusso di ragazze costante, una fidanzatina dopo l'altra e una più carina dell'altra. Io lo invidiavo così tanto perché mentre io rimanevo vergine e illibato e le ragazze non sapevano neppure che esistevo, lui al contrario di me aveva perso la verginità giovanissimo e da lì non si era più fermato. Pensavo che un giorno anche per me le cose sarebbero cambiate ed invece, anche crescendo, mentre io studiavo tutto il giorno per l'università Fabri, che non era mai andato bene a scuola come me, aveva cominciato a lavorare in porto e grazie al lavoro si era emancipato ancora di più rispetto a me; subito dopo il diploma era andato a vivere da solo, con lo stipendio aveva comprato una bella macchina con la quale rimorchiava tutte le più belle squinzie del lungomare per poi portarsele nel suo scannatoio a deflorarle, una dopo l'altra. le ragazze avevano sempre fatto letteralmente a gara per frequentarlo e per soddisfarlo sessualmente. Più di una volta mi aveva raccontato le sue avventure ed ora si era preso anche la mia Carlotta e la mia adorata matrigna. Perso nei miei pensieri ascoltavo rapito quanto la mia matrigna mi stava raccontando.
“... vedi Carlotta mentre si impalava sul cazzone enorme del tuo amico diceva ogni genere di oscenità nei tuoi confronti e Fabri rideva di te come una matto e la incitava a insultarti e a tradirti, sempre di più e mentre il delicato corpicino della tua ex era scosso da un orgasmo dopo l'altro lei giurava a me e al tuo amico Fabri che, dopo aver assaggiato finalmente un vero cazzo, grosso e duro come quello del tuo amico Fabrizio, non avrebbe mai più voluto avere a che fare con te e il tuo minuscolo ridicolo, patetico cazzetto. Anche dopo che Fabri le era venuto dentro di lei per più di una volta, Carlotta non ha cambiato idea e mentre insieme nettavamo con le nostre lingue il suo enorme uccello inginocchiate al suo cospetto lei ci confidava che tu non l'hai mai soddisfatta, che stava con te solo perché gli facevi pena e di come solo ora finalmente si rendesse conto di quanto avesse bisogno di un vero uomo al suo fianco e non di un bambino effeminato come sei tu.”
Durante il racconto, come in sogno, ancora una volta mi pareva di sentire ricominciare i gemiti di godimento e i tonfi del letto contro la sottile parete di cartongesso, sgranai gli occhi e cercai di dimenarmi ma ancora una volta la mia matrigna con il suo peso e la sua forza fisica superiore alla mia, derivante da ore e ore passate in palestra tra fitness, yoga e pilates, mi tratteneva facilmente prigioniero sotto alle lenzuola. “shhh, non agitarti tesoro, si, si hanno ricominciato... sshh ma non ti preoccupare, c'è la mamma qui con te. Senti come mugola e come grida Carlotta, è il cazzone del tuo migliore amico, dell'unico amico che tu abbia mai avuto che la penetra e la dilata allargandole la fica in modi e donandole un piacere che tu non saresti mai in grado di concederle. Pensi che dopo essere stata penetrata da un toro come Fabri, da un pene di tutto rispetto come quello del tuo amico potrà mai godere venendo penetrata da un cazzetto ridicolo e striminzito come il tuo... shh no tesoro, se la ami devi lasciarla andare tesoro. Devi lasciarla andare a chi è meglio di te, a chi ti è superiore, tu non sei mai stato alla sua altezza tesoro. Lasciala andare tesoro, shh, no, non piangere, c'è la mamma qui... coraggio segati e non ci pensare, segati per me e non pensarci più, mai più...”
Incitato in quel modo dalla mia matrigna, nonostante avessi il cuore spezzato e ormai piangessi a dirotto non riuscivo a smettere di masturbare il mio cazzetto durissimo e dovevo farlo il più lentamente e delicatamente possibile se non volevo venire subito, ero infatti troppo eccitato da quel racconto e dai rumori osceni provenienti dalla camera accanto. Vedere poi la mia matrigna sopra di me con le sue tettone sbattute praticamente in faccia, con quella sua classica falsa espressione di compatimento e quelle labbra rigonfie da succhiacazzi che si ritrovava così vicine mentre mi parlava con quel suo solito tono patetico e condiscendente mi umiliava e mi eccitava in un modo che sentivo la mia già fragile forza di volontà abbandonarmi. Per l'ennesima volta in vita mia dovevo accettare la mia debolezza, la mia totale dipendenza dalla mia matrigna, mentre sentivo, proprio nella stanza accanto alla mia, il mio migliore amico assestare con il suo enorme cazzone colpi sempre più profondi e violenti alla vagina della mia ormai ex ragazza, sfondandola e deflorandola in un modo che mai più Carlotta sarebbe riuscita a percepire il mio minuscolo cazzetto dentro di lei. Quella stessa vagina che mai ero riuscito a soddisfare in vita mia e tutto ciò stava accadendo grazie al comportamento scellerato e incurante della mia matrigna, l'unica mia famigliare rimasta, l'unica che avrebbe potuto e dovuto prendersi cura di me ma che era riuscita a rovinarmi completamente la vita portandomi via anche l'unica cosa bella che mi fosse mai capitata. Tutto questo era troppo per me e cominciai a dimenarmi come un pazzo, volevo urlare ma dalla mia bocca non usciva alcun suono, solo singhiozzi strozzati. “shhh, no non ci pensare tesoro, guarda me tesoro, pensa a me tesoro, io non ti lascerò mai tesoro, sarai per sempre mio, per sempre il mio bambino.. Ecco prendi o no, shhh” Vedendo la mia reazione Esmeralda per tranquillizzarmi, libera dal suo decoltè le sue morbide, gigantesche tettone e guida uno dei suoi larghi e puntuti capezzoli dentro alla mia bocca, sempre senza smettere di sussurrarmi dolci paroline all'orecchio e accarezzandomi i capelli.
Piano, piano rapito, ipnotizzato dalla meravigliosa sensazione di succhiare quelle magnifiche tettone e placato e da quella voce melodiosa sento la mano della mia matrigna insinuarsi sotto alle coperte, avvolgere la mia mano destra e guidarla verso il mio pisellino durissimo. Come per un riflesso condizionato comincio a muoverla. Lei vedendo la mia mano che si muove su e giù sotto le coperte mi sorride consapevole, dolcemente. Non serve più che lei mi guidi con la sua mano, non smetterei neppure se la casa andasse a fuoco ed infatti lei la ritrae: “ecco da bravo tesoro, così si fa, menati il tuo patetico cazzetto da bambino piccolo che ti ritrovi, menatelo per la mamma, e non ti preoccupare più di nulla, va bene così tesoro, tutto si sistemerà, penserà a tutto la tua mamma, ciucciami le tette tesoro e non pensarci più, ecco prendi, smack, smack, smack” per concludere Esmeralda mi rifila grandi, dolci, umidi e prolungati bacioni sulla fronte, sugli occhi, sulla testa, mentre io quasi mi soffoco per ciucciare il più possibile le sue magnifiche, gigantesche, morbide tettone. In quel preciso istante vengo dentro al mio pugno serrato, sopra al mio stomaco, sotto le coperte, inondando le lenzuola e il mio addome di sperma appiccicoso. È tale e tanta la quantità di sperma riversato che sembra io sia in preda ad un attacco epilettico ed una macchia umida compare anche all'esterno delle coperte. La mia matrigna, raggiunto il suo scopo, distacca le su tumide labbra dalla mia fronte, e le sue meravigliose enormi tette dalla mia bocca per rinfoderarle all'interno della striminzita scollatura del suo abito; tutto questo senza mai perdersi un attimo del mio incredibile coito, non distaccando i suoi occhioni verdi compiaciuti dai miei, neanche per un istante, evidentemente orgogliosa e tronfia di aver causato cotanto orgasmo. Gli effetti di una tale eiaculazione mi lasciano spossato e già sento che mi si chiudono gli occhi portandomi verso l'oblio. “shhh ora dormi tesoro” sento la mia matrigna sussurrarmi dolcemente all'orecchio mentre ancora mi accarezza teneramente la testa” dormi mentre mamma va a farsi un altro giro sull'enorme cazzone del tuo amico” sento che lei si alza dal letto e l'ultima cosa che vedo sono le grandi natiche sensuali e perfette della mia matrigna che ondeggiando sensualmente si allontanano da me per uscire definitivamente dal mio campo visivo e dalla mia stanza, prima di chiudere gli occhi e riaddormentarmi pacificamente come il bambino piccolo che sono rimasto a 25 anni suonati.

Questo racconto di è stato letto 4 0 8 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.