Senza mani

Scritto da , il 2020-10-20, genere prime esperienze


una storia vera, avvenuta quasi 20 anni fa.

"Dai, facciamo una cosa a tre"
Le sue parole una sera in un locale a Milano. Primo anni di università per me, ultimo anno di liceo per lei. Io 21 anni lei 19 appena compiuti. lei un po' brilla. Lei che mi ripete "Dai proviamoci, a te non ecciterebbe?". Ovviamente sapeva già chi sarebbe stato il terzo, un tipo che le piaceva già adocchiato da settimane e a cui, evidentemente, non vedeva l'ora di succhiare l'uccello. In ogni caso, non metto becco e faccio fare tutto a lei.
Dopo qualche giorno di messaggini per accordarsi arriva il venerdì sera del fatidico threesome.
Il primo della nostra relazione e anche della nostra vita.
Primo shock: il tipo è grosso il doppio di me. Secondo shock: ha 42 anni. Lavora in banca, appassionato di moto, si chiama Carlo e l'ha conosciuto una sera in un locale.
Piano stabilito un'ora prima dell'incontro: pompino a lui, pompino a me, sesso con lui, sesso con me. fine. I patti: venuta di lui solo su tette, pancia o sedere. No faccia, no figa.
Svolgimento del piano: camera da letto, lui si abbassa i boxer, tira fuori una mazza di 20 centimetri, lei glielo prende in mano, lo scappella, avvicina la bocca, dà una ciucciata e io di risposta mi spruzzo nelle mutande senza neanche toccarmi. Lei se ne accorge. Ride. Fa segno. Lui se ne accorge. Ride. Poi le prende la testa e le infila la lingua in bocca. Vado in bagno a pulirmi. Torno che stanno già scopando. Lui in piedi lei sdraiata sul letto a pancia in su. Lui la scopa tenendola per la vita. Lei ansima con la bocca a O e l'espressione incredula di chi si sta provando per la prima volta un uccello di 20 centimetri mentre con le mani cerca di tenersi su le gambe per sentirlo ancora più in fondo.
Lui si accorge che sono tornato: "Vieni a tenerle le gambe".
Senza fare domande salgo sul letto dietro di lei, le prendo i tacchi e le alzo le gambe. Lui accelera con i colpi. Lei ha il primo orgasmo. Io la guardo venire e spruzzo di nuovo. Lui se ne accorge. Lei no. Lui le prende una gamba e se la mette sulla spalla mentre io continuo a tenerle l'altra. Ricomincia a scoparla mentre con la mano le sditalina il clitoride. Neanche 10 secondi e lei ha il secondo orgasmo, più forte del primo. A me è tornato già duro per la terza volta. Lei esausta mi chiede di toglierle il tacco che le dà fastidio. Senza neanche sapere perché le sfilo la scarpa e mi infilo il suo piede nudo in bocca. Lei alza la testa ridendo "Ma che fai?". Le ciuccio l'alluce e schizzo per la terza volta. Stavolta lo vedono entrambi. Si guardano divertiti. Lei si asciuga il sudore "Sto morendo si sete...". Vado a prenderle da bere. Torno con la coca cola. Lei è a 90 e lui la sta montando da dietro tenendola per i capelli. Lui le dà un schiaffo sul culo e lei ansima di continuare che sta per venire di nuovo. Esco dalla stanza per andare, questa volta, a schizzare in bagno. Entro di corsa ma appena sento lei gemere "sto venendo" schizzo sull'asse mancando il water. Prendo carta igienica e pulisco per terra. Nel mentre sento i gemiti che sono terminati. Mi viene in mente che potrebbe essere venuto anche lui e mi preparo alla vista della sborra sul sedere di lei. O sulla pancia. Come da accordo. Apro la porta e la trovo in ginocchio con un macchione di sborra sulla fronte e uno che le cola dal naso fino alla bocca.
Fine della serata.
Il giorno dopo io ero già single mentre lei ha iniziato ad uscire solo con quarantenni.

Questo racconto di è stato letto 4 4 9 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.