Insolitamente Bagnato

Scritto da , il 2020-10-29, genere comici

Il nostro protagonista salì sull'autobus delle 7:40 come ogni mattina. Quello però non era un mattino come tutti gli altri e di questo lui ne era ben conscio. Il misterioso oggetto che portava nella tasca posteriore dei pantaloni era la chiave di volta per sconfiggere la monotonia della routine quotidiana. Si guardò attorno più volte e comprese in pochi secondi di avere davanti a sè non più il vecchio e cencioso Bus ma qualcosa di nuovo. Quell'aggeggio avrebbe cambiato completamente la sua visione della vita. Quelle che erano le solite persone che si recavano a scuola o al lavoro erano diventate spettatori del suo successo, il mezzo pubblico ai suoi occhi era invece una suntuosa carrozza. In quella 'carrozza' non trovò nessun posto a sedere e questo lo riportò immediatamente alla realtà dei fatti. Sapeva di poter colpire in modo efficace, d'altronde se lo era figurato più volte con l'immaginazione. Aveva anche testato il potere dell'oggetto misterioso durante il fine settimana. Era pronto ad agire, mancava soltanto una cosa: la giusta pretendente. Si aggrappò ad un palo durante una rischiosa curva urtando accidentalmente una ragazza che, pochi secondi prima, stava controllando lo smarphone. «Stai più attento» gli disse con tono pedante. Il protagonista trattenne la rabbia e si sforzò soltanto di dirle «scusami». La ragazza tornò a controllare il telefono, ignorando completamente le sue scuse. Inconsapevolmente si era data il colpo di grazia diventando a tutti gli effetti il bersaglio delle mire del ragazzo. Estrasse quindi l'oggetto dalla sua tasca, somigliava incredibilmente ad un vecchio orologio da taschino. Premette il primo pulsante sulla sinistra del piccolo quadrante e tutto intorno a lui si fermò.
Piombò un silenzio tombale, quasi innaturale.
Le automobili in strada, una volta ferme,sembravano parte di un modellino in scala di qualche città mentre le persone assunsero un aspetto simile a statue di cera. Il nostro protagonista era l'unico essere in grado di muoversi. Il tempo si era fermato. Guardò quindi la ragazza, la osservò meglio e la riconobbe: Sophia Hamilton, molto popolare nella sua scuola. Capelli biondo cenere, non troppo alta, fianchi larghi e seno piccolo. Aveva gli occhi azzurri come l'oceano hawaiano e il naso rivolto all'insù che le donava un aspetto particolarmente snob. Il protagonista capì di poter parlare liberamente ora che era lui il solo essere senziente. «Smorfiosa stai per diventare la mia puttana» disse compiaciuto. Le slacciò I jeans lasciandoli cadere all'altezza delle ginocchia. Indossava semplici mutande nere, decisamente poco sexy. Le sue grasse coscia però,si toccavano lasciando così poco spazio al pube da permettere alle grandi labbra di disegnarsi sulle mutande. Euforico il ragazzo le abbassò frettolosamente. Un acre odore di sudore gli invase il naso e notò un piccolo cespuglio di biondi peli pubici incolti che gli ricordarono una vecchia balla di fieno. «Fai la preziosa con tutti ma sei solo una vacca puzzolente» disse mentre il pene iniziava a gonfiarsi fino a creare una cunetta nei pantaloni. «Adesso ti pulisco io» sentenziò. Il volto del giovane si fece mefistofelico, si slacciò a sua volta I jeans liberando il membro dal giogo dei vestiti. Lo mise dunque fra le grandi labbra ed iniziò a strusciarsi. In questo modo nessuno, una volta ristabilito il normale scorrere del tempo, avrebbe potuto scoprire I segni di una violenza di qualche tipo. La vagina di Sophia, essendo ella incosciente, non si inumidì. Dunque il protagonista decise di sputare sul glande per continuare la sua danza. Avanti e indietro, avanti e indietro…
Il piacere si fece intensissimo e si rese conto di essere vicino all'orgasmo quando esclamò «Adesso arriva il sapone scrofa!».
Si ritirò per dirigere il pene verso il pube. Scosse la mano ritmicamente ed eiaculò un getto denso e caldo sui biondi peli. La rivestì in fretta e furia, senza pulirla. Una volta che si sitemò anche lui, si rimise nella posizione inziale e premette il tasto destro del piccolo orologio. Il flusso del traffico e la vita dei passeggeri tornò alla normalità. Sophia invece continuò per svariati minuti a guardasi intorno sospettosa. Si toccò più volte il pube sopra ai jeans, era insolitamente bagnato.

Questo racconto di è stato letto 1 1 7 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.