Un colpo di fortuna

di
genere
gay

Dalla chat arrivammo allo scambio del numero di cellulare e infine all'appuntamento.
Venne lui da me. Dalla finestra lo vidi arrivare: alto due metri, camminata dinoccolata, magro. Indossava bermuda beige e una polo bordeaux. Entrato ci salutammo e bevemmo qualcosa di fresco. Mi alzai per portare via il vassoio e rientrai in soggiorno. Mi si parò davanti, mi pose una mano sulla spalla e l'altra dietro alla nuca, mi tirò a se chinandosi e appoggiò le sue labbra sulle mie. Poi le violò dolcemente con la sua lingua. Mi piaceva, aveva un buon sapore. Gli diedi la mia e iniziammo uno scambio assaporandoci reciprocamente.
Infilai le mani sotto la sua polo accarezzandogli la schiena e sfiorandogli i cspezzoli con le dita. Fremette.
Ci sfilammo le magliette e restammo a torso nudo, accarezzandoci lì, in piedi in mezzo al soggiorno.
"Andiamo a letto?" mi disse lui.
In camera ci spogliammo. Lui si stese sul letto a gambe divaricate, mostrando il suo cazzone in erezione. Mi misi sopra di lui e continuammo a baciarci.
Lasciai la sua bocca per sfiorare con le labbra il suo corpo, indugiando sui capezzoli turgidi, ora stuzzicandoli con la punta della lingua, ora leccandoli voluttuosamente. Sospirava e gemeva.
Arrivai al suo uccello trattando il glande allo stesso modo, prima in puntacdi lingua e poi a lingua piena. Lui sospirava tremando, mentre assaporavo il liquido cristallino che usciva da quel pene.
Aprii la bocca e lo accolsi, iniziando un lento pompino.
Dopo poco mi prese la testa e mi tiro a sé per baciarmi ancora.
Si staccò per dirmi: "voglio le carti il buchetto e spingermi dentro di te".
Mi fece mettereca pecora ai bordi del letto e iniziò a leccarmi dolcemente tra le chiappe, indugiando sempre più sul mio buchetto ed entrando con la lingua. Lo violò con le sue dita sottili e poi appoggiò la sua cappella, forzando senza entrare.
"Aspetta" dissi io.
Presi un profilattico interno (il femidom) e sotto il suo sguardo incuriosito mevlo piazzai.
Lui si stese con la sua asta rigida come il marmo e io mi misi a cavalcioni sopra di lui, prendendo quel cazzo meraviglioso e puntandolo verso il mio buchetto, all'imbocco del femidom che sporgeva.
Mi rilassai e cominciai ad abbassarmi, facendolo entrare in me. Faceva un po' male, viste le dimensioni.
Ci misi un po' salendo e scendendo, mentre ci guardavamo negli occhi. Avevo il cazzo durissimo e svettante.
Finalmente fu tutto dentro di me e cominciai a muovermi, roteando il bacino e salendo e scendendo.
Godevo nel sentirmi aperto da quel pene tutto dentro di me.
"Guarda che così non vengo più. Devo prenderti da dietro".
Uscì da me e mi fece posizionare a pecora. Rientro delicatamente e presto sentii i suoi peli pubici sulle mie chiappe.
"Ora abbassati".
Mi abbassai prono sul letto e lui cominciò a stantuffare piano piano.
Mi ero completamente abbandonato ai suoi sapienti movimenti che mi davano sempre più piacere. Sentivo crescere l'orgasmo che partiva dall'ano, si irraggiava al ventre per arrivare al petto e alla testa con una vertigine mai provata.
Strinsi i muscoli anali, cosa che aumentò il mio e il suo piacere. Lo sentii sospirare e poi ansimare e infine sussurrare "Cazzo!!! Vengo!!!"
Diede spinte secche... 3, 5, 6... non so, na ogni volta sembrava arrivare più in fondo, aumentando il mio orgasmo anale.
Si accasciò su di me esausto, mentre il suo pene in me pulsava ancora, dandomi gli ultimi impulsi di piacere.
Gli chiesi di non uscire e gli suggerii una manovra per cui ci ritrovammo a smorzacandela. Lo sentivo ancora duro dentro di me e ripresi a roteare il bacino. Allungò la mano e cominciò a masturbarmi lentamente. Cazzo!!! Cominciai a godere di nuovo, potentemente, col culo e col cazzo, con un orgasmo così intenso che cominciai a lacrimare. In breve il flusso del mio sperma inondò il suo ventre liscio.
Mi accasciai su di lui che mi accarezzò la testa e la schiena, finché il suo pene si ritirò dal mio buchetto.
Mi alzai e oresi dei fazzolettini per ripulirci il ventre.
Tolsi il femidom e mi avvicinai per ripulire il suo pene.
Quando lo vidi ancora grondante di sperma, volli assaggiarlo. Cominciai a succhiarlo.
Era buonissimo.
E, incredibilmente, iniziò un'altra erezione.
Con una mano lo masturbavo, con la bocca succhiavo il glande e con l'altra mano massaggiavo l'esterno del suo ano, per stimolare la prostata.
Ci volle un po', ma sborrò un'altra volta, stavolta nella mia bocca.
Mi ingiunse di non ingoiare tutto e volle baciarmi: ci rubammo quello sperma gustoso, finché non ce ne fu più.
Ci ripulimmo, rivestimmo e salutammo.
"Dobbiamo rivederci, prima o poi". Ma non succede mai.
Il giorno dopo, in pausa pranzo, mi manda un messaggio ringraziandomi della serata. Ricambio.
All'uscita dal lavoro mi manda un'altro messaggio: "sei libero stasera?".
"Sì"
scritto il
2020-05-05
3 . 6 K
visite
0
voti
valutazione
0
il tuo voto
Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.