Mio padre - Incestò Gay

Scritto da , il 2020-07-31, genere gay

Mi chiamo Federico, sono apertamente gay, ho 18 anni ma all’epoca dei fatti ne avevo 16.

Sono figlio unico di genitori divorziati e perciò sono sempre stato conteso tra di loro anche se ho sempre avuto una netta preferenza per mio padre. Non facevo altre che avanti e indietro tra casa dell’una e dell’altro a parte d’estate, in cui stavo due mesi con mio padre vista la vicinanza di casa sua alla spiaggia.

Abbiamo un buon rapporto anche se l’unica cosa che davvero ci accomuna è la palestra dove andiamo tre o quattro volte a settimana.
Ho sempre saputo di essere attratto fisicamente da mio padre, visto che aveva pur sempre 36 anni, un fisico curato e coperto da una lieve ed allo stesso tempo marcata peluria scura.
Ebbi pieni consapevolezza della mia attrazione nei suoi confronti quando mi accorsi che non potevo fare a di avere un’erezione quando lo guardavo.

Cominciò tutto in palestra. Finito l’allenamento andammo nello spogliatoio che era del tutto deserto, per lavarci dal sudore dell’allenamento. Essendo una piccola palestra, le doccia erano quattro e di consueto ne funzionavano una o al massimo due.
Mio padre fece per andare a lavarsi quando sentii: “Federico, queste doccia di merda non funzionano un’altra volta”
Io decisi di buttarmi e gli risposi che non sarei stato ad aspettare che avesse finito di lavarsi per andarmi a sciacquare; quindi come se nulla fosse entrai nel suo box doccia.
Anche se eravamo d’accordo di rimanere girati di spalle per evitare il reciproco imbarazzo, riuscì lo stesso a vedere il cazzo moscio di mio padre.
Non so come io riuscì a trattenere l’ennesima erezione.

Tornammo a casa, cenammo e ci sdraiammmo su due divano diversi (a causa del caldo) e guardammo il solito film.
Poco dopo ci addormentammo entrami lì, sui divani.
Appena mi svegliai, vidi che in TV stavamo trasmettendo un programma riguardo i retroscena dei porno gay. Subito mi eccitai e andai in camera mia per masturbarmi pensando sia a ciò che avevo visto sulla tele, sia fantasticando sul mio papà.
Ad un certo punto mi fermai perchè sentii i passi di mio padre che andava in camera sua.
Una volta che ci fu silenzio ripresi a segarmi e venni dopo poco sui miei addominali.

Il giorno dopo restammo in spiaggia tutto il giorno, poi doccia, cena, film, letto.
Quella sera avevo deciso che avrei provato a chiedere a mio padre ad insegnarmi a masturbarmi, anche se ero ormai un esperto.
Era più o meno l’una di notte e io ero in piedi sulla soglia della camera di mio padre quasi da due ore impietrito da quella che sarebbe potuta essere la sua reazione.
Mi feci coraggio e lo svegliai

Lui: “cosa vuoi, è l’una di notte?”
Io: “papà, dovrei chiederti una cosa che mi imbarazza tantissimo”
Lui:”sono tuo padre, puoi dirmi tutto lo sai”
Io:” volevo chiederti se tu potresti insegnarmi a...”
Lui:” a cosa?”
Io:”a masturbarmi”
Ci fu un attimo di silenzio e poi mi disse che avrei dovuto vedere qualche video su internet o chiedere ai miei amici.
A quel punto gli dissi:”papà, sei l’unico a cui potrei chiedere una cosa del genere... non ci sarebbe niente di male se tu mi spiegassi come si fa!”
Mi fece sedere affianco a lui; aveva il cazzo moscio. Non so cosa mi prese ma lo baciai in bocca. Lui mi spinse via e mi chiese se ero impazzito.
Gli risposi di no e gli feci notare la sua erezione.
Lui:”va bene, ora ti insegno tutto quello che c’è da sapere”
Si tolse gli slip e si prese in mano il cazzo. Non era circonciso, quindi ammirai per mezzo minuto il suo prepuzio che celava la cappella e i peli pubici che contornavano il suo cazzo
Iniziò a segarsi ed io presi ad imitarlo
Lui:”bravo Fede, fai come papà”
Io:”sto andando bene?”
Lui:”benissimo, confrontiamo i nostri uccelli”
Lo feci. Notai che ragno pressocchè uguali a parte per la quantità di peli
Lui prese a segare entrambi
Lui:”ti piace eh, Fede”
Io quasi ansimando:”tanto papà”
Ci staccammo per avvinghiarci in un 69
Io:” papà, vorrei che mi inculassi”
Lui mi prese di forza e cominciò a leccarmi il culo come un forsennato.
Lui:”vuoi che papi te lo metta dentro
Io:”si per favore, papà”
Lo mise dentro tutto d’un fiato.
Dopo dieci minuti mi disse che stava per venire
Io:”papà, ti prego vienimi dentro”
Non feci in tempo a finire la frase che mio padre mi esplose dentro.
Tirò fuori il cazzo dal mio culo e mi disse:” spingi fuori il seme di papà, così potrai assaggiare i tuoi fratellini”.
Lo feci, lui la prese la sua sborra e me la sputò in bocca.
Si mise a 90 e disse:”vieni a fare un bidet a papà”
Io obbedì e iniziai a leccare il suo ano peloso.
Io:”papà, vorrei tanto incularti sai”
Lui:”Federico, papà è qui apposta”
Detto questo presi il mio cazzo, lo scappellai e introdussi solo la cappella. Il culo di mio padre era talmente stretto che per poco non venni all’istante.
Entrai del tutto, in modo che i peli del suo culo e quelli del mio pube si fondessero.
Io:”papi, voglio venire dentro di te”
Lui:”si Fede, sborra dentro al papà”
Io:”eccomi papà, vengo eccom- OH SI PAPÀ”
Sborrai come mai prima in vita mia.
Tirai fuori il cazzo e gocce del mio caldo sperma uscirono dall’ano del mio papà
Io:”papà, vorrei di nuovo assaggiare i miei fratellini per favore”
Al solo sentire queste parole mi venne direttamente in gola.

Ci baciammo e stavolta fui io a sputare la sua sborra nella sua bocca.
Mi addormentai abbracciato a lui, quando mi svegliai e mi resi conto che mi stava inculando ancora. Eravamo a cucchiaio e quando venne mi tirò a se il più possibile.
Subito dopo disse:”ora Federico, papà ti fa una sorpresa”
Mi pisciò nel culo e quando finì tirò fuori il suo uccello e se lo sgrullò.
A quel punto gli dissi di mettersi in posizione di squat perchè avrebbe ricevuto lo stesso trattamento.

Andammo in doccia a svuotarci del corrispettivo piscio.
Lui:”ma Federico! Non ho ancora assaggiato la tua sborra!”
Tirò SU il mio prepuzio e iniziò a succhiare
Quando sborrai ingoiò tutto.
Erano ormai le quattro di mattina quando tornammo a letto e lui mi inculò di nuovo, stavolta non avvertì prima di sborrarmi dentro. Si addormentò seriamente stavolta con il pisello dentro di me.

Oggi ho quasi 19 anni, e le notti di sesso con il mio papà migliorano in continuazione.
Ad oggi continuiamo a riempirci il culo di sborra e piscio come mai prima

Questo racconto di è stato letto 3 4 1 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.