La prima volta nel culo

Scritto da , il 2020-06-29, genere gay

La sua mano robusta e nodosa sfiorò la mia piccola e delicata, mi accarezzò i capelli giocando con la mia frangetta e mi fissò negli occhi. Dolce e serio. Capii cosa voleva dirmi tacitamente. Gli avevo fatto una promessa ed era giunto il momento di metterla in pratica. Non si trattava di una promessa da poco: sia per lui, sia per me. Quel momento l'aspettavo da tanto e l'avevo rinviato per più di un motivo; ma ora non c'erano più ragioni per posticiparlo. Era arrivata l'ora. L'ora di prenderlo nel culo.
Avevo avuto molti uomini malgrado i miei 18 anni. Una volta mi ero illuso che un uomo mi amasse, ma mi dovetti ricredere. Gli altri, di uomini,pensavano solo al mio corpicino, acerbo, aggraziato, efebico. Ed erano anche irruenti: nessuna attenzione per la mia sensibilità adolescenziale o di ragazzo appena sbocciato. Insomma, per dirlo senza eufemismi,erano solo dei porci. Potevo offrirgli la parte più importante del mio corpo? Potevo dargli il mio buchino? Sono stato bravo, devo ammetterlo, a non cedere alle loro insistenze.
Poi è arrivato Gaetano, per me un autentico colpo di fulmine. Lo incontrai in palestra: io facevo un corso di pilates, lui pesi. I nostri sguardi s'incrociarono quel pomeriggio nella hall della palestra e si dissero subito tantissime cose. Fatto sta che, finito il mio turno, uscendo, lo vidi che mi aspettava.
-Fai pilates?
- Sì, tre volte la settimana, il lunedì. il mercoledì, il venerdì a quest'ora - Gli risposi indicando particolari che non mi aveva chiesto ma che immediatamente compresi che gli interessassero.
- Bello, anch'io vengo in palestra quasi sempre in quei giorni e a quell'ora
- Strano che non ci siamo mai visti
- Per la verità, io ti avevo già notato un paio di volte e mi ero detto "che bello quel ragazzo"
- Davvero? Comunque grazie, sei davvero gentile.
- Come ti chiami tesoro?
- Angelo, tu?
- Ma certo,sei un angelo...come ti saresti potuto chiamare? Io Gaetano
In verità lui aveva orari diversi dai miei, ma li cambiò affinché ci vedessimo.
Gaetano, 45 anni, avvocato, occhi verdi bellissimi, corpo giovanile d'atleta, muscoloso quanto basta, modi affabili, carattere deciso, purtroppo sposato. Ma non si può avere tutto dalla vita. Lo avrei voluto tutto per me, ma dovevo dividerlo con la moglie, tra l'altro fighissima.
Cominciammo a incontrarci, dapprima nella sua Mercedes, poi nel suo appartamentino riservato ad appuntamenti galanti.
- Come fai pompini tu, con la tua boccuccia rossa rossa, nessuno ha saputo mai farmeli. Sei un vero talento - Mi disse dopo uno dei primi appuntamenti.
Con lui era diverso rispetto a tutti gli altri uomini che avevo avuto. Era tenero e deciso, dolce e maschio. Mi piaceva tanto accarezzargli il petto leggermente peloso, segargli il cazzo scattante e venoso, tutto scappellato, succhiarglielo e ingoiare la sua sborra, oppure farmi schizzare sul volto e poi raccoglierla con la mia lingua. Bastò poco per innamorarmi di lui.
Avevo sempre aspettato per il momento più bello, avevo paura di farmi male.Un mio amico si era fatto il sangue quando l'avevano sverginato e ciò mi terrorizzava. Ne parlavamo spesso, mi aveva convinto che non mi avrebbe fatto male, che sarebbe stato un po' doloroso solo le prime volte, ma poi la goduria sarebbe stata immensa e non avrei potuto più fare a meno di prenderlo nel culo. Io stesso aspettavo quel momento, chiedevo a tutti quale fosse la posizione migliore e la maggior parte, compreso lui, consigliavano di stendermi supino nel letto con le gambe aperte; qualcuno consigliava la posizione alla "missionaria", io sopra a cavalcare il suo cazzo: il vantaggio sarebbe stato per un principiante di regolare io stesso l'intensità e quando fermarmi; pochi consigliavano con lui davanti che mi penetrava alzandomi le gambe: capii che forse era la posizione più bella, anche perché poi potevamo baciarci, ma non adatta alla prima volta.
_ Come ti senti, tesoro?
- Emozionatissimo
_ Normale, Angelo, vedrai che sarà bellissimo.
- Prima voglio succhiartelo, Gaetano
- Ma certo, tesoro
Mi inginocchiai, gli slacciai i pantaloni, lo uscii dai boxer e glielo presi in mano segandoglielo con mano leggera. Poi sputai sulla cappella e gliela leccai, lo presi in bocca e lo succhiai piano piano sentendolo diventare sempre più duro tra le mie labbra. Non lo feci venire.
- La prima volta col guanto, amore, poi, quando ti abituerai senza e sarà ancora più bello. Su girati, distenditi sul letto.
Mi stesi sul letto, il cuscino sotto. Lui mi spalmò il gel sulle natiche e sul buco. Fui io stesso a infilargli il preservativo.Lui esplorò il mio buchino con un dito, poi due. Oh che bello! Quindi lo sentii che entrava piano piano. Gemetti, oh come mi piaceva. Dopo mi assestò due colpi secchi. E lì sentii che qualcosa, non so cosa, si stava rompendo. Mi face un po' male e urlai: - Fermati Gaetano, fermati- Ma lui non si fermò, per quanto mi rispettasse, non ci riusciva, era troppo il piacere che provava a penetrarmi. Dopo un po' mi sentivo sfinito, il culo rotto, ma felice, avevo realizzato qualcosa che desideravo da troppo tempo. Fui stesso a volerglielo succhiare e a bere il suo sperma. Lo amavo troppo. Sì, troppo. Fu meraviglioso dopo baciarci con la mia bocca piena del suo seme. Rimanemmo abbracciati a coccolarci per quasi un'ora.
La notte non riuscii a chiudere occhio. Pensavo a tante cose: a quando precocissimo avevo scoperto di essere gay, ai compagni di scuola che mi sfottevano, mi toccavano il culo e mi dicevano "frocio", agli uomini che avevo avuto, a quei momenti indelebili che avevo passato quel pomeriggio. E a Gaetano, naturalmente, il mio uomo. Senza contare che il culo mi faceva davvero male.
Dormii un po' la mattina dopo, recuperando un poco del sonno perduto. Appena sveglio guardai il display del mio smartphone. Vi era un whatsapp di Gaetano: - Ti amo, meraviglioso mio Angelo!
Mai mi svegliai così felice.

Questo racconto di è stato letto 3 8 3 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.