La mia amica Simona

Scritto da , il 2020-04-13, genere tradimenti

Con Simona e suo marito Giorgio siamo buoni amici da circa venti anni. Qualche anno fa con mia moglie e suo marito siamo andati per un fine settimana in montagna utilizzando un appartamento di loro proprietà. Ci sistemammo nelle rispettive camere e visto che era quasi ora di cena ci preparammo per uscire. Mentre andavo in camera Giorgio uscì dalla loro lasciando aperta la porta probabilmente non ricordandosi della nostra presenza. Durò poco, perché Giorgio chiuse subito la porta ma il tempo fu sufficiente per vedere Simona nuda che metteva in mostra la sua sesta di seno. I nostri sguardi si incrociarono per pochi secondi e tutto finì lì. Uscimmo per andare a cena e mentre raggiungevamo il ristorante Simona mi si avvicinò chiedendomi se mi era piaciuto quello che avevo visto. Il fine settimana passò velocemente senza altri incidenti di percorso. Tornati a casa ognuno riprese la sua vita normale anche se nella mia testa rimanevano sempre le sue parole. Qualche domenica dopo, sapendo che ero solo a casa, mia moglie era andata a stare dai genitori per qualche giorno, Simona mi invitò a pranzo a casa sua. Arrivato mi accorsi dell’assenza di Giorgio, fu allora che mi ricordai che la domenica andava allo stadio. Simona indossava una maglietta stretta che metteva in risalto il suo enorme seno, si avvicinò e mi diede un bacio di benvenuto sulla guancia. I nostri sguardi si incrociarono come quel giorno, solo che adesso non avevamo niente e nessuno che ci divideva. In un attimo ci stavamo baciando. Senza dire niente mi aprì i jeans trovando il mio cazzo in piena erezione, cominciò a succhiarlo e ad infilarselo in bocca. Io però volevo mungere quelle sue enormi tette. Le tolsi la maglietta e le sue mammelle mi sbatterono sulla faccia, erano meravigliose sode con due capezzoli enormi. Finimmo velocemente a letto. In un attimo eravamo completamente nudi. Mi stesi e la feci montare sopra di me. In mezzo alle gambe era talmente fradicia che riuscii a penetrarla senza difficoltà. Simona si bagnò ancora di più ed iniziò a saltare sul mio cazzo sbattendomi in faccia le sue tette che continuavo a succhiare e a mordere. Continuammo così per alcuni minuti poi la girai a pecora, e tornai a infilarle il mio cazzo nella figa. Ogni tanto la tiravo verso di me per stringere le sue tette, le morsicavo le orecchie e la baciavo sul collo, lei si contorceva e godeva come un’ossessa. La feci girare presi le sue gambe, le allargai bene usando le braccia, più le allargavo più il mio cazzo riusciva a penetrarla, le palle sbattevano sul suo culone facendola godere sempre di più. Sentire la sua figa gonfia che pulsava e le sue urla di piacere mi eccitava, non riuscii a trattenermi, in un attimo riempii la sua figa del mio sperma. Mi sdraiai sfinito accanto a lei ma non ero ancora sazio. Volevo assaggiare i suoi umori. Passato qualche minuto le aprii nuovamente le gambe e cominciai a sollecitare il suo clitoride. In un attimo un piccolo cazzettino fece capolino tra le labbra gonfie. Iniziai a succhiarlo avidamente. Simona si dimenava e urlava indemoniata tenendo la mia testa schiacciata sulla sua figa. Fu un attimo. Un’esplosione di liquido invase la mia bocca ero riuscito a farla squirtare. Prese la mia testa se la portò vicino alla sua, infilò la sua lingua nella mia bocca e mi limonò avidamente. Finito mi guardò in faccia e mi disse delle parole che non scorderò mai “Grazie è stata la migliore scopata della mia vita, spero non rimanga l’ultima”. E così è stato dopo quella prima volta ce ne sono state altre.
.

Questo racconto di è stato letto 6 9 5 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.